SERVIZIO CLIENTI 0541.628242 Lunedì - Venerdì / 8.30-17.30

Cerca nel Sito
Fino al 31 Maggio SPEDIZIONE GRATUITA su tutto il catalogo per Professionisti e Privati
Sconto 15%
Manuale dell'operatore socio-sanitario

Manuale dell'operatore socio-sanitario

Autori Cecchetto Luca, Romeo Gianluigi
Editore Maggioli Editore
Formato Cartaceo
Dimensione 17x24
Pagine 752
Pubblicazione Dicembre 2014 (2 Edizione)
ISBN / EAN 8891607169 / 9788891607164
Collana Sociale & Sanità

Fondamenti di assistenza alla persona
Corsi e Concorsi ASA OSA OSS
2 edizione

Prezzo Online:

48,00 €

40,80 €

Un libro che “parla” direttamente all’Operatore attraverso un metodo di apprendimento inedito e intuitivo

Il metodo decisamente innovativo, il taglio pratico dell’esposizione, fluido e chiaro, e la struttura grafica, ricca di immagini, accompagnate da nozioni sintetiche che facilitano l’apprendimento, fanno di questo Manuale uno strumento di assoluta efficacia esplicativa, a misura di ogni Operatore.

Il corredo di materiali integrativi è sostanzioso:
glossari, sinossi e schemi più una tavola a colori per il riconoscimento delle lesioni da pressione.

Memorizzare i concetti-chiave di ciascun capitolo del Manuale è reso possibile da un’apposita sezione concepita per verificare il grado di apprendimento via via raggiunto.

I bisogni assistenziali descritti nel volume seguono lo stesso criterio di semplicità e intuizione che orientano l’allievo ad adottare un percorso mentale facilmente trasferibile in azioni pratiche quotidiane.

Un allenamento che passa attraverso la conoscenza dei fattori influenzanti il bisogno e le sue principali manifestazioni o alterazioni, arrivando alle competenze dell’operatore socio-sanitario declinate dal profilo.

L'Operatore socio-sanitario non si deve limitare a sapere solo chi è e cosa fa ma deve saper dialogare con i professionisti che gli sono intorno e non abbassare mai la guardia verso quello che è il processo di assistenza alla persona.

In questa seconda edizione, aggiornata e rivista, il volume presenta anche alcuni argomenti che non tutti i libri per la formazione OSS trattano, come per esempio quello dell’animazione, dell’anziano, delle cure di fine vita, del pronto soccorso.

Nell’ultima sezione Parole chiave - che si è dimostrata molto utile nella pratica didattica - vengono ricordati i concetti di ciascun capitolo, per mettere a fuoco quanto letto finora.

Sul sito www.maggiolieditore.it approfondimenti e aggiornamenti su alcune Normative regionali.

Luca Cecchetto, dal 2003 è Fondatore nonché direttore dell’omonimo Studio Infermieristico Associato Cecchetto & Ass. Autore di alcune pubblicazioni sul management infermieristico, relatore e docente a vari convegni infermieristici e corsi di aggiornamento professionale, insegna in numerosi corsi di formazione per OSS in Lombardia, a Milano e Varese, e in Toscana.
Gianluigi Romeo, Esperto nell’organizzazione e gestione dei servizi assistenziali in ambito ospedaliero e territoriale, formatore esperto Sicurezza sul Luogo di Lavoro; ha pluriennale esperienza nella formazione del personale infermieristico e di supporto. Dal 2008 è socio fondatore dello Studio Infermieristico Associato Di Carlo Marnoni Romeo.

Il volume è ben organizzato e visibilmente completo come emerge dal dettaglio degli argomenti trattati:

Parte I Area socio-culturale istituzionale e legislativa
1. L’operatore socio-sanitario
1.1. La nascita della figura dell’OSS per rispondere alla domanda socioassistenziale sul territorio
1.2. Quadro normativo della figura dell’OSS: il profilo
1.3. Analisi del profilo: le quattro parole chiave
– Prima parola chiave: bisogno
– Seconda parola chiave: competenza
– Terza parola chiave: contesto
– Quarta parola chiave: benessere
1.4. L’OSS e il lavoro multiprofessionale
– Organizzazione e integrazione dell’OSS nell’équipe assistenziale
– I modelli organizzativi
2. Elementi di legislazione socio-sanitaria
2.1. Cosa è il diritto
2.2. La Costituzione della Repubblica Italiana
2.3. Evoluzione dei Servizi socio-sanitari
3. Elementi di etica e privacy
3.1. Introduzione: perché parlare di etica?
– La logica dei numeri
– Definizione di etica
– Definizione di valore e morale
– Definizione di bioetica
– Definizione di deontologia professionale
– L’etica per gli operatori socio-sanitari
Principio di autonomia
Principio di beneficenza o non maleficenza
Principio di giustizia
3.2. I dilemmi etici e il percorso mentale per la scelta migliore
3.3. Implicazioni etiche nell’ambito dell’assistenza a persone in specifiche condizioni di diversità
– Assistenza alla persona con disabilità
– Assistenza alla persona immigrata
– Assistenza alla persona affetta da AIDS
– Assistenza alla persona con disturbi psichici
– Assistenza alla persona anziana demente
3.4. Privacy e segreto professionale
– Legge sulla privacy
– Segreto professionale
– Segreto d’ufficio
4. Metodologia del lavoro sociale e sanitario
4.1. Metodo e lavoro sociale e sanitario
4.2. Principi generali dell’assistenza socio-sanitaria
– Uomo/persona
– Salute/malattia
– Bisogno
– Povertà
– Emarginazione
4.3. Welfare state
4.4. Il lavoro sociale di rete
– Organizzare le reti
– Il lavoro di rete e la legge n. 328/2000
4.5. Modalità di accesso ai servizi sociali
– A chi è rivolto
– Modalità di presentazione della domanda
– Documenti da presentare
– Tempi e iter della pratica
– Oggetto e finalità
– Diritto agli interventi ed ai servizi di assistenza sociale
– Interventi di sostegno economico
– Servizi domiciliari e di supporto alla domiciliarità
– Interventi ed attività connessi con percorsi di inclusione sociale
– Servizi residenziali
– Modalità di accesso ai servizi sociali
– Procedura per l’accesso ai servizi sociali
– Criteri per il riconoscimento delle agevolazioni
4.6. Handicap
– Come si richiede il riconoscimento
– La ricevuta e la convocazione a visita
– Visita domiciliare
– La visita
– La verifica
– L’invio del verbale
– Il ricorso
– L’aggravamento
– Visite di revisione e certificati “a scadenza”
4.7. Aziende Sanitarie Locali (ASL)
– Presidio ospedaliero
– Strutture organizzative che fanno capo alla ASL
– L’articolazione dipartimentale
Dipartimento di prevenzione medico
Dipartimento di prevenzione veterinario
Dipartimento delle cure primarie
– Il medico di medicina generale e il pediatra di famiglia
– Assistenza protesica
– Medico del “Servizio continuità assistenziale” (Guardia Medica)
Dipartimento programmazione, acquisto e controllo (PAC)
Dipartimento ASSI
– Consultorio familiare
– Assistenza Domiciliare Integrata
Dipartimento delle dipendenze
– Servizi Territoriali per le dipendenze (SERT)
– Nucleo Operativo Alcologia (NOA)
Dipartimento farmaceutico
4.8. I Livelli Essenziali di Assistenza sanitaria (LEA)
4.9. Dove trovare lavoro con la qualifica professionale OSS
I Servizi domiciliari
– Assistenza Domiciliare Integrata (ADI)
– Servizio di Assistenza Domiciliare (SAD)
– Ospedalizzazione Domiciliare (OD)
– Come ottenere una Assistenza Domiciliare Integrata
– Il voucher socio-sanitario regionale
– Chi può chiedere il voucher socio-sanitario
– Quali prestazioni possono essere acquistate
– Il voucher sociale
– Buono sociale
I Servizi territoriali
– Centro Diurno (CD) per anziani
– Centro Diurno Integrato (CDI)
– Centro Diurno Disabili (CDD)
– Centro Socio-Educativo (CSE)
– Servizio di Formazione all’Autonomia (SFA)
I servizi residenziali
– Residenze Sanitarie Assistenziali (RSA)
– La Residenza assistenziale
– Residenza Sanitaria assistenziale per Disabili (RSD)
– Ospedale
– Il Centro Psico-Sociale (CPS)
– Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura (SPDC)
Trattamento Sanitario Obbligatorio
Accertamento Sanitario Obbligatorio
– Istituto di riabilitazione
– Comunità Riabilitative ad alta Assistenza (CRA)
– Comunità protetta (ad alta o media assistenza)
– Hospice
– CRH
– Comunità alloggio
4.10. Modalità di assunzione: settore pubblico
4.11. Modalità di assunzione: settore privato
4.12. Gli strumenti informativi
– Linee guida, protocolli, piani di lavoro
– Progetto assistenziale individualizzato
– La Valutazione Multi-Dimensionale (VMD)
– Unità di Valutazione Geriatrica (UVG)
– Strumenti di classificazione delle prestazioni in RSA
5. Disposizioni generali in materia di protezione della sicurezza sui luoghi di lavoro
5.1. Concetti di pericolo, danno, rischio
5.2. La normativa sulla sicurezza sui luoghi di lavoro
5.3. L’infortunio
5.4. La malattia professionale
5.5. Gli organi di vigilanza
5.6. I rischi sul luogo di lavoro e la sorveglianza sanitaria
– Valutazione dei rischi
– Classificazione dei fattori di rischio
– I rischi professionali in ambito sanitario e assistenziale
Rischio biologico
Rischio chimico
Rischio fisico
Movimentazione dei carichi
Rischio psico-sociale

Parte II Area psicologica e sociale
6. Elementi di psicologia e sociologia
6.1. Introduzione alla psicologia
6.1.1. Cos’è la psicologia
6.1.2. Perché la psicologia è inserita nel percorso formativo dell’OSS
6.1.3. Brevi cenni di storia della psicologia
6.2. Comunicazione e relazione
6.2.1. Il modello di Shannon e Weaver
6.2.2. La pragmatica della comunicazione
6.2.3. La teoria degli stati dell’io: la struttura della personalità
6.2.4. Stati dell’io e operatori socio-sanitari
6.2.5. Carezze e riconoscimenti
6.2.6. Le posizioni esistenziali
6.2.7. Relazionarsi con se stessi
6.3. La relazione di aiuto
6.3.1. L’ascolto attivo
6.3.2. Le barriere della comunicazione
6.3.3. Messaggi IO
6.3.4. L’ascolto empatico di Carl Rogers
6.3.5. La piramide di Maslow
6.4. La comunicazione in ambito sanitario
6.4.1. Aspetti fondamentali
6.4.2. La relazione operatore socio-sanitario/assistito
6.4.3. Essere consapevoli degli effetti psicologici della malattia per una migliore relazione con il paziente
6.5. Lavorare in gruppo
6.5.1. Il concetto di gruppo
6.5.2. Tipologie di gruppi
6.5.3. Il gruppo di lavoro
6.5.4. Le relazioni interpersonali all’interno del gruppo
6.5.5. La competizione e il potere nel gruppo di operatori
6.5.6. Accettare le differenze per lavorare meglio insieme
6.6. Le emozioni dell’operatore
6.6.1. Lavorare a contatto di malattia, sofferenza, morte
6.6.2. Ansia e meccanismi di difesa
6.6.3. Lo stress: eustress, distress e la Sindrome generale di adattamento
6.6.4. Il burn-out
6.7. Aspetti psicologici nell’assistenza a particolari tipologie di pazienti
6.7.1. Persone con disabilità
6.7.2. L’anziano
6.7.3. La persona con disagio psichico
6.7.4. Il malato terminale

Parte III Area igienico-sanitaria e tecnico-operativa
7. Elementi di igiene
7.1. Concetto di igiene
7.2. Epidemiologia
7.3. Prevenzione delle malattie
7.4. Malattie infettive
7.5. Catena epidemiologica
– Agente patogeno (microrganismi)
– Sorgente d’infezione (fonte d’infezione)
– Vie di eliminazione
– Modalità di trasmissione
– Vie di penetrazione
– Ospite finale suscettibile
7.6. Diffusione delle malattie infettive nella popolazione
7.7. Profilassi delle malattie infettive
7.8. Infezioni correlate all’assistenza (ICA)
– Fattori favorenti
– Modalità di trasmissione
– Localizzazioni delle ICA
7.9. Misure di prevenzione: Precauzioni Standard (PS)
7.10. Lavaggio delle mani
– Trasmissione di agenti patogeni dalle mani
– Igiene delle mani
– Indicazioni per l’igiene delle mani (quando)
– Tecnica di igiene delle mani (come)
– Cura della cute delle mani
– Altri aspetti dell’igiene delle mani (unghie, gioielli)
7.11. Uso dei guanti
7.12. Isolamento
– Precauzioni per le malattie trasmesse attraverso il contatto
– Precauzioni per le malattie trasmesse attraverso droplet / goccioline
– Precauzioni per le malattie trasmesse per via aerea / droplet nuclei
7.13. Lo smaltimento dei rifiuti. Evoluzione del quadro normativo
7.14. Quadro normativo vigente
7.15. Codifica e classificazione dei rifiuti sanitari
– Codifica secondo il Catalogo Europeo dei Rifiuti (CER)
– Codifica di pericolosità
– Classificazione dei rifiuti sanitari
7.16. Responsabilità
– Competenze tecnico-sanitarie
7.17. Modalità di gestione dei rifiuti sanitari
– Aspetti generali
7.18. Raccolta dei rifiuti: uso di contenitori idonei
7.19. Comportamenti da evitare nelle procedure di utilizzo
7.20. Fasi operative successive alla raccolta dei rifiuti
7.21. Contaminazione della persona: incidente a rischio biologico
– Segnalazione di incidente
7.22. Rifiuti sanitari assimilati agli urbani
7.23. Rifiuti assimilati agli urbani per i quali è possibile la raccolta differenziata
7.24. Rifiuti sanitari non pericolosi
7.25. Rifiuti sanitari pericolosi non a rischio infettivo
7.26. Rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo
7.27. Rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo solidi
7.28. Rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo taglienti e/o pungenti
7.29. Rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo solidi-bagnati e/o liquidi
7.30. Rifiuti da attività di laboratorio-rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo
7.31. Rifiuti sanitari che richiedono particolari sistemi di gestione. Pericolosi a rischio infettivo
– Tessuti, organi e parti anatomiche non riconoscibili
– Parti anatomiche riconoscibili
7.32. Rifiuti sanitari che richiedono particolari sistemi di gestione. Pericolosi non a rischio infettivo
7.33. Rifiuti sanitari che richiedono particolari sistemi di gestione non pericolosi
– Farmaci stupefacenti e sostanze psicotrope
– Farmaci scaduti o di scarto
8. Igiene dell’ambiente
8.1. Sanificazione ambientale
– Momenti e modalità
– I prodotti
– I requisiti essenziali dei vari detergenti
– Il materiale
– Gli strumenti
8.2. Disinfezione ambientale
8.3. Decontaminazione ambientale
8.4. Disinfestazione
8.5. Disinfezione e sterilizzazione
8.6. Livelli di disinfezione
8.7. Caratteristiche del processo di disinfezione
8.8. Caratteristiche materiali
8.9. Principali disinfettanti
8.10. Conservazione dei disinfettanti
8.11. Impiego dei disinfettanti
8.12. Sterilizzazione
8.13. Mezzi fisici di sterilizzazione
8.14. Mezzi chimici di sterilizzazione
– Liquidi
– Gassosi
8.15. Preparazione del materiale da sottoporre al trattamento
8.16. Controllo qualitativo sulla sterilizzazione
8.17. Controllo qualitativo sul prodotto
8.18. Conservazione del materiale sterile
8.19. Il comfort domestico-alberghiero della struttura di degenza
8.20. L’unità operativa
8.21. Microclima
– Fattori fisici
– Fattori chimici
– Fattori microbiologici
– Sistemi di controllo delle condizioni degli ambienti confinati
8.22. Camera di degenza
8.23. Unità di vita del malato
– Comodino
– Armadietto
– Sedia e poltrona
– Oggetti personali
– Letto
– Accessori del letto
8.24. Effetti letterecci
8.25. Percorso della biancheria
8.26. Il rifacimento del letto
– Procedura per il rifacimento del letto vuoto
– Procedura per il rifacimento del letto occupato
8.27. Pulizia/sanificazione e riordino dell’unità di degenza
– Procedura per la sanificazione e riordino giornaliero dell’unità di degenza
– Procedura per sanificazione e disinfezione dell’unità di degenza
8.28. L’accoglimento della persona assistita all’interno di una struttura
9. Bisogno di respirare
9.1. Anatomia e fisiologia
9.2. I fattori che influenzano la soddisfazione del bisogno di respirare
9.3. Principali manifestazioni del bisogno di respirare
– Tosse intensa o insistente
– Aumento dell’espettorato
– Alterazione quantitativa del respiro
– Alterazioni qualitative del respiro
– Presenza di rumore respiratorio
– Alterazione cromatica di cute e mucose
9.4. Ossigenoterapia
– Sistemi di erogazione
– Presidi per l’ossigenoterapia
– Ruolo dell’OSS nell’ossigenoterapia
10. Bisogno di alimentazione e idratazione
10.1. Elementi di nutrizione
– Funzione energetica
– Funzione plastica
– Funzione bioregolatrice e protettiva
10.2. Cenni di anatomia e fisiologia dell’apparato digerente
– Elementi di anatomia dell’apparato digerente
– Elementi di fisiologia dell’apparato digerente e del metabolismo
10.3. Problemi che interferiscono con la nutrizione
10.4. Igiene degli alimenti
10.5. Assistenza al paziente nel mangiare e nel bere
10.6. La nutrizione artificiale
10.7. Bilancio idrico
11. Bisogno di eliminazione urinaria e intestinale
11.1. Cenni di anatomia e fisiologia apparato urinario
11.2. Caratteristiche chimico-fisiche delle urine
11.3. I fattori che influenzano la soddisfazione del bisogno di eliminazione
urinaria
11.4. Principali manifestazioni del bisogno di eliminazione urinaria
– Alterazione delle urine
– Alterazione della diuresi
– Alterazioni della minzione
11.5. Ausili/presidi per il bisogno di eliminazione urinaria
11.6. Ruolo dell’OSS nel bisogno di eliminazione urinaria
– Procedura per il posizionamento Foley in lattice siliconato sterile doppia via in presenza di infermiere e OSS
– Procedura per il posizionamento di catetere esterno (urocondom) da parte dell’OSS
11.7. Cenni di anatomia e fisiologia apparato digerente
11.8. Caratteristiche delle feci
11.9. I fattori che influenzano la soddisfazione del bisogno di eliminazione intestinale
11.10. Principali manifestazioni del bisogno di eliminazione fecale
– Alterazioni qualitative delle feci
– Alterazione della funzione intestinale
11.11. Ausili/presidi per il bisogno di eliminazione intestinale
11.12. Ruolo dell’OSS nel bisogno di eliminazione fecale
– Procedura per la pulizia dell’enterostomia e sostituzione del sistema di raccolta due pezzi da parte dell’OSS
– Procedura per la somministrazione di un microclisma da parte te dell’OSS
– Procedura per la somministrazione di un enteroclisma in presenza di infermiere e OSS
12. Bisogno di igiene e cura di sé
12.1. Fattori che influenzano la capacità di soddisfazione del bisogno di igiene
12.2. Parti del corpo oggetto di cure igieniche: cute, annessi cutanei, zone a rischio
– Cute
– Annessi cutanei
– Zone a rischio
12.3. Tecniche igieniche
– Igiene perineale
– Bagno a letto
– Le principali azioni nell’assistenza al paziente durante la pratica igienica
– Igiene degli occhi
– Igiene del naso
– Igiene delle orecchie
– Togliere, pulire e mettere le protesi dentarie
– Igiene dei piedi, delle mani e cura delle unghie
– Lavaggio dei capelli
– Igiene degli indumenti
– Composizione e igiene della salma
13. Bisogno di movimento
13.1. Cenni di anatomia e fisiologia
13.2. Fattori che influenzano il bisogno di movimento e concetto “Sindrome da immobilizzazione”
13.3. Ruolo dell’operatore socio-sanitario (OSS) in équipe e concetti-chiave
13.4. I posizionamenti
13.5. I passaggi posturali
13.6. I trasferimenti
13.7. La deambulazione
13.8. Rischi occupazionali dell’operatore
13.9. La sindrome di allettamento
13.10. Le ulcere da pressione (UdP)
14. Bisogno di riposo e sonno
14.1. Il sonno
14.2. Fattori che influenzano la soddisfazione del bisogno di riposo e sonno
14.3. Principali manifestazioni del sonno
14.4. Ruolo dell’OSS
15. Bisogno di un ambiente sicuro
15.1. I rischi di caduta
15.2. La valutazione del rischio di caduta e la prevenzione
15.3. I principali interventi dell’OSS nella prevenzione delle cadute
15.4. I mezzi di contenzione per la sicurezza del paziente
– Illegittimità dei mezzi di contenzione
– I principali mezzi di contenzione e le indicazioni
15.5. Qualità dell’assistenza e sicurezza dei pazienti
16. Procedure diagnostiche e terapeutiche
16.1. Procedure diagnostiche microbiologiche e biochimiche
– Esame urine completo
– Raccolta urine delle 24 ore
– Urinocoltura
– Coprocoltura
– Esame chimico-fisico delle feci
– Esame parassitologico delle feci
– Ricerca Sangue Occulto nelle Feci (SOF)
– Esame dell’escreato
– Trasporto campioni biologici
– Spedizione
16.2. Procedure diagnostiche strumentali
– Prelievo capillare
– Elettrocardiogramma
16.3. Procedure terapeutiche
– Definizioni di farmaco
– Terapia farmacologica e scopi
– Vie di somministrazione dei farmaci
Via enterale
Via parenterale
Via topica
Via inalatoria
– Conservazione dei farmaci
– Misure di sicurezza per ridurre l’errore di somministrazione
– Compiti dell’OSS nella somministrazione della terapia
– Medicazioni
17. Parametri vitali
17.1. Temperatura corporea
17.2. Approfondimento: l’apparato cardiocircolatorio
17.3. Polso
17.4. Respirazione
17.5. Pressione arteriosa
18. Assistenza alla persona anziana, con handicap e con disturbi mentali
18.1. Anziano fragile
18.2. Anziano non autosufficiente
18.3. L’invecchiamento
– Modificazioni psicologiche
– Modificazioni socio-culturali
– Modificazioni patologiche nell’invecchiamento
18.4. Il sistema nervoso
18.5. La malattia di Parkinson
18.6. Le demenze
18.7. L’ictus
18.8. La depressione
19. Assistenza perioperatoria
19.1. Definizione di assistenza perioperatoria
19.2. Fase preoperatoria
19.3. Fase intraoperatoria
19.4. Fase postoperatoria
20. Assistenza nel fine vita
20.1. Definizione di malattia terminale
20.2. Le fasi del morire
20.3. Le attività degli operatori socio-sanitari nelle fasi del morire
20.4. I contesti operativi: le cure palliative
20.5. I bisogni nelle cure palliative coinvolgono tutti
20.6. Assistenza al malato terminale
20.7. La sindrome da malattia multi-organo
20.8. Il lutto
21. Assistenza al primo soccorso
21.1. Basic Life Support (supporto vitale di base)
21.2. Ostruzione delle vie aeree (soffocamento)
21.3. Alcune principali situazioni di primo intervento
22. Animazione
22.1. Cosa bisogna saper fare per poter essere animatori?
22.2. Aspetti essenziali del lavoro animativo
22.3. Tecniche animative

Bibliografia
Normativa e prassi
I concetti chiave capitolo per capitolo
Tavole sinottiche, schemi e guide
I problemi di salute più diffusi
Il diabete mellito
La malattia di Alzheimer
La sindrome coronarica acuta


Scrivi la tua recensione

Only registered users can write reviews. Please, log in or register

Prodotti consigliati

Back to top