SERVIZIO CLIENTI 0541.628242 Lunedì - Venerdì / 8.30-17.30

Cerca nel Sito
Sconto 15%
Il nuovo conto termico

Il nuovo conto termico

Autori Antonio D’Angola - Raffaele Pepe - Massimo Scuderi
Editore Maggioli Editore
Formato Cartaceo
Dimensione 15x21
Pagine 196
Pubblicazione Aprile 2016 (I Edizione)
ISBN / EAN 8891616050 / 9788891616050
Collana Impianti Energie
Argomenti Efficienza Energetica

Compendio rapido e chiaro agli operatori interessati al nuovo Conto Termico (d.m. 16 febbraio 2016) , con 16 esempi di calcolo

Prezzo Online:

25,00 €

21,25 €

Se acquisti questo prodotto, ti mancano 3,75€ per avere la spedizione gratuita

Il Conto Termico un incentivo agli interventi di risparmio energetico e di efficienza di piccole dimensioni tanto prezioso quanto fino ad oggi misterioso. Eppure l’efficientamento energetico degli impianti, la riduzione dei consumi energetici e i conseguenti benefici apportati all’ambiente e all’economia sono di enorme interesse per i privati, le imprese e le Pubbliche Amministrazioni. Lo scarso e deludente utilizzo delle risorse economiche previste per gli incentivi al Conto Termico (DM 28 dicembre 2012) hanno indotto ad una profonda rivisitazione del meccanismo di incentivazione attraverso il Nuovo Conto Termico, definito anche Conto termico 2.0, in vigore a partire dal 31 maggio 2016.

Il volume offre un riferimento per comprendere e guidare il privato cittadino, le imprese e le Pubbliche Amministrazioni all’accesso al meccanismo d’incentivazione tramite numerosi esempi numerici, attraverso i quali vengono meglio esplicitati i requisiti tecnici di accesso e il calcolo dell’incentivo ottenibile.

Le novità principali introdotte attraverso il Nuovo Conto Termico sono rappresentate da nuove tipologie di interventi ammessi come la domotica, l’illuminazione, la trasformazione in NZEB (nearly zero energy buildings) di edifici della Pubblica Amministrazione che si aggiungono agli interventi previsti nel precedente Conto Termico, da incentivi più generosi e soprattutto da procedure più semplici.

I numerosi esempi riportati nel testo rappresentano uno strumento molto utile per l’accesso al nuovo meccanismo di incentivazione.

Antonio D’Angola, docente di Energetica presso l’Università degli Studi della Basilicata ed è abilitato come Professore Associato in Fisica Tecnica ed Ingegneria Nucleare. È associato all’Istituto Nanotech del CNR ed è Associate Editor della Rivista Internazionale Frontiers in Plasma Physics. 

Raffaele Pepe, laureato con lode in Ingegneria Meccanica presso l’Università degli Studi della Basilicata, attualmente lavora per il Centro Ricerche Fiat presso il Campus per l’innovazione del Manufacturing di Melfi (PZ).

Massimo Scuderi, Ingegnere idraulico, specializzato in Ingegneria Ambientale. Consulente delle Procure della Repubblica di Napoli, Salerno, Avellino
e Nocera Inferiore in tematiche ambientali ed energetiche e CTU di numerosi Tribunali e Corti d’Appello. È attualmente Direttore Tecnico della ‘in house’ della Regione Basilicata, che si occupa di fonti rinnovabili, di efficienza energetica, di acquisto aggregato di energia elettrica e gas per gli enti pubblici della Regione e di programmazione e pianificazione energetica.

Capitolo 1 – Aspetti normativi
1.1 Ambiti di applicazione (art. 1) e interventi incentivabili (art. 4)
1.2 Soggetti che possono fare richiesta degli incentivi (art. 3) e alcune definizioni (art. 2)
1.3 Tipologie di interventi incentivabili (art. 4)
1.4 Spese ammissibili ai fini del calcolo dell’incentivo (art. 5)
1.5 Procedura di accesso agli incentivi (art. 6)
1.6 I contenuti della scheda-domanda di incentivo e modalità di accettazione dell’incentivo (art. 6)
1.7 Ammontare e durata dell’incentivo (art. 7)
1.8 Cumulabilità con altri incentivi comunitari, statali, regionali e comunali (art. 12)
1.9 Adempimenti a carico del GSE (art. 8)
1.10 Adempimenti a carico dell’ENEA (Unità Tecnica per l’Efficienza Energetica dell’Enea) (art. 9)
1.11 Adempimenti a carico del soggetto responsabile (soggetto che ha sostenuto le spese) (art. 10)
1.12 Adempimenti a carico dell’Autorità per l’energia elettrica il gas e il sistema idrico (art. 11)
1.13 Monitoraggio e relazioni (art. 13)
1.14 Verifiche, controlli e sanzioni (art. 14)
1.15 Diagnosi e certificazione energetica (art. 15)
1.16 Misure di accompagnamento (art. 16)
1.17 I costi dell’incentivazione per i beneficiari ed entrata in vigore del Decreto (artt. 17, 18 e 19)

Capitolo 2 – Criteri di ammissibilità degli interventi
2.1 Criteri di ammissibilità per interventi di piccole dimensioni di incremento dell’efficienza energetica (art. 4 comma 1)
2.1.1 Isolamento di strutture opache
2.1.2 Sostituzione di chiusure trasparenti, comprensive di infissi
2.1.3 Sostituzione di impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti di climatizzazione invernale utilizzanti generatori di calore a condensazione
2.1.4 Installazione di sistemi di schermatura e/o ombreggiamento di chiusure trasparenti con esposizione da ESE a O, fissi o mobili, non trasportabili
2.1.5 Trasformazione degli edifici esistenti in “edifici a energia quasi zero”
2.1.6 Sostituzione di sistemi per l’illuminazione d’interni e delle pertinenze esterne degli edifici esistenti con sistemi efficienti di illuminazione
2.1.7 Installazione di tecnologie di gestione e controllo automatico (building automation) degli impianti termici ed elettrici degli edifici, ivi compresa l’installazione di sistemi di termoregolazione e contabilizzazione del calore
2.2 Criteri di ammissibilità per interventi di piccole dimensioni di produzione di energia da fonti rinnovabili e con sistemi ad alta efficienza (art. 4 comma 2)
2.2.1 Sostituzione di impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti di climatizzazione invernale, anche combinati per la produzione di
acqua calda sanitaria, dotati di pompe di calore, elettriche o a gas, utilizzanti energia aerotermica, geotermica o idrotermica, unitamente all’installazione di sistemi per la contabilizzazione del calore nel caso di impianti con potenza termica utile superiore a 200 kW
2.2.2 Sostituzione di impianti di climatizzazione invernale esistenti o di riscaldamento delle serre e dei fabbricati rurali esistenti con impianti di climatizzazione invernale dotati di generatore di calore alimentato da biomassa, unitamente all’installazionedi sistemi per la contabilizzazione del calore nel caso di impianti con potenza termica utile
superiore a 200 kW
2.2.3 Installazione di impianti solari termici per la produzione di acqua calda sanitaria e/o ad integrazione dell’impianto di climatizzazione invernale,
anche abbinati a sistemi di solar cooling, per la produzione di energia termica per processi produttivi o immissione in reti di teleriscaldamento
e teleraffreddamento. Nel caso di superfici del campo solare superiori a 100 mq è richiesta l’installazione di sistemi di contabilizzazione
del calore
2.2.4 Sostituzione di scaldacqua elettrici con scaldacqua a pompa di calore
2.2.5 Sostituzione di impianti di climatizzazione invernale esistenti con sistemi ibridi a pompa di calore
2.3 Criteri di ammissibilità per le diagnosi energetiche preliminari e gli attestati di prestazione energetica (art. 15)

Capitolo 3 – Calcolo degli incentivi ottenibili
3.1 Metodologia di calcolo per interventi di piccole dimensioni di incremento dell’efficienza energetica (art. 4 comma 1)
3.2 Metodologia di calcolo per interventi di piccole dimensioni di produzione di energia da fonti rinnovabili e con sistemi ad alta efficienza (art. 4, comma 2)
3.2.1 Calcolo dell’incentivo per interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti di climatizzazione invernale, dotati di pompa di calore elettrica o a gas (intervento previsto all’art. 4, c. 2, lett. a), del Decreto)
3.2.2 Calcolo dell’incentivo per interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti di climatizzazione invernale dotati di generatore di calore alimentato da biomassa (intervento previsto all’art. 4, c. 2, lett. b), del Decreto)
3.2.3 Calcolo dell’incentivo per interventi di installazione di collettori solari termici, anche abbinati a sistemi di solar cooling (intervento previsto all’art. 4, comma 2, lett. c), del Decreto)
3.2.4 Calcolo dell’incentivo per interventi di sostituzione di scaldacqua elettrici con scaldacqua a pompa di calore
3.2.5 Calcolo dell’incentivo per interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale esistenti con sistemi ibridi a pompa di calore
3.3 Metodologia di calcolo per le diagnosi energetiche preliminari e gli attestati di prestazione energetica
3.4 Riepilogo degli esempi svolti

Appendici
Appendice A – DECRETO LEGISLATIVO 3 marzo 2011, n. 28 – Attuazione della direttiva 2009/28/CE sulla promozione dell’uso dell’energia da fonti rinnovabili, recante modifica e successiva abrogazione delle direttive 2001/77/CE e 2003/30/CE

Appendice B – Elenco delle principali norme in materia di detrazioni fiscali del 65% per la riqualificazione energetica degli edifici
Appendice C – Elenco delle principali norme nazionali ed europee sull’efficienza energetica
Appendice D – D.M. 16 febbraio 2016 – Aggiornamento della disciplina per l’incentivazione di interventi di piccole dimensioni per l’incremento dell’efficienza energetica e per la produzione di energia termica da fonti rinnovabili


Scrivi la tua recensione

Solo gli utenti registrati possono scrivere recensioni. Accedi oppure Registrati

Prodotti consigliati

Back to top