SERVIZIO CLIENTI 0541.628242 Lunedì - Venerdì / 8.30-17.30

Cerca nel Sito
Il responsabile di servizio e il PEG

Il responsabile di servizio e il PEG

Autori Usai Stefano
Editore Maggioli Editore
Formato Cartaceo
Dimensione 17x24
Pagine 450
Pubblicazione Settembre 2015 (I Edizione)
ISBN / EAN 8891612915 / 9788891612915
Collana Progetto ente locale

dopo l’armonizzazione contabile
Guida ai nuovi compiti e alle nuove funzioni

 - Gli atti di programmazione
 - Le delibere e le determine armonizzate
 - Il Documento Unico di Programmazione
 - Il Bilancio armonizzato
 - Il Piano Esecutivo di Gestione

Prezzo Online:

54,00 €

Il volume analizza l’impatto della contabilità armonizzata (D.Lgs n.118/2011 modificato dal D.Lgs. n.126/2014 e dal DM 20/05/2015) sui vari settori dell’ente locale, confermandosi indispensabile strumento pratico-operativo per il responsabile del servizio finanziario, i responsabili del procedimento ed i loro collaboratori, il segretario, gli assessori ed i consiglieri.

Il responsabile della “ragioneria”, nel suo nuovo ruolo, coordina la procedura che porta alla redazione del bilancio, del documento unico della programmazione (che sostituisce, a far data dal 2016, la relazione previsionale e programmatica) e del piano esecutivo di gestione. Ogni responsabile viene chiamato a predisporre il proprio “bilancio” del servizio con la richiesta di stanziamenti, tenendo conto che le previsioni di uscita devono corrispondere e rispettare determinati principi contabili. Dovrà redigere la propria parte del documento unico di programmazione nelle due sezioni, operativa e strategica, ed i vari dati. Dovrà procedere alla redazione del piano esecutivo di gestione, probabilmente l’atto più delicato che sancisce la convergenza dei desiderata politici ed il potere gestionale dei burocrati.

Questo nuovo volume affronta ogni aspetto sotto il profilo pratico dei compiti e delle azioni da compiere per la redazione pro quota, per ciascun servizio, degli atti di programmazione che poi dovranno essere collazionati e controllati dal coordinatore dei servizi finanziari. Tratta tutti i nuovi istituti introdotti dalla contabilità armonizzata: il principio della competenza finanziaria potenziato, le novità sull’impegno di spesa, il riaccertamento straordinario, il fondo pluriennale vincolato, i fondi crediti di dubbia esigibilità ed altri accantonamenti, insieme alla nuova struttura del bilancio. Analizza i classici atti del dirigente/responsabile del servizio: dalle questioni pratico/operative alle proposte per gli organi giuntali e consiliari, alla determinazione, all’analisi pratica della procedura che porta alla redazione degli atti. 


Stefano Usai
 Vice segretario, responsabile dei servizi: Staff e direzione; Gestione delle risorse finanziarie e umane. Responsabile per la trasparenza e dell’accesso civico. Formatore in materia di appalti e attività degli Enti locali in genere, autore di articoli e numerose pubblicazioni in materia.

 

Capitolo 1 Le attribuzioni correlate al ruolo del responsabile del servizio
1. Premessa
2. I riferimenti normativi: le evoluzioni 
2.1. L’indirizzo politico e la “burocrazia”
2.1.1. Le funzioni dirigenziali 
Giurisprudenza: La delega non comporta alcuno spostamento di competenza
3. L’analisi delle singole disposizioni contenute nel decreto legislativo 267/2000 
4. I compiti non attribuiti ai responsabili di servizio
5. Analisi e commento delle singole attribuzioni 
5.1. Al dirigente/responsabile del servizio spettano “tutti i compiti”
5.1.1. L’esercizio mediato dell’attività contrattuale 
5.1.2. I ruoli e gli adempimenti propedeutici nell’ambito del procedimento amministrativo contrattuale 
6. La responsabilità delle procedure concorsuali 
7. La stipulazione dei contratti 
Approfondimento: La competenza sul procedimento di stipula di una convenzione Consip
8. La responsabilità per l’adozione degli atti di gestione finanziaria, ivi compresa l’assunzione di impegni di spesa (rinvio)
9. Altri provvedimenti gestionali
Approfondimento: Insindacabilità nel merito dell’azione amministrativa e prerogative della Corte dei Conti in tema di concessione di impianti sportivi (Corte dei Conti, regione Toscana, sentenza del 23 maggio 2014 n. 96)
9.1. Rapporti con il procedimento amministrativo
10. Il rinvio residuale
11. Esclusività delle attribuzioni e la responsabilità
12. L’unità organizzativa responsabile delle procedure
13. L’attribuzione del procedimento e della responsabilità
14. La motivazione della nomina/individuazione
15. L’atto di nomina/individuazione
16. Gli atti del dirigente/responsabile del servizio
17. La rilevanza delle norme regolamentari interne
18. I pareri dei responsabili (rinvio)
19. Altre disposizioni regolamentari 

Capitolo 2 Considerazioni pratico-operative sull’attività procedurale del responsabile del servizio
1. La struttura del procedimento amministrativo
2. L’esigenza di un coordinatore del procedimento amministrativo
3. L’esigenza del coordinamento della procedura amministrativa
4. I soggetti interni del procedimento amministrativo
5. I rapporti tra organi
6. Procedimento amministrativo e gerarchia: i rapporti 
7. I rapporti tra il responsabile del procedimento e il responsabile del servizio
8. La predisposizione della proposta del provvedimento monocratico o dell’organo collegiale
9. La trasmissione degli atti
10. La negoziazione tra responsabile del procedimento e responsabile del servizio
11. La rivisitazione della proposta presentata dal responsabile del procedimento 
12. Il rinvio della proposta al responsabile del procedimento da parte del responsabile del servizio

Capitolo 3 L’impegno di spesa nella contabilità armonizzata (ed il debito fuori bilancio)
1. Premessa
1.1. Premessa generale sul principio della competenza finanziaria potenziata
2. Le innovazioni in tema di impegno di spesa
3. La prima fase del procedimento di spesa
4. La prenotazione dell’impegno
5. La disposizione introdotta dal decreto legislativo 126/2014 
6. Le modifiche in tema di compatibilità monetaria
7. Il compito del responsabile del procedimento
8. Il funzionamento del previo accertamento 
Approfondimento: I finanziamenti europei non entrano nel saldo del patto di stabilità (Corte dei Conti, sezione regionale Sicilia, deliberazione 11 febbraio 2015 n. 94)
9. La scadenza dell’obbligazione giuridica 
10. Le formule ipotizzabili
11. Gli obblighi del responsabile del procedimento (di spesa)
12. Gli impegni automatici
13. Alcune ipotesi di imputazione (di spese correnti)
14. Gli impegni nell’acquisizione di beni e servizi e per il conferimento di incarico ai legali
Approfondimento: L’impegno di spesa per l’incarico legale secondo la Corte dei Conti. La questione della costituzione del fondo rischi per spese legali
15. La copertura finanziaria delle spese di investimento 
15.1. Altre modifiche introdotte dal d.m. 20 maggio 2015
15.2. In relazione ai permessi a costruire 
15.3. L’impegno di spesa per acquisto di beni e servizi “a cavallo tra due esercizi finanziari” (il principio della competenza potenziata) 
15.4. La questione del reverse charge
15.5. La scissione dei pagamenti che si realizza con lo split payment
15.6. La quota di cofinanziamento e l’utilizzo della quota disponibile del risultato di amministrazione 
16. La patologia del debito fuori bilancio 
16.1. Sul procedimento di riconoscimento del debito fuori bilancio
16.2. Il responsabile competente ad avviare la procedura di riconoscimento del debito
Approfondimenti:
– Inammissibile il silenzio sulla richiesta di procedere con il riconoscimento del debito fuori bilancio
– La questione dell’ammissibilità di un riconoscimento del debito fuori bilancio senza copertura finanziaria
– La transazione non è assimilabile ad un debito fuori bilancio
– L’organo competente alla transazione e la necessità del parere dell’organo di revisione 
– Rapporti tra il lodo arbitrale e l’istituto del riconoscimento dei debiti fuori bilancio (Corte dei Conti, sezione Lombardia, deliberazione n. 103/2014) 
17. La liquidazione delle spese 
17.1. L’ordinazione di pagamento e il pagamento 
18. Come cambia l’accertamento delle entrate 
18.1. Entrate rateizzate ed entrate non previste in bilancio 
18.2. Altre ipotesi: entrate tributarie ed extratributarie 
18.3. I contributi erogati previa rendicontazione delle spese sostenute 

Capitolo 4 La funzione consultiva, propositiva e di controllo del responsabile del servizio: le proposte per gli organi collegiali 
1. Premessa
2. La modifica dell’articolo 49 del t.u.
2.1. Analisi dei singoli commi 
2.2. L’essenza del parere di regolarità tecnica
2.3. In assenza dei responsabili di servizio
3. Lo scostamento dai pareri deve essere motivato
3.1. L’esimente politica
4. Il controllo di regolarità amministrativo-/contabile dei responsabili di servizio
5. Il controllo successivo
6. Considerazioni sul ruolo del responsabile dei servizi finanziari
6.1. La modifica
6.2. Alcuni casi trattati in giurisprudenza
6.3. Ampliamento quantitativo e ampliamento qualitativo delle incombenze del coordinatore dei servizi finanziari .
6.4. L’intensità del compito di “verifica” del coordinatore dei servizi finanziari
6.5. L’incidenza sulla contabilità degli atti adottandi
7. La carenza dei pareri dei responsabili nelle deliberazioni non determina l’illegittimità dell’atto

Capitolo 5 Il riaccertamento straordinario dei residui e il fondo pluriennale vincolato: i compiti dei responsabili di servizio. Il fondo crediti di dubbia esigibilità e il disavanzo di amministrazione 
1. Premessa 
2. L’articolo 14 del d.P.C.M. 28 dicembre 2011
3. Il riaccertamento straordinario 
4. L’adempimento in dettaglio 
5. Le fasi della procedura di riaccertamento
6. Il fondo pluriennale vincolato 
7. Il FPV nell’allegato 4/2 al decreto legislativo 118/2011 e succ. modifiche
8. La composizione del FPV e dinamica
9. Responsabili e fondo pluriennale vincolato: la disciplina nel regolamento di contabilità 
10. La posizione espressa dalla Corte dei Conti (con la deliberazione n. 4/2015) 
11. La differenza tra le risorse affluite al FPV e in avanzo
Appendice tecnica: Esempi di costituzione ed utilizzo del FPV contenuti nell’allegato 4/2
1. Esempio di costituzione ed utilizzo del fondo pluriennale vincolato
2. Esempio di realizzazione di un’opera con il contributo di due amministrazioni pubbliche
3. Esempio di realizzazione di un’opera con il contributo della Regione ad un ente locale
11.1. Fondo pluriennale vincolato e patto di stabilità
12. Il fondo crediti dubbia esigibilità e disavanzo di amministrazione 
13. I crediti di dubbia e difficile esazione
14. Fondo crediti di dubbia esigibilità e bilancio
15. L’adeguamento
16. Il primo accantonamento
17. Modalità di calcolo del fondo
17.1. Fondo crediti dubbia esigibilità e patto di stabilità
18. Il disavanzo di amministrazione

Capitolo 6 Il responsabile di servizio e la programmazione (compiti, atti, adempimenti) nella contabilità armonizzata
1. Premessa
2. Gli strumenti della programmazione
3. La ratio della programmazione 
4. Il documento unico di programmazione degli enti locali 
5. Le due sezioni del DUP 
6. La sezione strategica e la sezione operativa 
7. Il contenuto della sezione strategica
8. La disponibilità e la gestione delle risorse umane
9. Gli obiettivi strategici
10. La sezione operativa
11. Il contenuto minimo della sezione operativa
12. Le due parti fondamentali della sezione operativa
13. L’analisi delle condizioni operative dell’ente
14. La programmazione in materia di lavori pubblici, personale e patrimonio
Approfondimento: Le implicazioni del patto di stabilità
- Il vincolo della compatibilità monetaria dell’impegno di spesa rispetto alle regole della finanza pubblica 
- Il sistema delle responsabilità 
- L’illegittimità delle clausole che differiscono i pagamenti in conto capitale
- L’illegittimità degli accordi derogatori peggiorativi 
- I chiarimenti della Corte dei Conti 
- L’illegittimità della clausola che condiziona il pagamento (o l’assegnazione dell’appalto) al rispetto dei vincoli del patto di stabilità
- La programmazione dei lavori pubblici ed il rispetto del patto di stabilità
- Lavori di somma urgenza, innovazioni introdotte dalla legge 213/2012 ed il rispetto del patto di stabilità
- La giurisprudenza in tema di revoca dell’appalto per violazione del patto di stabilità 
15. Il fabbisogno del personale 
Approfondimento: Assunzioni condizionate al rispetto del patto di stabilità anche durante l’esercizio provvisorio
- La questione delle assunzioni ed il rispetto delle dinamiche del patto di stabilità 
- Le indicazioni del MEF
- Patto di stabilità ed esercizio provvisorio
16. Il piano di valorizzazione degli immobili (legge 133/2008)
17. Casi di inammissibilità e improcedibilità delle deliberazioni incoerenti rispetto al DUP
18. Il DUP per i comuni con meno di 5 mila abitanti - Modifiche all’allegato 4/1 apportate dal decreto ministeriale del 20 maggio 2015 
18.1. Le modifiche 
18.2. In relazione agli strumenti della programmazione delle regioni 
18.3. Il chiarimento sul DUP semplificato per i comuni con meno di 5.000 abitanti 
18.4. Il prospetto espositivo del risultato di amministrazione
19. Il bilancio
20. Le modifiche introdotte dal decreto legislativo 126/2014
21. Gli altri principi contabili 
21.1. Principio della flessibilità 
21.2. Il principio della congruità
21.3. Il principio della prudenza (rinvio)
21.4. Il principio della coerenza
21.5. Il principio della continuità e della costanza
21.6. Il principio della comparabilità e verificabilità (integrale)
21.7. l principio di neutralità o imparzialità 
21.8. Principio n. 15 dell’equilibrio di bilancio (integrale)
21.9. Principio n. 16 della competenza finanziaria (rinvio al commento specifico - in questa sede il principio viene riportato integralmente) 
21.10. Principio n. 17 della competenza economica (integrale)
21.11. Principio n. 18 della prevalenza della sostanza sulla forma (integrale)
22. Le caratteristiche del bilancio
23. La struttura del bilancio: l’ordine relativo alla parte entrata
24. L’articolazione delle spese
25. La rappresentazione per missioni 
26. L’articolazione per programmi 
27. Esame dei commi sulla struttura del bilancio
28. Esercizio provvisorio e gestione provvisoria
29. Le modifiche normative apportate dal decreto legislativo 126/2014
29.1. L’esercizio provvisorio
29.2. La gestione provvisoria
29.3. Variazioni possibili anche in esercizio provvisorio (dal 2016) ed anche da parte dei responsabili di servizio
30. Il procedimento di approvazione del bilancio 
31. Adempimenti propedeutici all’approvazione del bilancio
31.1. I rilievi del collegio 
31.2. La procedura corretta di conferimento di incarichi di consulenza
31.3. L’affidamento diretto dell’incarico di consulenza 
31.4. Le ipotesi che legittimano l’affidamento diretto 
31.5. L’accertamento sulla compatibilità con i vincoli finanziari 
32. Altri allegati al bilancio di previsione 
33. La nota integrativa al bilancio 
34. Le variazioni di bilancio
35. Il tempo delle variazioni
36. Il fondo di riserva

Capitolo 7 Il piano esecutivo di gestione: compiti dei responsabili di servizio
1. Premessa
2. Il PEG nei principi contabili
3. Il PEG nei principi dell’Osservatorio (2006 e 2008)
4. La struttura del PEG nei principi contabili (2006 e 2008)
5. Il contenuto del PEG (nei principi 2006 e 2008)
5.1. Struttura e contenuto nel principio del 2008 e nella contabilità armonizzata
6. Obiettivi ed indicatori (ante contabilità armonizzata)
7. Il piano esecutivo di gestione nella contabilità armonizzata
7.1. Le modifiche normative intervenute con l’armonizzazione 
7.2. Analisi dei singoli commi 
7.3. Sulla funzione del piano esecutivo di gestione
8. I profili pratico-operativi del piano esecutivo di gestione
9. Le novità del PEG armonizzato
9.1. La negoziazione degli obiettivi 
Approfondimento: Sugli standard di qualità (dei servizi erogati) 
10. Il Piano degli indicatori di bilancio


Scrivi la tua recensione

Only registered users can write reviews. Please, log in or register

Prodotti consigliati

Back to top