SERVIZIO CLIENTI 0541.628242 Lunedì - Venerdì / 8.30-17.30

L’attività edilizia libera dopo il decreto SCIA 2

L’attività edilizia libera dopo il decreto SCIA 2

Autori Antonella Mafrica - Mario Petrulli
Editore Maggioli Editore
Formato Ebook
Pagine 42
Pubblicazione Dicembre 2016 (III Edizione)
ISBN / EAN 8891615435 / 9788891615435
Collana Ediltecnico

Aggiornato ai d.lgs. n. 126 e 222/2016
La Nuova Attività di Edilizia Libera dopo il Decreto SCIA 2
Guida agli interventi edilizi eseguibili senza titoli abilitativ

Prezzo Online:

9,90 €

Disponibilità: Disponibile

Prezzo Online:
9,90 €

Disponibilità: Disponibile

Nuova Guida operativa, aggiornata ai decreti legislativi 30 giugno 2016, n. 126 (c.d. Decreto SCIA 1) e 25 novembre 2016, n. 222 (c.d. Decreto SCIA 2) in formato ebook che si rivolge ai professionisti tecnici e gli operatori degli uffici tecnici comunali, illustrando gli interventi edilizi che non richiedono un vero titolo abilitativo (manutenzioni ordinarie, installazione di pannelli solari e fotovoltaici, posa di manufatti per esigenze temporanee, sistemazione delle aree pertinenziali, ecc.), alla luce delle ultime sentenze giurisprudenziali.

Il Decreto SCIA 2 ha profondamente cambiato la disciplina che regola i lavori edilizi che si possono effettuare senza richiedere permessi o tramite una semplice comunicazione. Più precisamente, il legislatore ha previsto:

- l’eliminazione della comunicazione di inizio lavori semplice (c.d. CIL), riconducendo all’attività edilizia libera le ipotesi che in precedenza la richiedevano

- la comunicazione inizio lavori asseverata (c.d. CILA) quale titolo abilitativo residuale rispetto alla segnalazione certificata di inizio attività (c.d. SCIA) e al permesso di costruire.

L’ebook , suddiviso in capitoli tematici, illustra la nozione di “attività edilizia libera”, quali sono gli interventi realmente liberi e quelli eseguibili tramite comunicazione inizio lavori asseverata (CILA) e come gli interventi liberi sono disciplinati nelle Regioni a statuto ordinario e in quelle a statuto speciale e nelle province autonome.
L’appendice contiene inoltre un quadro di riferimento sulle norme regionali attualmente vigenti.

Sommario
Prefazione alla terza edizione
Prefazione alla seconda edizione
Prefazione alla prima edizione
1. La nozione di attività edilizia libera e le norme di riferimento
1.1. Definizione
1.2. L’art. 6 del Testo Unico Edilizia
1.3. Il previgente testo dell’art. 6 del Testo Unico Edilizia
1.4. L’art. 6-bis del Testo Unico Edilizia
1.5. Ulteriori ipotesi di attività edilizia libera legislativamente previste
2. Gli interventi realmente liberi
2.1. Premessa
2.2. Gli interventi di manutenzione ordinaria
2.3. L’installazione delle pompe di calore
2.4. L’eliminazione delle barriere architettoniche
2.5. Le opere temporanee di ricerca nel sottosuolo
2.6. I movimenti terra strettamente pertinenti l’attività agricola
2.7. Le serre mobili agricole stagionali sprovviste di strutture in muratura
2.8. Le opere dirette a soddisfare obiettive esigenze contingenti e temporanee
2.9. Le opere di pavimentazione e finitura di spazi esterni
2.10. L’installazione di pannelli solari e fotovoltaici
2.11. La realizzazione di aree ludiche senza fini di lucro e la posa di elementi di arredo delle aree pertinenziali
3. Gli interventi eseguibili tramite Comunicazione Inizio Lavori Asseverata (CILA)
3.1. Una categoria residuale
3.2. Il contenuto della CILA
3.3. Gli interventi di manutenzione straordinaria non riguardanti le parti strutturali dell’edificio
3.4. Il restauro ed il risanamento conservativo leggero
3.5. Gli interventi sui fabbricati adibiti ad esercizio di impresa non riguardanti parti strutturali
3.6. Altri interventi subordinati alla CILA

3.7. La sanzione per la mancata presentazione della CILA
3.8. Aspetti catastali
3.9. Quadro sinottico riassuntivo
4. L’attività edilizia libera nelle Regioni a statuto ordinario
4.1. Premessa
4.2. Emilia-Romagna
4.3. Marche
4.4. Liguria
4.5. Umbria
4.6. Piemonte
4.7. Toscana
5. L’attività edilizia libera nelle Regioni a statuto speciale e nelle Province autonome di Trento e Bolzano
5.1. Premessa
5.2. Friuli Venezia Giulia
5.3. Valle d’Aosta
5.4. Sardegna
5.5. Sicilia
5.6. Provincia Autonoma di Trento
5.7. Provincia Autonoma di Bolzano
Appendice
1. Quadro sinottico legislativo-regionale
2. Quadro sinottico dei riferimenti normativi regionali in materia di attività edilizia libera


Scrivi la tua recensione

Solo gli utenti registrati possono scrivere recensioni. Accedi oppure Registrati

Prodotti consigliati

Back to top