SERVIZIO CLIENTI 0541.628242 Lunedì - Venerdì / 8.30-17.30

Cerca nel Sito
Fino al 31 Maggio SPEDIZIONE GRATUITA su tutto il catalogo per Professionisti e Privati
Le competenze digitali del manager pubblico

Le competenze digitali del manager pubblico

Autori Giuseppe Iacono - Flavia Marzano
Editore Maggioli Editore
Formato Cartaceo
Dimensione 17x24
Pagine 218
Pubblicazione Dicembre 2014 (I Edizione)
ISBN / EAN 8891608420 / 9788891608420

Una guida operativa per la nuova P.A.

Prefazione di Alessandra Poggiani

Prezzo Online:

32,00 €

Le Pubbliche Amministrazioni rivestono un ruolo fondamentale per la definizione e l’evoluzione del modello culturale di un Paese, soprattutto in Italia.
Nel panorama del tutto nuovo dell’era digitale, in cui rapidamente cambiano linguaggi e principi di gestione, la digitalizzazione dell’esistente, delle procedure e dei modelli organizzativi attuali rappresenta il fallimento da evitare.

Il ruolo del manager pubblico diventa così cruciale per indirizzare le politiche della nuova amministrazione aperta, disegnare modelli evoluti di servizi per i cittadini e rendere tangibili le innovazioni.
 
Occorrono capacità nuove e di visione, competenze digitali evolute, fondate su base tecnica, che garantiscano la possibilità di definire concretamente iniziative di miglioramento, requisiti e politiche adeguate.
Per attuare con successo rapido e duraturo un paradigma come questo, bisogna renderlo sistematico e andare oltre i casi sporadici dei manager pubblici “illuminati”, costruendo un framework.

Il presente volume si propone di fornire un quadro di riferimento delle competenze che i manager devono possedere e gli strumenti operativi più essenziali, suggerendo le competenze digitali che possono diventare componenti indispensabili del loro profilo, insieme ad alcune competenze collettive, come la capacità di condivisione di esperienze e soluzioni, in grado di promuovere un cambiamento profondo della cultura della P.A. e prima di tutto della cultura manageriale.

I temi che questo libro approfondisce, inserendoli nel più ampio contesto dell’Agenda Digitale Europea, non sono affatto di nicchia o solo per specialisti.
Sono i temi del nostro futuro prossimo, emergenza di domani, soprattutto priorità dell’azione di oggi.




Notizie sugli Autori

» Giuseppe Iacono, con più di 25 anni di esperienza in campo tecnico e manageriale, come imprenditore, consulente, formatore, da anni promuove iniziative in campo nazionale sui temi dell’innovazione. È Vicepresidente dell’Associazione Stati Generali dell’Innovazione, Presidente dell’Istituto Italiano Open Data, eSkills Ambassador. Blogger su diverse testate e autore di testi sui temi dell’innovazione.
» Flavia Marzano,
Presidente dell’Associazione Stati Generali dell’Innovazione, docente presso l’Università Sapienza di Laboratorio di Tecnologie per l’Amministrazione Digitale, membro del Tavolo permanente per l’innovazione e l’agenda digitale italiana, Consulente per la Pubblica Amministrazione e le imprese per l’innovazione, valutatore esperto del V, VI e VII Programma Quadro della Commissione Europea. Blogger su diverse testate e autore di testi sui temi dell’innovazione.

1. L’Agenda Digitale Europea e Italiana: un percorso appena iniziato
1.1. Il primo decennio, da Lisbona all’Agenda Digitale
1.2. L’Agenda Digitale Europea
1.3. L’Agenda Digitale Italiana
1.4. Le sfide per l’Europa
1.5. Alcuni dati sull’Italia. Da dove partiamo
1.6. Una riflessione per l’Italia

2. Il cambiamento strategico in atto nelle Pubbliche Amministrazioni
2.1. I supporti normativi al cambiamento strategico
2.2. I processi in atto
2.3. Città, territori, ricomposizione territoriale e cittadini Smart
2.4. Nuove competenze (ex Titolo V) e nuove conoscenze.
2.5. Parliamo ancora di dematerializzazione e digitalizzazione?
2.6. Arriva il cloud computing. E quindi?
2.7. Interoperabilità, facciamo sul serio?
2.8. Openness: Open Government e non solo
2.9. Partecipazione e democrazia digitale
2.10. Prospettive: la riforma della PA.

3. Verso un modello delle competenze digitali dei manager pubblici
3.1. La specificità del dirigente pubblico
3.2. Competenza individuale e collettiva
3.3. Le competenze e le organizzazioni
3.4. Il concetto di competenza
3.4.1. Agire con competenza
3.4.2. Competenze e gestione del personale
3.4.3. Parametri di contesto
3.5. Il concetto di competenza collettiva
3.5.1. Le origini
3.5.2. Le comunità di pratica
3.5.3. La metafora del jazz e i team di progetto
3.5.4. Una definizione di competenze collettive
3.6. Il concetto di competenza digitale: definizioni e modelli
3.6.1. Una definizione
3.6.2. Il modello DigEuLit
3.6.3. Il modello e-ECF
3.6.4. Il modello “DIGICOMP”
3.7. Verso la e-leadership
3.7.1. Il quadro europeo
3.7.2. Le iniziative italiane
3.7.3. Chi sono gli e-leader?
3.7.4. L’e-leadership del manager pubblico
3.8. Le competenze dei manager pubblici
3.9. Le competenze digitali per i manager pubblici
3.9.1. Il modello delle competenze
3.9.2. Le competenze digitali di base
3.9.3. Le competenze dell’utilizzo digitale
3.9.4. Le competenze di trasformazione digitale

4. Competenze per un’organizzazione agile e resiliente
4.1. Lo scenario: dalla piramide alla rete
4.2. La conoscenza fluida e la centralità del team
4.3. I livelli di funzionamento dell’organizzazione
4.4. L’organizzazione agile
4.5. L’organizzazione resiliente
4.5.1. Il concetto di resilienza nelle comunità sociali
4.5.2. Resilienza strategica e resilienza operativa
4.6. Dalla forma organizzativa ai requisiti per le competenze digitali

5. Comunicare, condividere la conoscenza, collaborare: il paradigma CoCoCo
5.1. Pronti per la partecipazione? Il paradigma CoCoCo
5.2. Mobilità e social
5.3. Le amministrazioni e i social network
5.4. Saper gestire comunicazione, partecipazione e collaborazione
5.4.1. Le competenze del manager per l’amministrazione collaborativa
5.4.2. Partire dalle buone pratiche
5.4.3. Un approccio metodologico per la partecipazione

6. Che cosa significa gestire per progetti nella PA digitale
6.1. Il malessere del management
6.2. La cultura del project management
6.3. La gestione delle persone
6.4. Le competenze di project management nel settore pubblico
6.4.1. Cosa si richiede al manager pubblico
6.4.2. La “costruzione” dei Project Manager pubblico
6.4.3. La questione organizzativa nell’ambito pubblico
6.4.4. Processi e progetti: responsabilità e autonomia
6.5. L’organizzazione che lavora per progetti. L’ottica del settore pubblico
6.6. Infrastruttura di processi per il project management nel settore pubblico
6.6.1. Il quadro di riferimento
6.6.2. La capacità organizzativa per la gestione dei progetti operativi
6.6.3. Qualche dettaglio su alcune Aree di Processo di project management
6.6.4. Dal project management al knowledge management

7. Come gestire il cambiamento e l’innovazione
7.1. I fattori chiave per la gestione del cambiamento nel settore pubblico
7.2. Come sempre, non è un problema di tecnologia
7.3. Un problema di cultura organizzativa?
7.4. Passi per interventi di cambiamento nel settore pubblico
7.5. Qualche indizio di futuro

8. In forma di conclusione: una proposta di intervento
8.1. Verso un approccio di sistema: “pensare digitale”
8.1.1. L’ambizione possibile
8.1.2. Governance partecipativa e modelli europei
8.1.3. La relazione con il territorio
8.2. Il riuso e la diffusione delle buone pratiche
8.2.1. Perché il riuso è strategico
8.2.2. Come si realizza il riuso e qual è il compito del manager pubblico
8.3. Coltivare l’e-leadership
8.4. Costruire un manager per l’innovazione


Scrivi la tua recensione

Only registered users can write reviews. Please, log in or register

Prodotti consigliati

Back to top