SERVIZIO CLIENTI 0541.628242 Lunedì - Venerdì / 8.30-17.30

Cerca nel Sito
Manuale di Contabilità e finanza pubblica

Manuale di Contabilità e finanza pubblica

Autori Santoro Pelino
Editore Maggioli Editore
Formato Cartaceo
Dimensione 17x24
Pagine 836
Pubblicazione Agosto 2015 (II Edizione)
ISBN / EAN 8891613677 / 9788891613677
Collana Progetto ente locale

-Equilibri strutturali ed armonizzazione dei conti pubblici
-Autonomie locali, federalismo e centralismo finanziario
-Crisi finanziaria, patti comunitari e politiche congiunturali
-Flessibilità di bilancio e flessibilità del patto di stabilità
-Contabilità finanziaria potenziata e contabilità economica
-Gestione finanziaria, patrimoniale e per contratti
-Controlli, monitoraggi e sorveglianza comunitaria
-Responsabilità amministrativa e giudizi contabili
-La nuova giurisdizione contabile per ambiti di materie

con la collaborazione di Evaristo Santoro

II edizione

Prezzo Online:

56,00 €

L’opera è un’analisi completa di tutte le materie che rientrano nella contabilità pubblica e costituisce un valido supporto per chi opera professionalmente nell’ambito delle pubbliche amministrazioni.
Nell’ultimo triennio non sono mancate le novità: il testo è stato scrupolosamente aggiornato con gli opportuni richiami dottrinari e giurisprudenziali oltre che normativi.
Innanzitutto l’attuata armonizzazione dei sistemi di bilancio, divenuta materia esclusiva dello Stato, ha rifondato gli ordinamenti contabili delle Regioni e degli enti locali, rendendo omogenee le modalità di gestione dei bilanci.
Con riferimento alla disciplina sovranazionale, si è spiegato il significato della flessibilità di bilancio rispetto alle regole numeriche comunitarie.
Nella materia dei contratti si è preso atto dell’iper-regolamentazione che affligge la disciplina, che genera enormi difficoltà applicative ed interpretative ed un notevole contenzioso, senza ottenere, di converso, risultati evidenti in termini di efficacia ed efficienza delle procedure di affidamento.
Quanto ai controlli infine, si è preso atto del nuovo quadro generale e soprattutto della definitiva sistemazione dei controlli sulla finanza regionale in cui primeggia, l’estensione dell’istituto della parificazione ai rendiconti generali delle regioni, decisa dalle Sezioni regionali di controllo con la formalità della giurisdizione.

Il volume è presente anche nella collana “Moduli manuali” con identico contenuto

Pelino Santoro, Presidente onorario della Corte dei Conti. Docente di Contabilità pubblica.

Evaristo Santoro, Avvocato, Dottore di ricerca. Autore di contributi in testi collettanei e di numerosi saggi.

 

 

INTRODUZIONE ALLA RIFORMA DELLA CONTABILITA' PUBBLICA
1. L'area della finanza pubblica e della contabilità pubblica.
2. L’avvio della riforma della contabilità pubblica
2.1. Le prime modifiche.
2.2. L’attuazione della riforma di contabilità.
3. L’attuazione del federalismo fiscale.
4. Principi e criteri per l’attuazione del federalismo fiscale.

1. CONTABILITA' PUBBLICA E FINANZA PUBBLICA
1. La nozione di contabilità pubblica
1.1. La funzione della contabilità pubblica.
1.2. Le fonti normative.
2. La nozione di finanza pubblica
2.1. L’equilibrio della finanza pubblica e la politica del deficit.
2.2. Gli interventi di politica economica e la liberalizzazione dei mercati
2.2.1 Le liberalizzazioni per la crescita economica.
2.2.2 Globalizzazione e capitalismo finanziario.
2.3. Spesa pubblica e Stato sociale.
2.4. La tutela dei livelli essenziali.
3. Finanza locale, autonomia finanziaria e federalismo fiscale.
3.1. I principi di sussidiarietà e di leale collaborazione.
3.2. Il coordinamento della finanza pubblica.
4. La nuova finanza locale
4.1. Il dissesto finanziario degli enti locali.
4.2. Il piano di riequilibrio finanziario.
5. La struttura del nuovo federalismo
5.1. La finanza municipale.
5.2. L’autonomia fiscale delle Regioni.
5.3. Verso la soppressione delle Province.
5.4. I costi ed i fabbisogni standard.
6. L’effettività dell’autonomia degli enti territoriali.
7. Premi e sanzioni
7.1. Rimodulazione delle sanzioni finanziarie e personali.
7.2. I meccanismi premiali.
8. Armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio
8.1. Armonizzazione ed autonomia normativa.
9. Risorse aggiuntive e rimozione di squilibri economici.
10. Il crepuscolo del federalismo.

2. STRUMENTI CONTABILI E PIANIFICATORI DELLA FINANZA PUBBLICA
Sezione I - Principi costituzionali e decisione di bilancio
1. L’art. 81 Cost. nella versione originaria.
2. La copertura finanziaria delle leggi.
3. La costituzionalizzazione del pareggio di bilancio
3.1. La legge rinforzata attuativa.
3.2. La giustiziabilità del principio di equilibrio.
4. Il crepuscolo della legge finanziaria e della legge di stabilità.
5. La legge di bilancio riformata
5.1. L’approvazione del bilancio di previsione.
5.2. La formazione del bilancio.
5.3. L’Organismo indipendente di analisi (Ufficio parlamentare).
6. Il nuovo quadro degli strumenti di programmazione e di bilancio
6.1. Il nuovo documento di economia e finanza (DEF).
6.2. La relazione generale sulla economia e finanza pubblica.
6.3. Le tecniche di manovre straordinarie.
6.4. La spending review.
6.5. Il punto sulla situazione della finanza pubblica.
7. Il bilancio di previsione
7.1. Il bilancio pluriennale (triennale).
7.2. L’assestamento del bilancio preventivo.
7.3. Le variazioni di bilancio.
7.4. Bilancio di competenza e bilancio di cassa
7.4.1. La sperimentazione della competenza finanziaria potenziata.
7.4.2. L'opzione europea per la contabilità di competenza.
7.5. Struttura e classificazioni del bilancio.
7.6. Le autorizzazioni di spesa per il finanziamento di opere pubbliche.
8. Principi e requisiti del bilancio
8.1. La codificazione dei principi fondamentali di bilancio delle amministrazioni pubbliche.
8.2. I principi universali in sede O.N.U.
8.3. La direttiva comunitaria sui requisiti di bilancio
8.3.1. L'armonizzazione dei principi contabili in ambito europeo.
9. La contabilità dei residui.
10. La contabilità economica analitica
10.1. Il sistema di contabilità economico-patrimoniale.
11. Rendiconto generale dello Stato
11.1. Il conto patrimoniale.
11.2. La parificazione.
12. I conti consuntivi del settore pubblico
12.1. I rendiconti delle Regioni ed enti locali.
12.2. I consuntivi degli enti pubblici.
12.3. La revisione e l’attestazione dei consuntivi.
13. Conto riassuntivo del Tesoro.
14. Conto economico delle amministrazioni pubbliche
14.1. Il problema del debito pubblico.
14.2. La valutazione internazionale della situazione debitoria (rating).
14.3. La gestione del debito pubblico.
15. Bilancio economico nazionale
15.1. Il nuovo sistema europeo dei conti (SEC 2010).
Sezione 2 Vincoli conformativi comunitari e politica di spesa
16. Il patto di stabilità e crescita europeo (i parametri comunitari)
16.1. La nuova flessibilità.
16.2. Il patto di stabilità interno
16.2.1. Indebitamento e spese d'investimento.
16.2.2. Le deroghe.
16.2.3. Il patto di convergenza.
16.3. La riforma del patto di stabilità a livello comunitario (six pack e semestre europeo).
16.4. Il Patto per l’Euro.
16.5. Il patto intergovernativo c.d. fiscal compact
16.5.1. Il meccanismo di stabilità.
16.6. La sorveglianza comunitaria
16.6.1. La sorveglianza rafforzata e il parere preventivo sui documenti di bilancio.
16.6.2. La sorveglianza del Fondo monetario internazionale (c.d. troika).
17. Il nuovo patto di stabilità interno
17.1. Enti locali.
17.2. Regioni.
17.3. Regionalizzazione e patti di solidarietà.
17.4. La sostenibilità del patto e gli enti virtuosi.
17.5. Le regole aggiornate.
18. Il coordinamento delle politiche economiche
18.1. La moneta unica europea.
18.2. La c.d. cessione di sovranità monetaria.
18.3. La bilancia dei pagamenti.
19. La finanza dell’Unione (cenni)
19.1. I Programmi di coesione economica e sociale.
19.2. L’armonizzazione fiscale nella U.E.
19.3. La strategia di crescita nella U.E.
20. Controllo e monitoraggio dei conti pubblici
20.1. La banca dati delle amministrazioni pubbliche.
20.2. La spending review.
21. Il potenziamento degli strumenti di programmazione
21.1. La programmazione gestionale.
21.2. Il piano dei conti integrato.
22. Il contrasto dell’evasione fiscale.
23. I costi della corruzione.
24. I costi della politica.

3. LA GESTIONE DEL BILANCIO
1. Gestione finanziaria ed esercizio finanziario.
2. La gestione delle entrate
2.1. L’accertamento.
2.2. La riscossione
2.2.1. La cartolarizzazione dei crediti.
2.3. Il versamento.
2.4. La riassegnazione.
3. La gestione amministrativa e contabile delle spese
3.1. Tipologie di spese.
3.2. L’assegnazione di fondi.
3.3. Il piano esecutivo di gestione.
4. Le fasi del procedimento contabile di spesa
4.1. L’impegno
4.1.1. La nozione di obbligazione giuridicamente perfetta.
4.1.2. La scadenza dell'obbligazione nella contabilità finanziaria potenziata.
4.2. La liquidazione.
4.3. L’ordinazione
4.3.1. La procedura informatizzata.
4.4. Il pagamento
4.4.1. Il ritardo nei pagamenti dei debiti.
4.4.2. L'obbligo di codificazione delle transazioni.
4.5. Gli atti impeditivi e modificativi del pagamento.
4.6. L’esecuzione forzata.
5. La gestione di tesoreria
5.1. I saldi di cassa.
6. Le gestioni fuori bilancio ed i fondi di rotazione.
7. Il risultato contabile di amministrazione.
8. Le economie di bilancio.

4. LA GESTIONE PER CONTRATTI
1. I contratti e l’attività finanziaria.
2. I contratti e la programmazione
2.1. Programmazione negoziata e moduli convenzionali.
3. Gestione per contratti e gestione del contratto.
4. L’evidenza pubblica.
5. La nozione di contratti pubblici.
6. La specialità della disciplina
6.1. I contratti di diritto privato.
6.2. I moduli consensuali sostitutivi del provvedimento amministrativo.
7. Autonomia, capacità e legittimazione negoziale.
8. I contratti pubblici ed il principio di concorrenza
8.1. Le direttive comunitarie ed il principio di diretta applicazione.
8.2. I principi fondamentali del Trattato europeo.
8.3. I principi del codice dei contratti.
8.4. La crisi del modello codicistico.
9. Il multiforme regime giuridico degli appalti pubblici
9.1. Amministrazioni aggiudicatrici ed organismi di diritto pubblico
9.1.1. Le amministrazioni pubbliche nel sistema dei conti europei.
9.2. Gli imprenditori singoli ed associati.
10. Il procedimento decisionale di spesa.
11. La fase preparatoria (cenni).
12. La deliberazione/determinazione a contrattare
12.1. La copertura finanziaria.
12.2. L’accantonamento dei fondi.
13. Le procedure di scelta del contraente
13.1. Sistemi e criteri di aggiudicazione.
13.2. L’asta pubblica (o pubblico incanto).
13.3. La licitazione privata (procedura ristretta).
13.4. L’appalto concorso.
13.5. La trattativa privata (procedure negoziate)
13.5.1. Gli appalti in house.
13.6. Le nuove procedure
13.6.1. Il promotore (project financing).
13.6.2. L'asta elettronica.
13.6.3. Il dialogo competitivo.
13.6.4. Il sistema dinamico di acquisizione.
13.6.5. La centrale di committenza.
13.6.6. Il mercato elettronico (e-procurement).
13.6.7. Il partenariato per l'innovazione.
14. Il principio di pubblicità ed il bando di gara.
15. Il procedimento ed i principi di gara
15.1. Gli organi di gara.
15.2. La celebrazione.
15.3. Le offerte.
16. L’aggiudicazione.
17. La stipulazione.
18. L’approvazione
18.1. Le fasi delle procedure secondo il codice dei contratti pubblici.
19. L’esecuzione.
19.1. La revisione nei contratti di forniture e servizi.
19.2. L’andamento delle opere infrastrutturali.
20. I servizi pubblici (profili finanziari ed economici)
20.1. La gestione a mezzo società per azioni a partecipazione pubblica
20.1.1. Gli organismi partecipati a livello locale (situazione)
20.2. Il partenariato pubblico-privato
20.2.1. Il regime giuridico delle società pubbliche.
21. Le concessioni.
22. Il contraente generale.
23. L’acquisizione in economia di beni e servizi.
24. Il riconoscimento di debito
24.1. I debiti fuori bilancio (degli enti locali).
25. Risorse finanziarie e nuovi modelli contrattuali.
26. Il leasing (aspetti contabili-finanziari).
27. La gestione attiva dei debiti.
28. Gli strumenti alternativi ablatori.

5. I CONTROLLI
1. Il sistema dei controlli.
2. La Corte dei Conti
2.1. Le Sezioni regionali di controllo.
3. Il controllo preventivo esterno
3.1. Provvedimenti di bilancio.
3.2. Atti di programmazione.
3.3. Contratti e concessioni.
3.4. Altri atti di rilievo finanziario
3.4.1. Atti di spesa recuperati al controllo preventivo.
3.5. I parametri del controllo preventivo
3.5.1. I nuovi parametri di stabilità finanziaria.
3.6. Il procedimento.
3.7. Natura, forza ed effetti dell’atto di controllo.
3.8. La registrazione con riserva.
4. Il controllo preventivo degli uffici di ragioneria
4.1. La riforma dei controlli (di ragioneria) di regolarità amministrativa e contabile
4.1.1. Il visto di ragioneria.
4.1.2. Controllo successivo.
5. I controlli di regolarità amministrativa e contabile negli enti locali.
6. Il controllo dei revisori contabili.
7. Il controllo di legittimità successivo su atti della Corte dei Conti
7.1. Il controllo-osservatorio su atti specifici.
8. I controlli interni di gestione
8.1. Analisi e valutazione della spesa.
8.2. Il monitoraggio della spesa per opere pubbliche.
8.3. Il controllo sull’Autorità di vigilanza sui contratti pubblici
8.3.1. L'Autorità nazionale anticorruzione (ANAC).
8.4. Il raccordo tra controlli interni ed esterni.
9. Il controllo esterno sulla gestione (external audit)
9.1. Il controllo sulla gestione delle Regioni
9.1.1. La sistemazione dei controlli sulla finanza regionale.
9.2. Il controllo sulla gestione degli enti locali
9.2.1. Le verifiche sugli equilibri di bilancio.
9.2.2. Il controllo sul dissesto finanziario.
9.2.3. Il controllo del Governo sugli andamenti finanziari.
9.3. Il controllo sulla gestione degli enti sovvenzionati
9.3.1. Il controllo avviso, la pronuncia specifica o di accertamento.
9.4. Il controllo sulla gestione di fondi comunitari.
10. Il controllo successivo sui rendiconti.
11. Il controllo referto
11.1. Referti specifici.
12. Il controllo sulle spese elettorali e contributi
12.1. I rendiconti dei gruppi consiliari regionali.
13. La certificazione di attendibilità dei contratti collettivi.
14. Il rapporto annuale sulla finanza pubblica.
15. La funzione consultiva sugli atti normativi.
16. La funzione consultiva-collaborativa a livello locale.

6. LA GESTIONE DEL PATRIMONIO (a cura di Evaristo Santoro)
1. Beni e patrimoni pubblici.
2. I beni demaniali
2.1. Il demanio necessario.
2.2. Il demanio accidentale o eventuale.
2.3. Il demanio naturale e il demanio artificiale.
2.4. Il demanio regionale, provinciale e comunale.
2.5. I caratteri essenziali ed il regime giuridico del demanio.
2.6. La tutela del demanio.
2.7. L’uso dei beni demaniali.
2.8. La destinazione all’uso pubblico e la cessazione della demanialità.
2.9. I diritti demaniali su beni altrui.
2.10. La scissione tra titolarità dominicale e funzioni amministrative nel demanio marittimo
2.10.1. Il c.d. federalismo demaniale.
2.10.2. Il trasferimento e l’attribuzione di beni demaniali e patrimoniali.
2.11. La concessione di beni
2.11.1. Il diritto di superficie.
3. I beni patrimoniali
3.1. I beni del patrimonio indisponibile.
3.2. I beni del patrimonio disponibile.
4. La privatizzazione dei beni pubblici
4.1. La cartolarizzazione degli immobili.
4.2. Le dismissioni con riaffitto (lease back)
4.2.1. I piani di acquisto e di vendita
4.3. La dismissione delle partecipazioni azionarie.
4.4. La privatizzazione dei servizi pubblici (profili economici e patrimoniali).
5. Gli inventari
5.1. La valutazione dei beni pubblici.
6. La nuova contabilità patrimoniale
6.1. Concordanza tra conto del bilancio e conto patrimoniale.
7. L’attività di gestione del patrimonio.
8. Prospettive di riclassificazione dei beni pubblici.
9. Le locazioni passive.
10. Il contratto di disponibilità.

7. LA RESPONSABILITA' AMMINISTRATIVA
1. La responsabilità amministrativa nel sistema costituzionale.
2. I contenuti della responsabilità amministrativa e contabile
2.1. Gli agenti contabili e la responsabilità da maneggio.
2.2. I funzionari delegati.
3. Le materie di contabilità pubblica e l’area della giurisdizione contabile
3.1. Verso l’esclusività della giurisdizione contabile.
4. Gli elementi della responsabilità amministrativa
4.1. Il rapporto di servizio
4.1.1. Rapporto di servizio principale e rapporto di servizio derivato.
4.1.2. Rapporto contrattuale di lavoro ed obblighi prestazionali.
4.2. Il comportamento antigiuridico
4.2.1. Il rapporto tra illegittimità ed illeicità.
4.2.2. La tipizzazione dell'illecito contabile.
4.2.3. Il c.d. doppio binario della responsabilità.
4.2.4. Il rapporto con la responsabilità dirigenziale.
4.3. Il dolo e la colpa grave
4.3.1. La graduazione della colpa.
4.4. Il nesso di causalità.
4.5. Il danno
4.5.1. Il danno morale ed il danno all'immagine.
4.5.2. Il danno esistenziale.
4.5.3. La tipizzazione del danno all'immagine.
4.5.4. Il danno alle amministrazioni terze.
4.5.5. Il danno alla Comunita europea.
4.5.6. Il danno da lesione di interessi legittimi.
4.5.7. Il fatto dannoso nell'illecito contabile.
4.5.8. La copertura assicurativa. 
5. Le cause di giustificazione
5.1. Le scelte discrezionali.
5.2. La buona fede.
5.3. Le deliberazioni collegiali.
5.4. Le guarentigie soggettive.
6. Il potere riduttivo.
7. Natura e funzione della responsabilità
7.1. Della natura contrattuale.
7.2. Della natura risarcitoria o sanzionatoria.
7.3. La personalità.
7.4. Intrasmissibilità agli eredi.
8. Concorso di responsabilità e principio di parziarietà.
9. La prescrizione
9.1. Occultamento del danno.
10. Differenze rispetto alla responsabilità civile.
11. Le sanzioni politiche accessorie (ineleggibilità ed interdizione dalle cariche).

8. I GIUDIZI NELLE MATERIE DI CONTABILITA' PUBBLICA
1. Il giudizio di responsabilità
1.1. L’azione pubblica di danno
1.1.1. L'azione popolare.
1.1.2. L'accettazione di danno ridotto.
1.1.3. Le nuove condizioni dell'azione di responsabilità.
1.1.4. Le azioni a tutela del credito erariale.
1.1.5. La competenza territoriale.
1.1.6. L'azione di nullità di atti istruttori.
1.2. Rapporti con altri giudizi
1.2.1. Giudizio penale.
1.2.2. Giudizio civile.
1.2.3. Giudizio amministrativo.
1.2.4. Giudizio disciplinare.
1.2.5. Giudizio tributario.
1.2.6. Il rapporto con la funzione di controllo.
1.3. Punti deboli del giusto processo contabile
1.3.1. L'intervento di terzi.
1.3.2. Principio di soccombenza e rimborso delle spese legali.
1.4. Il sequestro conservativo
1.4.1. Altri rimedi cautelari.
1.5. L’esecuzione delle sentenze di condanna.
1.6. I rimedi contro le sentenze.
1.6.1. L’appello
1.6.1.1. La definizione agevolata in appello.
1.6.1.2. La definizione agevolata nelle concessioni di riscossione.
1.6.2. Ricorso per Cassazione.
1.6.3. La revocazione.
1.6.4. L'opposizione di terzo.
1.6.5. Ricorso per correzione ed interpretazione.
1.7. L’abbandono.
1.8. Il Regolamento preventivo di giurisdizione
1.8.1. I conflitti di attribuzione in sede giurisdizionale.
1.9. Sospensione, interruzione ed estinzione.
1.10. Le questioni di massima.
1.11. I ricorsi alle Sezioni Riunite in composizione speciale.
2. Il giudizio di conto
2.1. Il giudizio per resa di conto.
3. I giudizi ad istanza di parte
3.1. Il giudizio per rimborso di quote inesigibili.
3.2. Il giudizio di aggio esattoriale.
3.3. I ricorsi contro ritenute cautelari.
3.4. Il giudizio di accertamento negativo di responsabilità.
3.5. Il giudizio sulla definizione del piano di risanamento finanziario degli enti locali.
3.6. I ricorsi contro gli atti di ricognizione delle amministrazioni pubbliche.
3.7. I giudizi pensionistici.
4. I giudizi sanzionatori
4.1. La pronuncia sulla nullità del contratto (di indebitamento).
5. L'informatizzazione del processo contabile.


Scrivi la tua recensione

Solo gli utenti registrati possono scrivere recensioni. Accedi oppure Registrati

Prodotti consigliati

Back to top