SERVIZIO CLIENTI 0541.628242 Lunedì - Venerdì / 8.30-17.30

Testo unico in materia di società a partecipazione pubblica

Testo unico in materia di società a partecipazione pubblica

Autori Ciro D’Aries - Stefano Glinianski - Tiziano Tessaro
Editore Maggioli Editore
Formato Cartaceo
Dimensione 17X24
Pagine 184
Pubblicazione Settembre 2016 (I Edizione)
ISBN / EAN 8891618542 / 9788891618542
Collana Progetto ente locale

Commento articolo per articolo del D.Lgs. 19 agosto 2016, n. 175

Prezzo Online:

32,00 €

Il D.Lgs. 19 agosto 2016, n. 175, interviene significativamente attraverso disposizioni che, nell'intento di assicurare una gestione efficiente delle risorse pubbliche e delle stesse imprese partecipate, fissano principi chiari, definendo le condizioni per l'accesso o il mantenimento delle partecipazioni, come anche ruoli e responsabilità degli amministratori pubblici e degli organi di governo delle stesse società.

Questo volume, significativa rappresentazione delle problematiche che si prospettano, affronta numerosi ambiti tematici che ruotano attorno al riordino delle società partecipate, con approfondimenti di natura contabile e finanziaria ma anche procedimentale ed amministrativa.

I contributi raccolti, secondo il modello del commentario articolo per articolo, ricostruiscono disciplina e orientamenti giurisprudenziali e forniscono preziose interpretazioni e soluzioni, particolarmente importanti per la novità del testo normativo oggetto di commento e per gli impegni a cui le amministrazioni sono chiamate e tenute.


Ciro D’Aries Docente universitario, consulente esperto della Corte dei Conti, pubblicista.
Stefano Glinianski Magistrato della Corte dei Conti e Segretario Generale della Commissione di Garanzia sullo Sciopero dei Servizi pubblici essenziali.
Tiziano Tessaro Magistrato della Corte dei Conti. Direttore della rivista on-line www.lagazzettadeglientilocali.it e del bimestrale Comuni d’Italia, entrambi di Maggioli Editore.

D.Lgs. 19 agosto 2016, n. 175

TESTO UNICO IN MATERIA DI SOCIETÀ A PARTECIPAZIONE PUBBLICA

Art. 1. Oggetto

Art. 2. Definizioni

Art. 3. Tipi di società in cui è ammessa la partecipazione pubblica

Art. 4. Finalità perseguibili mediante l’acquisizione e la gestione di partecipazioni pubbliche

1. L’art. 4, comma 1 e i limiti alla capacità giuridica della pubblica amministrazione

2. ... segue... l’opzione societaria per produrre un bene o un servizio deve rispondere ad una finalità pubblica

3. ... segue... tale finalità pubblica deve, in ogni caso, ine­rire agli scopi istituzionali della stessa

4. ... segue... il modello societario per la produzione di un bene o di un servizio dovrà essere strettamente neces­sario al conseguimento dei predetti fini

5. Le ulteriori restrizioni previste dall’art. 4, comma 2. Il vincolo di…

Art. 5. Oneri di motivazione analitica

Art. 6. Princìpi fondamentali sull’organizzazione e sulla gestione delle società a controllo pubblico

Art. 7. Costituzione di società a partecipazione pubblica

1. I precedenti storici, l’outsourcing e la sussidiarietà orizzontale

1.1. L’individuazione delle attività che le p.a. possono svolgere. Rinvio all’art. 4 del TU

1.2. I modelli possibili. Internalizzazione ed esterna­lizzazione

1.2.1. L’internalizzazione

1.2.2. L’esternalizzazione

2. L’originario favor verso la gestione esterna

2.1. L’abrogazione per iniziativa referendaria e la sentenza della Corte costituzionale n. 199/2012

2.2. L’esternalizzazione e la formalizzazione della volontà di costituire la società: la previsione del TUSP

2.2.1. I contenuti dell’atto deliberativo previsto dall’art. 7 del TUSP

2.2.2. La patologia dell’atto deliberativo. L’art. 7, comma 6 del TUSP

2.3. L’opzione della società mista in particolare. Le previsioni dell’art. 17 del TUSP

2.3.1. La partecipazione del socio privato e la di­sciplina dell’art. 17 del TUSP

2.3.2. Le modalità operative di scelta del socio privato (art. 17, comma 2)

2.3.3. L’oggetto della procedura di selezione pubblica. Il c.d. doppio oggetto. Il termine dell’affidamento

2.4. La risoluzione del contratto di servizio e le modi­fiche soggettive

2.5. Il potere di controllo

2.5.1. Il controllo pubblico sulla società

2.5.2. Le altre disposizioni rilevanti

2.6. I patrimoni separati

2.7. Società miste non organismi di diritto pubblico

Art. 8. Acquisto di partecipazioni in società già costituite

Art. 9. Gestione delle partecipazioni pubbliche

Art. 10. Alienazione di partecipazioni sociali

Art. 11. Organi amministrativi e di controllo delle società a controllo pubblico

1. Le direzioni dei vincoli di finanza pubblica concer­nenti gli organismi partecipati

1.1. Servizi pubblici locali e vincoli di finanza pubbli­ca

1.2. Le direzioni dei vincoli di finanza pubblica

2. L’attuale regime normativo afferente il numero e il compenso degli amministratori

2.1. La disciplina civilistica

2.2. Le regole pubblicistiche. I limiti posti dall’art. 1, comma 725 e ss. ai compensi individuali

2.3. L’art. 4, comma 4 del d.l. 95/2012 come modifi­cato dall’art. 16 del d.l. 90/2014. Il limite ai com­pensi complessivi

2.4. Il limite indiretto stabilito dall’art. 1, comma 611 della legge 190/2014

2.5. La disciplina vincolistica posta dalla legge di sta­bilità 2016

3. La nuova disciplina vincolistica relativa al numero e ai compensi degli amministratori posta dall’art. 11 del TUSP

3.1. Il comma 8 dell’art. 11 del TUSP e il principio di onnicomprensività della retribuzione

3.2. La disciplina dell’art. 11 sul numero degli ammi­nitratori

3.3. La disciplina dell’art. 11 sulla valorizzazione del­la competenza degli amministratori e dei com­ponenti degli organi di controllo

3.4. La disciplina dell’art. 11 sul compenso degli am­ministra tori

3.5. Ulteriori facoltà e divieti eventualmente conte­nuti nelle norme

Art. 12. Responsabilità degli enti partecipanti e dei com­ponenti degli organi delle società partecipate

1. La giurisdizione contabile sulle società partecipate ante riforma introdotta dal TU

2. ... segue... prospettive di giurisdizione contabile sulle società partecipate post riforma introdotta dal TU

Art. 13. Controllo giudiziario sull’amministrazione di so­cietà a controllo pubblico

1. Premessa introduttiva

1.1. I controlli amministrativi interni

1.2. I controlli giudiziari

1.3. Il danno. Il problema della giurisdizione sulle so­cietà partecipate

1.4. La denunzia tra obbligo e vicinitas tra ente socio e amministratore

1.5. Le indicazioni normative di segno contrario

1.5.1. L’art. 30 della legge 161/2014

1.6. L’applicabilità alle società a responsabilità limi­tata

Art. 14. Crisi d’impresa di società a partecipazione pub­blica

Art. 15. Monitoraggio, indirizzo e coordinamento sulle società a partecipazione pubblica

Art. 16. Società in house

Art. 17. Società a partecipazione mista pubblico-privata

Art. 18. Quotazione di società a controllo pubblico in mercati regolamentati

Art. 19. Gestione del personale

1. L’evoluzione del regime assunzionale e della spesa di personale

1.1. I contenuti del regime vincolistico. Vincoli alle modalità assunzionali e vincoli quantitativi in materia di spesa di personale

1.2. Il riepilogo normativo

2. Il vincolo qualitativo attinente alle modalità assunzio­nali

2.1. Le modalità di estensione del vincolo

3. I vincoli di natura quantitativa all’assunzione di per­sonale

3.1. La disciplina ante legge 89/2014

3.2. Profili soggettivi. La graduazione della esten­sione automatica e i vari sistemi organizzativi dell’ente locale

3.3. Il superamento dell’estensione automatica. Le tappe del superamento

3.3.1. La modifica introdotta dall’art. 25, com­ma 2, lett. a), d.l. 1/2012, convertito in legge 27/2012: l’introduzione dell’art. 114, comma 5-bis del TUEL

3.3.2. Le modifiche apportate dalla legge 147/2013. L’esclusione dell’automatismo vincolistico

3.3.3. Il d.l. 66/2014 convertito in legge 89/2014

3.3.3.1. L’atto di indirizzo

3.3.4. Il definitivo superamento del principio con l’art. 3, comma 5 del d.l. 90/2014. La previsione del d.l. 113/2016

4. La disciplina vincolistica del personale introdotta dal TUSP

4.1. Profili oggettivi

4.2. Profili soggettivi

5. Il consolidamento e gli altri vincoli afferenti alla rein­ternalizzazione del personale

5.1. Le regole poste dalla nuova normativa

Art. 20. Razionalizzazione periodica delle partecipazioni

1. La direzione vincolistica della diminuzione delle so­cietà e degli organismi, enti, agenzie partecipati

1.1. La previsione dell’art. 9 del d.l. 95/2012 relativa ad enti, agenzie ed organismi

1.1.1. L’intervento della Corte costituzionale

1.2. Le previsioni inerenti alla razionalizzazione del­le società

1.2.1. La dismissione in base al criterio della strumentalità

1.2.2. La dismissione in base al criterio della va­lutazione dell’inerenza alle finalità istitu­zionali

1.2.3. La dismissione in base al criterio quanti­tativo. L’abrogato art. 14, comma 32 del d.l. 78/2010

1.2.4. La razionalizzazione ad opera della legge 190/2014

1.3. Il nuovo sforzo di razionalizzazione compiuto dal TUSP. La diminuzione degli organismi par­tecipati

Art. 21. Norme finanziarie sulle società partecipate dalle amministrazioni locali

Art. 22. Trasparenza

Art. 23. Clausola di salvaguardia

Art. 24. Revisione straordinaria delle partecipazioni

Art. 25. Disposizioni transitorie in materia di personale

Art. 26. Altre disposizioni transitorie

Art. 27. Coordinamento con la legislazione vigente

Art. 28. Abrogazioni

Allegato A. Società

Appendice

– TUSP: adempimenti e scadenze

– TUSP: schemi riepilogativi


Scrivi la tua recensione

Solo gli utenti registrati possono scrivere recensioni. Accedi oppure Registrati

Prodotti consigliati

Back to top