SERVIZIO CLIENTI 0541.628200  Lunedì - Venerdì / 8.30-17.30

Durante il mese di agosto le spedizioni potranno subire rallentamenti.

Le spedizioni riprenderanno regolarmente a partire dal 27 agosto 2018

Sconto 20%

L' invariante architettonico e urbano del poché

L' invariante architettonico e urbano del poché

Autori Chiara Toscani
Editore Maggioli Editore
Formato Cartaceo
Dimensione 13x19
Pagine 79
Pubblicazione Dicembre 2011 (1 Edizione)
ISBN / EAN 883876087X / 9788838760877
Collana Politecnica
da impostare

Prezzo Online:

9,00 €

7,20 €

Questo testo vuole occuparsi di un elemento della composizione architettonica non molto frequentemente rilevato ma interessante sia per la sua ricorrenza come invariante strutturale della sintassi progettuale, sia per la sua mutevole declinazione in specifiche epoche e architetture.
L'interesse per questo topos architettonico non è solo riconducibile ad una corretta restituzione filologica del termine stesso, ma è dettato dalla volontà di definire un importante tassello utile alla pratica compositiva, che assume una valenza più ampia se correlata ad un processo progettuale architettonico e urbano contemporaneo.
Questo testo, infatti, può essere letto come una sorta di premessa volta a chiarire alcune caratteristiche di questo termine, che può così essere utilizzato sia come chiave di lettura di figure ricorrenti nei tessuti della città contemporanea sia come strumento teorico e pratico utile alla composizione architettonica e urbana.
Infatti, nonostante le evoluzioni semantiche e formali che l'invariante del poché ha avuto nel tempo, il termine può essere riconducibile sia al concetto di residuo, avanzo, quindi immediamente collegabile a termini quali wasteful place e junkspace, spazi ambigui e informali, prodotti dai meccanismi di urbanizzazione contemporanea, sia più genericamente al concetto di spazio interstiziale, che può diventare, grazie alle proprietà di connettività, un ambivalente strumento compositivo del paesaggio contemporaneo.
Chiara Toscani, dottore di ricerca in Progettazione Architettonica e Urbana, assegnista di ricerca presso il Diap - Politecnico di Milano - e professore a contratto del Laboratorio di Progettazione Architettonica 3 presso il Politecnico di Milano. Tra le sue pubblicazioni: Forme del vuoto: spazi di transizione dall'architettura al paesaggio, Maggioli, Milano, 2011. Gio Ponti: un albergo in Val Martello, Alinea, Firenze, 2011.


Scrivi la tua recensione

Solo gli utenti registrati possono scrivere recensioni. Accedi oppure Registrati

Prodotti consigliati

Back to top