SERVIZIO CLIENTI 0541.628200  Lunedì - Venerdì / 8.30-17.30

Sconto 15%

PRO-OCCUPANCY

PRO-OCCUPANCY

Autori Elena Enrica Giunta
Editore Maggioli Editore
Formato Cartaceo
Dimensione 15x21
Pagine 100
Pubblicazione Aprile 2012 (1 Edizione)
ISBN / EAN 8838761167 / 9788838761164
Collana Politecnica

Design dei micrambienti urbani contemporanei: tra performatività dell'allestimento e appartenenze

Prezzo Online:

13,00 €

11,05 €

PRO-OCCUPANCY | Il testo restituisce riflessioni teoriche e strumenti elaborati all'interno di un percorso di ricerca dottorale che indaga il potenziale disciplinare applicato agli Interni Urbani.
A partire dall'osservazione di un cambio di habitus (anche connesso ad una serie di condizioni di base di recente modificazione: i.e. cultura globalizzata e massiccio uso delle ICT, nuovi tessuti relazionali, mixité sociale, forma e qualità dell'urbanizzazione), l'ipotesi di fondo è che siano osservabili comportamenti emergenti nell'uso e, ancora prima, nella concezione dello spazio. e dello spazio pubblico in particolare. Comportamenti che, se criticamente osservati e parametrizzati, possono fungere da importanti indicatori per la cultura del progetto.
Il designer è chiamato a rispondere a questa domanda di spazi plausibili, nei quail le "attrezzature" dello spazio possano agire ed essere agite, per assecondare i bisogni relazionali dei fruitori. un'attenta analisi fenomenologica di progetti esistenti sostiene questo scenario in cui il progettista è chiamato a immaginare e configurare spazi-processo, che si pongono alla stregua di script ambientali aperti, eseguibili nell'interazione creativa (fisica e di senso) con i fruitori. Si identifica nella nozione di performatività una dimensione affatto originale, cruciale per una percezione positiva da parte dell'utente finale (nda. effiacacia progettuale): questo "parametro" identifica una "vocazione" dello spazio che supera l'idea di esperienza per comprendere anche altre dimensioni del bisogno associato allo spazio quali prestazione, narrazione, emozione.
Esperienze progettuali e didattiche successive hanno validato le nozioni proposte in ambiti applicativi d'Interni tout court.

Elena Enrica Giunta | designer e arteterapeuta (socia Artea dal 2007. iscritta all'Apiart dal 2012).
Collabora con il dipartimento INDACO della School of Design (Politecnico di Milano) come docente a contratto e assegnista di ricerca. lavora prevalentemente con il gruppo dHoc (interior design for Hospitable cities) e con l'unità di ricerca DeCH (Design for Cultural Heritage). Dal 2007 partecipa all'attività didattica internazionale del gruppo GIDE (Group of International Design Education). nel 2010, consegue il PhD in Design e Comunicazione Multimediale.
Il suo interesse di ricerca spazia dal progetto d'interni (comprendendone le dimensioni immateriali e il portato simbolico), alla valorizzazione dei BBCC. si è occupata di allestimento, grafica e strategie di valorizzazione territoriale.

Principali pubblicazioni sul tema | "Città * società = scenari di cambiamento. Microambienti urbani tra arte e design" in Transitional Spaces. 2011. Vienna: TRANS URBAN. ʺ.Urban interiors. Artificial territories. Designing "spatial script" for Relational Fieldʺ. in IDEAjournal 2009: Interior Territories. Melbourne. ʺ.La casa del mago.ʺ. in Fassi, D. Giunta E.E. and A.Rebaglio (a cura di) 2009. Sustainable mobility. Milano: Maggioli. ʺ.Sostenibilità come premessa. Creatività come metodo. Innovazione come obiettivo.ʺ. in Fassi, D. and F.Scullica (a cura di) 2008. The hospitable city. Milano: Maggioli. ʺ.Everyday exhibiting: contemporary exhibition best practisesʺ. in AA.VV. 2008. Places and themes of interiors. Contemporary research worldwide. Milano: Franco Angeli.


Scrivi la tua recensione

Solo gli utenti registrati possono scrivere recensioni. Accedi oppure Registrati

Prodotti consigliati

Back to top