SERVIZIO CLIENTI 0541.628242 Lunedì - Venerdì / 8.30-17.30

Sconto 15%

Filtro in appello: come applicare la riforma

Filtro in appello: come applicare la riforma

Autori Mauro Mocci
Editore Maggioli Editore
Formato Cartaceo
Dimensione 17x24
Pagine 180
Pubblicazione Novembre 2013 (1 Edizione)
ISBN / EAN 8891600520 / 9788891600523
Collana Collana Legale

Con casi giurisprudenziali

Prezzo Online:

22,00 €

18,70 €

L'opera, aggiornata alla recente giurisprudenza, tratta nel dettaglio le particolarità di questo nuovo istituto introdotto per filtrare le eventuali cause di appello.
Dopo l'inquadramento dell'istituto e il commento delle implementazioni a livello procedurale sia per il magistrato che per l'avvocato, si passano in rassegna alcune pronunce che illustrano le particolarità nella struttura dell'atto e soprattutto le considerazioni del magistrato preposto a valutare l'ammissibilità dell'appello.
Il nuovo istituto, introdotto dal D.L. 22 giugno 2012 n. 83, convertito con modifiche nella L. 7 agosto 2012 n. 134, da un lato ha inciso sull'ammissibilità dei nuovi mezzi di prova in appello, ora esclusa del tutto. dall'altro, ha ristretto la proponibilità del ricorso per Cassazione. Tutto ciò per snellire nel tempo il carico di lavoro delle Corti.
Per il momento, ad un anno dalla sua entrata in vigore, è evidente che il filtro, proprio per la sua applicabilità ai processi iscritti dal 12 settembre 2012 - se annullerà il tempo del secondo grado rispetto alle cause dichiarate inammissibili - rispetto alle cause che supereranno il vaglio di ammissibilità produrrà effetti solo nel medio-lungo periodo.
- La situazione delle Corti d'Appello al momento della riforma
- La riforma nei suoi aspetti essenziali
- Le sezioni-filtro
- Operatività della riforma
- I provvedimenti impugnabili
- La duplicità del filtro
- L'art. 342 c.p.c. nella versione attuale
- L'art. 342 c.p.c. nella versione precedente e le sue interpretazioni
- Le ipotesi a metà strada
- L'art. 348 bis c.p.c.
- Aspetti pratici della riforma
- Il peso della consulenza tecnica d'ufficio di fronte alle declaratorie d'inammissibilità dell'appello
- L'eccezione ex art. 348 bis c.p.c.
- L'inciso "sentite le parti"
- Il rispetto del contraddittorio
- Le cause di vecchio rito
- Conseguenze della riforma
- Nuove modalità per la predisposizione dell'atto di appello
- L'impostazione dell'ordinanza
- L'ordinanza ex art. 348 bis c.p.c. come schema di una sentenza
- La struttura dell'ordinanza ex art. 348 bis c.p.c.
- Il problema delle spese
- Le possibili valutazioni della Corte di Cassazione
- Il giudizio di appello come revisio prioris instantiae
- Il giudizio di rinvio
- Condizioni per la realizzazione della riforma
- L'attività del giudice e l'organizzazione delle singole sezioni della Corte d'Appello
- La funzione della cancelleria
Mauro Mocci
Consigliere della Corte d'Appello di Brescia.
Autore di articoli su riviste giuridiche.


Scrivi la tua recensione

Solo gli utenti registrati possono scrivere recensioni. Accedi oppure Registrati

Prodotti consigliati

Back to top