SERVIZIO CLIENTI 0541.628200  Lunedì - Venerdì / 8.30-17.30

Informiamo i clienti che l’ecommerce Maggioli Editore è operativo,
gli ordini di volumi disponibili in magazzino vengono evasi in 48 ore lavorative



Emergenza Covid-19: si comunica che le spedizioni verso le province di Bergamo, Brescia, Cremona e i comuni di 40059 Medicina (BO), 64030 Montefino (TE), 64031 Arsita (TE), 64033 Bisenti (TE), 64034 Castiglione Messer Raimondo (TE), 64035 Castilenti (TE), 65010 Elice (PE), 83031 Ariano Irpino (AV), 84030 Caggiano (SA), 84030 Atena Lucana (SA), 84031 Auletta (SA), 84035 Polla (SA), 84036 Sala Consilina (SA), 85047 Moliterno (PZ), 86016 Riccia (CB), 87038 San Lucido (CS), 87054 Rogliano (CS), 87056 Santo Stefano di Rogliano (CS), 89064 Montebello Jonico (RC), 04022 Fondi (LT), 02043 Contigliano (RI), sono temporaneamente sospese. 

Sconto 5%

Infrastrutture innogenetiche

Infrastrutture innogenetiche

Autori Di Girolamo Claudia
Editore Maggioli Editore
Formato Cartaceo
Dimensione 16x22
Pagine 192
Pubblicazione Settembre 2014 (1 Edizione)
ISBN / EAN 889160416X / 9788891604163
Collana Politecnica

Spazi catalitici per uno sviluppo urbano sostenibile

Prezzo Online:

20,00 €

19,00 €

Ordina ora per avere:
Ricezione entro 48h
Spedizione in 48h
Paga alla consegna senza costi aggiuntivi
Paga alla consegna senza costi aggiuntivi
Spedizione Gratuita

Profilo
Claudia Di Girolamo è Dottore di ricerca in architettura e urbanistica, titolo conseguito allo IUAV di Venezia nel 2013 con un corso dottorato di valenza europea. Dal 2008 svolge attività di ricerca e supporto alla didattica principalmente presso il Dipartimento d'Architettura dell'Università G. d'Annunzio di Pescara. È stata ed è coinvolta in programmi di ricerca presso il Dipartimento di Bioscienze e Territorio dell'Università del Molise.
Il suo interesse prevalente è rivolto al tema delle infrastrutture e del progetto urbano, indagando in particolare il ruolo morfogenetico e di leva per lo sviluppo delle reti all'interno della città esistente. Più recentemente si è occupata della ricostruzione post sisma in Abruzzo, declinando tra l'altro il tema delle infrastrutture nei territori dell'emergenza e nei centri urbani in abbandono. Il percorso di ricerca teorica è stato affiancato dall'attività di sperimentazione soprattutto nell'ambito di numerosi workshop internazionali e concorsi di progettazione urbana.

E' lo spazio intermedio tra infrastrutture e città al centro della ricerca di dottorato, da cui trae origine la presente pubblicazione. La prospettiva esplorata si muove nel campo delle infrastrutture fisiche come spazio di possibile innovazione nel rapporto tra reti e aree di prossimità, tra spazi dei flussi e spazi stratificati localmente. Valuta la praticabilità delle strategie applicate in diversi casi nazionali e internazionali, rilette criticamente attraverso la loro capacità d'innovazione delle relazioni di contesto. Muovendo da questa base delinea alcuni indirizzi d'intervento e temi che dovrebbero essere riconosciuti in particolare all'interno della istituenda Agenda Urbana europea e nazionale, al fine di promuovere azioni innovative per la rigenerazione della città esistente attraverso il miglioramento contestuale delle reti infrastrutturali e delle relazioni con i loro spazi di prossimità.
L'attenzione è rivolta a una nuova nozione di progetto urbano, ancora declinata sul versante dei rapporti tra infrastrutture e città, ma con l'esplicito intento di produrre innovazioni mirate al miglioramento della vivibilità e del senso degli spazi attraversati (ecologie relazionali), della qualità morfologica e funzionale (innovazioni di contesto), della fattibilità dei programmi (innovazioni di processo).


Scrivi la tua recensione

Solo gli utenti registrati possono scrivere recensioni. Accedi oppure Registrati

Libri consigliati

Back to top