Architettura dello sport

 
Prezzo speciale 17,10 €
SCONTO 5%
5%
Anzichè 18,00 €
Disponibile

Autori Emilio Faroldi (a cura di)

Autori Emilio Faroldi (a cura di)
Pagine 290
Data pubblicazione Aprile 2019
ISBN 8891626882
ean 9788891626882
Tipo Cartaceo
Collana Politecnica
Editore Maggioli Editore
Dimensione 14,5x22,5
  • Spedizione in 48h
  • Paga alla consegna senza costi aggiuntivi

Autori Emilio Faroldi (a cura di)

Autori Emilio Faroldi (a cura di)
Pagine 290
Data pubblicazione Aprile 2019
ISBN 8891626882
ean 9788891626882
Tipo Cartaceo
Collana Politecnica
Editore Maggioli Editore
Dimensione 14,5x22,5

La storia delle civiltà e dei luoghi trasmette l’importanza del ruolo che la cultura dello sport e la gestione colta del tempo libero rivestono nella definizione dell’identità dei popoli e delle comunità. Eleggere tali ambiti a beni culturali da condividere e valorizzare, analizzando le dinamiche di trasformazione della città e del territorio a essi connessi, rappresenta azione consapevole, necessaria ed eticamente corretta. Il contesto dell’architettura esibisce sempre più operazioni trasformative e di insediamento delle strutture multi e poli funzionali sportive, aventi un ruolo determinante e strutturale nella configurazione dei tessuti urbani e del paesaggio. L’attivazione di un dibattito teorico, di base e permanente, rappresenta l’atto fondamentale e strategico per la credibilità e professionalità di un settore che comunica con forza l’esigenza di riammodernare e riqualificare i quadri tecnici, dirigenziali e manageriali tramite un rinnovato approccio culturale.
Il volume intende promuovere un’azione di sensibilizzazione e promozione volta alla valorizzazione progettuale dell’infrastrutturazione sportiva, in qualità di bene collettivo promotore identitario di senso civico, attraverso l’analisi dei fattori fisici, immateriali e delle figure atte alla gestione della loro ideazione, costruzione e gestione. Nella sfera dell’architettura contemporanea, la progettazione di opere destinate alla pratica sportiva, offre un’opportunità straordinaria di adattamento e rivalutazione dinamica dell’ambiente e dei suoi luoghi paradigmatici. L’infrastruttura sportiva costituisce, altresì, un’importante occasione di sperimentazione architettonica, progettuale e tecnologica: radiografarne l’anima e valorizzarne le potenzialità rappresenta il principale obiettivo del presente lavoro.

Emilio Faroldi (1961), architetto, concentra la propria attività nell’ambito della progettazione architettonica e tecnologica.
Ha partecipato a numerosi concorsi di progettazione ricevendo premi e menzioni. Ha realizzato opere in Italia e all’estero, alcune delle quali sono state pubblicate nelle principali riviste di settore. Professore Ordinario presso il Politecnico di Milano, svolge attività didattica e di ricerca occupandosi di tematiche inerenti il progetto di architettura, con particolare interesse ai rapporti che intercorrono tra ideazione, progettazione e costruzione dell’architettura, e al suo ruolo in ambito didattico. Ha organizzato convegni, corsi di formazione e seminari di progettazione internazionali. Autore di numerose pubblicazioni, ha presieduto e coordinato, per oltre un decennio, i corsi di studio in Scienze dell’Architettura e Progettazione dell’Architettura presso il Politecnico di Milano. Attualmente è Editor in Chief della rivista scientifica TECHNE_Journal of Technology for Architecture and Environment, e Direttore del Master Universitario di II livello in Progettazione Costruzione Gestione delle Infrastrutture Sportive. Professore della International Academy of Architecture, dal gennaio 2017 è Prorettore Delegato del Politecnico di Milano.

Progettazione costruzione gestione delle infrastrutture sportive

Scrivi la tua recensione
Stai recensendo:Architettura dello sport