Aura di Bovisa

Produzione Conoscenza Figurazione
Prezzo speciale 26,60 €
SCONTO 5%
5%
Anzichè 28,00 €
Disponibile

Autori Giorgio Fiorese

Pagine 150
Data pubblicazione Aprile 2022
Data ristampa
ISBN 8891655790
ean 9788891655790
Tipo Cartaceo
Sottotitolo Produzione Conoscenza Figurazione
Collana Politecnica
Editore Maggioli Editore
Dimensione 26x26
  • Spedizione in 48h
  • Paga alla consegna senza costi aggiuntivi
  • Spedizione gratuita

Autori Giorgio Fiorese

Pagine 150
Data pubblicazione Aprile 2022
Data ristampa
ISBN 8891655790
ean 9788891655790
Tipo Cartaceo
Sottotitolo Produzione Conoscenza Figurazione
Collana Politecnica
Editore Maggioli Editore
Dimensione 26x26
Bovisa nasce 140 anni fa, con le fabbriche sorte a fianco delle ferrovie, quella di Giuseppe Candiani tra le prime.

È la culla della chimica italiana, tra le più importanti al mondo.

Si aggiungono poi altre produzioni, come la meccanica, e, a inizio ‘900, l’Officina del gas, coi gasometri.

Poche le abitazioni: lì si lavora.

Nei ‘70, Bovisa – cresciuta in seguito a questa prima configurazione – inizia a decadere.

Negli stessi anni, al Politecnico – che non può ampliarsi a Città studi – la Regione Lombardia propone un nuovo Polo a Gorgonzola.

In alternativa a questo intento, alcuni docenti-architetti dello stesso Ateneo ne ipotizzano la localizzazione a Bovisa: dapprima su un’area industriale dismessa, poi sull’area dei gasometri, ormai in abbandono.

Vinceranno, e nei primi ’90 il Politecnico inizia a riattare lì opifici in disuso.

Sono tutte queste vicende - prima di sviluppo, poi d’abbandono - a indurre e sollecitare la manifestazione di molte forme artistiche: oltre che dell’architettura, del romanzo (Olmi e Testori), del teatro (Ronconi e Testori), della pittura (Tettamanti e Treccani, Guaitamacchi e Mucchi), della fotografia (Bussolati, Campi, Radino, Salvati, Topuntoli) e, finalmente, la sintesi poetica di un inclassificabile, John Hejduk.

Bovisa nasce 140 anni fa, con le fabbriche sorte a fianco delle ferrovie, quella di Giuseppe Candiani tra le prime.

È la culla della chimica italiana, tra le più importanti al mondo.

Si aggiungono poi altre produzioni, come la meccanica, e, a inizio ‘900, l’Officina del gas, coi gasometri.

Poche le abitazioni: lì si lavora.

Nei ‘70, Bovisa – cresciuta in seguito a questa prima configurazione – inizia a decadere.

Negli stessi anni, al Politecnico – che non può ampliarsi a Città studi – la Regione Lombardia propone un nuovo Polo a Gorgonzola.

In alternativa a questo intento, alcuni docenti-architetti dello stesso Ateneo ne ipotizzano la localizzazione a Bovisa: dapprima su un’area industriale dismessa, poi sull’area dei gasometri, ormai in abbandono.

Vinceranno, e nei primi ’90 il Politecnico inizia a riattare lì opifici in disuso.

Sono tutte queste vicende - prima di sviluppo, poi d’abbandono - a indurre e sollecitare la manifestazione di molte forme artistiche: oltre che dell’architettura, del romanzo (Olmi e Testori), del teatro (Ronconi e Testori), della pittura (Tettamanti e Treccani, Guaitamacchi e Mucchi), della fotografia (Bussolati, Campi, Radino, Salvati, Topuntoli) e, finalmente, la sintesi poetica di un inclassificabile, John Hejduk.

Scrivi la tua recensione
Stai recensendo:Aura di Bovisa