CASA DI LAVORO DEI CIECHI DI GUERRA

 
Prezzo speciale 9,50 €
SCONTO 5%
5%
Anzichè 10,00 €
Disponibile

Autori Alberto Coppo

Autori Alberto Coppo
Pagine 64
Data pubblicazione Febbraio 2017
ISBN 8891620828
ean 9788891620828
Tipo Cartaceo
Collana Politecnica
Editore Maggioli Editore
Dimensione 13x23
  • Spedizione in 48h
  • Paga alla consegna senza costi aggiuntivi

Autori Alberto Coppo

Autori Alberto Coppo
Pagine 64
Data pubblicazione Febbraio 2017
ISBN 8891620828
ean 9788891620828
Tipo Cartaceo
Collana Politecnica
Editore Maggioli Editore
Dimensione 13x23

Nel creare dispositivi spaziali che parlino alle persone che vi abitano e con i quali interagiscono, il progettista definisce un codice senza regole predefinite in cui è tutto traducibile in termini di semplice complessità, intellegibile e immediata, offrendo una personale soluzione ai problemi che la modernità pone; nella prima metà del Novecento la perdita di punti di riferimento e il mancato riutilizzo di un rassicurante apparato stilistico obbligano a ricercare approcci diversificati: Aschieri sembra
riassumerli tutti nella Forma, nell’accezione di un materiale progettuale che struttura e qualifica la realtà, gli dà significato e la rende riconoscibile. Il Progetto del Moderno intende annodare le trame di una rete estesa al XX secolo, composta da una serie di episodi architettonici particolarmente significativi, inseriti nel proprio contesto storico e culturale. Il senso è quello di delineare un percorso di ricerca multidirezionale verso una concezione amplificata della modernità quale spirito critico permanente
del proprio tempo. 

Alberto Coppo è architetto e dottorando di Storia dell’Architettura presso il Dipartimento di Storia, Disegno e Restauro dell’Architettura, dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”. Il presente contributo è parte della ricerca di dottorato in corso sulla figura di Pietro Aschieri (1889-1952) all’interno del contesto architettonico romano e italiano tra le due guerre.

*

Scrivi la tua recensione
Stai recensendo:CASA DI LAVORO DEI CIECHI DI GUERRA