SERVIZIO CLIENTI 0541.628200  Lunedì - Venerdì / 8.30-17.30

Digital Italy 2018

Digital Italy 2018

Autori Enrico Acquati
Editore Maggioli Editore
Formato Cartaceo
Dimensione 17x24
Pagine 390
Pubblicazione Novembre 2018 (3 Edizione)
ISBN / EAN 8891631770 / 9788891631770
Collana I fuori collana

BUILDING A DIGITAL NATION
Prefazione diROBERTO MASIERO Presidente di The Innovation Group

Prezzo Online:

35,00 €

Se acquisti questo prodotto, ti mancano 10,00€ per avere la spedizione gratuita

La terza edizione del rapporto “Digital Italy” sviluppa e approfondisce i temi legati all’evoluzione delle tecnologie digitali e dell’innovazione nel Paese, seguendo il percorso iniziato tre anni fa, sempre con l’obiettivo di fornire spunti ed elementi di riflessione alla classe politica e a tutti gli stakeholder del processo di sviluppo e trasformazione del Paese; le tecnologie digitali già oggi giocano un ruolo determinante nei processi di sviluppo dei Paesi e delle loro economie, essendo ormai un fattore competitivo decisivo e sempre più determinante nell’abilitare le trasformazioni dei processi e dei fenomeni che già caratterizzano, e sempre più caratterizzeranno, lo sviluppo delle economie stesse.

In questo ambito è riconosciuto, anche a livello internazionale, che l’Italia presenta significative criticità e ampi margini di miglioramento, per quanto riguarda sia il mondo delle imprese, sia quello della Pubblica Amministrazione: la diffusione delle tecnologie digitali e dei loro effetti innovativi deve divenire uno dei principali obiettivi che responsabili d’azienda e di organismi pubblici devono porsi; è evidente che questo processo deve essere accompagnato anche da indirizzi di tipo politico. Per questa ragione l’iniziativa “Digital Italy” di The Innovation Group intende mettere a disposizione dei decisori na- zionali analisi e riflessioni sui temi del digitale e dell’innovazione, nell’ottica appunto di favorirne la crescita.

Lo studio affronta il tema del mercato digitale in Italia, discutendone dimensioni e trend, ed evidenziando come il modello di acquisto delle tecnologie da parte delle imprese stia cambiando orientandosi verso i servizi, di cui il principale, in termini di investimenti, è il cloud computing. Proprio nella prospettiva dello sviluppo, lo studio si sofferma sul ruolo che le città, e specialmente le città metropolitane, possono avervi a condizione che le Pubbliche Amministrazioni svolgano un ruolo di guida e supporto attivo e che, a loro volta, si orientino verso un uso più proficuo e diffuso delle tecnologie digitali. I processi di cui si tratta hanno forti impatti sia sul mondo del lavoro sia su quello della formazione, sui quali lo studio discute le criticità e le aree di intervento, così come sul tema cruciale delle governace dei processi di cui si tratta, proponendone un modello. La tecnologia fa ovviamente da sfondo alla trattazione dei singoli temi e se ne evidenziano da un lato le possibilità d’uso, dall’altro le possibili criticità dovute al suo impetuoso sviluppo.

Sui differenti temi lo studio formula delle ipotesi di intervento e delle raccomandazioni a tutti gli interessati alla trasformazione digitale del Paese, proponendo uno scenario sistematico e integrato.

Hanno fornito il loro sostegno alla realizzazione del progetto Digital Italy 2018:
• Avaya • Cyberark • DXC Technology • Exprivia-Italtel • Google • Gruppo Maggioli
• Hexagon • Iconsulting • Indra • Infocamere • Microsoft • Microstrategy • Nutanix
• Oracle • Salesforce • The Boston Consulting Group

Parte I - MERCATI, TERRITORI E POLITICHE NELL'ERA DIGITALE
1. Il mercato digitale e l'economia dei dati in Italia
1.1 Introduzione 
1.2 Un quadro del Mercato Digitale Italiano 
1.2.1 Il panorama degli ultimi 10 anni 
1.2.2 L'IT tradizionale 
1.2.3 Le TLC tradizionali 
1.2.4 Il "Boom" NDT 
1.3 Lo stato attuale della Trasformazione Digitale 
1.3.1 L'economia dei dati 
1.3.1.1 La teoria 
1.3.1.2 Le implicazioni 
1.4 Riflessioni sul panorama italiano 
1.4.1 Le competenze 
1.4.2 L'iniziativa privata e gli stimoli della Pubblica Amministrazione 
1.5 Conclusione
2. Città metropolitane, territorio e politiche industriali 
2.1 Introduzione 
2.2 La teoria del Network View of Development 
2.3 Città metropolitane, Innovazione e Sviluppo 
2.3.1 Il caso di Bari 
2.3.2 Il caso di Roma 
2.3.3 Il caso di Milano 
2.4 Pubblica Amministrazione e Politiche Industriali 
2.5 Conclusione 
Bibliografia 
Parte II - NASCONO I NUOVI ECOSISTEMI DIGITALI
3. La trasformazione digitale nelle imprese 
3.1 Introduzione 
3.2 I domini della trasformazione digitale 
3.3 La situazione delle imprese italiane 
3.4 Alcuni elementi di prospettiva 
3.5 Le possibili strategie 
3.6 Conclusioni 
4. L'ecosistema digitale e-api di Enel 
4.1 Introduzione 
5. Beni culturali, turismo e digitale 
5.1 Introduzione 
5.2 Turismo, beni culturali e digitale: il contesto europeo 
5.3 L'offerta turistica italiana: criticità e potenziali ambiti di intervento dello strumento digitale 
5.3.1 Il turismo "mordi e fuggi": la necessità di creare percorsi "emozionali"
5.3.2 L'Italia minore e la mancata valorizzazione del patrimonio culturale: lo storytelling
5.3.3 La concentrazione territoriale 
5.3.4 Cambiamenti 
5.4 Turismo, beni culturali e digitale 
5.4.1 L'ecosistema digitale 
5.4.2 Visioni e azioni 
5.5 Governance 
5.6 Conclusione 
Parte III - PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E IL GOVERNO DELL'INNOVAZIONE
6. Il futuro del governo dell'innovazione digitale 
6.1 Introduzione 
6.2 Piani e strategie per il governo dell'innovazione: lo stato dell'arte 
6.2.1 Progressi e criticità di Impresa 4.0 
6.2.2 Pubblica Amministrazione e digitale: qualche passo avanti? 
6.2.3 Il futuro del Piano BUL: serve continuità 
6.3 Governare a livello nazionale l'innovazione digitale: come fare?  
6.3.1 Excursus sui modelli di governo dell'innovazione in Europa e nel mondo 
6.4 Ma all'Italia serve un Ministro per l'Innovazione Digitale? 
6.5 Governo locale dell'innovazione in Italia 
6.6 Il dato come strumento per il governo del territorio 
6.7 Conclusione 
7. Il governo dell'innovazione: un modello di riferimento per i territori
7.1 Introduzione 
7.2 Cosa si intende per "governo"
7.3 Cosa si intende con "innovazione"
7.4 Il governo dell'innovazione 
7.5 Le leve per il governo territoriale 
7.6 La costituzione di "sistemi territoriali"
7.7 Un'ipotesi applicativa dell'approccio al "governo" dell'innovazione
8. 2018, il punto sulla sfida digitale nella Pubblica Amministrazione
8.1 Il ritardo italiano nel digitale
8.2 Tre ragioni di fondo
8.3 Le istituzioni e la governance
8.4 I saperi e il ruolo. Per un corpo di "riformatori per l'Italia digitale"
8.5 I principali indirizzi di carattere strategico 
8.6 Le urgenze principali 
8.7 Una citazione, a mo' di conclusione 
9. Digitale: non fatto tecnologico ma chiave per la riorganizzazione, l'efficienza e la partecipazione civica
9.1 Introduzione 
Parte IV - LAVORO E COMPETENZE: AGGREDIRE IL DIGITAL SKILL MISMATCH
10. Innovazione digitale e lavoro  
10.1 Introduzione 
10.2 L'estensione della trasformazione digitale 
10.3 Uno scenario di sintesi tra situazione attuale e tendenze 
10.3.1 Le ragioni di un approccio di sistema 
10.3.2 Alcune criticità: un Paese a più velocità nell'impresa e nel lavoro 
10.3.3 Tra Sharing e Gig Economy: alcuni cambiamenti già in atto per il lavoro 
10.3.4 Un approccio di sistema tra pubblico e privato 
10.3.5 Imprese, lavoro, welfare 
10.4 Il digitale modifica le catene del valore: impresa e lavoro 
10.4.1 Le modifiche produttive 
10.4.2 Le modifiche nelle relazioni 
10.4.3 Le modifiche nelle funzioni 
10.4.4 Lavoro e formazione 
10.4.5 I servizi all'impiego 
10.4.6 Gli aspetti contrattuali 
10.4.7 Le relazioni sociali 
10.5 Un ecosistema nazionale 
10.6 Una roadmap per l'innovazione digitale e il lavoro 
11. Educazione, formazione e competenze nell'era digitale 
11.1 Introduzione 
11.2 Educazione e formazione: un falso dilemma 
11.3 L'innovazione digitale alla base della ricomposizione del sistema formativo 
11.4 Adeguare i programmi ma anche i soggetti della scuola 
11.5 Alternanza scuola-lavoro 
11.6 Gli ITS 
11.7 L'Università 
12. Lo scenario del non profit in Italia 
12.1. Introduzione 
12.2 Un quadro generale del non profit 
12.2.1. Le istituzioni del non profit e le sue componenti 
12.2.2. La forma giuridica 
12.2.3. Settore di attività prevalente 
12.2.4 .Il Codice del Terzo Settore 
12.3 ICT e settore Non Profit 
12.3.1 . Il sito web e le sue funzionalità 
12.3.2 . I social media 
12.3.3 . La newsletter 
12.3.4 . Il Fundraising digitale 
12.4 Il Digital Divide 
12.5 Conclusione 
Parte V - L'INNOVAZIONE TECNOLOGICA COME CONDIZIONE ABILITANTE
13. Il futuro delle tecnologie digitali 
13.1 Introduzione 
13.2 Sommario del Capitolo: Previsioni, Tecnologie, Applicazioni, Mercati 
13.3 Reti di telecomunicazione: le infrastrutture Fixed e Mobile 
13.4 Tecnologie di virtualizzazione e profilazione delle reti 
13.5 Internet of Things, Machine to Machine, Edge/Fog Computing 
13.6 Cloud, Piattaforme Digitali e Tecnologia Blockchain 
13.7 Intelligenza Artificiale, Big Data, Robotica e Quantum Computing 
13.8 Economia digitale: nuovi Paradigmi di Relazione, nuovi Modelli di Business 
13.9 Trasformazione digitale: nuova cultura, nuove organizzazioni, non solo ICT 
13.10 Digitalizzazione della PA, cultura dell'accesso e semplicità di fruizione 
13.11 Il lato oscuro della Forza 
13.12 Conclusione 
14. La cybersecurity nel Sistema Paese 
14.1 Introduzione 
14.2 La necessità di una strategia pubblico-privato per l'Italia 
14.3 Modelli virtuosi di collaborazione per la cybersecurity 
14.4 Evoluzione del quadro regolamentare 
14.5 Un caso esemplare di collaborazione 
14.6 Conclusione 
Parte VI - LE ESPERIENZE INTERNAZIONALI
15. Estonia: a digital society in theory and practice 
15.1 Introduzione 
16. Regno Unito: il modello britannico dell'innovazione digitale 
17. Svezia: la Svezia e la digitalizzazione 
Parte VII - BUILDING A DIGITAL NATION - INDICAZIONI DI POLICY
18. Linee per politiche di innovazione digitale 
18.1 Premessa 
18.2 Gli aspetti istituzionali 
18.3 La Pubblica Amministrazione 
18.4 Il territorio 
18.5 L'impresa 
18.6 Il lavoro 
18.7 La formazione 
18.8 La tecnologia 
18.9 La security 
Le aziende partner di Digital Italy 2018
- I contributi delle aziende partner
Quale percorso verso la Secure Digital Transformation?
Trasformazione Digitale
Microsoft Italia e la trasformazione digitale in atto nel mondo della PA
Nutanix e la Digital Transformation: semplificare e armonizzare le attività del data center per l’era multi-cloud
- I profili delle aziende partner
Avaya
DXC Technology
Exprivia – Italtel
Gruppo Maggioli
Indra
Infocamere
Microsoft
Nutanix
Oracle
Salesforce
The Boston Consulting Group


Scrivi la tua recensione

Solo gli utenti registrati possono scrivere recensioni. Accedi oppure Registrati

Libri consigliati

Back to top