Facebook Pixel

+ Digitale – Corruzione + Democrazia

La trasformazione digitale della pubblica amministrazione
25,00 €
Disponibile

Autori Paolo Coppola

Pagine 184
Data pubblicazione Febbraio 2022
Data ristampa
ISBN 8891657558
ean 9788891657558
Tipo Cartaceo
Sottotitolo La trasformazione digitale della pubblica amministrazione
Collana Apogeo Education
Editore Maggioli Editore
Dimensione 17x24
  • Spedizione in 48h
  • Paga alla consegna senza costi aggiuntivi

Autori Paolo Coppola

Pagine 184
Data pubblicazione Febbraio 2022
Data ristampa
ISBN 8891657558
ean 9788891657558
Tipo Cartaceo
Sottotitolo La trasformazione digitale della pubblica amministrazione
Collana Apogeo Education
Editore Maggioli Editore
Dimensione 17x24
La digitalizzazione della PA è lo strumento per eccellenza nella lotta alla corruzione, in tutte le sue mille declinazioni e sfaccettature.

La corruzione, infatti, prospera nell’opacità, mentre una corretta digitalizzazione porta trasparenza.

La corruzione sfrutta le ambiguità normative e procedimentali, mentre una corretta digitalizzazione porta alla totale formalizzazione dei procedimenti; e la totale formalizzazione dei procedimenti elimina le ambiguità e riduce quindi l’arbitrio e l’incertezza.

La corruzione vive di scarsità di controlli, mentre la corretta digitalizzazione permette di potenziarli, poiché non solo aumenta la trasparenza, come già si è detto, ma rende possibile automatizzare alcuni di questi, riducendo così il potere del singolo sugli atti, a favore di un controllo totale e a monte.

La lotta per la digitalizzazione della Pubblica Amministrazione è anche una lotta per l’uguaglianza e per la democrazia, a favore di un potere distribuito.

Paolo Coppola
Classe 1973, sposato, due figlie, laureato in Scienze dell’Informazione con il massimo dei voti e la lode, ha un Dottorato di Ricerca in Informatica ed è Professore associato di Informatica all’Università degli Studi di Udine. Nel tempo ha insegnato programmazione, tecnologie web, informatica per gli archivi e le biblioteche, ingegneria del software, sistemi informativi aziendali e data warehouse, digitalizzazione delle imprese e della Pubblica Amministrazione e informatica e diritto. Ha tenuto seminari presso i Master dell’Università di Ferrara, della Bologna Business School e del Politecnico di Milano.

La digitalizzazione della PA è lo strumento per eccellenza nella lotta alla corruzione, in tutte le sue mille declinazioni e sfaccettature.

La corruzione, infatti, prospera nell’opacità, mentre una corretta digitalizzazione porta trasparenza.

La corruzione sfrutta le ambiguità normative e procedimentali, mentre una corretta digitalizzazione porta alla totale formalizzazione dei procedimenti; e la totale formalizzazione dei procedimenti elimina le ambiguità e riduce quindi l’arbitrio e l’incertezza.

La corruzione vive di scarsità di controlli, mentre la corretta digitalizzazione permette di potenziarli, poiché non solo aumenta la trasparenza, come già si è detto, ma rende possibile automatizzare alcuni di questi, riducendo così il potere del singolo sugli atti, a favore di un controllo totale e a monte.

La lotta per la digitalizzazione della Pubblica Amministrazione è anche una lotta per l’uguaglianza e per la democrazia, a favore di un potere distribuito.

Paolo Coppola
Classe 1973, sposato, due figlie, laureato in Scienze dell’Informazione con il massimo dei voti e la lode, ha un Dottorato di Ricerca in Informatica ed è Professore associato di Informatica all’Università degli Studi di Udine. Nel tempo ha insegnato programmazione, tecnologie web, informatica per gli archivi e le biblioteche, ingegneria del software, sistemi informativi aziendali e data warehouse, digitalizzazione delle imprese e della Pubblica Amministrazione e informatica e diritto. Ha tenuto seminari presso i Master dell’Università di Ferrara, della Bologna Business School e del Politecnico di Milano.

Prefazione, di Franco Bassanini
Introduzione
1. Digitale
2. Il contesto
2.1. Potenza di calcolo
2.1.1. La legge di Moore
2.1.2. Cervelloni elettronici
2.2. Le reti
2.3. L’apprendimento delle macchine
2.4. Il cambiamento dell’economia e del lavoro
3. La Pubblica Amministrazione
3.1. Poca cultura
3.2. La digitalizzazione dell’esistente
3.3. Il conflitto d’interessi degli intermediari
3.4. La mancanza di domanda politica
3.5. Imparare dagli errori del passato
3.6. La cultura del dato
3.7. La PA e il mercato ICT
3.8. La corruzione
3.9. La strategia italiana
4. La transizione alla modalità digitale
4.1. Il Responsabile per la transizione digitale
4.2. Il compito di riorganizzazione
4.3. Gli aspetti tecnologici
4.3.1. La sicurezza
4.3.2. L’accessibilità
4.3.3. Interoperabilità
4.4. Il ruolo di referente
4.5. Gli acquisti
4.6. Le competenze
5. Le infrastrutture digitali
5.1. BUL (Banda Ultra Larga)
5.2. Centri di calcolo e data center
5.3. Cloud
5.4. SPID
5.5. Il domicilio digitale
5.6. Le altre infrastrutture
6. Cosa si può già fare
6.1. Eliminare la carta
6.1.1. Un ordine del giorno
6.1.2. La copia “di cortesia”
6.2. Cosa può fare il “semplice” cittadino
6.3. Cosa possono fare i politici
6.4. Cosa possono fare gli amministratori
7. La pandemia e lo smart working
L’Autore

Scrivi la tua recensione
Stai recensendo:+ Digitale – Corruzione + Democrazia