Facebook Pixel

Errore e apprendimento nelle professioni di aiuto

 
Prezzo speciale 16,00 €
SCONTO 20%
20%
Anzichè 20,00 €
Disponibile

Autori Alessandro Sicora

Autori Alessandro Sicora
Pagine 218
Data ristampa
Data pubblicazione Aprile 2010
ISBN 8838756171
ean 9788838756177
Tipo Cartaceo
Collana Sociale & Sanità
Editore Maggioli Editore
Dimensione 17x24
  • Spedizione in 48h
  • Paga alla consegna senza costi aggiuntivi

Autori Alessandro Sicora

Autori Alessandro Sicora
Pagine 218
Data ristampa
Data pubblicazione Aprile 2010
ISBN 8838756171
ean 9788838756177
Tipo Cartaceo
Collana Sociale & Sanità
Editore Maggioli Editore
Dimensione 17x24

L'errore è una componente inevitabile di qualunque realtà umana, anche di quella propria delle professioni di aiuto. Paradossalmente però, ancora oggi una sorta di tabù circonda l'argomento.
"Sbagliando s'impara" afferma il noto proverbio, ma, affinché un tale motto non abbia solo valore consolatorio, sono necessarie adeguate strategie di stimolo alla trasformazione dell'evento negativo in occasione di miglioramento della qualità delle prestazioni rese.
Lo scopo di questo libro è proprio quello di cercare di collegare la teoria della riflessività alla pratica della riflessività, offrendo sia un inquadramento di carattere teorico - arricchito dai risultati di un'indagine condotta nei servizi di nove regioni italiane - sia una serie di strategie utilizzabili individualmente o nell'ambito delle équipe di lavoro.
L'interrogativo è quindi "Come può l'operatore apprendere da quanto di sbagliato ha fatto".
L'appendice - curata da Rita De Piero, magistrato del T.A.R. Friuli Venezia Giulia - affronta poi il tema delicatissimo dell'errore e della responsabilità dell'operatore sotto il profilo giuridico.
Il volume è rivolto ad assistenti sociali, educatori professionali, infermieri, psicologi e ad altri operatori in attività nei servizi sociali e sanitari, nonché studenti impegnati in attività di tirocinio.

Fare più errori per fare meno danni"Appendice giuridica a cura di Rita De Piero

Introduzione
Le ragioni e i modi di un’esplorazione alla luce della teoria e delle esperienze degli operatori
1. Riflessione, conoscenza e azione professionale
1.1. Principali approcci teorici sulla riflessività
1.1.1. Il pensiero riflessivo secondo John Dewey
1.1.2. Michael Polanyi e la conoscenza tacita
1.1.3. Jürgen Habermas e la teoria critica della società
1.1.4. L’apprendimento esperienziale
1.1.5. Il professionista riflessivo di Schön
1.1.6. Modernizzazione riflessiva nelle società del rischio
1.1.7. La conversazione interiore nel pensiero di Margaret Archer
1.2. Riflessività e professioni di aiuto
1.3. Incidenti critici ed errori quali stimoli per la pratica riflessiva
2. L’errore nei servizi alla persona tra riflessività e responsabilità
2.1. Che cos’è l’errore?
2.2. Verso la costruzione di una geografia dell’errore nei servizi alla persona
2.3. Le conseguenze degli errori degli operatori
3. Errori che generano apprendimento, errori che generano danno
3.1. “Scoprire l’America per sbaglio”: perché talvolta serve sbagliare
3.2. Chi è un “bravo” operatore?
3.3. Gli errori del signor Spock e di Charlie Brown: quando intuito e razionalità traggono in inganno
3.4. Un “sesto senso” necessario o d’ostacolo alle professioni d’aiuto?
3.5. Utilizzare la totalità di se stessi nella pratica professionale
4. Alla ricerca di strategie di apprendimento dagli errori
4.1. Riflettere per imparare, ma come?
4.2. Narrare i propri errori per scoprirne il significato
4.3. L’arte di sapersi interrogare: il ciclo della riflessività di Gibbs
4.4. Scrittura riflessiva e apprendimento dagli errori
4.5. Strategie di scrittura riflessiva tra analisi e creatività
4.6. Il giornale di bordo per imparare a navigare tra le bonacce e le tempeste della pratica professionale
5. L’apprendimento organizzativo dall’errore
5.1. Se a sbagliare è il collega
5.2. Le critiche come occasione di apprendimento dall’errore
5.3. Tecniche assertive per raccogliere critiche utili alla crescita professionale
5.4. Esprimere valutazioni informali sugli errori dei colleghi per costruire una learning organization
5.5. Gestione delle “non conformità”, risk management e miglioramento della qualità nei servizi
Conclusioni
La “manutenzione” continua degli strumenti professionali nel lavoro d’aiuto tra esigenze tecniche e questioni etiche
Appendice giuridica – L’errore nel diritto e la responsabilità degli operatori
D.m. 28 novembre 2000
Codice di comportamento dei dipendenti delle pubbliche amministrazioni
Bibliografia
Elenco delle tabelle
Tabella 1 - Indagine sull’errore nei servizi sociali e sanitari: operatori intervistati
Tabella 2 - Principali pubblicazioni sulla riflessività (1916-2003)
Tabella 3 - I tipi di riflessività o conversazione interiore nel pensiero di Archer
Tabella 4 - Tipologie d’errore tra danno e apprendimento
Tabella 5 - Codice penale: estratti di norme applicabili all’ambito delle responsabilità dei professionisti dell’aiuto
Tabella 6 - Modello dei due sistemi di Kahneman
Tabella 7 - Racconti di errori commessi: caratteristiche base dei frammenti riprodotti
Tabella 8 - Ciclo della riflessività di Gibbs – dettaglio delle domande
Tabella 9 - Strategie di scrittura riflessiva
Tabella 10 - Modello di riflessione strutturata di Johns – domande stimolo
Tabella 11 - Stili di giornale di bordo in rapporto ai soggetti impegnati nella scrittura e nella lettura
Tabella 12 - Esempio di riflessione di un operatore su di una critica ingiustificata
Tabella 13 - Raccomandazioni per un sistema efficace di report degli eventi avversi
Elenco delle figure
Figura 1 - Ciclo dell’apprendimento esperienziale di Kolb
Figura 2 - Ciclo della riflessività di Gibbs – schema generale
Figura 3 - Mappa per la narrazione dell’errore “Bambino in crisi psicotica acuta: la psicologa non aveva chiesto l’intervento del neuropsichiatra”
Figura 4 - Esercitazione sull’uso del metodo DDSR per rivolgere delle critiche a un collega

Scrivi la tua recensione
Stai recensendo:Errore e apprendimento nelle professioni di aiuto