SERVIZIO CLIENTI 0541.628200  Lunedì - Venerdì / 8.30-17.30

IN EVIDENZA: Concorso 2329 Funzionari Giudiziari  | Concorso 1514 Ministero del Lavoro, INL e INAIL | Privacy e GDPR

Sconto 15%
Formazione, apprendistato e lavoro in sicilia

Formazione, apprendistato e lavoro in sicilia

Autori a cura di Paolina Mulè
Editore Maggioli Editore
Formato Cartaceo
Dimensione 17x24
Pagine 220
Pubblicazione Gennaio 2017 (I Edizione)
ISBN / EAN 8891620200 / 9788891620200
Collana Università

Modelli e pratiche per la promozione ecologica dello spazio sociale: città e territorio

Prezzo Online:

39,00 €

33,15 €

Ordina ora per avere:
Ricezione entro 48h
Spedizione in 24h
Paga alla consegna senza costi aggiuntivi
Paga alla consegna senza costi aggiuntivi
Spedizione Gratuita

Il volume raccoglie diversi saggi che affrontano il tema della formazione, apprendistato e lavoro in Sicilia che è stato indagato grazie al Progetto d’A- teneo FIR 2014. Si tratta di un progetto di ricerca promosso dalla scrivente- Principal Investigator- insieme alla collega di Storia della Filosofia Stefania Mazzone del Dipartimento di Scienze Politiche (DSPS), ai colleghi del Dipar- timento di Ingegneria Civile e Architettura (DICAR) Maurizio Spina, Giacinto Taibi, Rita Valenti, Riccardo Dell’Osso, Lucia Trigilia e alle colleghe spagnole Cristina de la Rosa Cubo e Ana Isabel Martín Ferreira della Facoltà di Filo- sofia e Lettere, Università di Valladolid. L’Unità  di ricerca ha visto inoltre   la partecipazione fattiva di giovani studiosi/e dei due rispettivi Dipartimen- ti: Alessio Annino, Daniela Gulisano, Corrado Muscarà, Emanuele Forzese, Sonia Grasso, Simona Gatto, Emanuela Paternò e Concetta Aliano. Il team dell’Unità di Ricerca ha condiviso la finalità generale del presente progetto che, alla luce dei risultati delle ricerche empiriche condotte a livello territo- riale dai singoli membri e, soprattutto, alla luce delle esperienze straniere e delle buone prassi esistenti a livello locale, ha riguardato la costruzione di percorsi e di modelli istituzionali, organizzativi, contrattuali, contenutistici, e metodologici atti a qualificare e diffondere tutte le articolazioni tipologiche dell’apprendistato che si innestano nel sistema di istruzione e di formazione secondario (statale e regionale) e superiore (università, Its, Ifts) o che sono comunque legate a un titolo pubblico (compreso il praticantato per le profes- sioni e l’apprendistato di ricerca). In questo lavoro suddiviso in tre sessioni: 
1) Formazione, Apprendistato e lavoro tra Università, scuola e territorio; 2) Quadro delle azioni e riflessioni a livello istituzionale, organizzativo, pedago- gico e metodologico-didattico in ordine al rapporto formazione e lavoro; 3) Analisi della ricerca empirica, si evidenziano alcuni aspetti positivi che sono emersi grazie alla stretta collaborazione con i vari stakeholders che hanno aderito al progetto: in primis, la necessità di figure professionali all’interno dei Musei quali filosofi che sono necessari per collaborare con architetti ed operatori museali; in secundis, l’intenzione di incentivare sempre di più la sinergia tra Università, Istituzioni di istruzione e formazione e Enti locali   ed Imprese pubbliche e private della Sicilia. Tale prospettiva rappresenta la via possibile da perseguire per avvicinare gli studenti al mondo del lavoro, consentendo loro di applicare i saperi appresi a scuola per apprenderne altri attraverso le attività che si svolgono direttamente sul campo. In effetti, il rinnovamento continuo attraverso l’esperienza diretta con il mondo del lavo- ro e l’apprendimento di competenze specifiche assicurano ai giovani di non rimanere al di fuori del mercato del lavoro, coniugando le necessità personali di autorealizzazione con quelle dello sviluppo economico – sociale. In questa direzione si muove il percorso di alternanza formativa che sicuramente con- sente ai giovani di scuola secondaria e universitaria di «imparare facendo» in modo più attraente e coinvolgente. Alla maniera di altri Paesi europei, si trat- ta di realizzare un ambiente di apprendimento che li incoraggia ad assumere il pensiero critico e a comportarsi in modo creativo, autonomo e responsabi- le, come dimostrano alcuni esiti della ricerca, esplorativo-conoscitiva quanti- qualitativa raccolti nella terza sessione.

Paolina Mulè È professore Ordinario di Pedagogia Generale e Sociale presso il Diparti- mento di Scienze Politiche e Sociale dell’Università degli Studi di Catania. Negli ultimi 10 anni ha coordinato a Catania numerosi Master di I e II livello e si interessa dei problemi epistemolo- gici della pedagogia generale in relazio- ne alla formazione del docente in Italia e all’estero. È stata Visiting Research presso The Center for Dewey Studies  di Carbondale (Illinois-Usa) e presso l’Universidad de Valladolid (España).  Tra  i suoi lavori ne ricordiamo alcuni:   I processi formativi, le nuove frontiere dell’educazione e la democrazia, Pensa Multimedia, Lecce 2014; Il docente in Italia tra pedagogia, scuola e società, Anicia, Roma 2005; le curatele: La pedagogía y la formación del docente entre investigación e innovación didác- tica teorías y prácticas, Casilla Edicio- nes, Valladolid 2013; Il dirigente per   le scuole: manager e leader educativo, Pensa Multimedia, Lecce 2015; Peda- gogia, Didattica e cultura umanistica, Anicia, Roma 2015; La Buona Scuola. Questioni e prospettive pedagogiche, Pensa Multimedia, Lecce 2016.

 


Scrivi la tua recensione

Solo gli utenti registrati possono scrivere recensioni. Accedi oppure Registrati

Libri consigliati

Back to top