SERVIZIO CLIENTI 0541.628200  Lunedì - Venerdì / 8.30-17.30

Sconto 20%
I manni,  l’acciaio e verona

I manni, l’acciaio e verona

Autori CLAUDIO RUGGIERO - 
GIUSEPPE MANNI
Editore Maggioli Editore
Formato Cartaceo
Dimensione 17X24
Pagine 204
Pubblicazione Aprile 2015 (I Edizione)
ISBN / EAN 8891610836 / 9788891610836
Collana Marketing e Management

Il sogno di un mondo 
da costruire come un gioco

Prezzo Online:

30,00 €

24,00 €

Ordina ora per avere:
Ricezione entro 48h
Consegna in 48h
Paga alla consegna senza costi aggiuntivi
Paga alla consegna senza costi aggiuntivi
Spedizione Gratuita

Claudio Ruggiero, 54 anni, laureato in Storia presso l’Università degli Studi di Milano, si appassiona e si specializza in Psicologia 
delle organizzazioni. Allievo di Franco Della Peruta e di Emilio Sarzi Amadè (giornalista e scrittore da cui ha preso arte e mestiere), è ricercatore e narratore d’aziende storiche e famigliari, che ha fin qui raccontato nei tre volumi L’Oro d’Italia Veneto, Lombardia, Piemonte e Liguria.

Per Maggioli cura la Collana Storie d’impresa. 
Tra le sue pubblicazioni per i tipi dell’Editore:
- The Bianchi, the forge, the steel. The people, the passion and the craft of oldest living family of key blacksmiths (2014)
- Le chiavi dei Bianchi. Una famiglia imprenditoriale dal 1770 ai giorni nostri (2013)
- L’Oro d’Italia. Storie di aziende centenarie e famigliari, Il Veneto (Vol. 1)
La Lombardia (Vol. 2)
Piemonte e Liguria (Vol. 3) (2011-2013)
- Il signore delle penne. Gianfranco Aquila. Inchiostri e calamai da Via Milano a Montegrappa e Tibaldi (2011)
- Seitron Spa. Storia di un’impresa tra innovazione, coraggio e passione dei suoi fondatori (2010)
- Il sistema e le politiche delle retribuzioni. Modelli, processi e conoscenze per la progettazione delle politiche retributive e premianti (2010)
- Disegnare l’organizzazione. Come si progetta e si realizza un organigramma (2009)
- Alla scoperta del lavoro e dell’organizzazione. L’intervista per descrivere il lavoro (2009)

Per contatti: www.storiedimpresa.it; info@erreduestudio.it; claudio.ru60@libero.it

Tre generazioni dei Manni in un solo scatto fotografico: 
al centro Giuseppe con alle spalle il figlio Francesco e il nipote Alberto.

La miseria di un posto porta con sé la miseria dei costumi.
Il dovere è combattere l’una per sradicare l’altra.
Con il coraggio, le idee e la cultura.

GIUSEPPE MANNI 

La collana ha l’obiettivo di pubblicare 
le più originali e belle storie d’impresa.
Si propone così di valorizzare e recuperare la memoria di quanti hanno fatto e fanno impresa, cercando di esplorare le verità 
meno conosciute, gli episodi dimenticati, 
le situazioni paradossali ed uniche che segnano le vicende personali dei protagonisti.
I Manni, l’acciaio e Verona racconta la storia di una famiglia, da secoli al servizio dell’Abate di S. Zeno, che fece i conti con la miseria del dopoguerra e diede avvio al commercio di rottami e materiali ferrosi recuperati dalle macerie di detriti e residuati bellici.

Giuseppe, il primogenito di Luigi, trasformò questa piccola attività in uno dei più importanti gruppi industriali d’Europa, portando in esso le conoscenze apprese in quella “casa-bottega” dove i confini tra “spazio di lavoro” e “spazio privato” furono praticamente inesistenti.
Al ruolo imprenditoriale lo costrinsero le precarie condizioni di salute del padre e il legame affettivo con la mamma; di suo mise il coraggio 
di cambiare il mondo e il sogno di costruirlo 
in modo semplice: come nel gioco del Meccano, 
ma questa volta per assemblare lunghe travi d’acciaio utili a costruire grattacieli, 
ponti ed edifici di ogni forma e dimensione.

Nel libro, le vicende dell’imprenditore s’intrecciano a quelle dell’uomo, che Giuseppe svela spaziando in ogni angolo del proprio passato con la tranquilla pacatezza della mente saggia. 
Ne emergono le inquietudini, e lo smarrimento, 
per un mondo che uccide le alleanze tra le generazioni e non riconosce agli altri di esser bravi e primi, ma l’amore per l’arte, e la coniugazione dell’utile con il bello, lo spingono ugualmente nell’inguaribile volontà di essere l’artefice 
del cambiamento e di gettare lo sguardo sul futuro: 
per dare fiducia ai collaboratori tutti e all’operato 
del figlio Francesco, esponente della terza generazione dei Manni alla guida del Gruppo 
di famiglia.

In copertina: La Stella in Acciaio, archiscultura 
che esce dal ventre millenario dell’Arena di Verona con il suo messaggio di pace (Opera dell’architetto Rinaldo Olivieri e acciaio donato dal Gruppo Manni). 1984-2014, ricorrenza 30° anniversario.


Scrivi la tua recensione

Solo gli utenti registrati possono scrivere recensioni. Accedi oppure Registrati

Libri consigliati

Back to top