SERVIZIO CLIENTI 0541.628200  Lunedì - Venerdì / 8.30-17.30

Sconto 15%
Il coordinatore per la sicurezza nel cantiere

Il coordinatore per la sicurezza nel cantiere

Autori De Filippo Danilo G.M.
Editore Maggioli Editore
Formato Cartaceo
Dimensione 17x24
Pagine 280
Pubblicazione Luglio 2015 (III Edizione)
ISBN / EAN 8891610911 / 9788891610911
Collana Ambiente Territorio Edilizia Urbanistica

III edizione

Aggiornato al decreto interministeriale 22 luglio 2014 (denominato “Decreto Palchi”) e al decreto interministeriale 9 settembre 2014 (riguardante l’adozione dei modelli semplificati di PSC, POS e PSS)

Prezzo Online:

36,00 €

30,60 €

La nuova (III) edizione di questa Guida si rivolge al "nuovo" Coordinatore per la sicurezza in Cantiere, a seguito delle importanti evoluzioni che ha subito questa figura prfoessionale negli ultimi 5 anni.

Il “nuovo” Coordinatore deve essere un soggetto estremamente abile nel progettare fattivamente la sicurezza in cantiere e nel rendere le scelte adottate obblighi tassativi – e se possibile condivisi – per tutti i soggetti partecipanti alla realizzazione dell’opera che devono vedere in questo esperto tecnico, non un antagonista ma un collaboratore in grado di “inventare” le migliori tutele possibili per i lavoratori.

Il volume intende rivolgersi a tutti i tecnici che si propongono o vengono chiamati a svolgere questo rilevante incarico suggerendo metodologie operative e linee direttive, motivate e commentate, anche rispetto alla gestione del complesso e controverso rapporto con la committenza, con le imprese e con i lavoratori autonomi. Nella trattazione si è ritenuto utile far cenno anche alle eventuali irregolarità che potrebbero caratterizzare i rapporti di lavoro esistenti in cantiere così che il Coordinatore possa riconoscere i comportamenti poco leciti.
Si è voluto riassumere tutti gli obblighi e le responsabilità del coordinatore, nonché indicare le più significative sentenze della Corte di Cassazione penale.

Viene suggerito infine un approccio innovativo alla conduzione del cantiere: ispirandosi ai Sistemi di Gestione della Sicurezza (SGS) OHSAS 18001:2012 e mediante l’adozione di procedure standardizzate e processi di feedback, l’arduo compito del CSE può essere reso meno gravoso e più efficace nell’azione di contrasto al fenomeno degli infortuni in edilizia.

Il testo è aggiornato al decreto interministeriale 22 luglio 2014 (denominato “Decreto Palchi”) e al decreto interministeriale 9 settembre 2014 (riguardante l’adozione dei modelli semplificati di PSC, POS e PSS). Si è tenuto conto anche delle modifiche agli artt. 28 comma 3-bis e 29 comma 3 come previsto dall’art. 13 della legge 30 ottobre 2014, n. 161 entrata in vigore il 25 novembre 2014.

Nel Cd-Rom allegato è possibile rintracciare una significativa collezione di documenti e modelli, in formato Word modificabile e riadattabile, correlata all’attività del Coordinatore per la Sicurezza operante all’interno dei cantieri temporanei o mobili. Tra questi, è stato inserito un foglio di calcolo, in formato Excel, che consente una rapida realizzazione di un cronoprogramma lavori con il metodo Gantt. Il modello è ampliabile in funzione delle caratteristiche del cantiere. Sono presenti anche i documenti editabili del decreto interministeriale 9 settembre 2014 (modelli semplificati di PSC, POS, PSS e Fascicolo dell’Opera). Per il PSC, inoltre, è stato proposto un modello editabile con note laterali aventi lo scopo di guidare il coordinatore nella compilazione del documento.

Danilo G.M. De Filippo,
Ingegnere, è Responsabile dell’U.O. Vigilanza Ordinaria e Tecnica presso la Direzione Provinciale del Lavoro di Siena e fa parte del gruppo di formatori incaricati dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali in seno al progetto “Formazione e Sicurezza”. 

 

1. Il sistema sicurezza sul lavoro
1.1. Introduzione
1.2. Le origini della prevenzione infortuni sul lavoro
1.3. Il debito permanente di sicurezza
1.4. La filosofia della tutela “anticipata”
1.5. Le responsabilità penali nella sicurezza sul lavoro
• I concetti di colpa e dolo
1.6. Il penale speciale all’interno del Testo Unico
• Il principio di specialità
• Esercizio di fatto dei poteri direttivi
• L’estinzione del reato contravvenzionale in materia di sicurezza
• L’oblazione
• La sostituzione della pena
• L’opposizione alla prescrizione obbligatoria e il diritto di difesa
1.7. La posizione di garanzia e la delega di funzioni
1.8. La posizione di garanzia del Coordinatore per la sicurezza

2. Il cantiere temporaneo o mobile
2.1. Il campo di azione del titolo IV
• Il rischio interferenziale
2.2. Le misure generali di tutela in cantiere
2.3. La disciplina degli appalti in cantiere
• L’appalto
• Il contratto d’opera
• Il distacco
• Il distacco internazionale o transnazionale
2.4. L’idoneità tecnico-professionale nei contratti d’appalto
• La verifica dell’idoneità tecnico-professionale nella cantieristica
2.5. Il documento unico di regolarità contributiva - DURC
• Le peculiarità del DURC nel settore dell’edilizia
• Le disposizioni del Testo Unico in materia di sicurezza
2.6. Il tesserino di riconoscimento
2.7. Il concetto degli uomini-giorno
2.8. Il sistema di qualificazione delle imprese

3. La distribuzione delle responsabilità in cantiere
3.1. Il committente
3.2. Il responsabile dei lavori
3.3. L’impresa affidataria
• Gli obblighi dell’impresa affidataria
• Idoneità tecnico-professionale dell’impresa affidataria
3.4. L’impresa esecutrice
• Gli obblighi dell’impresa esecutrice
• Idoneità tecnico-professionale dell’impresa esecutrice
• Le attrezzature e le macchine in cantiere
3.5. Il lavoratore autonomo
• Gli obblighi del lavoratore autonomo
• Idoneità tecnico-professionale del lavoratore autonomo
• I rapporti di lavoro e gli indicatori di autonomia
• Le forme di collaborazione ed associazione tra lavoratori autonomi

4. Il Coordinatore per la sicurezza
4.1. Il Coordinatore in fase di progettazione
4.2. Il Coordinatore in fase d’esecuzione
• Gli obblighi del Coordinatore per l’esecuzione dei lavori
• I requisiti professionali del Coordinatore per la sicurezza
• L’ufficio di coordinamento

5. Il Coordinatore nella giurisprudenza
5.1. Sul Piano di sicurezza e coordinamento
5.2. Sulla presenza del Coordinatore
5.3. Sui doveri del Coordinatore
5.4. L’aggiornamento del PSC

6. I documenti per la sicurezza
6.1. Il Piano di sicurezza e coordinamento
6.2. Il modello semplificato del PSC
• La stima dei costi per la sicurezza
• Il cronoprogramma delle lavorazioni
6.3. L’organigramma degli appalti
6.4. Il registro di cantiere per la sicurezza
• Modello semplificato per la redazione del PSC
6.5. Le verifiche documentali del Coordinatore per la sicurezza
• Il Piano operativo di sicurezza (POS)
• Modello semplificato per la redazione del POS
• Il Piano di montaggio uso e smontaggio del ponteggio (Pi.M.U.S.)
6.6. Dieci regole per il Coordinatore in fase esecutiva

7. La documentazione di cantiere

8. I sistemi gestionali per la sicurezza
8.1. Premessa
8.2. Il processo “cantiere”
8.3. Un esempio di procedura

9. La modulistica del Coordinatore in fase esecutiva
• Registro di cantiere
• Convocazione riunione per la sicurezza
• Verbale della riunione di coordinamento
• Scheda raccolta dati impresa per PSC
• Trasmissione aggiornamento del Piano di sicurezza e coordinamento
• Verbale di sopralluogo in cantiere
• Ordine di sospensione delle lavorazioni
• Contestazione al committente per le inosservanze alle disposizioni del d.lgs. 81/2008 e alle prescrizioni del Piano di sicurezza e coordinamento
• Avvenuta regolarizzazione/messa in sicurezza a seguito di sospensione
• Denuncia irregolarità ASL

10. Prontuario delle principali violazioni riferite al Coordinatore


Scrivi la tua recensione

Solo gli utenti registrati possono scrivere recensioni. Accedi oppure Registrati

Prodotti consigliati

Back to top