SERVIZIO CLIENTI 0541.628242 Lunedì - Venerdì / 8.30-17.30

Il nuovo controllo di 
gestione negli Enti locali

Il nuovo controllo di 
gestione negli Enti locali

Autori Paola Morigi
Editore Maggioli Editore
Formato Cartaceo
Dimensione 17x24
Pagine 282
Pubblicazione Aprile 2016 (IX Edizione)
ISBN / EAN 8891616685 / 9788891616685
Collana Progetto ente locale

Come impostarlo dopo l’armonizzazione contabile

Focus
- Società partecipate

IX edizione aggiornata con:

- Armonizzazione contabile
- Riforma Madia
- Legge di stabilità 2016

Prezzo Online:

48,00 €

Organizzato in tre parti, il volume approfondisce le motivazioni che portano all'introduzione del controllo gestionale (con un capitolo nuovo dedicato al tema della corruzione e alle analisi necessarie per cercare di prevenirla o individuarla), le caratteristiche dei controlli, da impostarsi in linea con l'armonizzazione contabile ma soprattutto con le esigenze degli enti locali, le tematiche più operative che tengono conto degli aspetti economici e finanziari della gestione.

Un capitolo sulle società partecipate, aggiornato tenendo conto dei piani di razionalizzazione che sono stati impostati e applicati, nonché dell'evoluzione normativa in corso, arricchisce e completa il testo.

Il Cd-Rom allegato contiene, oltre alla normativa, alla giurisprudenza e alla prassi di riferimento, una ricca documentazione con esperienze maturate in tema di controllo di gestione e analisi sui servizi, piani di razionalizzazione sulle partecipate, ciclo della performance, Dup per la pianificazione strategica e operativa, piani per la trasparenza e l'integrità. 

 

Paola Morigi Segretario generale della Camera di Commercio di Ravenna. Dottore commercialista e revisore contabile.

 

Parte Prima PERCHÉ IL CONTROLLO GESTIONALE
Capitolo I Rigore, equità, trasparenza, coerenza: i termini con cui ci si deve confrontare per rilanciare il Paese
1.1. Premessa
1.2. Il consolidamento dei conti pubblici
1.3. Le priorità del Paese
1.4. Il principio di equità e la valorizzazione del merito
1.5. La trasparenza nelle scelte gestionali
1.6. Se la pubblica amministrazione funziona migliora anche l’immagine dell'Italia
Capitolo II Il fenomeno della corruzione e del malcostume in Italia e le norme per prevenirlo
2.1. L'analisi della Commissione europea e di Transparency International
2.2. I Rapporti della Guardia di finanza
2.3. Altre indagini
2.4. La corruzione sulla realizzazione delle opere pubbliche
2.4.1. Gli elementi da valutare nella realizzazione di un'opera pubblica
2.4.2. Le tecniche più utilizzate per aggirare le norme
2.4.3. La "corruzione delle norme"
2.5. La "legge Severino" e le sue finalità
2.5.1. I piani anticorruzione stilati dalle amministrazioni pubbliche
2.5.2. I risultati di uno studio sull’applicazione della legge n. 190/2012
Capitolo III I sistemi di valutazione e controllo
3.1. Le valutazioni economiche negli enti locali: una breve analisi storica
3.1.1. Le valutazioni economiche preventive
3.1.2. Le valutazioni economiche consuntive
3.1.3. La rendicontazione sociale
3.2. I contratti di lavoro e la rendicontazione dei risultati
3.3. Le forme di gestione dei servizi pubblici locali e le "carte dei servizi"
3.4. Le leggi di riforma più recenti
Capitolo IV La valutazione del lavoro e degli obiettivi da raggiungere
4.1. Evoluzione della normativa sul pubblico impiego
4.2. Ambito di applicazione del d.lgs. n. 150/2009
4.3. Gli organi coinvolti dalla riforma
4.4. Piano della performance e individuazione degli obiettivi
4.5. Rendicontazione e trasparenza
4.6. Le fasi operative da seguire
Capitolo V La Spending Review e la sua applicazione negli enti locali
5.1. Le ragioni delle riforme sul contenimento delle spese
5.2. Il testo del provvedimento normativo del 2012
5.3. Spending Review e federalismo fiscale
5.4. I costi e i fabbisogni standard - Rinvio
5.5. La Spending Review prevista dal d.l. n. 66/2014
5.6. Le disposizioni contenute nella legge di stabilità del 2016
5.7. È veramente efficace la Spending Review?
Capitolo VI Le implicazioni che derivano dall'appartenenza all'Unione economica e monetaria e dalla globalizzazione
6.1. L'appartenenza all'Unione economica e monetaria
6.2. Il ruolo degli enti locali nell'Unione europea
6.3. I ritardi nei pagamenti della pubblica amministrazione locale
6.4. Gli effetti della globalizzazione
6.5. Dal patto di stabilità interno e di crescita al pareggio di bilancio
Parte Seconda TIPOLOGIE DI CONTROLLO, CARATTERISTICHE E POSSIBILI EVOLUZIONI
Capitolo VII I controlli esterni
7.1. Come sono cambiati i controlli degli organi ispettivi del Ministero dell'economia
7.2. Le analisi generali sulla gestione
7.3. Le analisi particolari sulle entrate e sulle spese
7.4. I parametri di virtuosità introdotti con il d.l. n. 98/2011
7.5. L'analisi e la valutazione della spesa
7.6. Il ruolo della Corte dei conti sui controlli negli enti locali
Capitolo VIII Le diverse tipologie di controlli interni
8.1. Dai controlli esterni ai controlli interni
8.2. Le diverse tipologie di controlli interni
8.2.1. I pareri espressi dai dirigenti
8.2.2. Il controllo interno
8.2.3. Il controllo di regolarità amministrativa e contabile
8.2.4. Il controllo strategico
8.2.5. Il controllo sulle società partecipate
8.2.6. Il controllo sugli equilibri finanziari
8.3. Altri organi coinvolti nei controlli interni
8.3.1. Il controllo degli amministratori
8.3.2. Il controllo del collegio dei revisori
8.3.3. Il controllo dell'organismo indipendente di valutazione – Rinvio
8.3.4. Il controllo delle minoranze
8.3.5. Il controllo dei cittadini e la class-action
8.4. I contenuti dei processi di programmazione e controllo
Capitolo IX Le caratteristiche del controllo gestionale
9.1. Il processo
9.2. La direzione
9.3. La fissazione degli obiettivi
9.4. La misurazione dei livelli di economicità
9.5. Efficienza, produttività, efficacia, qualità
Capitolo X I costi e i fabbisogni standard
10.1. Il contesto di riferimento
10.2. La ricognizione dei dati
10.3. Il questionario
10.4. Rilevazioni e risultati
Capitolo XI Gli strumenti del controllo gestionale
11.1. La contabilità a supporto del controllo gestionale
11.2. Le analisi gestionali e l'accountability
11.3. Il bilancio sociale
11.4. L'Activity-Based Costing/Management
11.5. La Balanced Scorecard
Parte Terza IL CONTROLLO DI GESTIONE NELL’ENTE LOCALE
Capitolo XII L'ordinamento contabile e il controllo di gestione
12.1. Le linee-guida dell'ordinamento finanziario e contabile
12.2. Le caratteristiche principali della contabilità dell’ente locale
12.3. Il documento unico di programmazione e il bilancio di previsione
12.4. Il piano esecutivo di gestione
12.5. Il ruolo del servizio finanziario
12.6. Il controllo economico interno
Capitolo XIII Le scritture contabili ed extracontabili
13.1. Richiamo ai principali sistemi contabili
13.2. I principi che disciplinano la contabilità patrimoniale
13.3. Gli inventari dei beni immobili
13.4. Gli inventari dei beni mobili
13.5. I beni demaniali
13.6. Le immobilizzazioni finanziarie
13.7. L'attivo circolante
13.8. I ratei e i risconti attivi
13.9. I conferimenti
13.10. I debiti
13.11. I ratei e i risconti passivi
13.12. Il patrimonio netto
13.13. Il calcolo degli ammortamenti
Capitolo XIV Un modello operativo per il controllo gestionale
14.1. Il piano esecutivo di gestione, punto di partenza per il controllo interno
14.2. La formulazione degli obiettivi di gestione
14.3. La costruzione del piano dei conti
14.4. La individuazione dei centri di responsabilità
14.5. Il piano dei centri di costo
14.6. La programmazione dei tempi di lavoro
14.7. Modelli semplificati per gli enti di piccola dimensione
14.8. Il Piano degli indicatori e dei risultati attesi
Capitolo XV Gli indicatori e il benchmarking
15.1. La elaborazione di indicatori atti a favorire le diverse forme di controllo
15.2. Gli indicatori riferiti al bilancio
15.2.1. Gli indicatori relativi alla struttura del bilancio e del conto economico
15.2.2. Gli indicatori relativi alla gestione del bilancio
15.3. Gli indicatori relativi al patrimonio
15.4. Gli indicatori sullo stato di deficitarietà strutturale
15.5. Gli indicatori di efficienza e di efficacia
15.5.1. Gli indicatori di attività
15.5.2. Gli indicatori di efficienza
15.5.3. Gli indicatori di produttività
15.5.4. Gli indicatori di efficacia quantitativa
15.5.5. Gli indicatori di efficacia qualitativa
15.6. Il sistema di reporting e la rendicontazione attraverso gli indicatori di outcome
15.7. Il Piano degli indicatori e risultati attesi di bilancio
15.8. Impariamo dal benchmarking
Capitolo XVI Il controllo e la razionalizzazione delle società partecipate
16.1. Nuove esigenze portano a controllare con più attenzione le società partecipate
16.2. Il piano di razionalizzazione previsto dalla l. n. 190/2014
16.2.1. I contenuti dell'art. 1, comma 611 della l. n. 190/2014
16.2.2. Azioni preliminari effettuate per impostare il piano operativo di razionalizzazione
16.2.3. L'analisi della "salute finanziaria" delle partecipate
16.3. La salvaguardia dell’interesse pubblico
16.4. Le considerazioni delle sezioni regionali della Corte dei conti su come procedere
16.5. Le riforme in corso sulle società partecipate
Capitolo XVII Altri modelli impiegati per valutare i servizi
17.1. La utilizzazione degli strumenti più adatti alle diverse esigenze
17.2. Alcuni modelli proposti da Newman
17.2.1. Il controllo delle operazioni ripetitive
17.2.2. Il controllo dei programmi e dei progetti
17.2.3. Il controllo delle risorse
17.2.4. Il controllo delle attività creative
17.2.5. Il controllo della strategia
17.3. Il World Class Manufacturing
Capitolo XVIII Un nuovo ente locale a misura di cittadino
18.1. Un salto di qualità nell'offerta di servizi
18.2. I pericoli da evitare
18.3. I compiti del nuovo ente locale


Scrivi la tua recensione

Solo gli utenti registrati possono scrivere recensioni. Accedi oppure Registrati

Prodotti consigliati

Back to top