Facebook Pixel

Il Testo Unico di Sicurezza sul lavoro

Commento al D.Lgs. n. 81/2008 e successive modifiche, Misure per fronteggiare l’emergenza Covid – 19, Sanzioni, Esempi e tabelle
Prezzo speciale 41,80 €
SCONTO 5%
5%
Anzichè 44,00 €
Disponibile

Autori Luigi Pelliccia

Autori Luigi Pelliccia
Pagine 448
Data ristampa
Data pubblicazione Novembre 2021
ISBN 8891654663
ean 9788891654663
Tipo Cartaceo
Sottotitolo Commento al D.Lgs. n. 81/2008 e successive modifiche, Misure per fronteggiare l’emergenza Covid – 19, Sanzioni, Esempi e tabelle
Collana Sicurezza sul lavoro
Editore Maggioli Editore
Dimensione 17x24
  • Paga alla consegna senza costi aggiuntivi
  • Spedizione gratuita

Autori Luigi Pelliccia

Autori Luigi Pelliccia
Pagine 448
Data ristampa
Data pubblicazione Novembre 2021
ISBN 8891654663
ean 9788891654663
Tipo Cartaceo
Sottotitolo Commento al D.Lgs. n. 81/2008 e successive modifiche, Misure per fronteggiare l’emergenza Covid – 19, Sanzioni, Esempi e tabelle
Collana Sicurezza sul lavoro
Editore Maggioli Editore
Dimensione 17x24
Il manuale esamina nel dettaglio il Testo Unico di Sicurezza sul lavoro (D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e successive modifiche).

La trattazione, pur affrontando l’esame delle norme, è sempre rivolta alla loro attenta ricostruzione sistematica, proponendo anche soluzioni interpretative dei punti maggiormente controversi.

Oltre al commento del complessivo apparato legislativo, il testo è ricco di tabelle riepilogative.

Il volume è aggiornato con la normativa più recente inerente le misure per il contenimento della pandemia da Covid-19 e tiene conto delle novità introdotte dal D.L. 21 ottobre 2021, n. 146.

Online sarà garantito un aggiornamento sulle eventuali modifiche al D.L. 146/2021 in sede di conversione e sulle altre novità legislative dei prossimi 6 mesi.

Si tratta, quindi, di un volume che presenta sia i pregi del taglio operativo e divulgativo – rivelandosi estremamente utile per quanti hanno a che fare a vario titolo col problema pratico della sicurezza – sia quelli della disamina informata e correttamente impostata, e perciò indicato anche per chi privilegia uno sguardo più teorico del tema.

Luigi Pelliccia
Professore incaricato di Diritto del Lavoro (più nello specifico di Diritto della Sicurezza Sociale/Diritto della Previdenza Sociale) e di Tirocinio (per il corso di laurea in Consulente del Lavoro e delle Relazioni Sindacali) presso il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Siena. È inoltre Docente di diritto del lavoro nella Scuola di Specializzazione delle Professioni Legali del medesimo Dipartimento. Svolge la professione di avvocato giuslavorista, con iscrizione al Foro di Siena, di mediatore professionista (è anche abilitato alla formazione dei mediatori) e di giornalista-pubblicista. Pur non esercitando in materia, è altresì revisore legale e consulente del lavoro, con iscrizione comunque nei relativi registro e ordine. È componente del Consiglio Distrettuale di Disciplina degli avvocati del Distretto di Corte d’Appello di Firenze e membro del Direttivo della Camera Civile del Foro di Siena. È inoltre componente-segretario della Commissione di Certificazione dei Contratti del Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Siena. Svolge in via continuativa incarichi di Responsabile della Protezione Dati (DPO ex Regolamento UE n. 679/2016) e di componente di Organismi di Vigilanza ex d.lgs. n. 231/2001. È associato all’A.I.D.LA.S.S., componente del direttivo della Sezione Toscana del Centro Studi “D. Napoletano” e componente del direttivo della Fondazione per il Sostegno e lo Sviluppo degli Studi Giuridici di Siena. Già funzionario direttivo dell’Ispettorato del Lavoro di Siena e dirigente del Servizio ispezione del lavoro della DPL di Siena è da oltre un trentennio autore di plurime pubblicazioni, in misura prevalente in materia lavoristica, previdenziale e della sicurezza del lavoro, molte delle quali edite da Maggioli.

Aggiornato con il D.L. 21 ottobre 2021, n. 146

Materiale online:
- Normativa
- Schede riepilogative Sanzioni

Prefazione, di Paolo Pascucci
Premessa
1. Il t.u. in materia di sicurezza
1.1 La struttura del decreto legislativo
1.2 Norme generali
2. I principi comuni
2.1 Disposizioni generali
2.2 Le definizioni
2.3 Il campo d’applicazione
2.4 Il sistema istituzionale
2.5 Gestione della prevenzione nei luoghi di lavoro
2.6 La delega di funzioni
2.7 Gli obblighi per i datori di lavoro, i dirigenti e i preposti
2.8 Gli obblighi per i lavoratori
2.9 Obblighi per i lavoratori autonomi
2.10 Obblighi per altri soggetti
2.11 Il medico competente
2.12 Appalti, contratti d’opera e somministrazione
2.13 Sistema di qualificazione delle imprese e dei lavoratori autonomi
2.14 La valutazione dei rischi
2.14.1 La valutazione dello stress lavoro-correlato
2.15 Modelli di organizzazione e di gestione
2.16 Il servizio di prevenzione e protezione
2.17 Formazione, informazione e addestramento
2.18 La sorveglianza sanitaria
2.19 Gestione delle emergenze
2.20 Consultazione e partecipazione dei rappresentanti dei lavoratori
2.21 Documentazione tecnico-amministrativa e statistiche degli infortuni e delle ma¬lattie professionali
3. Luoghi di lavoro, uso delle attrezzature di lavoro e dei dispositivi di pro¬tezione individuale
3.1 Disposizioni generali sui luoghi di lavoro
3.2 Requisiti di salute e di sicurezza
3.3 Gli obblighi del datore di lavoro in materia di luoghi di lavoro
3.4 Uso delle attrezzature di lavoro
3.5 Gli obblighi del datore di lavoro in tema di attrezzature
3.6 Obblighi dei noleggiatori e dei concedenti in uso
3.7 Informazione, formazione e addestramento
3.8 Uso dei dispositivi di protezione individuale
3.9 Obblighi dei lavoratori
3.10 Impianti e apparecchiature elettriche
4. Cantieri temporanei o mobili
4.1 Il campo d’applicazione e le definizioni
4.2 Obblighi del committente o del responsabile dei lavori
4.3 Obblighi del coordinatore per la progettazione
4.4 Obblighi del coordinatore per l’esecuzione dei lavori
4.5 Responsabilità dei committenti e dei responsabili dei lavori
4.6 Obblighi dei lavoratori autonomi
4.7 Obblighi dei datori di lavoro, dei dirigenti e dei preposti
4.8 Obblighi del datore di lavoro dell’impresa affidataria
4.9 Misure generali di tutela
4.10 Requisiti professionali del coordinatore per la progettazione e del coordinatore per l’esecuzione dei lavori
4.11 Notifica preliminare
4.12 Piano di sicurezza e di coordinamento
4.13 Modalità attuative di particolari obblighi
4.14 Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro nelle costruzioni e nei lavori in quota
4.14.1 Campo di applicazione, attività soggette
4.14.2 Definizioni
4.15 Disposizioni generali nei cantieri
4.16 Obblighi del datore di lavoro nell’uso di attrezzature per lavori in quota
4.17 Idoneità delle opere provvisionali
4.18 Scale
4.19 Protezione dei posti di lavoro
4.20 Sistemi di protezione contro le cadute dall’alto
4.21 Obblighi dei datori di lavoro concernenti l’impiego di sistemi di accesso e di posizionamento mediante funi
4.22 Lavori in prossimità di parti attive
4.23 Scavi e fondazioni
4.24 Pozzi, scavi e cunicoli
4.25 Deposito di materiali in prossimità degli scavi e presenza di gas negli scavi
4.26 Ponteggi in legname e altre opere provvisionali
4.27 Ponteggi fissi
4.28 Ponteggi movibili
4.29 Costruzioni edilizie
4.30 Demolizioni
5. Segnaletica di salute e sicurezza sul lavoro
5.1 Disposizioni generali
5.2 Obblighi del datore di lavoro
6. Movimentazione manuale e carichi
6.1 Disposizioni generali
6.2 Obblighi del datore di lavoro
6.3 Informazione, formazione e addestramento
7. Attrezzature munite di videoterminali
7.1 Disposizioni generali
7.2 Obblighi del datore di lavoro, dei dirigenti e dei preposti
7.3 Svolgimento quotidiano del lavoro
7.4 Sorveglianza sanitaria
7.5 Informazione e formazione
8. Agenti fisici
8.1 Definizioni e campo di applicazione
8.2 Valutazione dei rischi
8.3 Disposizioni miranti ad eliminare o ridurre i rischi
8.4 Informazione e formazione dei lavoratori
8.5 Sorveglianza sanitaria
8.6 Protezione dei lavoratori contro i rischi di esposizione al rumore durante il la¬voro
8.6.1 Campo di applicazione e definizioni
8.6.2 Valori limite di esposizione e valori di azione
8.6.3 Valutazione del rischio
8.6.4 Valutazione di attività a livello di esposizione molto variabile
8.6.5 Misure di prevenzione e protezione
8.6.6 Uso dei dispositivi di protezione individuali
8.6.7 Misure per la limitazione dell’esposizione
8.6.8 Informazione e formazione dei lavoratori
8.6.9 Sorveglianza sanitaria
8.6.10 Deroghe
8.7 Protezione dei lavoratori dai rischi di esposizione a vibrazioni
8.7.1 Campo di applicazione e definizioni
8.7.2 Valori limite di esposizione e valori d’azione
8.7.3 Valutazione dei rischi
8.7.4 Misure di prevenzione e protezione
8.7.5 Sorveglianza sanitaria
8.7.6 Deroghe
8.8 Protezione dei lavoratori dai rischi di esposizione a campi elettromagnetici
8.8.1 Campo di applicazione e definizioni
8.8.2 Valori limite di esposizione e valori d’azione
8.8.3 Identificazione dell’esposizione e valutazione dei rischi
8.8.4 Disposizioni miranti ad eliminare o ridurre i rischi
8.8.4.1 Informazione e formazione dei lavoratori e dei rappresentan¬ti dei lavoratori per la sicurezza
8.8.5 Sorveglianza sanitaria
8.8.6 Deroghe
8.9 Protezione dei lavoratori dai rischi di esposizione a radiazioni ottiche artificiali
8.9.1 Campo di applicazione e definizioni
8.9.2 Valori limite di esposizione
8.9.3 Identificazione dell’esposizione e valutazione dei rischi
8.9.4 Disposizioni miranti ad eliminare o a ridurre i rischi
8.9.5 Sorveglianza sanitaria
9. Sostanze pericolose
9.1 Protezione da agenti chimici
9.1.1 Campo di applicazione e definizioni
9.1.2 Valutazione dei rischi
9.1.3 Misure e principi generali per la prevenzione dei rischi
9.1.4 Misure specifiche di protezione e di prevenzione
9.1.5 Disposizioni in caso di incidenti o di emergenze
9.1.6 Informazione e formazione per i lavoratori
9.1.7 Divieti
9.1.8 Sorveglianza sanitaria
9.1.9 Cartelle sanitarie e di rischio
9.1.10 Consultazione e partecipazione dei lavoratori
9.1.11 Adeguamenti normativi
9.2 Protezione da agenti cancerogeni e mutageni
9.2.1 Campo di applicazione e definizioni
9.2.2 Obblighi del datore di lavoro
9.2.3 Valutazione del rischio
9.2.4 Misure tecniche, organizzative, procedurali
9.2.5 Misure igieniche
9.2.6 Informazione e formazione
9.2.7 Esposizione non prevedibile
9.2.8 Operazioni lavorative particolari
9.2.9 Sorveglianza sanitaria
9.2.10 Registro di esposizione e cartelle sanitarie
9.2.11 Registrazione dei tumori
9.2.12 Adeguamenti normativi
9.3 Protezione dai rischi connessi all’esposizione all’amianto
9.3.1 Disposizioni generali, campo d’applicazione e definizioni
9.3.2 Obblighi del datore di lavoro
9.3.2.1 Individuazione della presenza di amianto
9.3.2.2 Valutazione del rischio
9.3.2.3 Notifica
9.3.2.4 Misure di prevenzione e protezione
9.3.2.5 Misure igieniche
9.3.2.6 Controllo dell’esposizione
9.3.2.7 Valore limite
9.3.2.8 Operazioni lavorative particolari
9.3.2.9 Lavori di demolizione o rimozione dell’amianto
9.3.2.10 Informazione dei lavoratori
9.3.2.11 Formazione dei lavoratori
9.3.2.12 Sorveglianza sanitaria
9.3.2.13 Registro di esposizione e cartelle sanitarie e di rischio
9.3.2.14 Mesoteliomi
10. Esposizione ad agenti biologici
10.1 Campo di applicazione e definizioni
10.2 Classificazione degli agenti biologici
10.3 Comunicazione
10.4 Autorizzazione
10.5 Obblighi del datore di lavoro
10.5.1 Valutazione del rischio
10.5.2 Misure tecniche, organizzative, procedurali
10.5.3 Misure igieniche
10.5.4 Misure specifiche per strutture sanitarie e veterinarie
10.5.5 Misure specifiche per i laboratori e gli stabulari
10.5.6 Misure specifiche per i processi industriali
10.5.7 Misure di emergenza
10.5.8 Informazioni e formazione
10.6 Sorveglianza sanitaria
10.6.1 Prevenzione e controllo
10.6.2 Registri degli esposti e degli eventi accidentali
10.6.3 Registro dei casi di malattia e di decesso
11. Protezione dalle ferite da taglio e da punta nel settore ospedaliero e sani¬tario
11.1 Ambito di applicazione
11.2 Definizioni
11.3 Misure generali di tutela
11.4 Valutazione dei rischi
11.5 Misure di prevenzione specifiche
12. Protezione da atmosfere esplosive
12.1 Disposizioni generali
12.1.1 Campo di applicazione e definizioni
12.2 Obblighi del datore di lavoro
12.2.1 Prevenzione e protezione contro le esplosioni
12.2.2 Valutazione dei rischi di esplosione
12.2.3 Obblighi generali
12.2.4 Coordinamento
12.2.5 Aree in cui possono formarsi atmosfere esplosive
12.2.6 Informazione e formazione dei lavoratori
12.2.7 Documento sulla protezione contro le esplosioni
12.2.8 Termini per l’adeguamento
12.2.9 Verifiche
13. L’impianto sanzionatorio
13.1 Considerazioni generali
13.2 Disposizioni in tema di processo penale
13.2.1 Esercizio dei diritti della persona offesa
13.3 Disposizioni in materia penale e di procedura penale
13.3.1 Principio di specialità
13.3.2 Esercizio di fatto di poteri direttivi
13.3.3 Modifiche al d.lgs. 8 giugno 2001, n. 231
13.3.4 Applicabilità delle disposizioni di cui agli artt. 20 e seguenti del d.lgs. 19 dicembre 1994, n. 758
13.3.5 Definizione delle contravvenzioni punite con la sola pena dell’arresto
13.3.6 Estinzione agevolata degli illeciti amministrativi a seguito di regolariz¬zazione
13.3.7 Potere di disposizione
13.4 Il dolo eventuale nella responsabilità sugli infortuni sul lavoro
13.5 Confisca amministrativa in caso di gravi e reiterate violazioni in materia di sicu¬rezza sul lavoro
13.6 Il nuovo quadro sanzionatorio contravvenzionale
14. La sicurezza e la salute nell’epoca della pandemia da Covid-19
14.1 Premessa
14.2 Le norme emergenziali (anche) in chiave di salute sui luoghi di lavoro
14.3 Le coeve disposizioni normative più volte evocate come risolutive
14.3.1 Il ruolo dell’art. 2087 c.c.
14.3.2 La (necessaria) sorveglianza sanitaria
14.3.3 Le misure di sostegno alle imprese per la riduzione del rischio da con¬tagio nei luoghi di lavoro
14.4 I Protocolli per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro
14.4.1 Le vaccinazioni anti Sars-CoV-2/ Covid-19 nei luoghi di lavoro
14.4.2 La validazione straordinaria dei DPI
14.5 (Obbligo o meno di) vaccinazione, green pass e accessi negli ambienti di lavoro
14.5.1 Obbligo di vaccinazione nell’ambito lavorativo?
14.6 L’obbligo del green pass per l’accesso ai luoghi e ambienti di lavoro
14.6.1 Obbligo per il personale sanitario
14.6.2 Obbligo per il personale scolastico e dell’università
14.6.3 La generalizzazione dell’obbligo: il d.l. n. 127/2021 (già novellato in itinere)
14.6.4 (segue) I nuovi obblighi
14.6.5 Le imprese con meno di 15 dipendenti
14.6.6 I profili sanzionatori
14.6.7 La nomina degli incaricati e l’accertamento dell’eventuale irregolarità
14.6.8 Il POO
14.6.9 Riepilogo delle misure introdotte dal d.l. n. 127/2021
14.6.10 Alcune osservazioni su possibili criticità
14.7 La (possibile) responsabilità del datore di lavoro per contagio da Covid-19
14.8 Gli adempimenti in materia di privacy
14.8.1 Le indicazioni generali per il trattamento dei dati personali
14.8.2 Vaccino, green pass e privacy
14.8.3 Le novità introdotte dal d.l. n. 139/2021
14.8.4 Gli adempimenti necessari
14.9 La prima giurisprudenza (legata all’emergenza pandemica)
14.10 La necessità di una nuova (diversa) gestione aziendale della sicurezza e della salute sul lavoro
14.10.1 La quarantena e l’isolamento fiduciario
14.10.2 La gestione del mutato quadro normativo
14.10.3 L’aggiornamento del DVR
14.10.4 I meccanismi di trasmissione dell’infezione virale
14.10.5 Misure di prevenzione e protezione
14.10.6 La sorveglianza sanitaria
14.10.7 La tutela infortunistica
14.11 Smart working emergenziale e sicurezza
Indice dei materiali online

Scrivi la tua recensione
Stai recensendo:Il Testo Unico di Sicurezza sul lavoro