Il Vademecum dell’Amministratore locale - IV Edizione

 
28,00 €
Disponibile

Autori Amedeo Scarsella

Pagine 340
Data pubblicazione Giugno 2022
Data ristampa
ISBN 8891658814
ean 9788891658814
Tipo Cartaceo
Collana I fuori collana
Editore Maggioli Editore
Dimensione 17x24
  • Spedizione in 48h
  • Paga alla consegna senza costi aggiuntivi

Autori Amedeo Scarsella

Pagine 340
Data pubblicazione Giugno 2022
Data ristampa
ISBN 8891658814
ean 9788891658814
Tipo Cartaceo
Collana I fuori collana
Editore Maggioli Editore
Dimensione 17x24
Il Vademecum illustra le principali funzioni di competenza di sindaco, giunta e consiglio, gli strumenti a loro disposizione e le ipotesi di responsabilità in cui gli stessi possono incorrere.

L’attenzione è posta alle corrette regole di funzionamento degli organi collegiali, anche quando siano svolte in videoconferenza: ruolo del presidente del consiglio, modalità di convocazione, deposito degli atti, pareri preventivi, sedute di prima e seconda convocazione, numero legale, disciplina degli interventi in consiglio e verbalizzazione.

Sono passate in rassegna le prerogative dei consiglieri comunali: diritto di iniziativa, diritto di accesso, atti di sindacato ispettivo (mozioni, interrogazioni ed interpellanze).

Per quello che riguarda lo status degli amministratori locali, vengono analizzati i temi dei permessi e delle aspettative, delle indennità di carica alla luce delle novità introdotte dalla Legge di Bilancio 2022, degli oneri previdenziali, dei rimborsi per le missioni e le spese di viaggio, dell’assicurazione per i rischi connessi al mandato, nonché la problematica relativa al rimborso delle spese legali. In tema di limite al numero di mandati consecutivi, viene illustrata la novità contenuta nella L. 35/2022 che consente lo svolgimento del terzo mandato ai sindaci dei comuni con popolazione fino a 5.000 abitanti.

Particolare attenzione viene posta anche alle incompatibilità per lo svolgimento di incarichi dirigenziali, alla gratuità per gli incarichi professionali, nonché al tema dei nuovi obblighi in materia di trasparenza.

Dopo aver descritto il principio di distinzione delle funzioni tra organi di governo e dirigenti, viene fornita un’ampia rassegna della più recente giurisprudenza in ordine ai casi eccezionali in cui, nei comuni con popolazione inferiore a 5.000 abitanti, i componenti dell’organo esecutivo possono svolgere funzioni gestionali. Vengono illustrati gli strumenti a disposizione degli amministratori per dettare l’indirizzo politico: il programma di mandato, il DUP, il bilancio di previsione, il programma delle opere pubbliche, il fabbisogno del personale, il PEG, il piano delle performance, i piani triennali per la razionalizzazione della spesa, il piano triennale di prevenzione della corruzione e il nuovo PIAO, Piano integrato di attività e organizzazione, destinato ad assorbire molti atti di programmazione.

Vengono illustrate poi le regole fondamentali di funzionamento della macchina amministrativa. In tale ambito vengono, tra l’altro, analizzate le funzioni del segretario comunale, dei dirigenti e delle posizioni organizzative.

Il tema dei servizi pubblici locali è affrontato per evidenziare gli ampi margini di discrezionalità di cui godono gli organi politici nella loro organizzazione e per evidenziare le nuove forme di responsabilità, senza tralasciare il tema degli affidamenti in house.

Nell’ultimo capitolo viene proposta una descrizione delle responsabilità giuridiche connesse con lo svolgimento del mandato, alla luce delle importanti novità introdotte dal Decreto Semplificazioni (D.L. n. 76/2020, convertito con modificazioni dalla L. n. 120/2020) in materia di responsabilità amministrativa e in ordine al reato di abuso d’ufficio.

Amedeo Scarsella
Segretario Nazionale dell’Unione Nazionale Segretari comunali e provinciali, docente in corsi di formazione ed autore di pubblicazioni in materia di diritto amministrativo e degli enti locali, con particolare riferimento alle tematiche dell’attività e dell’organizzazione amministrativa, del personale e della contabilità pubblica. Membro del Comitato scientifico del quotidiano online lagazzettadeglientilocali.it.

- Le competenze di Sindaco, Assessori e Consiglieri comunali
- Le indennità, i permessi e le prerogative
- Le regole di funzionamento degli organi collegiali
- Le responsabilità

Edizione aggiornata a:
• Legge 30 dicembre 2021, n. 234 (Legge di Bilancio 2022)
• Legge 12 aprile 2022, n. 35 (Mandato dei sindaci e inconferibilità)

Presentazione alla quarta edizione

Presentazione

Capitolo 1 I comuni nella Costituzione e nel Testo unico sugli enti locali

1.1. I principi costituzionali sulle autonomie locali

1.2. Il Testo unico degli enti locali

1.3. Le forme di autonomia

1.4. Il limite all’autonomia degli enti locali: le leggi di coordinamento della finanza pubblica

1.5. L’autonomia normativa

1.5.1. Lo Statuto comunale

1.5.2. I regolamenti comunali

1.6. Le funzioni dei comuni

1.7. Le funzioni fondamentali

1.7.1. La funzione fondamentale di protezione civile

1.8. Le difficoltà operative per l’applicazione della norma sulle gestio­ni associate

1.9. I vantaggi delle gestioni associate e gli esempi degli altri Paesi

1.10. I dubbi sulla costituzionalità dell’obbligo di esercizio associato del­le funzioni fondamentali. È incostituzionale l’obbligo di esercizio associato delle funzioni fondamentali

1.10.1. Gli effetti della sentenza della Corte costituzionale n. 33/2019 e le sollecitazioni per il legislatore

1.11. La legge sui piccoli comuni (L. n. 158/2017)

1.12. Le città metropolitane e le province

1.12.1. Le città metropolitane

1.12.2. Le province

Capitolo 2 Unioni di comuni e gestioni associate

2.1. L’attenzione per le gestioni associate negli ultimi anni

2.2. La scelta della forma associata

2.3. L’obiettivo di contenimento della spesa pubblica mediante gestio­ni associate

2.4. Le convenzioni tra comuni

2.5. Le unioni di comuni

2.6. La fusione tra comuni

Capitolo 3 Gli organi politici

3.1. La distinzione delle competenze tra organi politici e dirigenti

3.2. Gli organi politici dei comuni

3.3. Il sindaco

3.3.1. Entrata in carica e giuramento

3.3.2. Il distintivo del sindaco

3.3.3. La sostituzione del sindaco

3.3.4. Limite di mandati consecutivi

3.3.5. Altre cause di incandidabilità collegate ad un precedente mandato

3.3.6. La cessazione e sospensione dell’incarico

3.3.7. Il potere di ordinanza del sindaco

3.3.8. I compiti del sindaco in materia di protezione civile

3.4. La giunta

3.4.1. Composizione

3.4.2. La nomina

3.4.3. La revoca

3.4.4. Le competenze

3.4.5. Le deleghe ai singoli assessori

3.4.6. L’attribuzione di competenze gestionali ai componenti dell’organo esecutivo nei piccoli comuni

3.5. Le “quote rosa”

3.5.1. La disciplina per i comuni con popolazione superiore ai 3.000 abitanti

3.5.2. La disciplina per i comuni con popolazione inferiore ai 3.000 abitanti

3.5.3. Motivazione dell’impossibilità di rispettare il principio di pari opportunità

3.5.4. Conseguenze derivanti dalla irregolare formazione della giunta comunale

3.6. Il consiglio comunale

3.6.1. Competenze

3.6.2. Composizione

3.6.3. Rappresentanza di genere

3.6.4. Entrata in carica di consiglieri

3.6.5. Presidenza

3.6.6. La sostituzione del presidente del consiglio

3.6.7. Funzionamento del consiglio

3.6.8. Gruppi consiliari

3.6.9. Conferenza dei capigruppo

3.6.10. La collocazione del consigliere in maggioranza o in mino­ranza

3.6.11. Commissioni consiliari

3.6.12. Le deleghe ai consiglieri comunali

3.6.13. Decadenza dalla carica di consigliere per mancata parte­cipazione alle sedute

3.6.14. Dimissioni dalla carica

Capitolo 4 Il funzionamento degli organi collegiali

4.1. Premessa

4.2. Definizione e principi generali in materia di organi collegiali

4.2.1. Le riunioni virtuali degli organi collegiali: la legislazio­ne emergenziale per la prevenzione del contagio da Co­vid-19

4.2.2. Riunioni in videoconferenza degli organi collegiali degli enti locali dopo la fine dello stato di emergenza

4.3. La convocazione

4.4. Argomenti da iscrivere all’ordine del giorno

4.5. La richiesta di convocazione da parte dei consiglieri comunali

4.5.1. Le materie che possono essere oggetto di richiesta di con­vocazione del consiglio comunale

4.5.2. Il termine di 20 giorni per l’effettivo svolgimento della se­duta

4.6. L’annullamento in autotutela dell’avviso di convocazione

4.7. Le attività preliminari alla seduta

4.7.1. Le proposte di deliberazione e i pareri

4.7.2. L’intervento delle commissioni consiliari

4.7.3. Il deposito degli atti

4.8. La seduta consiliare

4.8.1. Il comportamento dei consiglieri e del pubblico durante le sedute

4.8.2. La partecipazione del segretario comunale

4.8.3. Il numero legale

4.8.4. Le comunicazioni

4.8.5. Interrogazioni, interpellanze e mozioni (rinvio)

4.8.6. Le questioni pregiudiziali o sospensive

4.8.7. L’obbligo di astensione

4.8.8. La partecipazione di soggetti esterni – Il consiglio comu­nale aperto

4.8.9. La relazione sulla proposta

4.8.10. Gli interventi dei consiglieri

4.8.11. Gli emendamenti alla proposta

4.8.12. Le dichiarazioni di voto

4.8.13. Le votazioni

4.9. Il quorum necessario per l’approvazione delle delibere

4.10. Le elezioni dei rappresentanti del consiglio

4.11. Il verbale di deliberazione

4.12. L’approvazione dei verbali delle sedute precedenti

4.13. Registrazione e diffusione delle immagini delle sedute di consi­glio comunale

Capitolo 5 Le prerogative dei consiglieri comunali

5.1. I diritti dei consiglieri comunali

5.2. Gli atti di sindacato ispettivo

5.2.1. Le interrogazioni e le interpellanze

5.2.2. Le mozioni

5.2.3. Gli ordini del giorno

5.3. Il diritto di accesso dei consiglieri previsto dal Tuel

5.3.1. Diritto di accesso del consigliere comunale e bilancia­mento dei diritti fondamentali

5.3.2. La corrispondenza con la Corte dei conti

5.3.3. Atti giudiziari

5.3.4. Atti contenenti dati riservati e sensibili

5.3.5. Accesso agli atti di società pubbliche

5.3.6. Accesso ai sistemi informatici e al protocollo dell’ente

5.3.7. Atti di un procedimento disciplinare

5.3.8. Atti di gara

5.4. Le responsabilità penali connesse all’improprio utilizzo degli atti e delle informazioni

5.5. Le altre forme di accesso per i consiglieri comunali

5.6. Il diritto ad impugnare le deliberazioni del consiglio e della giunta comunale

Capitolo 6 Lo status degli amministratori locali

6.1. I doveri e la condizione giuridica degli amministratori

6.2. Enti con popolazione inferiore a 10.000 abitanti: il principio di invarianza della spesa

6.3. I permessi

6.3.1. Disciplina generale

6.3.2. Tipologia di permessi

6.3.3. La giustificazione dei permessi

6.3.4. Oneri per i permessi

6.4. Aspettativa

6.5. Indennità di funzione

6.5.1. L’indennità dei sindaci dei comuni con popolazione infe­riore a 3.000 abitanti

6.5.2. L’incremento delle indennità degli amministratori a se­guito della Legge di bilancio 2022

6.5.3. Riduzione, rinuncia e devoluzione

6.6. L’indennità di fine mandato per il sindaco

6.7. Gettoni di presenza

6.8. Rimborso spese di viaggio

6.8.1. La “necessità” deve potersi qualificare come tale sia sog­gettivamente che oggettivamente

6.8.2. La verifica in merito alla “necessità” della presenza

6.9. Oneri previdenziali

6.10. Assicurazione per i rischi connessi al mandato e rimborso delle spese legali sostenute

6.11. Gli obblighi in materia di trasparenza

6.12. La gratuità degli incarichi conferiti ai titolari di cariche elettive

6.13. Le incompatibilità per gli incarichi dirigenziali nella pubblica amministrazione

Capitolo 7 Gli atti di indirizzo politico

7.1. L’autonomia politica

7.2. La procedura di implementazione delle scelte

7.3. Programma di mandato

7.4. Il Documento Unico di Programmazione (DUP)

7.4.1. La Sezione Strategica (SeS)

7.4.2. La Sezione Operativa (SeO)

7.4.3. Il DUP semplificato

7.4.4. Le fasi di approvazione del DUP

7.5. Il bilancio di previsione

7.5.1. Le manovre tributarie

7.5.2. Il pareggio di bilancio

7.5.3. La procedura di approvazione del bilancio di previsione

7.6. Il programma delle opere pubbliche e il programma biennale de­gli acquisti di beni e servizi

7.7. La programmazione del fabbisogno del personale (rinvio)

7.8. Il piano delle alienazioni e valorizzazione dei beni patrimoniali

7.9. Il PEG

7.10. Il Piano della performance

7.11. Il Piano di prevenzione della corruzione e della trasparenza

7.12. Il Piano integrato di attività e organizzazione (PIAO)

7.13. Piani triennali per la razionalizzazione della spesa

7.14. Il coinvolgimento dei cittadini nelle scelte strategiche

Capitolo 8 L’organizzazione interna

8.1. L’autonomia organizzativa degli enti locali

8.2. Le competenze degli organi politici in materia di organizzazione amministrativa

8.3. Le dotazioni organiche e il fabbisogno del personale

8.4. La contrattazione decentrata

8.5. Il segretario comunale

8.5.1. La nomina

8.5.2. Le funzioni

8.5.3. La revoca

8.6. Il direttore generale

8.7. Gli incarichi dirigenziali

8.7.1. Criteri per il conferimento degli incarichi dirigenziali

8.7.2. Gli incarichi dirigenziali conferiti a soggetti esterni: la natura non concorsuale delle procedure

8.7.3. La predeterminazione degli obiettivi

8.7.4. Le nuove regole sull’incompatibilità e inconferibilità

8.8. Le funzioni dirigenziali

8.8.1. I compiti di collaborazione con gli organi politici

8.8.2. Il dirigente “datore di lavoro”

8.9. Le posizioni organizzative e le alte professionalità

8.10. La responsabilità dirigenziale

Capitolo 9 I servizi pubblici locali

9.1. Una funzione fondamentale: l’organizzazione dei servizi pubblici

9.2. La nozione di servizio pubblico locale

9.3. L’organizzazione dei servizi pubblici

9.4. Le modalità di affidamento

9.4.1. L’esternalizzazione dei servizi

9.4.2. Le società miste

9.4.3. Affidamenti in house

9.5. La regolazione dei servizi pubblici locali: i contratti di servizio

9.6. Il Testo unico in materia di società a partecipazione pubblica

Capitolo 10 I controlli

10.1. Le diverse tipologie di controlli

10.2. Controllo politico: atti di sindacato ispettivo e rendiconto di ge­stione

10.3. Il ruolo degli organi politici nel sistema integrato di controlli

Capitolo 11 Le responsabilità

11.1. Responsabilità politiche e responsabilità giuridiche degli ammi­nistratori

11.2. La responsabilità amministrativa

11.2.1. I presupposti

11.2.2. La posizione degli amministratori

11.3. Le responsabilità sanzionatorie

Scrivi la tua recensione
Stai recensendo:Il Vademecum dell’Amministratore locale - IV Edizione