SERVIZIO CLIENTI 0541.628200  Lunedì - Venerdì / 8.30-17.30

Io  c'ero RIFLESSIONI DI CHI HA VISSUTO GLI ANNI D’ORO DEL DESIGN E DELL’ERGONOMIA ITALIANI Epub

Io c'ero RIFLESSIONI DI CHI HA VISSUTO GLI ANNI D’ORO DEL DESIGN E DELL’ERGONOMIA ITALIANI Epub

Autori Luigi Bandini Buti
Editore Maggioli Editore
Formato Ebook
Dimensione epub
Pagine 124
Pubblicazione Maggio 2016 ( Edizione)
ISBN / EAN 8891615060 / 9788891615060

Spero solo che il lettore guardando indietro tragga stimolo per andare avanti.

Prezzo Online:

5,99 €

Disponibilità: Disponibile

Molti mi chiedono come succedevano le cose nel campo del design negli anni ’60/70’, perché io c’ero.
Erano anni interessanti che vedevano l’Italia sviluppare e diffondere il design. Molti architetti lo scoprivano perché il mercato non offriva loro nulla che confacesse con le architetture che stavano sviluppando. A Milano nel 1947 crearono “Azucena” azienda per la produzione di mobili disegnati da alcuni di loro per potere disporre di un repertorio di arredi pronti per le case che andavano progettando. “Azucena” gli dava una mano e poi metteva in catalogo.
Altri invece erano sollecitati dagli industriali che si rendevano conto delle potenzialità che avevano in mano, ma avevano bisogno di qualcuno che gli desse forma.
Non era un paesaggio strutturato ma erano delle necessità che diventavano eccellenza. Non a caso a Milano e in Italia si era ancora molto lontani dall’avere insegnamento del design nelle istituzioni pubbliche, tutto avveniva sul campo.
Una cosa era certa, si cominciava solo allora a capire che il buon design era e poteva essere un buon affare.

Tutto questo succedeva quando, dopo il servizio militare, mi sono affacciato al mondo del progetto. Si aveva l’impressione di vivere un momento particolare, bello ed esaltante.
Poi ad un certo punto è comparsa nel mio panorama l’ergonomia, come disciplina capace di rispondere all’evoluzione della società (eravamo nel 1968), che poi in me si è evoluta quasi automaticamente nel più recente interesse al Design for All.

Perché ricordare questi tempi adesso?
“Per nostalgia?”
“Perché come si progettava allora … non si progetta più?”
No certo, ma perché la storia ha senso se ci dice da dove veniamo per sapere dove andiamo. 
Molti aspetti che ho riscontrato allora, come la resistenza al cambiamento dei decisori, la tendenza del progettista a pensare che se va bene per lui va bene per tutti, la difficoltà a mettersi nei panni degli altri e di saper indagare bisogni ed esigenze, il marketing che sa leggere il passato e quindi pensa di saper predire il futuro e tanto altro, sono sempre presenti anche ora.

Spero solo che il lettore guardando indietro tragga stimolo per andare avanti.

Luigi Bandini Buti


LUIGI BANDINI BUTI
Laureato in architettura al Politecnico di Milano nel 1955, comincia la sua carriera collaborando con i più importanti architetti milanesi fra cui Ignazio Gardella e Marco Zanuso. Con Franco Albini collabora alla direzione artistica della prima linea della metropolitana milanese, il più prestigioso cantiere del momento. Alla fine degli anni ’60 è protagonista dell’introduzione dell’ergonomia in Italia, spingendola nella direzione della progettualità rispetto alla sola diagnostica. L’affermazione “La vera prevenzione si fa in sede di progetto” è sua di questi anni. Fonda la Società di Ergonomia Applicata con la quale effettua i primi interventi ergonomici sull’ambiente di vita e di lavoro, che gli procurano nel 1981 il Compasso d’Oro ADI per la ricerca. Alla fine degli anni ’90 comincia ad interessarsi ad una nuova disciplina, il Design for All capace di dire che la diversità è una risorsa e che occuparsi dei “diversi” non è “buon cuore” ma una ineludibile esigenza del buon progetto.
Si impegna nell’associazione Design for All Italia anche come presidente e trae da questa nuova disciplina ispirazione per i suoi ultimi libri.
In questi 60 anni di carriera ha vissuto in prima persona lo sviluppo prorompente del Design italiano, è stato protagonista dell’applicazione dell’ergonomia ed infine ha contribuito agli sviluppi ancora in atto di un nuovo modo di progettare, il progetto per “tutti, disabili compresi” perché, afferma, “La diversità è una risorsa”.
È per questo che ha scritto questo libro non solo storico ma anche molto attuale, per testimoniare che “Io c’ero”.

Luigi Bandini Buti è su Wikipedia: it.wikipedia.org/wiki/Luigi_Bandini_Buti


Scrivi la tua recensione

Solo gli utenti registrati possono scrivere recensioni. Accedi oppure Registrati

Libri consigliati

Back to top