Facebook Pixel

L’espropriazione per pubblica utilità dalla A alla Z

142 voci di un dizionario ragionato
29,00 €
Disponibile

Autori Antonino Cimellaro

Pagine 232
Autori Antonino Cimellaro
Data ristampa
Data pubblicazione Settembre 2021
ISBN 8891652744
ean 9788891652744
Tipo Ebook
Sottotitolo 142 voci di un dizionario ragionato
Collana eBook
Editore Maggioli Editore

Autori Antonino Cimellaro

Pagine 232
Autori Antonino Cimellaro
Data ristampa
Data pubblicazione Settembre 2021
ISBN 8891652744
ean 9788891652744
Tipo Ebook
Sottotitolo 142 voci di un dizionario ragionato
Collana eBook
Editore Maggioli Editore
Risulta ormai acclarata, in ogni ambito giuridico, l’utilità del ricorso a trattazioni in forma di dizionario, in particolare per coloro che si accostano, come interpreti o come operatori, all’espropriazione per pubblica utilità.

Lo confermano la prassi amministrativa e la giurisprudenza, civile e amministrativa, che giorno dopo giorno rendono sempre più impellente la necessità di una iniziale alfabetizzazione sulla quale fondare lo sforzo diretto a ordinare e comporre quel vasto universo racchiuso nell’istituto ultracentenario di cui si tratta e che si è arricchito con quello che, ancora a ragione, viene definito come “nuovo” Testo Unico dell’Espropriazione, operativo dal 30 giugno 2003.

In questo spirito, si è provveduto ad una raccolta aggiornata delle principali voci riferite alle singole fasi in cui è articolata la procedura espropriativa (ma oggi sarebbe forse più corretto parlare di procedure espropriative, come vogliono la CEDU e la Corte Costituzionale).

Tali voci si completano, ove occorra, con i rimandi alle altre voci, in modo da stabilire i collegamenti idonei a fornire l’avvio a soluzione delle specifiche problematiche con le quali si è chiamati a confrontarsi nell’esperienza pratica.

Antonino Cimellaro
Avvocato cassazionista e consulente in materia di opere pubbliche, con particolare riferimento alla espropriazione per pubblica utilità e alle procedure autorizzatorie. In tali ambiti è docente in corsi di formazione nonché autore di pubblicazioni. Collabora con riviste specializzate di settore.

Risulta ormai acclarata, in ogni ambito giuridico, l’utilità del ricorso a trattazioni in forma di dizionario, in particolare per coloro che si accostano, come interpreti o come operatori, all’espropriazione per pubblica utilità.

Lo confermano la prassi amministrativa e la giurisprudenza, civile e amministrativa, che giorno dopo giorno rendono sempre più impellente la necessità di una iniziale alfabetizzazione sulla quale fondare lo sforzo diretto a ordinare e comporre quel vasto universo racchiuso nell’istituto ultracentenario di cui si tratta e che si è arricchito con quello che, ancora a ragione, viene definito come “nuovo” Testo Unico dell’Espropriazione, operativo dal 30 giugno 2003.

In questo spirito, si è provveduto ad una raccolta aggiornata delle principali voci riferite alle singole fasi in cui è articolata la procedura espropriativa (ma oggi sarebbe forse più corretto parlare di procedure espropriative, come vogliono la CEDU e la Corte Costituzionale).

Tali voci si completano, ove occorra, con i rimandi alle altre voci, in modo da stabilire i collegamenti idonei a fornire l’avvio a soluzione delle specifiche problematiche con le quali si è chiamati a confrontarsi nell’esperienza pratica.

Antonino Cimellaro
Avvocato cassazionista e consulente in materia di opere pubbliche, con particolare riferimento alla espropriazione per pubblica utilità e alle procedure autorizzatorie. In tali ambiti è docente in corsi di formazione nonché autore di pubblicazioni. Collabora con riviste specializzate di settore.

Abbandono/abdicazione della proprietà (rinuncia abdicativa)
Accesso ai fondi
Accettazione delle indennità
Acconto dell’80% delle indennità
Accordo di programma
Accordo sull’indennità
Affittuario
Autorità espropriante
Avviamento commerciale e indennità
Avvio del procedimento (per l’apposizione del vincolo). La partecipazione
Avvio del procedimento (per la dichiarazione di pubblica utilità)
Azienda/attività agricola
Azienda/attività industriale-commerciale
Beni attigui
Beni demaniali (in senso stretto)
Beni patrimoniali disponibili
Beni patrimoniali indisponibili
Beni residui/relitti
Bollo
Cave
CEDU
Cessione volontaria
Coltivatore diretto
Commissione Provinciale Espropri
Comparto
Comportamenti
Comproprietari
Condominio
Consulenza tecnica in giudizio (C.T.U.)
Conversione del diritto espropriato sull’indennità
Cortili
Costruzioni rurali
Danni indiretti
Decreto di esproprio
Decreto d’occupazione
Decreto ingiuntivo
Delega (dell’esercizio dei poteri espropriativi) e concessione “traslativa”
Deposito delle indennità
Deprezzamento
Detenzione (del bene dopo l’occupazione)
Dichiarazione di pubblica utilità (e adempimenti successivi: art. 17)
Edificabilità (di diritto)
Edificabilità (di fatto)
Edifici (costruzioni/fabbricati)
Enfiteusi
Espropriante
Espropriato
Espropriazione
Espropriazione di valore
Espropriazione e iniziativa privata
Espropriazione parziale
Evizione (garanzia per la)
Fabbricati
Fasce (zone) di rispetto
Frazionamento
Frutti pendenti
Giardino
Giurisdizione
I.A.P. (imprenditore agricolo professionale)
Immissione in possesso
Imposte
Impugnazione (dell’atto amministrativo). Termini
Incremento di valore
Indebito
Indennità di esproprio
Indennità di occupazione
Inedificabilità
Interclusione
Interesse generale
Interessi sulle indennità e sul risarcimento
Ipoteca
Irreversibile trasformazione
Legittimazione attiva
Legittimazione passiva
Limiti e poteri delle Regioni
Livelli
Lucro cessante (mancato reddito)
Metodi di determinazione delle indennità
Metodi di determinazione delle indennità. Nei piani urbanistici attuativi
Momento determinativo indennità. L’art. 32 T.U. e le “migliorie opportunistiche”. Notifica dell’offerta e procedure conseguenti
Notifiche e comunicazioni nella procedura espropriativa
Occupazione acquisitiva e usurpativa
Occupazione d’urgenza preordinata all’espropriazione
Occupazione temporanea per usi strumentali (non preordinata all’espropriazione)
Oggetto dell’espropriazione
Opera pubblica/di pubblica utilità
Operazioni planimetriche e preparatorie
Opposizione alla stima
Partecipazione al procedimento
Pagamento dell’indennità
Perequazione
Permuta
Pertinenze
Piano di recupero edilizio
Piano particellare
Piano per insediamenti produttivi (piano P.I.P.)
Piano per l’edilizia economica e popolare (piano P.E.E.P.)
Prelazione a favore del comune
Prelazione ed espropriazione (in genere)
Prescrizione
Principi e fondamenti costituzionali (del potere espropriativo)
Principi generali dell’ordinamento. Principi fondamentali della legislazione statale. Competenze regionali
Progetto di opera pubblica
Programmazione: triennale e elenco annuale (D.M. 16 gennaio 2018 n. 14)
Promotore dell’espropriazione
Proprietari/intestatari catastali ed effettivi
Reiterazione dei vincoli preordinati all’espropriazione
Reliquati (beni relitti-beni residui)
Retrocessione
Ripetizione dell’indebito
Ritenuta del 20%
Sconfinamento
Servitù
Soggetti dell’espropriazione
Soprassuolo (arboreo)
Spazio vitale
Standard (urbanistici)
Stato di consistenza
Superficie (diritto di – e proprietà superficiaria)
Svalutazione
Svincolo delle indennità
Tertium genus (utilizzazioni intermedie)
Trascrizione (decreto d’esproprio/cessione volontaria/atto di acquisizione)
Trasformazione irreversibile/modifica/spazio vitale
Ufficio espropri
Unicità dell’indennizzo
Urbanizzazione (primaria e secondaria)
Urgenza (decreto esproprio/occupazione ex artt. 22 e 22-bis)
Usi civici
Usucapione
Usufruttuario
Utilizzazioni intermedie (o sfruttamento intermedio)
Utilizzazione senza titolo di un bene modificato per scopi di interesse pubblico (occupazione illegittima senza titolo)
Valore agricolo medio (V.A.M.)
Valore venale/valore di mercato
Verbale (di immissione nel possesso)
Vie di (mero) fatto
Vincoli urbanistici (conformativi o espropriativi)
Volumetria
Zona (area) bianca/ripianificazione
Zone di rispetto
Zone “F”

Scrivi la tua recensione
Stai recensendo:L’espropriazione per pubblica utilità dalla A alla Z