Facebook Pixel

Lavoro e integrazione delle politiche pubbliche

 
Prezzo speciale 23,75 €
SCONTO 5%
5%
Anzichè 25,00 €
Disponibile

Autori Michele Colasanto - Rosangela Lodigiani

Pagine 200
Autori Michele Colasanto - Rosangela Lodigiani
Data ristampa
Data pubblicazione Novembre 2018
ISBN 8891630988
ean 9788891630988
Tipo Cartaceo
Collana Università
Editore Maggioli Editore
Dimensione 135x210
  • Spedizione in 48h
  • Paga alla consegna senza costi aggiuntivi

Autori Michele Colasanto - Rosangela Lodigiani

Pagine 200
Autori Michele Colasanto - Rosangela Lodigiani
Data ristampa
Data pubblicazione Novembre 2018
ISBN 8891630988
ean 9788891630988
Tipo Cartaceo
Collana Università
Editore Maggioli Editore
Dimensione 135x210

Esiste un “modello trentino” di integrazione delle politiche pubbliche del lavoro, sociali e industriali per lo sviluppo e la coesione? Quale ruolo è assegnato al dialogo sociale e alle relazioni industriali? Cosa insegna il caso della Provincia autonoma Trento? Quali sono gli elementi di specificità e quali di trasferibilità?
Sono queste alcune delle domande a cui la ricerca qui presentata prova a dare risposta, nell’ipotesi che non solo un modello trentino esista,ma che abbia un valore di esemplarità che va oltre il caso specifico, offrendo indicazioni utili per favorire l’integrazione delle politiche in altri contesti territoriali. Andando oltre il luogo comune che il modello trentino di integrazione è reso possibile dalla disponibilità di risorse finanziarie e dalla presenza di competenze proprie dello Statuto speciale, la ricerca mostra che alcuni punti di forza del sistema di governance trentino (driver quali la capacità di vision e leadership, di apprendimento bottom-up, di coinvolgimento e responsabilizzazione degli attori, ecc.) sono in realtà replicabili altrove, e propri generalmente di ogni azione di sviluppo locale.
Ciò che appare più distintivo, e meno facilmente replicabile, sono invece la qualità della società civile, della politica e delle istituzioni e la relazione di interdipendenza circolare e virtuosa che tra di esse si è instaurata negli anni anche con l’economia locale: in modo non scontato, ma va aggiunto nemmeno in modo irreversibile. Tra le possibili “lezioni” da trarre in conclusione, una è quindi rivolta allo stesso contesto trentino: il futuro è aperto e questo rapporto di circolarità virtuoso chiede di essere costruito, coltivato, manutenuto, perché non si produce in modo spontaneo.

Contributi di:
Giacomo Balduzzi, Michele Colasanto, Chiara Cristofolini, Rosangela Lodigiani, Alberto Mattei, Alberto Vergani

Persona e sistema nell'esperienza della Provincia autonoma di Trento

Scrivi la tua recensione
Stai recensendo:Lavoro e integrazione delle politiche pubbliche