SERVIZIO CLIENTI 0541.628242 Lunedì - Venerdì / 8.30-17.30

Le nuove  semplificazioni fiscali

Le nuove semplificazioni fiscali

Autori Lelio Cacciapaglia - Marianna Annicchiarico - Giuseppe Mercurio
Editore Maggioli Editore
Formato Cartaceo
Dimensione 17x24
Pagine 610
Pubblicazione Febbraio 2015 (I Edizione)
ISBN / EAN 8891607140 / 9788891607140
Collana Professionisti & Imprese

(D.Lgs. 21 novembre 2014, n. 175) 

› Certificazione unica › Oneri e spese sostenute dai contribuenti › Modello 730 precompilato › Visto di conformità › Addizionale regionale › Spese di vitto e alloggio professionisti › Successione ereditaria › Lavori riqualificazione energetica › Esecuzione dei rimborsi Iva › Interessi sul credito d’imposta › Compensazione  somme a credito 
da parte di sostituti d’imposta › Esercizio di opzioni fiscali › Saldo Irap e operazioni straordinarie › Società in perdita sistematica › Stabile organizzazione e Modello Unico › Lettere di intento › Operazioni con Paesi black list › Iscrizione al VIES › Modello Intra › Denuncia dei premi assicurativi › Ammortamento finanziario
› Ritenuta d’acconto e intermediari › Responsabilità fiscale dell’appaltatore › Società di capitali estinta › Sponsorizzazioni › Omaggi e disciplina Iva › Recupero IVA crediti non riscossi › Regime fiscale beni sequestrati › Definizione prima casa › Adempimenti in materia di APE › Nuove regole per i CAF › Appello in CTR

Aggiornato con le risposte dell’Agenzia delle entrate ai quesiti di:
› Videoforum Italia Oggi (22 gennaio 2015) › Telefisco (29 gennaio 2015)

Prezzo Online:

58,00 €

Il decreto Semplificazioni fiscali (D.Lgs. 21 novembre 2014, n. 175) ha introdotto numerose modifiche circa gli adempimenti del contribuente nei confronti dell'amministrazione finanziaria in materia di dichiarazione di successione, stabili organizzazioni, vitto e alloggio professionisti, certificazioni RA e INPS telematiche, lettere d'intento, Vies, parte statistica modelli Intra e richiesta ritenute ridotte agenti di commercio.

Alla luce delle risposte dell'Agenzia delle Entrate ai quesiti più frequenti (Videoforum Italia Oggi e Telefisco)il volume fornisce il commento alle novità normative e ai diversi provvedimenti attuativi e organizza in modo schematico per ogni singolo argomento l'intera normativa e prassi di riferimento, così da chiarire al Professionista le questioni più spinose. 

Lelio Cacciapaglia Dottore Commercialista. Revisore contabile. Dopo un periodo presso strutture private con incarichi in materia di revisione di bilanci e controllo di gestione è approdato nel 1995 al Ministero delle finanze. Attualmente presso il Dipartimento Finanze, Area Reddito d’Impresa, è stato componente di numerose Commissioni ministeriali con incarichi istituzionali. Docente in materia di fiscalità d’impresa presso la Scuola Superiore dell’economia e delle finanze e in altre strutture private, è autore di numerose pubblicazioni e volumi per le principali case editrici del settore.

Marianna Annicchiarico Abilitata alla professione avvocato. Autrice di numerosi articoli in materia  fiscale su riviste di settore.

Giuseppe Mercurio Dottore Commercialista e revisore contabile. Dottore di ricerca in Diritto Tributario seconda Università di Napoli. Componente del Dipartimento di Politiche pubbliche e Scienze dell’Amministrazione dell’Università “Guglielmo Marconi” di Roma. Autore di numerosi articoli in materia  fiscale su riviste di settore.

 

1 Certificazione Unica – Nuovo modello polifunzionale
1 Gli effetti della modifica normativa
2 La certificazione
3 Sanzioni per ritardi e omissioni
4 La comunicazione dell’indirizzo telematico
2 Oneri e spese sostenute dai contribuenti, Trasmissione all’Agenzia delle en¬trate da parte di soggetti terzi
1 Gli effetti della modifica normativa
2 Le comunicazioni dei soggetti che erogano mutui agrari e fondiari, le imprese assicuratrici, gli enti previdenziali, le forme pensionistiche complementari 
2.1 La comunicazione telematica 
2.2 Le sanzioni per le violazioni
3 Le comunicazioni delle spese sanitarie
3 Il modello 730 precompilato: accettazione o modifica
1 Gli effetti della modifica normativa 
1.1 Chi sono i contribuenti che potranno prelevare il modello 730 precompilato 
1.2 La presentazione del modello 730 con le modalità ordinarie 
1.3 I dati che confluiscono nel modello 730 precompilato
2 La trasmissione dei dati all’Agenzia (paragrafo di rinvio)
3 Le tre diverse modalità di presentazione del 730 precompilato
4 Il modello 730 congiunto
5 Le diverse responsabilità del soggetto che trasmette il modello 730
6 Unico termine per gli adempimenti di CAF e sostituti d’imposta
7 Il modello 730 correttivo
8 In dichiarazione non deve essere comunicato il pagamento dell’IMU
4 I controlli sul modello 730 precompilato

1 Gli effetti della modifica normativa
2 Presentazione della dichiarazione direttamente ovvero tramite il sostituto d’impo¬sta: i controlli 
2.1 Accettazione del modello 730 così come precompilato dall’Agenzia
2.2 Modifica o integrazione del modello 730 precompilato 
3 Presentazione del modello 730 precompilato mediante CAF o professionista: i controlli e le responsabilità 
3.1 Il ravvedimento entro il 10 novembre 
5 La responsabilità di CAF e professionisti conseguente all’apposizione del visto di conformità per i dati del modello 730 
1 Gli effetti della modifica normativa 
2 I controlli in seguito alla presentazione del modello 730 precompilato (paragrafo di rinvio 
3 La sanzione per il visto di conformità infedele del modello 730 
3.1 In quali casi si applica la nuova sanzione 
3.2 In quali casi il CAF/professionista non è responsabile 
3.3 Il CAF/professionista responsabile della sanzione può attenuare le conse¬guenze 
4 Garanzie per il risarcimento del danno provocato dal CAF/professionista 
5 Il controllo formale nei confronti di CAF e professionisti 
6 Compensi dei sostituti d’imposta, CAF e professionisti 
6 Addizionale regionale – nuovi criteri di individuazione 
1 I provvedimenti di variazione delle addizionali 
2 Aliquota addizionale comunale – acconto 
3 L’invio telematico dei dati delle delibere comunali 
4 Emanazione dei decreti attuativi 
5 Dubbi applicativi 
7 Spese di vitto e alloggio professionisti 
1 Spese di vitto e alloggio del lavoratore 
2 La disposizione previgente ancora in vigore per il 2014 
2.1 Imposte sui redditi 
2.2 IVA 
2.3 Comportamento operativo in vigenza della pregressa normativa 
2.4 La deducibilità per il committente fino a tutto il 2014 
3 La disciplina a decorrere dal periodo d’imposta 2015 
4 Criticità legate alla data di entrata in vigore della norma 
5 Proposte al legislatore – criticità e soluzioni 
8 Successione ereditaria – esenzioni dalla presentazione e semplificazione della documentazione 
1 Esonero dalla dichiarazione di successione – elevati i limiti di valore dell’atto ere¬ditario 
1.1 Le imposte nella dichiarazione di successione che comprende immobili
2 Riduzione dei documenti da allegare in originale o in copia autentica alla dichiarazione di successione 
3 Rimborso Irpef riferito al de cuius – cade l’obbligo di presentare una dichiarazione di successione integrativa 
9 Abrogazione comunicazione lavori riqualificazione energetica ancora in corso 
1 Interventi di efficienza energetica su edifici con durata pluriennale 
2 La disciplina previgente 
2.1 Rimane l’obbligo della comunicazione all’ENEA 
2.2 Decorrenza 
10 Nuove modalità per l’esecuzione dei rimborsi IVA 
1 Tipologie di rimborso 
1.1 I rimborsi liberi fino a 15.000 euro 
1.2 I rimborsi oltre i 15.000 euro a due vie 
1.2.1 Via libera con il visto di conformità e la dichiarazione sostitutiva 
1.2.2 I requisiti del contribuente cd. virtuoso 
2. Le garanzie per i rimborsi dei soggetti non virtuosi 
2.1 La garanzia nelle piccole e medie imprese 
2.2 La garanzia nei gruppi di società 
2.3 Le garanzie – tipologie e caratteristiche 
2.3.1 Fideiussione 
2.3.2 Cauzione in titoli di Stato o garantiti dallo Stato 
2.3.3 Garanzia prestata da Confidi 
2.3.4 Assunzione dell’obbligo da parte della capogruppo 
2.3.5 Garanzie rilasciate da Imprese comunitarie 
2.4 Limite dell’importo rimborsabile in procedura semplificata 
2.5 Mancata o tardiva presentazione della garanzia 
3 Richieste di rimborso IVA annuali e trimestrali 
3.1 Dichiarazione IVA annuale 
3.2 Rimborso IVA trimestrale – modello TR 
4 Interessi, sospensione e rettifica dei rimborsi 
4.1 Interessi sul credito IVA rimborsato 
4.2 Cause che comportano la sospensione dei rimborsi 
4.3 Notifica di avviso di rettifica o accertamento dopo il rimborso 
5 Individuazione di categorie i cui rimborsi spettano in via prioritaria 
6 Esecuzione dei rimborsi in corso 
7 Particolari esenzioni dall’obbligo di prestazione della garanzia 
7.1 Amministrazioni dello Stato e degli enti pubblici 
7.2 Società di gestione dei fondi comuni di investimento immobiliare 
7.3 Società in fallimento o liquidazione coatta amministrativa 
8 Dubbi e criticità applicative
11 Rimborso degli interessi sul credito d’imposta in conto fiscale 
1 Gli effetti della modifica normativa 
2 Il conto fiscale 
2.1 Soggetti interessati 
2.2 Le imposte coinvolte 
2.3 L’uso del conto fiscale 
2.4 Limiti al rimborso dei crediti fiscali 
3 Il rimborso in base a richiesta del contribuente (in generale) 
3.1 Quando è richiesta la presentazione della garanzia 
3.2 Il rimborso dell’imposta sul valore aggiunto – particolarità 
3.2.1 La procedura per il rimborso dell’IVA 
3.3 Termini entro cui il concessionario è tenuto a eseguire il rimborso 
3.4 La richiesta di interessi in caso di ritardo nell’erogazione del rimborso 
4 Rimborsi IVA in conto fiscale con procedura semplificata 
12 Compensazione delle somme a credito da parte di sostituti d’imposta solo con modello F24 
1 Crediti derivanti dall’assistenza fiscale sempre in F24 
2 Eccedenza di versamento di ritenute e imposte sostitutive 
3 Rapporti con visto di conformità per lo scomputo dei crediti 
13 Esercizio di opzioni fiscali più snello 
1 Nuova modalità di opzione per il regime della trasparenza fiscale 
1.1 La raccomandata da parte dei soci della società trasparente 
1.2 La perdita dei requisiti per la trasparenza 
2 Nuova modalità di opzione per il regime del consolidato fiscale 
2.1 La comunicazione di uscita dal consolidato 
3 Nuova modalità di opzione per il regime della tonnage tax 
3.1 La perdita di efficacia dell’opzione 
4 Nuova modalità di opzione per l’Irap con il metodo da bilancio 
4.1 L’automatico rinnovo per un ulteriore triennio 
5 La remissione in bonis e il coordinamento con le nuovi opzioni 
6 Dichiarazione integrativa per manifestare opzione tardiva 
14 Saldo Irap razionalizzato nelle operazioni straordinarie di società di persone 
1 I diversi periodi d’imposta in caso di operazione straordinaria di società di persone 
2 La normativa Irap previgente 
3 Gli effetti della modifica normativa Irap nelle operazioni straordinarie 
3.1 La decorrenza della norma – avvantaggiati e penalizzati 
4 Le notevoli criticità negli acconti dell’Irap 
5 Modelli di dichiarazione redditi e Irap
15 Società in perdita sistematica. Passano da tre a cinque di monitoraggio 
1 Gli effetti della modifica normativa 
2 Soggetti cui si applica la disciplina delle società in perdita sistematica 
3 Le due tipologie di società di comodo 
4 Società di comodo – Gli effetti 
5 Cause di esclusione per legge 
6 Società di comodo per “insufficienza” di ricavi – esimenti da provvedimento del 14 febbraio 2008 
7 Società di comodo per perdita sistematica – esimenti da provvedimento dell’11 giugno 2012 
8 La gestione dell’interpello 
16 L’indirizzo della stabile organizzazione non va più indicato nel modello Unico 
1 Gli effetti della modifica normativa 
2 L’adempimento abrogato: l’indicazione dell’indirizzo della stabile organizzazione nel modello Unico sc/2914 
3 La ratio dell’abrogazione 
4 Le stesse informazioni sono già in possesso dell’Agenzia delle entrate 
5 La stabile organizzazione 
6 La stabile organizzazione ai fini delle imposte sui redditi e Irap 
6.1 La stabile organizzazione materiale 
6.1.1 Ipotesi definite di stabili organizzazione di tipo materiale 
6.1.2 Le altre ipotesi legislativamente previste: cantieri di costruzione e basi aeree 
6.1.3 Cosa non è stabile organizzazione secondo il Tuir 
6.2 La stabile organizzazione personale 
6.3 Le società controllate 
7 La stabile organizzazione ai fini IVA 
7.1 La stabile organizzazione e la partita IVA
17 Comunicazione all’Agenzia delle entrate dei dati contenuti nelle lettere di intento 
1 Come cambiano gli adempimenti 
1.1 La novità a decorrere dalle operazioni effettuate dal 1° gennaio 2015 
1.2 Il registro delle dichiarazioni d’intento 
2 Nuova modulistica telematica per le operazioni in vigore dal ° gennaio 2015 
2.1 Modalità di compilazione del modulo DIO 
2.2 Il ruolo dell’intermediario telematico 
2.3 Decorrenza nuova procedura – periodo transitorio 
3 Il sistema sanzionatorio 
4 Disposizioni applicative 
5 Le esportazioni indirette 
5.1 Requisiti e adempimenti formali – L’esportatore abituale
18 Comunicazione delle operazioni intercorse con Paesi black list 
1 Gli effetti della modifica normativa 
2 La cadenza annuale 
3 Il limite di euro 10.000 di esonero 
4 La gestione transitoria dell’anno 2014 
5 L’obbligo di comunicazione delle operazioni intercorse con Paesi black list 
5.1 I soggetti obbligati alla comunicazione 
5.2 I soggetti esonerati dalla comunicazione black list 
5.3 Il concetto di operatore economico e i Paesi black list 
5.4 Le operazioni oggetto di obbligo di comunicazione 
5.5 Il momento rilevante ai fini della comunicazione annuale 
5.6 La comunicazione black list diventa annuale 
5.7 Come evitare il modello black list 
5.8 Sanzioni e ravvedimento operoso 
6 Indeducibilità ai fini delle imposte sui redditi dei costi derivanti da operazioni in black list 
6.1 Paesi black list di riferimento ai fini della indeducibilità dei costi 
6.2 La prova contraria consente di dedurre i costi in black list 
6.3 L’onere di indicare separatamente i costi black list in Unico 
19 Novità per l’iscrizione al VIES 
1 Cosa cambia 
2 La ratio dell’intervento normativo 
3 Una nuova presunzione 
4 La volontà di porre in essere operazioni intracomunitarie 
5 Le modalità operative 
5.1 L’inclusione nella banca dati 
5.2 La cancellazione dalla banca dati per recesso o esclusione 
5.3 Trasmissione telematica anche tramite intermediario 
20 Si riducono i dati da indicare nel modello Intra 
1 Elenchi riepilogativi degli scambi intracomunitari 
2 Criticità – Eliminazione del modello INTRA 2-quater 
3 Intrastat – soggetti obbligati e operazioni da monitorare 
21 Riduzione delle sanzioni per omissione o inesattezza dei dati statistici degli elenchi intra 
1 La disciplina previgente 
2 La nuova disciplina 
22 Denuncia dei premi assicurativi – nuovo modello polifunzionale 
1 Gli effetti della modifica normativa 
2 La denuncia dei premi incassati dalle imprese di assicurazione 
3 L’imposta sulle assicurazioni 
23 Ammortamento finanziario: eliminazione della richiesta di autorizzazione all’Agenzia delle entrate 
1 Gli effetti della modifica normativa 
2 I beni gratuitamente devolvibili e le possibilità per il loro ammortamento 
3 L’ammortamento finanziario e l’ammortamento tecnico: l’alternativa 
4 L’ammortamento tecnico in base ai collaudi coefficienti ministeriali 
5 L’ammortamento finanziario 
5.1 L’ammortamento finanziario a quote costanti 
5.2 L’ammortamento a quote differenziate 
5.2.1 La determinazione delle quote di ammortamento differenziate 
5.2.2 Il decreto del Ministro dell’economia e delle finanze 
24 Richiesta di RA ridotta da parte di intermediari 
1 Gli effetti della modifica normativa 
2 La mappa temporale della richiesta di ritenuta ridotta 
3 Gestione del periodo transitorio 
4 Le nuove sanzioni in caso di comunicazione infedele o mancata comunicazione di revoca 
5 Sopravvivono le regole di carattere generale riferite alla ritenuta d’acconto degli intermediari 
6 I soggetti che possono fruire della riduzione della ritenuta 
7 I soggetti esclusi dalla ritenuta prevista per gli intermediari 
8 Misura della ritenuta su base ridotta 
9 Presupposti per poter fruire della ritenuta ridotta 
10 L’utilizzo in via continuativa 
11 Modalità di comunicazione della richiesta di ritenuta ridotta 
12 Chi deve effettuare la ritenuta 
13 Su cosa si applica la ritenuta 
25 Responsabilità ed obblighi degli amministratori, dei liquidatori e dei soci di società di capitali estinta 
1 I debiti da liquidazione in ambito civilistico 
2 Conseguenze giuridiche, sostanziali e processuali della cancellazione di una socie¬tà dal registro delle imprese 
3 Le nuove disposizioni: estinzione inopponibile per 5 anni all’amministrazione fi¬nanziaria 
3.1 La responsabilità dei liquidatori 
3.2 La responsabilità dei soci 
3.2.1 Le modalità di riparto tra i soci delle maggiori imposte e l’estensione della responsabilità a tutte i tributi
26 Detrazione forfetaria per prestazioni di sponsorizzazione 
1 Spese di pubblicità e sponsorizzazione – la detrazione 
2 La ratio della norma 
3 L’orientamento dell’Amministrazione finanziaria 
4 L’orientamento del Ministero per i beni e le attività culturali 
5 L’orientamento della giurisprudenza 
6 I contenziosi in atto 
27 Omaggi – la disciplina IVA si allinea a quella delle imposte sui redditi 
1 Beni destinati ad omaggio – elevato il limite per la detraibilità dell’IVA sull’acqui¬sto 
2 Omaggi a terzi entro la soglia limite di 50 euro 
3 Omaggio di beni di importo superiore a 50 euro – obblighi procedurali 
4 Prestazioni di servizio omaggiate a terzi – il limite sale a 50 euro 
5 Omaggi – rapporti tra IVA e disciplina delle imposte sui redditi 
6 Omaggi di beni di importo superiore a 50 euro – imposte sui redditi e Irap 
28 Recupero dell’IVA relativa a crediti non riscossi 
1 Cosa è cambiato 
2 La ratio della modifica 
3 La nota di variazione in diminuzione 
4 Procedure concorsuali e certezza dell’infruttuosità del credito 
29 Regime fiscale dei beni sequestrati 
1 Effetti dei provvedimenti di sequestro e confisca 
1.1 Limiti alla sospensione dei versamenti 
1.2 Determinazione dell’imposta sui redditi 
1.3 Revoca della confisca 
30 Allineamento definizione prima casa ai fini IVA – registro 
1 Gli effetti della modifica normativa 
2 Superate in via interpretativa 
3 L’acquisto della “prima casa” prima del decreto semplificazione 
3.1 L’acquisto prima casa soggetto ad imposta di registro 
3.2 L’acquisto prima casa soggetto ad IVA 
3.3 L’abitazione non di lusso nella disciplina ante decreto semplificazione 
4 L’agevolazione “prima casa” ai fini IVA dopo la modifica legislativa 
4.1 I requisiti richiesti per usufruire dell’agevolazione 
4.1.1 Ubicazione dell’immobile 
4.1.2 L’atto deve contenere delle precise dichiarazioni
31 Adempimenti in materia di APE – attestazione prestazione energetica 
1 Gli effetti della modifica normativa 
2 Inquadramento generale 
3 Cosa è l’APE 
4 Immobili soggetti ad APE e immobili esclusi 
5 Casistica riferita alla allegazione ovvero annotazione dell’APE al contratto 
6 Contratto di compravendita – allegazione APE 
7 Contratto di locazione – menzione dell’APE 
8 Le sanzioni in caso di inadempimento 
9 L’obbligo di consegna entro 45 giorni 
32 Nuove stringenti regole per i CAF 
1 Gli effetti della modifica normativa 
2 Il contenuto della domanda di rilascio dell’autorizzazione ai CAF e la relazione allegata 
3 La relazione annuale che comprovi il mantenimento dei requisiti 
4 La decadenza dall’autorizzazione nel caso di mancato rispetto del parametri 
5 Introdotta la possibilità per i CAF di avvalersi di professionisti 
6 Le altre disposizioni che impattano sull’assistenza fiscale prestata dai CAF (paragrafo di rinvio) 
33 La copia dell’appello in CTR non si deposita più in CTP 
1 Gli effetti della modifica normativa


Scrivi la tua recensione

Solo gli utenti registrati possono scrivere recensioni. Accedi oppure Registrati

Prodotti consigliati

Back to top