SERVIZIO CLIENTI 0541.628200  Lunedì - Venerdì / 8.30-17.30

Sconto 5%
Legislazione e organizzazione del servizio sanitario

Legislazione e organizzazione del servizio sanitario

Autori Raffaella Giorgetti
Editore Maggioli Editore
Formato Cartaceo
Dimensione 17x24
Pagine 676
Pubblicazione Luglio 2019 ( Edizione)
ISBN / EAN 8891635945 / 9788891635945
Collana concorsi pubblici

>164 voci di glossario

>572 riferimenti normativi

>93 schemi/schede grafiche

Appendici Online

Prezzo Online:

42,00 €

39,90 €

Ordina ora per avere:
Ricezione entro 48h
Spedizione in 48h
Paga alla consegna senza costi aggiuntivi
Paga alla consegna senza costi aggiuntivi
Spedizione Gratuita

Al confine tra un manuale didattico e un volume di aggiornamento specifico, il testo è uno strumento pratico per conoscere cambiamenti ed evoluzione del Servizio sanitario, dalla sua istituzione alle ultime tendenze in atto.
Con oltre 570 norme trattate, suddivise in 57 argomenti, offre un quadro completo dell’organizzazione in sanità, analizzata in modo trasversale e accurato.
Utile a chi vuole conoscere la storia dell’organizzazione sanitaria passo dopo passo, approfondire particolari tematiche in un unico quadro d’insieme, restare aggiornato sulle novità che coinvolgono amministrazioni centrali e locali.
Parte integrante dell’opera sono le APPENDICI ON LINE disponibili su https://www.maggiolieditore.it/approfondimenti, grazie al codice riportato in fondo al volume:
› Principali competenze dell’amministrazione centrale, degli organi collegiali e degli enti a rilevanza nazionale;
› Testo integrale del d.lgs. 502/1992 e successivi aggiornamenti;
› Legislazione completa di riferimento;
› Riforma sanità in Lombardia.
TUTTI GLI AGGIORNAMENTI
ORGANIZZAZIONE SANITARIA
› Dirigenza sanitaria (d.lgs. n. 126/2017; d.l. n. 35/2019, c.d. decreto “Calabria”)
› I criteri per i nuovi decreti sulle sperimentazioni cliniche (l. n. 3/2018) e relativo decreto attuativo (d.lgs. n. 52/2019)
PROGRAMMAZIONE e PIANI SANITARI
› Obiettivi del Piano sanitario nazionale 2018 (Accordo 1° agosto 2018) e 2019 (Accordo 6 giugno 2019)
› Piano nazionale di governo delle liste di attesa 2019-2021 (Intesa 21 febbraio 2019)
› Piano per l’applicazione e diffusione della medicina di genere (d.m. 13 giugno 2019)
› Linee prioritarie per il Piano nazionale prevenzione 2020-2025
PRIVACY
› Adeguamento al Regolamento UE (d.lgs. n.101/2018)
› Chiarimenti del Garante sul trattamento dei dati in ambito sanitario (Provvedimento 7 marzo 2019)
SANITÀ DIGITALE
› Patto per la sanità digitale (Intesa 7 luglio 2016)
› Fascicolo sanitario elettronico e Agenda digitale (agg. fino a d.l. 14 dicembre 2018)
ECM
› Riorganizzazione della formazione continua nel settore salute (nuovi Manuali in vigore dal 1° gennaio 2019)
SICUREZZA DELLE CURE E RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE
› Legge “Gelli” (l. n. 24/2017) e successive attuazioni (d.m. 27 febbraio 2018)
COMPETENZE DELL’AMMINISTRAZIONE CENTRALE e LOCALE
› AGENAS, nuovo regolamento e statuto (d.m. 16 maggio e d.m. 18 maggio 2018)
› Riordino dell’ISS (d.m. 2 marzo 2016; d.m. 27 febbraio 2018)
› Riordino dei comitati etici (l. 11 gennaio 2018, n. 3 e d.m. 19 aprile 2018).

Capitolo I - La riforma sanitaria in base alla legge 833/78

1. Organizzazione del Servizio Sanitario Nazionale (SSN)

2. Unità sanitarie locali 

Ambito territoriale

Struttura organizzativa

Attività 

2.1. Il distretto 

Struttura organizzativa  

Attività 

2.2. L’assistenza ospedaliera 

Struttura organizzativa 

Requisiti 

3. Piano Sanitario Nazionale (PSN) 

4. Piani Sanitari Regionali (PSR) 

5. Criteri di finanziamento 

Capitolo II - Il riordino del Servizio Sanitario Nazionale in base al decreto legislativo 502/92

1. Il senso e la complessità di un’innovazione 

2. Il Piano Sanitario Nazionale (PSN) 

2.1. I livelli uniformi di assistenza

3. La regionalizzazione del sistema 

4. L’aziendalizzazione 

4.1. L’Azienda USL 

4.1.1. Ambiti territoriali

4.1.2. Struttura organizzativa: gli organi dell’USL 

Il Direttore Generale 

Il Direttore Amministrativo 

Il Direttore Sanitario 

Il Consiglio dei Sanitari 

Il Collegio dei Revisori 

Altre figure 

4.1.3. Attività 

4.1.4. Il dipartimento di prevenzione 

4.1.5. Il distretto 

4.1.6. Presìdi ospedalieri 

Struttura organizzativa 

4.2. L’Azienda ospedaliera 

4.2.1. Iter di individuazione 

4.2.2. Struttura organizzativa 

4.2.3. Modalità di finanziamento 

5. La competizione 

6. Il sistema di pagamento a tariffa predeterminata per prestazione

6.1. Rapporto tra finanziamento per livelli assistenziali e finanziamento tariffario

6.2. Significato del termine tariffa nel SSN ex d.lgs. 517 

6.3. Finalità 

7. Considerazioni di riepilogo

Capitolo III - Dalla “riforma Bassanini” (d.lgs. 112/98) a hospice e cure palliative (Programma nazionale 1999 – legge 38/2010)

1. Ripartizione delle competenze in seguito alla “riforma Bassanini” 

2. Il Piano Sanitario Nazionale 1998-2000 

2.1. I livelli essenziali di assistenza 

2.2. I motivi dell’accorpamento delle aree di offerta 

2.3. Gratuità del servizio e partecipazione al costo 

2.4. La determinazione della quota capitaria 

3. Il sanitometro (d.lgs. 124/98)

4. L’hospice e l’assistenza al malato non guaribile 

4.1. Introduzione 

4.2. La prospettiva storica 

4.3. Un “concetto di cura”

4.4. Il modello anglosassone 

4.4.1. Considerazioni generali

4.4.2. I servizi dell’hospice

4.4.3. Demografia  

4.4.4. I costi dell’hospice  

4.5. Il modello francese  

4.5.1. Il Piano triennale per lo sviluppo delle cure palliative

4.6. La situazione italiana  

4.6.1. “Programma nazionale per la realizzazione di strutture per le cure palliative” (d.m. 28 settembre 1999)

4.6.2. “Linee attuative per la realizzazione dei centri di cure palliative”  

Obiettivi specifici  

Modalità organizzative  

Piano operativo  

4.6.3. “Modalità di integrazione delle attività della rete di cure palliative”  

Obiettivi generali  

Rete di assistenza ai pazienti terminali  

Obiettivi specifici  

Strumenti  

4.6.4. “Atto di indirizzo e coordinamento recante requisiti minimi strutturali, tecnologici ed organizzativi per i centri residenziali di cure palliative” (d.P.C.M. 20 gennaio 2000)

4.6.5. Dalle norme sull’impiego dei farmaci oppiacei agli Accordi sulle Linee guida del 2001

Norme per agevolare l’impiego dei farmaci analgesici oppiacei nella terapia del dolore (l. 8 febbraio 2001, n. 12)

Linee guida sulla realizzazione delle attività assistenziali concernenti le cure palliative (Accordo 19 aprile 2001)  

Linee guida per la realizzazione dell’Ospedale senza Dolore (Accordo 24 maggio 2001)  

4.6.6. L’evoluzione normativa 2001-2009

4.6.7. La legge per l’accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (l. 38/2010)

Definizioni  

Reti nazionali per le cure palliative e per la terapia del dolore

Obbligo di riportare la rilevazione del dolore in cartella clinica

Formazione

Monitoraggio  

Accesso semplificato ai medicinali nella terapia del dolore

Copertura finanziaria

4.6.8. Le Linee guida di attuazione della legge 38/2010

Rete di cure palliative

Rete di terapia del dolore

4.6.9. L’Intesa 25 luglio 2012 sui requisiti per l’accreditamento di strutture per cure palliative e terapia del dolore

La Rete Locale di Cure Palliative: dimensioni strutturali e di processo  

La Rete di Terapia del Dolore: dimensioni strutturali e di processo  

4.6.10. La crescita degli hospice

4.7. Considerazioni conclusive  

Capitolo IV - La riforma ter (d.lgs. 229/99) e successive disposizioni  

1. L’iter di riforma: dalla delega alla Relazione che accompagna la riforma

1.1. Le scelte di fondo della riforma  

2. I contenuti della riforma  

3. Part e A - Il livello a prevalenza statale  

3.1. Definizione e livelli costitutivi del SSN  

3.2. Compiti del SSN  

3.3. Programmazione sanitaria: il Piano Sanitario Nazionale

3.3.1. Contenuti del Piano Sanitario Nazionale  

3.4. Relazione sullo stato sanitario del Paese  

3.5. Fondi integrativi del Servizio Sanitario Nazionale  

3.5.1. Oggetto  

3.5.2. Modalità di istituzione  

3.5.3. Gestione  

3.6. Sperimentazioni gestionali  

3.6.1. Contenuti del progetto  

3.6.2. Procedura  

4. PArt e B - Dal livello regionale a quello locale  

4.1. Funzioni di governo delle Regioni  

4.2. Conferenza permanente per la programmazione sanitaria e socio-sanitaria regionale

4.3. La formazione continua  

4.3.1. Il programma nazionale di Educazione Continua in Medicina (ECM)  

4.3.2. Il riordino della Formazione continua in medicina: dall’Accordo 1 agosto 2007 al d.P.C.M. 26 luglio 2010

4.3.3. I regolamenti applicativi della nuova ECM e successivi aggiornamenti (2010-2011)

Le Determinazioni della Commissione ECM

4.3.4. L’Accordo 19 aprile 2012 sulle Linee guida per l’accreditamento degli enti formativi (provider)

4.4. Ristrutturazione edilizia e ammodernamento tecnologico  

5. part e C - Il livello aziendale  

5.1. Aziende USL  

5.1.1. Struttura organizzativa  

Il Direttore Generale  

Direttore amministrativo e Direttore sanitario  

Il Collegio sindacale  

Il Collegio di direzione  

5.2. L’organizzazione dipartimentale  

5.3. Il distretto  

5.3.1. Individuazione  

5.3.2. Risorse  

5.3.3. Mission  

5.3.4. Struttura organizzativa  

5.3.5. Programma delle attività territoriali  

Attività  

5.3.6. Il budget nel distretto  

5.4. L’integrazione socio-sanitaria  

5.4.1. Definizioni  

5.4.2. Individuazione  

5.4.3. Finanziamento  

5.4.4. Gestione e organizzazione  

5.5. Il dipartimento di prevenzione  

5.5.1. Mission  

5.5.2. Struttura organizzativa  

5.5.3. Attività  

5.6. Organi di coordinamento in tema di prevenzione  

5.6.1. Coordinamento con le agenzie regionali per l’ambiente

5.6.2. Istituti zooprofilattici sperimentali e uffici veterinari del Ministero della sanità  

5.6.3. Funzione di profilassi internazionale  

5.6.4. C oordinamento delle attività di prevenzione nei luoghi di lavoro  

5.7. Le aziende ospedaliere: ridefinizione dei requisiti  

5.7.1. L’individuazione e la costituzione degli ospedali in azienda e la verifica nel tempo  

5.8. D ecreto legislativo 517/99: disciplina dei rapporti fra Servizio Sanitario Nazionale e università (aziende ospedaliero-universitarie)

5.8.1. Organizzazione delle aziende  

5.8.2. Finanziamento  

5.9. Il d.P.C.M. 24 maggio 2001: le Linee guida per i protocolli d’intesa Regioni-università

5.10. Attività libero-professionale e incompatibilità (l’esclusività di rapporto)

5.10.1. Attuazione organizzativa dell’intramoenia

5.10.2. Le successive disposizioni: le leggi 120/2007, 189/2008 e le ulteriori proroghe per l’intramoenia allargata  

5.10.3. L’Accordo Stato-Regioni 18 novembre 2010

Capitolo V - Dall’avvio del processo federalista (d.lgs. 56/2000) al Patto sulla salute (Accordo 5 ottobre 2006)

1. Le principali tappe del processo federalista (2000-2003)  

1.1. Il decreto legislativo 18 febbraio 2000, n. 56  

1.2. Le modifiche al titolo V della Costituzione  

1.3. L’Accordo 8 agosto 2001  

1.4. La legge 16 novembre 2001, n. 405  

1.5. La legge 5 giugno 2003, n. 131

1.6. I documenti economico-finanziari (2002-2007)  

1.6.1. Il Documento di Programmazione Economico-Finanziaria per gli anni 2002-2006

1.6.2. La Finanziaria 2002  

1.6.3. La Finanziaria 2003

1.6.4. La Finanziaria 2004 e il decreto legge collegato

1.6.5. La Finanziaria 2005

1.6.6. La Finanziaria 2006

1.6.7. La Finanziaria 2007  

2. I livelli essenziali di assistenza  

2.1. L’iter di definizione dei LEA  

2.2. Il contenuto della Relazione di definizione dei LEA  

2.3. Il contenuto dei LEA (d.P.C.M. 29 novembre 2001)  

2.4. La classificazione dei livelli: la “lista positiva”  

2.5. La “lista negativa”  

Prestazioni totalmente escluse dai LEA  

Prestazioni parzialmente escluse dai LEA  

Prestazioni incluse nei LEA che presentano un profilo organizzativo potenzialmente inappropriato

2.6. Indicazioni particolari per alcune aree di erogazione  

2.7. Linee guida relative al ruolo delle Regioni in materia di LEA  

2.8. Monitoraggio e manutenzione del sistema dei LEA  

3. Il Piano Sanitario Nazionale 2003-2005

3.1. Contenuti del PSN 2003-2005

3.2. Priorità del PSN 2003-2005

4. Il Piano Nazionale di Contenimento dei tempi di attesa

4.1. Principio base

4.2. Le tappe principali

4.3. L’Intesa Stato-Regioni 28 marzo 2006

5. Il Piano Sanitario Nazionale 2006-2008

5.1. Il rapporto con i cicli programmatori precedenti  

5.2. Quadro sintetico delle norme di riferimento del PSN 2006-2008

5.3. La struttura del PSN 2006-2008

5.3.1. Gli ambiti verso cui indirizzare lo sviluppo del SSN

5.3.2. Le strategie operative da mettere in atto  

5.3.3. Gli obiettivi di salute del SSN

5.3.4. La valutazione del SSN ed il monitoraggio del PSN

6. Un New Deal della Salute

6.1. Un grande obiettivo: la Casa della Salute

7. Il “Patto sulla salute” 5 ottobre 2006

Capitolo VI - Dalla legge 222/2007 sulle Regioni in deficit al “Libro Bianco sul futuro del modello sociale” (6 maggio 2009)

1. I documenti economico-finanziari e fiscali (2007-2009)

1.1. La legge 222/2007 e le successive disposizioni su Commissari ad acta e Piani di rientro delle Regioni in deficit

1.2. La Finanziaria 2008

1.3. La legge 133/2008

1.4. Il d.l. 185/2008

1.5. La Finanziaria 2009

1.6. La Riforma del federalismo fiscale: la legge 5 maggio 2009, n. 42

2. La sanità integrativa: dal d.m. 31 marzo 2008 al decreto 27 ottobre 2009

3. Il riordino della sanità penitenziaria (d.P.C.M. 1 aprile 2008)

3.1. I provvedimenti di attuazione del d.P.C.M. 1 aprile 2008 (2008-2014)

3.1.1. L’Accordo 20 novembre 2008 e i Documenti approvati nel 2009

3.1.2. L’Accordo 8 luglio 2010 e gli Accordi del 2011

3.1.3. Il superamento degli ospedali psichiatrici giudiziari: dalla legge 9/2012 alla legge 81/2014

4. L’Accordo di odontoiatria sociale (28 luglio 2008)

5. Il Piano e-gov 2012 (dicembre 2008)

5.1. “Linea Amica”, “Mettiamoci la faccia” e gli “Emoticon”, “Reti amiche”

Linea Amica

“Mettiamoci la faccia” e gli “Emoticon”  

“Reti amiche”  

5.2. Il Piano straordinario Stato, Regioni, Enti locali “e-gov 2010”

6. Gli obiettivi del PSN 2009 (Accordo 25 marzo 2009)

7. Linee guida sulle “Modalità organizzative per garantire l’assistenza sanitaria in h 24” (1 aprile 2009)

8. Il “Libro Bianco sul futuro del modello sociale” (6 maggio 2009)

Capitolo VII - Dalla Finanziaria 2010 al d.l. 158/2012 (decreto “Balduzzi”)

1. I documenti economico-finanziari e fiscali 2010-2012

1.1. La Finanziaria 2010

1.2. La manovra economica correttiva per il biennio 2011-2012: il d.l. 78/2010

1.3. La legge di stabilità 13 dicembre 2010 (Finanziaria 2011)

1.4. La manovra finanziaria di luglio 2011 (d.l. 98/2011)

1.5. La manovra-bis di agosto 2011 (d.l. 138/2011)

1.6. I decreti per l’attuazione del federalismo fiscale

1.6.1. Il d.lgs. 68/2011 sui costi standard

Successivi aggiornamenti sulle “Regioni di riferimento”

1.6.2. Il d.lgs. 118/2011 per l’omogeneizzazione dei bilanci e successivi provvedimenti

1.6.3. Il d.lgs. 149/2011 su “premi e sanzioni”

1.7. La legge di stabilità 12 novembre 2011 (Finanziaria 2012)

1.8. La manovra economico-finanziaria del governo Monti (d.l. 201/2011)

1.9. La legge costituzionale 1/2012 ed il pareggio di bilancio  

2. I nuovi servizi previsti per le farmacie (d.lgs. 153/2009)

2.1. I decreti attuativi 2010-2011 della “farmacia dei servizi”

2.1.1. Il decreto 16 dicembre 2010 sulle prestazioni diagnostico-strumentali in farmacia

2.1.2. Il decreto 16 dicembre 2010 sull’attività di infermieri e fisioterapisti in farmacia

2.1.3. Il decreto 8 luglio 2011 su prenotazione, pagamento e ritiro referti di prestazioni in farmacia

2.1.4. La “manovra Monti” (decreto 6 dicembre 2011) e la vendita di farmaci al di fuori delle farmacie

2.1.5. Il decreto 24 gennaio 2012 sulle liberalizzazioni

2.1.6. Il decreto 11 dicembre 2012 sui criteri per le farmacie comunali

3. Il Patto per la salute 2010-2012 e la revisione dei livelli essenziali di assistenza

3.1. Il Patto per la salute 2010-2012 (Intesa 3 dicembre 2009)

3.2. La revisione dei livelli essenziali di assistenza

4. Il Piano nazionale della Prevenzione 2010-2012 (Intesa 29 aprile 2010)

4.1. I provvedimenti 2010-2011 di attuazione del PNP  

4.1.1. Il Documento esecutivo del PNP 2010-2012: quadro strategico e priorità  

5. Gli obiettivi del PSN 2010 (Accordo 8 luglio 2010)

6. Gli obiettivi del PSN 2011 (Accordi 20 aprile e 27 luglio 2011)

7. Il Piano nazionale di governo delle liste di attesa 2010-2012 (Intesa 28 ottobre 2010)

7.1. Le Linee guida 2011 per l’attuazione del Piano nazionale  

8. Gli obiettivi del PSN 2012 (Accordo 22 novembre 2012)

9. Il d.l. 158/2012: il decreto “Balduzzi”

Capitolo VIII - Dalle leggi di stabilità 2013-2016 al Patto per la salute 2014-2016 e alla riforma della Pa

1. I documenti economico-finanziari e fiscali 2013-2016

1.1. La legge di stabilità 2013 (legge 24 dicembre 2012)

1.2. La legge di stabilità 2014 (legge 27 dicembre 2013)

1.3. La legge di stabilità 2015 (legge 23 dicembre 2014)

1.4. La legge di stabilità 2016 (legge 28 dicembre 2015)

2. La riorganizzazione del sistema di emergenza-urgenza (Linee d’indirizzo 7 febbraio 2013)

3. Il decreto sugli obblighi di “trasparenza” (d.lgs. 14 marzo 2013) e successivi aggiornamenti

4. Gli obiettivi del PSN 2013 (Accordo 20 febbraio 2014)

5. Gli obiettivi del PSN dal 2014 al 2017

6. Il Piano Nazionale di Prevenzione 2014-2018 (Intesa 13 novembre 2014)

6.1. L’esperienza dei precedenti PNP

6.2. Principi, priorità e struttura del PNP 2014-2018

6.3. Valutazione del PNP 2014-2018

7. Il Patto per la salute 2014-2016

8. La riforma della pubblica amministrazione  

8.1. La legge 11 agosto 2014

8.1.1. L’Agenda per la semplificazione 2015-2017

8.2. La seconda tappa della riforma della PA (legge 7 agosto 2015)

9. Il decreto “Enti locali” (d.l. 78/2015)

9.1. Il decreto “appropriatezza” (d.m. 9 dicembre 2015) e successivi aggiornamenti

Capitolo IX - Dal decreto 171/2016 sulla dirigenza sanitaria al Piano nazionale liste d’attesa 21 febbraio 2019

1. Il d.lgs. sulla dirigenza degli enti sanitari (d.lgs. 171/2016) e successive disposizioni correttive

1.1. Il conferimento dell’incarico di direttore generale: la procedura a livello nazionale

1.2. La procedura a livello regionale

1.2.1. Il conferimento dell’incarico di direttore sanitario, direttore amministrativo e direttore dei servizi socio-sanitari

1.3. La determina 4 dicembre 2018 di pubblicazione dell’elenco nazionale DG

1.4. Il decreto “Calabria” 35/2019 e la nomina dei DG degli IZS

2. Il Piano nazionale delle cronicità (Accordo 15 settembre 2016) e successivi sviluppi

2.1. Struttura generale del Piano

2.2. Implementazione del Piano

3. I documenti economico-finanziari e fiscali 2017-2019

3.1. La legge di bilancio 2017 (legge 11 dicembre 2016)

3.2. La legge di bilancio 2018 (legge 27 dicembre 2017)

3.3. La legge di bilancio 2019 (legge 30 dicembre 2018)

4. I livelli essenziali di assistenza: il d.P.C.M. 12 gennaio 2017

4.1. L’iter di definizione dei LEA

4.2. Il contenuto dei LEA

4.2.1. Livello Essenziale di Assistenza: Assistenza sanitaria collettiva in ambiente di vita e di lavoro

4.2.2. Livello Essenziale di Assistenza: Assistenza distrettuale

4.2.3. Livello Essenziale di Assistenza: Assistenza ospedaliera

4.2.4. Assistenza specifica a particolari categorie

4.3. Monitoraggio e aggiornamento dei LEA

4.4. E ntrata in vigore dei nuovi LEA e “norme transitorie”

5. E CM: dall’Accordo 2 febbraio 2017 ai nuovi Manuali in vigore dal 1° gennaio 2019

5.1. Definizioni

5.2. Contenuti dell’Accordo

5.3. Manuale nazionale di accreditamento per l’erogazione di eventi ECM 25 ottobre 2018

5.4. Manuale sulla formazione continua del professionista sanitario 25 ottobre 2018

5.5. Modifica ai “Criteri per l’assegnazione dei crediti alle attività ECM” in tema di FAD

5.6. Ampliamento della lista dei Paesi stranieri per la formazione individuale

6. La legge “Gelli” (24/2017) sulla sicurezza delle cure e la responsabilità professionale

6.1. I contenuti della legge e relative attuazioni

7. La legge 4 agosto 2017 per la concorrenza: l’ingresso alle società di capitali nelle farmacie

8. Proroga al 2019 del PNP 2014-2018 e linee prioritarie per il PNP 2020-2025

9. La legge omnibus sulle misure sanitarie: la legge “Lorenzin” 3/2018

10. Gli obiettivi del PSN 2018 e 2019

11. Il Piano Nazionale di Governo delle Liste di Attesa 2019-2021 (Intesa 21 febbraio 2019)

11.1. Le tappe per l’attuazione del PNGLA 2019-2021

11.2. Contenuti e indicazioni del Piano nazionale

11.3. I Piani attuativi regionali

11.4. Classi di priorità delle prestazioni e il monitoraggio previsto

11.5. I Programmi attuativi aziendali

11.6. Attività libero-professionale intramuraria

Capitolo X - La gestione dei dati personali nel SSN: dalla normativa sulla privacy alla sanità elettronica

1. PARTE A – Privacy

1.1. La legge 675/96: tutela dei dati personali  

1.1.1. Alcune definizioni  

1.1.2. Il Garante  

1.1.3. Principali diritti dei pazienti e doveri dei medici  

1.1.4. Disposizioni integrative e correttive della legge sulla privacy 675/96

Il decreto legislativo 282/99

Il decreto legislativo 135/99

Il decreto del Presidente della Repubblica 318/99

Il decreto legislativo 467/2001

1.2. Il decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196: il Testo Unico sulla protezione dei dati personali

1.2.1. Successivi aggiornamenti al Codice della privacy

1.3. Provvedimento 9 novembre 2005 sul rispetto della dignità degli assistiti da parte delle strutture sanitarie

1.4. Linee guida per lo svolgimento di indagini di customer satisfaction in ambito sanitario (5 maggio 2011)

1.5. Vademecum “Dalla parte del paziente. Privacy: le domande più frequenti” (23 maggio 2011)

1.6. Linee guida sulla tutela della privacy per gli utenti di siti web, forum, blog (25 gennaio 2012)

1.7. Regolamento sulla privacy per Regioni, ASL, ospedali (26 luglio 2012)

1.8. Il Regolamento europeo sulla privacy 2016/679

1.9. La legge europea 2017 sul responsabile del trattamento e sul riutilizzo dei dati

1.10. Il decreto di adeguamento al Regolamento UE: il d.lgs. 10 agosto 2018

1.11.Provvedimento del Garante 7 marzo 2019 sul trattamento dei dati in ambito sanitario

2. PARTE B - Sanità elettronica

2.1. La “sanità elettronica”

2.2. La tessera sanitaria (1998-2011)

2.2.1. La prescrizione elettronica (ePrescription)

Avvio a regime dell’ePrescription (d.m. 2 luglio 2012) e successivi adempimenti

2.3. Il Fascicolo sanitario elettronico (Fse)

2.3.1. Le “Linee guida in tema di fascicolo sanitario elettronico (Fse) e di dossier sanitario”, 16 luglio 2009

Definizioni

Finalità

Costituzione del Fse/dossier e diritti dell’interessato

Consenso e trasparenza dei dati

Trattamento dei dati: soggetti autorizzati e dati che possono essere trattati

Informativa/consenso

2.3.2. Linee guida nazionali sul Fse (Intesa Stato-Regioni 10 febbraio 2011)

Definizioni e finalità

Ambiti di applicazione  

Consenso informato al trattamento dei dati  

Ruoli, profili e modalità di accesso  

Contenuti

2.3.3. Le Linee guida sul dossier sanitario (4 giugno 2015)

Finalità

Definizione

– Informativa e diritti dell’interessato

I sistemi informativi dei servizi territoriali di assistenza primaria (medicina generale)

2.3.4. Il Regolamento sul Fse (d.P.C.M. 29 settembre 2015)

Contenuti

Soggetti che concorrono alla alimentazione del Fse  

Accesso alle informazioni e tutela della privacy  

2.3.5. Infrastruttura nazionale per l’interoperabilità: dalla legge di bilancio 2017 ai successivi aggiornamenti

2.4. I referti on-line e la dematerializzazione di referti e immagini

2.4.1. Linee guida 25 giugno e 19 novembre 2009 sui referti on-line

– Ambito di applicazione delle linee guida/definizioni

– Informativa/consenso e ulteriori diritti dell’interessato

– Archivio dei referti

– Misure di sicurezza e tempi di conservazione dei dati

2.4.2. Il decreto “Sviluppo” (d.l. 13 maggio 2011)  

2.4.3. Le Linee guida per la dematerializzazione di referti e immagini (4 aprile 2012)

2.4.4. Pagamento e consegna dei referti tramite web (d.P.C.M. 8 agosto 2013)

2.5. Le Linee guida sul sistema CUP (Intesa 29 aprile 2010)

2.6. Gli adempimenti di attuazione dell’Agenda Digitale (2012-2015)

2.6.1. Il decreto 9 febbraio 2012 (decreto “Semplificazioni”)

2.6.2. Il decreto 22 giugno 2012 (istituzione dell’AgID)

2.6.3. Il decreto 18 ottobre 2012 (decreto “Crescita 2.0”)  

2.6.4. Il decreto 21 giugno 2013 (decreto del “Fare”)

2.6.5. I documenti tecnici sul Fse pubblicati dall’AgID

2.7. Linee di indirizzo nazionali sulla telemedicina (Intesa 20 febbraio 2014)

Definizione  

Finalità

Benefici e ambiti di utilizzo della telemedicina  

Classificazione dei servizi di telemedicina

Integrazione della telemedicina nel SSN

2.8. Il “Patto per la sanità digitale” (Intesa 7 luglio 2016)

2.9. Sanità digitale e strategie 2017-2019 (Atto di indirizzo 23 settembre 2016)

2.10. Successivi aggiornamenti sull’Agenda digitale fino al d.l. 14 dicembre 2018

Capitolo XI - La gestione della qualità nel SSN: sistemi di valutazione e controllo

1. PARTE A - Sistemi di controllo complessivo: la dimensione

1.1. Il metodo dell’accreditamento

1.1.1. Il sistema USA  

1.1.2. L’accreditamento in Italia  

– I requisiti minimi strutturali, tecnologici, organizzativi

Autorizzazione  

Accreditamento istituzionale  

Successivi aggiornamenti relativi all’accreditamento (fino al 2010)

La revisione della normativa sull’Accreditamento (Intesa 2012 e 2015)

I nuovi standard ospedalieri: il d.m. 2 aprile 2015

Accordi contrattuali  

1.2. Sistemi di classificazione dei pazienti: disease staging e DRG

1.2.1. Disease staging  

1.2.2. DRG  

La determinazione delle tariffe in Italia  

Indicatori per la misura della complessità della casistica e dell’efficienza operativa dei reparti di degenza

Complessità della casistica ed efficienza operativa delle strutture ospedaliere  

1.3. Il sistema della certificazione  

2. PARTE B - Sistemi di controllo interno: la dimensione professionale e relazionale

2.1. La teoria della Quality Assurance, ovvero la VRQ  

2.2. La peer review  

2.3. Altre forme di valutazione dell’attività clinica  

2.4. Sicurezza delle cure e governo clinico  

2.4.1. Definizioni

2.4.2. E voluzione normativa

2.4.3. Strumenti messi a punto

2.5. La valutazione delle tecnologie e degli interventi sanitari  

2.6. Gli indicatori  

2.6.1. Gli indicatori dal lato degli utenti  

Il decreto ministeriale 15 ottobre 1996  

E sempi di applicazione del d.m. 15 ottobre 1996  

2.7. La Carta dei servizi  

2.8. Gli organismi di tutela dei cittadini: i comitati consultivi misti e i comitati etici  

2.8.1. Recenti aggiornamenti sui comitati etici

Struttura organizzativa

Attività

Glossario dei termini e dei concetti

Bibliografia di riferimento


Scrivi la tua recensione

Solo gli utenti registrati possono scrivere recensioni. Accedi oppure Registrati

Libri consigliati

Back to top