SERVIZIO CLIENTI 0541.628200  Lunedì - Venerdì / 8.30-17.30

Sconto 15%
Liberi dalla contenzione

Liberi dalla contenzione

Autori Autori Vari
Editore Maggioli Editore
Formato Cartaceo
Dimensione 17x24
Pagine 166
Pubblicazione Ottobre 2017 (I Edizione)
ISBN / EAN 8891621214 / 9788891621214
Collana Sociale & Sanità

Il percorso per il superamento della contenzione dell’Azienda USL e delle Case Residenza per anziani di Bologna
Riflessioni, strumenti ed esperienze

Prezzo Online:

18,00 €

15,30 €

La contenzione elimina davvero il rischio di cadere? Possiamo immaginare un servizio residenziale socio-sanitario per anziani non autosufficienti senza contenzione? La contenzione è un atto sanitario? Per trovare risposte a questi e ad altri quesiti le Case Residenza per Anziani e l’Azienda Usl di Bologna hanno intrapreso un percorso di riflessione per il miglioramento della qualità della vita delle persone anziane incentrato sul massimo rispetto della libertà personale.
La contenzione nelle Case Residenza per Anziani della provincia di Bologna è attentamente valutata ormai da anni, tuttavia si è sentita la necessità di fare un ulteriore passo in avanti. La stessa legislazione nazionale, a partire dalla Costituzione (Articoli 3, 13 e 32), i codici deontologici delle professioni sanitarie e il Comitato Nazionale per la Bioetica si esprimono in modo chiaro per il superamento della contenzione. Dalla letteratura scientifica e da alcune esperienze condotte in Italia e in Europa si ricavano indicazioni precise: gli anziani non contenuti conservano una maggiore capacità di movimento e un tono muscolare migliore con esiti meno gravi in caso di cadute. Sono noti, inoltre, gli effetti psicologici della contenzione e il disagio, che si riflette anche su familiari ed operatori.
Il percorso avviato nel 2015 dalla comunità professionale di Bologna ha l’ambizione di trasformare il concetto e la pratica della contenzione in appropriatezza e personalizzazione delle cure e della assistenza, e di creare una alleanza tra le Istituzioni e tutti gli attori coinvolti, persone anziane, familiari e operatori, per superare il ricorso alla contenzione e favorire tutte le azioni possibili, oltre che il confronto e la collaborazione necessari per perseguire insieme un obiettivo così importante.
Perché, come dimostrano altre realtà, S-contenere si può e se si può si deve

Autori: Livia Bicego, Federico Boaron, Elena Bolognesi, Irene Bruno, Stefano Canestrari, Fabio Cavicchi, Gilberto Cherri, Rosa Angela Ciarrocchi, Antonio Curti, Carlo Descovich, Angelo Fioritti, Chiara Frassinetti, Eulalia Giarrana, Chiara Gibertoni, Stefano Alessandro Inglese, Patrizia Kalfus, Pasqualino La Torre, Daniele Luccarini, Francesco Maisto, Cristina Malvi, Nadia Manni, Giuliano Marini, Monica Minelli, Elena Miniati, Monica Nicolosi, Francesca Novaco, Gaetano Palermo, Patrizio Paonessa, Lara Sarras, Anna Simoni, Marco Sinoppi, Federica Taddia, Patrizia Venturi.

Introduzione - L'origine e il senso del percorso
PARTE PRIMA 
Etica, Libertà e Tutela - Riflessioni e aspetti giuridici

1. La storia infinita di libertà e coercizione in psichiatria
2. Libertà personale nella cultura giuridica dei diritti di cittadinanza: contenuti e limiti
3. La contenzione: il parere del Comitato Nazionale per la Bioetica
PARTE SECONDA
Esperienze e strumenti
4. "S-contenere" si può e si deve: Trieste libera dalla contenzione
5. L'abilitazione come strumento per il superamento della contenzione
6. Il percorso di S-contenzione delle Case residenza anziani: l'esperienza di Bologna
6.1. Monitoraggio e valutazione dei servizi socio-sanitari accreditati 
6.2. L'Audit: strumento condiviso per introdurre un cambiamento
6.3. Il percorso Audit S-Contenzione nelle CRA di Bologna
7. Il percorso di formazione rivolto agli operatori delle CRA
7.1 La formazione come strumento per promuovere cambiamento
7.2. La formazione agli operatori delle CRA: percorso e contenuti
7.2.1. Problemi bioetici e riferimenti normativi
7.2.2. Effetti indesiderati dell'utilizzo della contenzione
7.2.3. Alternative alla contenzione
7.2.4. Corretto utilizzo degli ausili
7.2.5. Le paure dell'operatore
8. Liberi dalla contenzione, la campagna di comunicazione 
9. Indicazioni e strumenti per la gestione operativa 
9.1. Rischio cadute e contenzione: prevenzione o maggior rischio? 
9.2. La valutazione del rischio caduta e interventi di prevenzione 
PARTE TERZA
Le Case Residenza Ci e Si raccontano
10. Cambio di prospettiva: gli operatori si raccontano 
10.1. Premessa 
10.2. Il contributo del fisioterapista 
10.3. Il contributo del medico 
10.4. Il contributo dell'animatore 
10.5. Il vissuto dell'operatore socio-sanitario nel percorso di s-contenzione 
10.6. Il contributo dell'infermiere
11. Cambio di prospettiva: storie di "s-contenzione"
11.1. L'importanza delle storie 
11.2. Le Storie di s-contenzione 
Il signor Dino 
La signora Anna 
Mamma, che lottatrice! 
Il signor Guido 
La signora Franca 
Il signor Aurelio 
Il babbo 
Il pastore sardo Martino 
11.3. Conclusioni. Se proprio devi… légami con legàmi! 
12. Fattori facilitanti e ostacoli: lavoro d'équipe tra responsabilità e paure, rapporto con i familiari e alleanza con le istituzioni 
12.1. Premessa: l'ennesima grande sfida 
12.2. Il ruolo del team multidisciplinare nel processo di contenzione 
12.3. Il rapporto e l'alleanza con familiari e istituzioni 
12.4. Benessere e dignità: dobbiamo "avere cura" dei nostri anziani 
Conclusioni: obiettivi e prospettive future 


Scrivi la tua recensione

Solo gli utenti registrati possono scrivere recensioni. Accedi oppure Registrati

Libri consigliati

Back to top