Manuale pratico dei marchi e dei brevetti

 
Prezzo speciale 52,80 €
SCONTO 20%
20%
Anzichè 66,00 €
Disponibile

Autori Andrea Sirotti Gaudenzi

Pagine 684
Data pubblicazione Ottobre 2019
Data ristampa
Autori Andrea Sirotti Gaudenzi
ISBN 8891637697
ean 9788891637697
Tipo Cartaceo
Collana I Prontuari Giuridici
Editore Maggioli Editore
Dimensione 17x24
  • Spedizione in 48h
  • Paga alla consegna senza costi aggiuntivi

Autori Andrea Sirotti Gaudenzi

Pagine 684
Data pubblicazione Ottobre 2019
Data ristampa
Autori Andrea Sirotti Gaudenzi
ISBN 8891637697
ean 9788891637697
Tipo Cartaceo
Collana I Prontuari Giuridici
Editore Maggioli Editore
Dimensione 17x24

Questa nuova edizione dell’opera analizza in modo completo la disciplina dei marchi, dei segni distintivi, dei brevetti per invenzioni e modelli e degli altri diritti di privativa industriale, tenuto conto dei più recenti indirizzi giurisprudenziali e delle numerose novità legislative, in larga parte derivanti dalla necessità di adeguare il sistema nazionale alle disposizioni dettate dall’Unione europea.

Il volume è aggiornato agli ultimi interventi normativi, che hanno modificato in maniera rilevante il codice della proprietà industriale.

In particolare, vengono esaminati e commentati i seguenti testi normativi:
-- d.lgs. 11 maggio 2018, n. 63, in tema di segreti commerciali;
-- d.lgs. 20 febbraio 2019, n. 15, che ha aggiornato la disciplina dei marchi commerciali;
-- d.l. 30 aprile 2019, n. 24 (c.d. «decreto crescita»), che ha apportato varie modifiche al codice, istituendo il «marchio storico» e introducendo nuove modalità di contrasto alla contraffazione.

Ampio spazio è dato anche alle recenti disposizioni nazionali in tema di tutela brevettuale unitaria.

Caratterizzato da un taglio sistematico e operativo, il testo affronta i principali temi legati alla proprietà industriale, esaminando le fonti nazionali, dell’Unione europea e sovranazionali.

Ampio spazio viene dedicato alle strategie processuali utilizzabili in difesa dei diritti di privativa dinanzi alle Sezioni specializzate in materia di impresa.

La trattazione approfondisce, inoltre, i fenomeni connessi alla Società dell’Informazione e alla tutela dei segni d’impresa in Internet, analizzando in maniera completa le fonti internazionali ed europee che hanno disciplinato la materia.

 

Andrea Sirotti Gaudenzi
È avvocato e docente universitario. Svolge attività di insegnamento presso vari Atenei e centri di formazione. È responsabile scientifico di alcuni enti, tra cui l’Istituto Nazionale per la Formazione Continua di Roma e ADISI di Lugano. Direttore di collane e trattati giuridici, è autore di numerosi volumi, tra cui “Il nuovo diritto d’autore”, “Diritto all’oblio: responsabilità e risarcimento”, “Trattato pratico del risarcimento del danno”, e “Codice della proprietà industriale” e “I ricorsi alla Corte europea dei diritti dell’uomo”. Magistrato sportivo, attualmente è presidente della Corte d’appello federale della Federazione Ginnastica d’Italia. I suoi articoli vengono pubblicati da
diverse testate. Collabora stabilmente con “Guida al Diritto” del Sole 24 Ore.

Al presente volume è collegato il materiale giurisprudenziale e normativo online, al quale si può accedere seguendo le indicazioni riportate sul talloncino interno.

Parte I PREMESSE

1. Il diritto industriale

1.1. Le fonti

1.2. Proprietà intellettuale e smaterializzazione del supporto

1.3. Marchi, brevetti e diritto dell’Unione europea

2. Il codice della proprietà industriale

2.1. I diritti di proprietà industriale

2.2. Il trattamento dello straniero

2.3. Il principio di priorità

2.4. L’esaurimento

2.5. Popolo del Limbo, dubbi tecnici ed errate qualificazioni

3. Controversie

3.1. Il contenzioso giurisdizionale

3.2. Arbitrato e controversie di diritto industriale

Parte II IL MARCHIO

Capitolo I – Il marchio: fonti nazionali ed internazionali

1. Il marchio di impresa

1.1. Caratteri dell’istituto

1.2. La normativa nazionale (cenni)

2. La tutela internazionale del marchio

2.1. La Convenzione di Unione di Parigi

2.1.1. Cenni generali

2.1.2. Il principio di assimilazione

2.1.3. Il principio della priorità unionista

2.1.4. Clausola «telle quelle»

2.2. L’Arrangement di Madrid

2.3. L’Arrangement di Nizza

2.4. L’Arrangement di Vienna

Capitolo II – Il marchio nazionale

1. Il marchio nazionale

1.1. Nozione

1.2. Il diritto di esclusività

2. Le funzioni del marchio

2.1. La funzione distintiva

2.2. La funzione attrattiva

2.3. La funzione di indicazione della provenienza

Capitolo III – Tipologie di marchio

1. I segni utilizzabili come marchio

1.1. Cenni introduttivi

1.2. Marchio denominativo

1.3. Marchio figurativo o emblematico

1.4. Marchio misto

1.5. Marchio di forma

1.6. Marchio di colore

1.7. Marchio di suono

1.8. Marchio olfattivo

1.9. Marchi d’insieme e marchi complessi

1.10. Ritratti di persone, nomi e marchi

2. Classificazione dei marchi

2.1. Marchio individuale e marchio collettivo

2.2. I marchi di garanzia o di certificazione

2.3. I marchi storici

2.4. La classificazione legata all’attività di impresa

2.5. La classificazione legata a prodotti e servizi

2.6. Marchi principali e marchi difensivi

3. Marchi forti e marchi deboli

3.1. Distinzioni

3.2. Particolari ipotesi

3.3. Il secondary meaning

Capitolo IV – I requisiti del marchio

1. Introduzione

1.1. Caratteri generali

1.2. Requisiti degli altri segni distintivi (cenni)

2. La novità

7 2.1. Il requisito della novità estrinseca

2.2. Il preuso

3. L’originalità

3.1. Il requisito della originalità

3.2. Orientamenti giurisprudenziali

3.3. Marchio debole e marchio forte (cenni sulla tutelabilità)

4. La liceità

4.1. Le previsioni del codice

4.2. La nullità del marchio per idoneità a ingannare il pubblico sulla provenienza geografica

Capitolo V – La registrazione del marchio

1. La legittimazione

1.1. I soggetti legittimati

1.2. Limitazioni

1.3. Segue: i segni notori

2. Il procedimento di registrazione del marchio

2.1. La registrazione

2.2. Il deposito della domanda

2.3. L’esame

2.4. Le osservazioni e le opposizioni

Capitolo VI – La tutela del marchio

1. Protezione del marchio e concorrenza sleale

1.1. La concorrenza sleale nel codice civile

1.2. Il danno «concorrenziale»

2. Il giudizio di contraffazione

2.1. Premesse

2.2. Giurisdizione e competenza

2.3. Elemento soggettivo

2.4. Il risarcimento del danno

3. I procedimenti cautelari

3.1. Descrizione e sequestro

3.2. L’inibitoria 2

 3.3. La consulenza tecnica preventiva

4. La tutela penale dei segni distintivi

4.1. Premesse: i beni tutelati dalle disposizioni del codice

4.2. Contraffazione, alterazione o uso di segni distintivi di opere dell’ingegno o di prodotti industriali

4.3. Il tentativo di contraffazione ed alterazione

4.4. Introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi

4.5. La confisca

4.6. La previsione di specifiche circostanze

4.7. Vendita di prodotti industriali con segni mendaci

4.8. Contraffazione di indicazioni geografiche o denominazioni di origine dei prodotti agroalimentari

Capitolo VII – Trasferimento e licenza del marchio

1. Il trasferimento del marchio

1.1. La disciplina previgente

1.2. La normativa vigente

1.3. Il trasferimento congiunto di marchio e ditta

2. La licenza

2.1. Cenni generali

2.2. La licenza esclusiva

2.3. Franchising

2.4. Merchandising

Capitolo VIII – L’estinzione del marchio

1. Le cause di estinzione del marchio

1.1. Le ipotesi

1.2. Premesse processuali

1.3. Gli effetti della dichiarazione di nullità o decadenza

1.4. Nullità e decadenza parziale del marchio

2. La nullità del marchio

2.1. I casi previsti dall’art. 25 c.p.i.

2.2. La mancanza dei requisiti

2.3. La registrazione di nomi di persona senza autorizzazione

2.4. La registrazione effettuata a nome di persona diversa dall’avente diritto

3. La decadenza del marchio

3.1. Premesse

3.2. La “volgarizzazione”

3.3. La sopravvenuta idoneità ad ingannare il pubblico

3.4. Le nuove ipotesi indicate dal primo comma dell’art. 14 c.p.i.

3.5. Segue: le ipotesi previste dal secondo comma dell’art. 14

3.6. Il non uso

3.7. Gli effetti della dichiarazione di decadenza

4. La convalidazione

4.1. Il secondary meaning

4.2. L’ipotesi prevista dall’art. 28 c.p.i.

Capitolo IX – Il marchio dell’Unione europea

1. Diritto comunitario e marchio di impresa

1.1. Il Trattato e le interpretazioni giurisprudenziali

1.2. L’intervento del legislatore comunitario

1.3. Segue: l’esaurimento del diritto

2. La disciplina del marchio dell’Unione europea

2.1. Premesse

2.2. Effetti prodotti

2.3. Segni atti a costituire un marchio dell’Unione europea

2.4. Titolari del marchio dell’Unione europea

2.5. Registrazione

2.6. Impedimenti alla registrazione

2.7. Effetti del marchio dell’Unione europea

2.8. Uso del marchio dell’Unione europea

2.9. Trasferimento del marchio dell’Unione europea

3. La giurisdizione

3.1. La procedura di ricorso

3.2. Il ricorso giurisdizionale innanzi al Tribunale dell’Unione

3.3. Controversie in materia di contraffazione e di validità dei marchi dell’Unione europea

3.3.1. Competenze e procedura

3.3.2. Presunzione di validità

3.3.3. Domanda riconvenzionale

3.3.4. Il diritto applicabile

3.3.5. Sanzioni e misure provvisorie e cautelari

3.3.6. Connessione

3.3.7. Competenza dei tribunali dei marchi dell’Unione europea di secondo grado e ricorso per cassazione

3.4. Altre controversie relative ai marchi dell’Unione europea

Capitolo X – La tutela del marchio e la rete Internet

1. Internet e il nome a dominio

1.1. Il nome a dominio

1.2. Rete Internet e soluzioni legislative

1.3. Le regole del TLD “.it”

1.4. Le soluzioni legislative

1.4.1. Premesse

1.4.2. Il nome a dominio nel codice della proprietà industriale

1.4.3. La definizione di dominio presente nel regolamento 733/2002/CE

1.5. Le soluzioni giurisprudenziali

1.5.1. Il nome a dominio e la testata giornalistica

1.5.2. Il nome a dominio, il marchio e l’insegna

1.5.3. Il nome a dominio e i segni atipici

1.6. La funzione del nome a dominio

1.7. La tutela del consumatore e la registrazione del nome a dominio

1.8. Registrazione di domain name e illecito trattamento dei dati personali

2. Altre ipotesi di violazione del marchio e concorrenza sleale in rete

2.1. I “meta tag”

2.2. Le soluzioni giurisprudenziali

Capitolo XI – Marchio e indicazione di provenienza: le recenti indicazioni normative

1. L’intervento normativo in tema di provenienza

1.1. Tutela dei marchi e “made in Italy”

1.2. Il “made in Italy”: marchio collettivo o indicazione di provenienza?

1.3. Le tutele previste

1.3.1. L’istituzione di una centrale operativa e di una banca dati delle immagini

1.3.2. Lo sportello unico doganale

1.3.3. L’istituzione del fondo di sostegno

1.3.4. Modalità di regolamentazione delle indicazioni di origine sui prodotti alimentari

1.3.5. L’Ufficio di consulenza per la tutela del marchio

1.3.6. Segnalazione delle notizie all’autorità giudiziaria

1.3.7. Procedimento di distruzione della merce contraffatta

1.4. Ulteriori sviluppi della normativa nazionale

1.5. L’etichettatura obbligatoria nel settore tessile

1.6. I marchi storici

1.7. Contrasto all’italian sounding e incentivi al deposito di brevetti e marchi

2. La normativa comunitaria in tema di indicazioni di origine

2.1. I regolamenti 2081/1992 e 2913/1992

2.2. Dubbi interpretativi

2.3. Le specialità tradizionali garantite

3. Le indicazioni geografiche nel codice

3.1. Premessa

3.2. La tutela

Parte III GLI ALTRI SEGNI DISTINTIVI

Capitolo I – La ditta

1. Nozione

1.1. Caratteri generali

1.2. La registrazione della ditta

1.3. La modificazione della ditta

1.4. I conflitti tra ditta e marchio nell’interpretazione giurisprudenziale

2. Il trasferimento e le altre cause di circolazione della ditta

2.1. L’obbligo di trasferimento congiunto all’azienda

2.2. Il trasferimento per atto tra vivi

2.3. Il trasferimento mortis causa

2.4. L’acquisto della ditta per usucapione

Capitolo II – Altri segni tipici e atipici

1. Segni tipici

1.1. Il nome della società

1.2. L’insegna

2. I segni distintivi atipici

2.1. Premesse

2.2. Internet

Parte IV IL BREVETTO PER INVENZIONE

Capitolo I – L’invenzione

1. Le creazioni intellettuali

1.1. Premesse

1.2. Le opere dell’ingegno

2. Le invenzioni industriali

2.1. Tipologia delle invenzioni

2.2. Invenzioni di prodotto e invenzioni di procedimento

2.3. Invenzioni principali e derivate

2.4. Invenzioni indipendenti e invenzioni dipendenti

Capitolo II – Il brevetto: fonti nazionali ed internazionali

1. Il brevetto

1.1. Caratteri dell’istituto

1.2. La normativa nazionale (cenni)

2. Le fonti internazionali

2.1. Premesse

2.2. La Convenzione di Unione di Parigi

2.3. La Convenzione di Strasburgo

2.4. The Patent Cooperation Treaty

2.5. La Convenzione di Monaco

2.5.1. Cenni generali

2.5.2. Le invenzioni brevettabili

2.5.3. La domanda di brevetto

2.5.4. La procedura

2.5.5. I diritti concessi al titolare

2.5.6. La durata del brevetto

2.5.7. Trasferimento dei diritti

3. Brevetto e Unione europea

3.1. La Convenzione di Lussemburgo

3.2. Il Libro verde sul brevetto comunitario e sul sistema dei brevetti in Europa

3.3. La prima proposta di un regolamento del Consiglio relativo al brevetto comunitario

3.4. Gli ulteriori sviluppi

3.5. L’attuale quadro della cooperazione rafforzata nel settore dell’istituzione di una tutela brevettuale unitaria

3.6. L’adeguamento dell’ordinamento nazionale italiano al sistema del brevetto europeo unitario

3.7. Prossime disposizioni attuative

Capitolo III – I requisiti di brevettabilità nell’ordinamento italiano

1. I requisiti dell’invenzione

1.1. Premesse

1.2. Novità (novità estrinseca)

1.3. Originalità (novità intrinseca)

1.4. Industrialità

2. La liceità dell’invenzione

2.1. Considerazioni generali

2.2. Il divieto di brevetto per razze animali

Capitolo IV – La concessione del brevetto e l’acquisizione dei diritti di privativa

1. I diritti nella legge brevetti

1.1. I diritti esclusivi

1.2. Effetti del brevetto

2. La concessione del brevetto

2.1. La domanda

2.2. L’esame della domanda

Capitolo V – Le invenzioni del lavoratore e i contratti di ricerca

1. Invenzioni del prestatore di lavoro subordinato

1.1. Premesse

1.2. Le invenzioni di servizio

1.3. L’invenzione d’azienda

1.4. Le controversie relative all’equo premio

1.5. Il calcolo dell’equo premio

1.6. L’invenzione occasionale

2. Invenzioni di servizio e invenzioni d’azienda: i confini

2.1. Cenni introduttivi

2.2. La soluzione offerta dalla Corte di Cassazione

3. Contratti di ricerca e invenzione su commessa

3.1. I contratti di ricerca

3.2. Attribuzione dei diritti sulle invenzioni nei contratti di ricerca tra privati

3.3. Attribuzione dei diritti sulle invenzioni nei contratti a committente pubblico

Capitolo VI – Cessione e licenza del brevetto

1. Il trasferimento di tecnologia. Contratti di cessione e licenza

1.1. Premesse

1.2. Contratto di cessione

1.3. Contratto di licenza

1.4. Segue: contratti di licenza e intese restrittive della concorrenza

2. Le licenze obbligatorie

2.1. Classificazione

2.2. Licenza obbligatoria per mancata o insufficiente attuazione

2.3. Licenza obbligatoria per le invenzioni dipendenti

3. Altri casi di circolazione del brevetto

3.1. I trasferimenti coattivi

3.2. L’espropriazione

3.3. Licenza di pieno diritto

Capitolo VII – Estinzione e nullità del brevetto

1. Ipotesi di estinzione del brevetto

1.1. Cenni generali

1.2. La decadenza del brevetto

2. La nullità del brevetto

2.1. Il brevetto nullo

2.2. Il giudizio di nullità. Premesse

2.3. Effetti della sentenza

2.4. Conversione del brevetto nullo

Capitolo VIII – La protezione del brevetto

1. Le azioni a tutela del brevetto: cenni generali

1.1. Giurisdizione e competenza

1.2. Azioni fondate su fatti lesivi del diritto dell’attore

1.3. L’onere della prova

2. I giudizi

2.1. Il giudizio di contraffazione

2.2. Le azioni cautelari

3. Le sanzioni penali ed amministrative

Capitolo IX – Le nuove frontiere del brevetto per invenzione

1. Le biotecnologie tra proprietà industriale e proprietà intellettuale

1.1. Premessa

1.2. La Convenzione sulla diversità biologica

1.3. La soluzione del Consiglio d’Europa: il protocollo addizionale sul divieto di clonazione di esseri umani

1.4. Le direttive in tema di emissione deliberata nell’ambiente di organismi geneticamente modificati

1.5. L’esigenza di armonizzare le discipline nazionali in tema di biotecnologie

1.6. L’attuazione della direttiva comunitaria

1.7. La procedura di infrazione nei confronti della Repubblica italiana

1.8. La disciplina nazionale

1.9. Il riordino della disciplina

1.10.Il sistema sanzionatorio

2. Il software

2.1. L’attuale normativa

2.2. Software e brevetto: le soluzioni negli Stati Uniti e in Giappone

2.3. Convenzione di Monaco e brevetto di software in Europa

2.4. La proposta di una direttiva europea sul brevetto del software

Parte V LA TUTELA DEL MODELLO

Capitolo I – I modelli

1. I modelli industriali

1.1. Premesse

1.2. L’intervento del legislatore comunitario

1.3. Il decreto legislativo 2 febbraio 2001, n. 95

2. Il regolamento 6/2002 su disegni e modelli comunitari

2.1. Cenni introduttivi

2.2. La protezione offerta dal regolamento

Capitolo II – La disciplina dei modelli nel codice della proprietà industriale

1. I disegni e i modelli ornamentali

1.1. Introduzione

1.2. La privativa

1.3. La durata dei diritti

1.4. Le differenze rispetto ai modelli di utilità

1.5. Modelli ornamentali e diritto d’autore

2. Il modello di utilità

2.1. Premesse

2.2. Il brevetto di modello

2.3. Conversione e alternatività

Parte VI ALTRI DIRITTI DI PROPRIETÀ INDUSTRIALE

Capitolo I – Le topografie dei prodotti a semiconduttori

1. La tutela giuridica

1.1. Introduzione

1.2. Oggetto della tutela

2. I diritti

2.1. Il contenuto dei diritti

2.2. La registrazione

2.3. La contraffazione

Capitolo II – I segreti commerciali

1. La tutela giuridica

1.1. Introduzione

1.2. Il quadro sovranazionale

1.3. La direttiva 2016/943

1.4. L’attuazione della direttiva

1.5. Oggetto della tutela

2. Casi pratici

2.1. Ampiezza della tutela

2.2. Le informazioni acquisite sul lavoro

2.3. Le informazioni sulle invenzioni non brevettate

2.4. I certificati di qualità aziendale

2.5. Le informazioni commerciali

3. La tutela processuale dei segreti commerciali

3.1. Le nuove norme processuali

3.2. Le modifiche al codice penale

Capitolo III – Le nuove varietà vegetali

1. Inquadramento giuridico

1.1. Ordinamento nazionale

1.2. La privativa comunitaria

2. La tutela del diritto

2.1. Oggetto del diritto

2.2. Il costitutore

2.3. I diritti

2.4. La denominazione della varietà

2.5. Le biotecnologie (cenni)

Parte VII LE TUTELE PROCESSUALI DEI DIRITTI INDUSTRIALI

Capitolo I – La tutela giurisdizionale

1. Premesse

1.1. Una normativa processuale uniforme

1.2. Giurisdizione e competenza

1.3. Le sezioni specializzate in materia di impresa

1.4. Il nuovo tribunale unificato dei brevetti (cenni)

1.5. L’onere della prova

2. Le azioni di nullità e decadenza

2.1. La legittimazione all’azione di nullità e di decadenza

2.2. La possibilità di deferire la decisione “ad arbitri”

2.3. La riforma del 2019

3. L’azione di contraffazione

3.1. La legittimazione all’azione di contraffazione

3.2. Licenziatario e opposizione (cenni)

4. Il risarcimento del danno

4.1. Premesse

4.2. I criteri indicati dal c.p.i.

5. L’abuso del diritto in ambito processuale

5.1. Cenni introduttivi

5.2. Abuso di diritto e concorrenza sleale: l’analisi della giurisprudenza

5.3. Il risarcimento del danno dovuto all’abuso di diritto

Capitolo II – La lotta alla contraffazione e alla pirateria nel codice della proprietà industriale

1. La pirateria

1.1. La riforma del 2010

1.2. Pirateria, italian sounding e altre violazioni della proprietà industriale

1.3. La riforma del 2019: il contrasto all’italian sounding

2. Le misure contro la pirateria

2.1. Cenni introduttivi

2.2. Il sequestro conservativo

2.3. La segnalazione alla Procura della Repubblica

2.4. Il sequestro amministrativo e la distruzione della merce contraffatta

2.5. L’opposizione contro il provvedimento di distruzione

2.6. L’istituzione del Consiglio nazionale anticontraffazione

Capitolo III – I procedimenti cautelari nel diritto industriale

1. I procedimenti cautelari nel codice della proprietà industriale

1.1. Premesse

1.2. La normativa previgente

2. La tutela cautelare

2.1. Cenni introduttivi

2.2. La consulenza tecnica preventiva

2.3. Descrizione e sequestro

2.4. Inibitoria

2.5. L’accertamento negativo richiesto in via cautelare

2.6. Tutela cautelare e nome a dominio

Capitolo IV – Il procedimento dinanzi alla Commissione dei ricorsi

1. La Commissione dei ricorsi

1.1. Premesse

1.2. Il ricorso (cenni)

1.3. Funzioni giurisdizionali

1.4. Funzioni consultive

1.5. Rapporti tra giurisdizione speciale e ordinaria

2. La procedura

2.1. Il ricorso

2.2. La disciplina del procedimento

2.3. Effetti delle delibere della Commissione

2.4. Le misure cautelari

3. Decadenza e nullità dei marchi d’impresa registrati: la nuova procedura ad hoc dinanzi all’UIBM

3.1. Premessa

3.2. L’istanza di decadenza o nullità dinanzi all’UIBM

3.3. Legittimazione all’istanza di decadenza o nullità

Capitolo V – Segni distintivi, opere dell’ingegno e comunicazione commerciale nel sistema di autodisciplina pubblicitaria

1. Il sistema di autodisciplina pubblicitaria

1.1. Prolegomeni

1.2. Evoluzione storica della autodisciplina pubblicitaria

1.3. Natura del sistema di autodisciplina

1.4. Finalità del codice

1.5. I soggetti vincolati

2. Regole di comportamento

2.1. Premesse

2.2. Il divieto generale di effettuare pubblicità ingannevole

2.3. L’obbligo di veridicità della pubblicità

2.4. Riconoscibilità della comunicazione commerciale

2.5. I divieti espressi

2.6. I rapporti con i concorrenti

2.7. Le comunicazioni commerciali e i sistemi di vendita

2.8. La disciplina di alcuni settori merceologici

2.9. Regolamenti specifici

3. Organi e competenza

3.1. Premesse

3.2. Composizione del Comitato di Controllo

3.3. Princìpi per il giudizio

3.4. Funzioni del Giurì e del Comitato di Controllo

3.5. Albo dei consulenti tecnici

3.6. Segreteria

3.7. Sede e riunioni

3.8. Amministrazione

4. Il giudizio innanzi al Giurì

4.1. La legittimazione attiva

4.2. La legittimazione passiva

4.3. La presentazione della domanda

4.4. Le fasi del giudizio

4.5. La decisione

5. La tutela della creatività nel codice di autodisciplina

5.1. Premesse

5.2. Il sistema del deposito presso l’Istituto di Autodisciplina

Appendice normativa

D.lgs. 10 febbraio 2005, n. 30 – Codice della proprietà industriale, a norma dell’articolo 15 della l. 12 dicembre 2002, n. 273

Massimario

• Brevetto: novità e originalità

• Brevetto di software

• Concorrenza sleale e abuso di posizione dominante

• Concorrenza sleale e meta tag

• Concorrenza sleale e nome a dominio

• Concorrenza sleale e tutela brevettuale

• Contraffazione di marchio debole e di marchio forte: differenze

• Contraffazione di marchio e nome a dominio

• Conversione di brevetto

• Denominazione di origine e marchio

• Descrizione

• Diritto d’autore e nome a dominio

• Diritto d’autore e titoli di liste di discussione in rete

• Domanda di brevetto per modello

• Forma della presentazione della domanda cautelare

• Inibitoria

• Inibitoria e nomi a dominio

• Invenzione del dipendente

• Marchio debole

• Marchio e denominazione geografica

• Marchio forte

• Nome a dominio inteso quale marchio o segno distintivo

• Nome a dominio inteso quale semplice indirizzo

• Nullità del brevetto per invenzione

• Nullità del brevetto per modello

• Nullità del marchio

• Periculum in mora nella domanda cautelare

• Proposizione di una domanda cautelare temeraria

• Pubblicazione del provvedimento

• Responsabilità dell’Internet service provider e registrazione di domain name

• Secondary meaning

• Sequestro

• Violazione di diritto d’autore e di brevetto in rete

Bibliografia

Siti Internet consultati

Indice analitico 

Scrivi la tua recensione
Stai recensendo:Manuale pratico dei marchi e dei brevetti