SERVIZIO CLIENTI 0541.628200  Lunedì - Venerdì / 8.30-17.30

Durante il mese di agosto le spedizioni potranno subire rallentamenti.

Le spedizioni riprenderanno regolarmente a partire dal 27 agosto 2018

Pensare al titolo di una collana è al contempo difficile e stimolante: difficile per la paura che possa essere inadeguato e riproduttivo (in tutto o in parte) di altri già esistenti, stimolante per l’impegno a cercare una denominazione idonea a rappresentare linee di ricerca e interessi scientifici. Il titolo prescelto I ponti del diritto evoca intense suggestioni. Il ponte è una straordinaria struttura architettonica che ha consentito e consente di mettere in contatto popoli e civiltà, favorendone la crescita e lo sviluppo. Il diritto, nell’assicurare l’ordinata convivenza civile e l’integrazione sociale, congiunge, come i ponti, situazioni soggettive e poteri, interessi e doveri, tutele e istituzioni. Il diritto si atteggia quindi come ponte in quanto suscettibile di veicolare i principi della ragionevolezza e della giustizia all’interno di comunità e di ordinamenti. L’intitolazione della collana I ponti del diritto riassume, probabilmente in modo ambizioso, tale trama di valori ponendoli in rapporto tra loro e offrendo occasioni di confronto e di riflessione tra studiosi di diversi ambiti disciplinari (diritto costituzionale, amministrativo, commerciale, tributario). Nella collana saranno ospitati studi monografici e opere collettanee nell’intento di favorire il dibattito scientifico e lo sviluppo della conoscenza. L’inserimento nella stessa avrà luogo secondo rigorosi criteri di selezione tenendo conto dell’approccio metodologico, della profondità dell’analisi e del contributo alla letteratura esistente. Esso avrà inoltre luogo secondo il metodo della revisione anonima secondo i seguenti criteri: 1. I lavori scientifici inviati all’editore o ai singoli direttori sono sottoposti al comitato direttivo. 2. Il comitato direttivo nomina, rationae materiae, un relatore al suo interno il quale, dopo aver verificato che il lavoro risponda ai canoni scientifici ed editoriali della Collana, sottopone il lavoro a due revisori esterni scelti dal comitato direttivo nell’ambito di un elenco di revisori aggiornato annualmente e composto da autorevoli studiosi italiani e stranieri. Il passaggio alla fase della revisione esterna può essere subordinato alla richiesta all’autore di integrare o modificare parti del lavoro sottoposto. 3. Il comitato direttivo garantisce il reciproco anonimato tra revisori e autori. 4. Ai revisori è richiesto di fornire, in tempi prefissati di volta in volta ma comunque contenuti, una valutazione analitica sul lavoro in oggetto avendo particolare attenzione al rigore nell’approccio metodologico, alla consistenza delle tesi sostenute e alla completezza del ragionamento sulla letteratura esistente. La relazione del revisore si conclude con un parere sulla pubblicabilità del lavoro corredato da eventuali commenti e suggerimenti per modifiche e integrazioni. 5. Sulla base delle relazioni dei revisori il comitato direttivo, valutata l’eventuale nuova versione del lavoro derivante dalle proposte e suggerimenti di cui al punto precedente, assume la decisione definitiva sulla pubblicazione.

INVIACI LA TUA PROPOSTA

Invia il tuo progetto di pubblicazione, analisi o ricerca alla direzione della collana

* Campi obbligatori

Comitato di Direzione

Andrea Colli Vignarelli (Ordinario di Diritto tributario, Università di Messina)
Luca Mezzetti (Ordinario di Diritto costituzionale, Università di Bologna)
Antonio Nuzzo (Ordinario di Diritto commerciale, LUISS, Roma)
Nino Paolantonio (Ordinario di Diritto amministrativo, Università di Roma Tor Vergata)
Ugo Patroni Griffi (Ordinario di Diritto commerciale, Università di Bari Aldo Moro)
Antonio Felice Uricchio (Ordinario di Diritto tributario, Università di Bari Aldo Moro)

Scopri le proposte Maggioli Editore

2 oggetto(i)

per pagina

Griglia  Elenco 

Imposta ordine discendente

2 oggetto(i)

per pagina

Griglia  Elenco 

Imposta ordine discendente

Back to top