SERVIZIO CLIENTI 0541.628200  Lunedì - Venerdì / 8.30-17.30

IN EVIDENZA: Concorso 2329 Funzionari Giudiziari  | Concorso 1514 Ministero del Lavoro, INL e INAIL | Privacy e GDPR

Sconto 15%
Procedimento ed esecuzione penale

Procedimento ed esecuzione penale

Autori Cristina Marzagalli
Editore Maggioli Editore
Formato Cartaceo
Dimensione 17x24
Pagine 252
Pubblicazione Marzo 2019 (II Edizione)
ISBN / EAN 8891634412 / 9788891634412
Collana Collana Legale

Cristina Marzagalli, Giudice del Tribunale di Varese, Formatore della Scuola Superiore della Magistratura per il distretto di Milano, ha una competenza specifica nell’ambito del diritto penale e dell’esecuzione penale. È componente della Corte d’Assise, del Collegio Penale e del Tribunale del Riesame. Ha rivestito in passato i ruoli di Giudice per le Indagini Preliminari e di Magistrato di Sorveglianza. È stata componente del Tavolo IX degli Stati Generali dell’esecuzione penale.

Prezzo Online:

29,00 €

24,65 €

Ordina ora per avere:
Ricezione entro 48h
Spedizione in 24h
Paga alla consegna senza costi aggiuntivi
Paga alla consegna senza costi aggiuntivi
Se acquisti questo prodotto, ti mancano 4,35€ per avere la spedizione gratuita

Aggiornato alla riforma della giustizia penale di cui alla L. 103/2017 e alle novità introdotte dalla L. 3/2019,il presente volume è un’analisi operativa degli istituti del nostro sistema sanzionatorio penale, condotta seguendo l’iter delle diverse fasi processuali.

Attraverso numerosi schemi e tabelle e puntuali rassegne giurisprudenziali al termine di ogni capitolo, gli istituti e i relativi modi di operare trovano nel volume un’organica sistemazione al fine di assicurare al Professionista un sussidio di immediata utilità per approntare la migliore strategia processuale possibile nel caso di specie.

Numerosi sono stati gli interventi normativi degli ultimi anni orientati nel senso della differenziazione della pena detentiva: oltre alla L. 23 giugno 2017, n. 103, di modifica del codice penale, del codice di procedura penale e dell’ordinamento penitenziario, la depenalizzazione di alcuni reati avvenuta con D.Lgs. 8/2016; l’introduzione dell’istituto della non punibilità per particolare tenuità del fatto con D.Lgs. 28/2015; la previsione della sospensione del processo con messa alla prova operata con L. 67/2014; le stratificate modifiche dell’ordinamento penitenziario, fino ai decreti legislativi 123 e 124 del 2018.

Cristina Marzagalli, Giudice del Tribunale di Varese, Formatore della Scuola Superiore della Magistratura per il distretto di Milano, ha una competenza specifica nell’ambito del diritto penale e dell’esecuzione penale. È componente della Corte d’Assise, del Collegio Penale e del Tribunale del Riesame. Ha rivestito in passato i ruoli di Giudice per le Indagini Preliminari e di Magistrato di Sorveglianza. È stata componente del Tavolo IX degli Stati Generali dell’esecuzione penale.

Capitolo I - La pena: nozione, fondamento, aspetti costituzionali 
1. La difesa contro il delitto
2. Il sistema dualistico italiano recepito dal codice Rocco
3. La pena secondo la Costituzione
3.1. Il principio di legalità
3.2. Il principio della riserva di legge 
3.3. Il principio di tassatività
3.4. Il principio della irretroattività
4. L’articolo 27 della Costituzione
5. La sentenza Torreggiani: esempi di pena inumana. I rimedi adottati dall’Italia
6. Il diritto all’affettività del detenuto
6.1. Il diritto alla salute del detenuto
7. L’evoluzione più recente 
7.1. La giustizia riparativa 
8. I tipi di pena nel nostro ordinamento
8.1. Pene accessorie
8.2. Altri tipi di pena
Rassegna giurisprudenziale

Capitolo II - Definizione del procedimento penale senza applicazione di pena: prescrizione, non punibilità per speciale tenuità del fatto, sospensione del procedimento con messa alla prova, estinzione del reato per condotte riparatorie


Sezione I - La prescrizione

1. Inquadramento generale 
2. La disciplina nuova in generale
3. La disciplina nuova nel dettaglio
4. Successione intertemporale
Testi delle due discipline a confronto
5. Le modifiche apportate dalla legge 9 gennaio 2019, n. 3
Schema - Tempo necessario a prescrivere

Sezione II - La sospensione del procedimento con messa alla prova dell’imputato

1. Premessa
2. Requisiti di ammissibilità della richiesta
2.1. Requisiti oggettivi
2.2. Requisiti soggettivi
2.3. Requisiti formali
3. L’avvio del procedimento: la proposizione della richiesta 
4. L’oggetto della prova ed il programma di trattamento
5. I provvedimenti adottabili dal giudice 
5.1. L’ordinanza di sospensione del procedimento con messa alla prova 
5.2. L’ordinanza di rigetto 
6. L’esito della prova
Scheda - Requisiti formali e sostanziali

Sezione III - Esclusione della punibilità per particolare tenuità del fatto

1. Il principio di offensività 
2. Inquadramento generale della particolare tenuità del fatto
3. Ambito di applicazione
4. Presupposti applicativi: tenuità dell’offesa e non abitualità del comportamento
5. La disciplina processuale
Scheda - Esclusione della punibilità per particolare tenuità del fatto

Sezione IV - L’introduzione dell’art. 162 ter: “Estinzione del reato per condotte riparatorie”

1. Inquadramento generale dell’estinzione del reato per condotte riparatorie
2. L’ipotesi del comma 1 
3. L’ipotesi del comma 2
4. Effetti giuridici 
5. Diritto intertemporale
6. Profili critici
Scheda - Procedibilità a querela – Ipotesi introdotte con d.lgs. 10 aprile 2018, n. 36
Rassegna giurisprudenziale

Capitolo III - Definizione del procedimento con i riti alternativi. Il patteggiamento e il giudizio abbreviato

1. I procedimenti speciali
2. L’applicazione della pena su richiesta
2.1. Disciplina 
2.2. Effetti dell’applicazione della pena su richiesta
3. Il giudizio abbreviato
4. Le novità introdotte con legge 103/2017 nell’applicazione della pena su richiesta
5. Le novità introdotte con legge 103/2017 nel giudizio abbreviato
5.1. Indagini difensive “a sorpresa” e giudizio abbreviato
5.2. Domande subordinate
5.3. Sanatoria delle nullità
5.4. Modifica del regime della premialità
5.5. Rapporto con gli altri riti speciali
Schema - Le novità introdotte nel giudizio abbreviato
Schema - Le novità introdotte nell’applicazione della pena su richiesta
Rassegna giurisprudenziale

Capitolo IV - La commisurazione della pena: discrezionalità, circostanze del reato, le circostanze attenuanti generiche, la recidiva, il reato continuato

1. La commisurazione della pena
2. Le circostanze del reato
3. Le circostanze attenuanti generiche
3.1. Situazioni valutabili ai fini della concessione delle attenuanti generiche
4. La recidiva
4.1. Regime facoltativo della recidiva
4.2. Aspetti critici
5. Il reato continuato
5.1. La determinazione della pena del reato continuato
5.2. Il reato continuato in sede di esecuzione
Schema - Computo della pena
Schema - Situazioni valutabili ai fini della concessione o del diniego delle attenuanti generiche
Rassegna giurisprudenziale

Capitolo V - Pene detentive brevi: le sanzioni sostitutive e i doppi benefici di legge

Sezione I - Le sanzioni sostitutive delle pene detentive brevi
1. Inquadramento generale
2. Le singole sanzioni sostitutive
2.1. Il lavoro di pubblica utilità
3. Questioni applicative
4. Brevi note critiche
Sezione II - I doppi benefici di legge
1. La sospensione condizionale della pena
1.1. Disciplina
1.2. Sospensione condizionale subordinata all’adempimento di obblighi
1.3. La sospensione condizionale breve prevista dall’art. 163, comma 4 c.p.
2. La non menzione
Rassegna giurisprudenziale

Capitolo VI - L’esecuzione della pena: accesso alle misure alternative, reati ostativi, preclusioni 

Sezione I - L’esecuzione della pena
1. La giurisdizione e l’esecuzione della pena 
2. La pena illegale
3. Il ruolo della magistratura di sorveglianza e la tutela dei diritti del detenuto
Sezione II - Le misure alternative alla detenzione
1. Quadro d’insieme
2. Le misure alternative dal punto di vista applicativo
3. Limiti all’applicabilità delle misure alternative
4. L’affidamento in prova al servizio sociale
5. La detenzione domiciliare
6. La semilibertà
7. Sospensione dell’esecuzione della pena finalizzata all’applicazione delle misure alternative
8. Conclusioni critiche
9. La riforma dell’ordinamento penitenziario attuata con i decreti legislativi nn. 122 e 123 del 2 ottobre 2018
9.1. Il decreto legislativo n. 122/2018
9.2. Il decreto legislativo n. 124/2018
10. Le modifiche introdotte dalla legge 9 gennaio 2019, n. 3 in materia di esecuzione delle pene
Schede
1) Affidamento in prova al servizio sociale ex art. 47 o.p. 
2) Detenzione domiciliare
3) Semilibertà artt. 48-50 o.p.
4) Articolo 4 bis ordinamento penitenziario
Rassegna giurisprudenziale

Capitolo VII - Il secondo binario del sistema sanzionatorio: misure di sicurezza e misure di prevenzione

Sezione I - Le misure di sicurezza
1. Le misure di sicurezza personali
2. Tipologia delle misure di sicurezza 
3. Procedimento applicativo
4. Il ricovero in ospedale psichiatrico giudiziario
5. Estensione della riforma degli O.P.G. alle case di cura e di custodia 
6. La delega non attuata al Governo per il riassetto delle misure di sicurezza personali: un’occasione mancata
Sezione II - Le misure di prevenzione
1. Inquadramento generale
1.1. La sentenza CEDU De Tommaso contro Italia 
Rassegna giurisprudenziale


Scrivi la tua recensione

Solo gli utenti registrati possono scrivere recensioni. Accedi oppure Registrati

Libri consigliati

Back to top