SERVIZIO CLIENTI 0541.628200  Lunedì - Venerdì / 8.30-17.30

Servizi e forniture

Servizi e forniture

Guida operativa agli appalti sopra e sotto soglia comunitaria

Autori Salvio Biancardi
Editore Maggioli Editore
Formato Cartaceo
Pagine 786
Pubblicazione Giugno 2018 (XI Edizione)
ISBN / EAN 8891628978 / 9788891628978
Collana Progetto ente locale

> Programmazione
> Procedure di gara e scelta dei criteri di aggiudicazione
> Accesso agli atti e contenzioso
> Esecuzione dell’appalto e verifiche di conformità

CON GLI SCHEMI DELLE PROCEDURE

XI edizione aggiornata con:

• D.Lgs. 56/2017 (“Decreto correttivo” al Codice dei contratti pubblici)
• Bando tipo n. 1
• Legge di Bilancio per il 2018 (Legge 205/2017)
• Novità in materia di DGUE
• Subappalto e subcontratti
• Riparametrazione dei punteggi
• Problematiche applicative dell’art. 29 in materia di trasparenza
• Decreto MIT 14/2018 (programmazione biennale acquisto forniture e servizi)
• Nuove Linee guida ANAC n. 4 (procedure negoziate sotto soglia)

Prezzo Online:

95,00 €

Il volume – aggiornato al D.Lgs. 56/2017 (“Decreto correttivo” al Codice dei contratti pubblici), al Bando tipo n. 1, alla Legge di Bilancio per il 2018 (L. 205/2017), al D.M. 16 gennaio 2018, n. 14 sulla programmazione biennale per l’acquisto di forniture e servizi, alle nuove Linee guida ANAC (n. 2 sull’offerta economicamente più vantaggiosa, n. 3 sul RUP, n. 4 sulle procedure negoziate sotto soglia, n. 5 sulla commissione di gara, n. 6 sui gravi illeciti professionali dell’operatore economico, n. 8 sulla infungibilità delle prestazioni relative a beni o servizi), e al D.M. 7 marzo 2018, n. 49 sul Direttore dell’esecuzione – intende fornire agli operatori che si occupano di appalti di servizi e forniture una guida per il corretto svolgimento delle procedure di gara in linea con la nuova disciplina vigente. Gli argomenti trattati nel manuale sono articolati in tre parti che ripercorrono le fasi salienti dell’attività di approvvigionamento di una pubblica amministrazione. Nello specifico, la prima parte è dedicata agli adempimenti concernenti la fase di gara, la seconda all’eventuale richiesta di accesso agli atti e al contenzioso che potrebbe insorgere tra imprese e stazione appaltante, la terza affronta le problematiche inerenti alla corretta gestione del contratto stipulato. Una particolare attenzione viene dedicata agli aspetti preparatori della gara, dato che gli stessi rivestono una rilevanza preponderante per il successo dell’intera procedura di approvvigionamento. La trattazione degli argomenti è spesso corredata da schemi esemplificativi e riassuntivi. Viene, infine, allegata la modulistica necessaria per un esaustivo espletamento della procedura di gara. La modulistica è suddivisa in singole sezioni, corrispondenti alle principali procedure che la stazione appaltante può decidere di intraprendere. Inoltre, la modulistica è arricchita e completata da facsimili utilizzabili per assolvere a disposizioni di legge comuni a tutte le procedure d’appalto, come ad esempio: determina di revoca o di annullamento di una gara, tracciabilità, DURC, anomalia dell’offerta, comunicazioni dell’esito della gara, esclusioni, applicazione penali, cessione del credito d’appalto e così via.

Salvio Biancardi Funzionario di primario comune, autore di pubblicazioni e docenze in corsi di formazione.

Segnalazioni bibliografiche
› I micro acquisti e gli affidamenti diretti dopo le nuove Linee guida ANAC n. 4
Salvio Biancardi

AGGIORNAMENTO ON LINE FINO AL 31 DICEMBRE 2018
Il lettore, tramite il codice alfanumerico riservato allegato al volume, potrà accedere a:
› modulistica per la gestione della procedura aperta sopra soglia con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa
› modulistica per la gestione delle procedure sotto soglia mediante RDO, ODA e affidamento diretto
› schema di determina adesione Consip
› comunicazioni ex art. 76, comma 5 del D.Lgs. 50/2016
› comunicazioni ex art. 97, comma 5 del D.Lgs. 50/2016 in caso di accertamento dell’anomalia dell’offerta.
Tutta la modulistica, personalizzabile e stampabile, sarà sempre in linea con la normativa vigente fino al 31 dicembre 2018.

 

Parte Prima LA FASE DI GARA
Capitolo I Gli aspetti propedeutici alla gara
1. La check list cronologica dei principali adempimenti per poter correttamente iniziare un procedimento di gara 
1.1. L'applicazione del principio di non frazionamento degli acquisti 
1.2. La programmazione degli acquisti di beni e servizi 
1.3. Il decreto ministeriale sulla programmazione degli acquisti 
–– La redazione annuale del programma 
–– Il referente per la programmazione 
–– Il collegamento della programmazione degli acquisti con l'attività dei soggetti aggregatori 
–– Inserimento del CUI e degli importi 
–– L'ordine prioritario da seguire 
–– Le schede da compilare 
–– Gli adempimenti pubblicitari 
–– Gli aggiornamenti del programma 
–– La mancata redazione del programma 
–– Entrata in vigore e disciplina transitoria 
2. Il responsabile del procedimento 
2.1. La nomina del responsabile unico del procedimento di gara. Responsabilità, compiti, funzioni. Analisi delle differenze esistenti tra la disciplina dettata dalla legge 241/1990 e la disciplina dettata dal d.lgs. 50/2016 
2.2. Il responsabile del procedimento nelle linee guida dell'ANAC n. 3, aggiornate alla determinazione n. 1007 dell'11 ottobre 2017 
–– Nomina RUP 
–– RUP quale soggetto competente 
–– Incompatibilità e requisiti 
–– Compiti in generale assegnati al RUP 
•• Requisiti e compiti del RUP nell'affidamento di appalti di servizi e forniture e nelle concessioni di servizi 
–– Requisiti professionali del RUP 
–– Formazione ed altri requisiti 
–– Principali compiti del RUP 
–– Altri compiti del RUP in materia di: a) verifica della documentazione amministrativa; b) accertamento dell'anomalia dell'offerta 
•• Importo massimo e tipologia di lavori, servizi e forniture per i quali il RUP può coincidere con il direttore dell'esecuzione del contratto 
–– Affidamento di servizi e forniture 
•• Responsabile del procedimento negli acquisti centralizzati e aggregati 
3. Differenze tra attività di gara e contrattuali (obblighi e responsabilità)
4. La Consip
4.1. Compiti, funzioni, modalità di adesione. Acquisti in forma autonoma: i vincoli posti da Consip 
4.2. Il Mercato elettronico (Marketplace) 
–– La trattativa diretta del Mercato elettronico 
4.3. Le "Consip regionali"
4.4. L'acquisizione di beni e servizi attraverso soggetti aggregatori di cui al d.l. 66/2014, convertito in legge 89/2014 
4.5. La revisione del prezzo per i contratti conclusi con soggetti aggregatori di cui all'art. 9, comma 1 del d.l. 66/2014 
4.6. Prezzi di riferimento di cui al d.l. 66/2014 e alle restanti disposizioni contenute nelle leggi finanziarie 
4.7. Il benchmark nelle convenzioni Consip e nelle convenzioni delle Centrali regionali di riferimento 
4.8. I prezzi di riferimento di ANAC 
4.9. Tabelle di riepilogo 
Capitolo II Il sistema di approvvigionamento nel nuovo Codice dei contratti 
1. La qualificazione della stazione appaltante 
2. Aggregazione e centralizzazione delle committenze 
3. La scelta tra i principali sistemi di acquisizione 
3.1. L'affidamento diretto. Le procedure negoziate sotto soglia nel d.lgs. 50/2016 
3.1.1. Gli interventi dell'ANAC ed il principio di rotazione. Albi ed avvisi 
–– Albo o avviso: pregi e difetti 
3.1.2. Le altre modifiche introdotte dal decreto correttivo (d.lgs. 56/2017) che impattano sulla disciplina delle procedure sotto soglia di cui all'art. 36
–– Garanzia provvisoria e definitiva 
–– Criteri di aggiudicazione 
–– La determina di affidamento 
–– Obbligo per gli operatori economici di indicare nell'offerta i costi della sicurezza aziendale e della manodopera 
3.1.3. Conseguenze derivanti dalla scomparsa delle procedure in economia e della loro fusione per incorporazione nelle procedure sotto soglia 
3.1.4. Termini di ricevimento delle offerte 
3.1.5. Le linee guida ANAC riguardanti le procedure sotto soglia, aggiornate con delibera ANAC n. 206/2018 
•• Regole generali 
–– Strumenti telematici 
–– L'utilizzo delle procedure ordinarie 
–– Divieto di frazionamento 
–– Principi comuni 
–– I principi di cui all'art. 30 
–– Imprese di minori dimensioni 
–– Obblighi di trasparenza 
–– Criterio del minor prezzo 
–– Rotazione 
- Quando si applica 
- Quando non si applica 
- Regolamento con suddivisione in fasce 
- Divieto di aggiramento del principio di rotazione 
- La motivazione nel caso di affidamento diretto del contraente uscente (appalti di cui all'art. 36, comma 2, lett. a) e nel caso di reinvito del contraente uscente (appalti di cui all'art. 36, comma 2, lett. b)) 
- La motivazione nel caso di affidamento (diretto) al candidato invitato alla precedente procedura selettiva e non affidatario (appalti di cui all'art. 36, comma 2, lett. a) e nel caso di reinvito del candidato invitato alla precedente procedura selettiva, e non affidatario (appalti di cui all'art. 36, comma 2, lett. b))
 Appalti sotto i 1.000 E 
•• Modalità operative procedure sotto soglia - Affidamento diretto servizi e forniture sotto i 40.000 E
–– Modalità
–– Determina a contrarre
–– Determina a contrarre semplificata (in caso di affidamento diretto)
–– Requisiti minimi (oltre a quelli di carattere generale)
–– Controllo dei requisiti in forma semplificata per appalti di valore pari o inferiore ad E 20.000 mediante affidamento diretto
 Importi ≤ 5.000,00 euro
 Importi > E 5.000 fino E 20.000 (compresi)
 Importi > E 20.000
 Puntualizzazioni
 Tabella di sintesi
–– Scelta dell'operatore economico. Obbligo di motivazione per gli affidamenti diretti
–– Motivazione attenuata
–– Stipula contratto e pubblicazione
•• Modalità operative procedure sotto soglia - Affidamento servizi e forniture a partire dai 40.000 E, sino al sotto soglia
–– Modalità
–– Determina a contrarre
–– Le fasi successive
1) Lo svolgimento di indagini di mercato o la consultazione di elenchi per la selezione di operatori economici da invitare al confronto competitivo
–– Regolamento
–– Indagini di mercato
 Finalità ed effetti
 Indagini di mercato mediante consultazione dei cataloghi elettronici
a) L'avviso
 La pubblicazione sul profilo del committente
 I contenuti dell'avviso
b) La consultazione di elenchi
 Appositi elenchi
 Formazione degli elenchi mediante avviso pubblico
 Contenuto dell'avviso
 Utilizzo di formulari standard
 Iscrizione senza limiti temporali
 Revisione periodica dell'elenco
 Variazioni e cancellazioni
 Pubblicazione dell'elenco
2) Il confronto competitivo tra gli operatori economici selezionati e invitati
I – La selezione degli operatori economici
 Contenuti da inserire nell'avviso per l'indagine di mercato o per l'elenco (paragrafo 5.2.1, secondo periodo delle linee guida)
 Contenuti da inserire nella determina a contrarre
 Sorteggio
 Rotazione
II – La modalità di partecipazione
 Uso della PEC
 Invito simultaneo
 Contenuto dell'invito
 Le sedute
 Verifica dei requisiti
III – Stipula contratto e pubblicazione
–– Rinvio
3.2. Le procedure aperte
3.2.1. La disciplina delle procedure aperte
3.2.2. Pubblicazione degli avvisi e dei bandi di gara
–– Preinformazione
–– Pubblicazione di bandi e avvisi (pubblicazione a livello europeo)
–– Pubblicazione di bandi e avvisi (pubblicazione a livello nazionale)
–– Pubblicazione appalti sotto soglia
–– Disponibilità elettronica dei documenti di gara
3.2.3. Tempi da accordare per la presentazione delle offerte
3.3. La procedura ristretta
3.3.1. La disciplina della procedura ristretta
3.3.2. Pubblicazione degli avvisi e dei bandi di gara
–– Preinformazione
–– Pubblicazione di bandi e avvisi (pubblicazione a livello europeo)
–– Pubblicazione di bandi e avvisi (pubblicazione a livello nazionale)
–– Pubblicazione appalti sotto soglia
–– Disponibilità elettronica dei documenti di gara
3.3.3. Tempi da accordare per la presentazione delle offerte
3.4. La procedura negoziata
3.4.1. La disciplina della procedura negoziata
3.4.2. La procedura competitiva con negoziazione
–– Scelta della procedura
–– La disciplina contenuta nell'art. 62
3.4.3. Pubblicazione degli avvisi e dei bandi di gara
–– Preinformazione
–– Pubblicazione di bandi e avvisi (pubblicazione a livello europeo)
–– Pubblicazione di bandi e avvisi (pubblicazione a livello nazionale)
–– Disponibilità elettronica dei documenti di gara
3.4.4. La procedura negoziata senza previa pubblicazione di un bando di gara
3.4.5. Le procedure negoziate sotto soglia ai sensi dell'art. 36, comma 2, lett. b). Rinvio
3.4.6. Tempi da accordare per la presentazione delle offerte
3.5. I tempi di gara
3.6. Le altre forme di pubblicità da attribuire agli atti di gara
–– Premessa
3.6.1. Le forme di pubblicità previste dalla legge 190/2012 ("Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell'illegalità nella pubblica amministrazione")
3.6.2. Gli adempimenti pubblicitari introdotti dal d.lgs. 33/2013 sull'"Amministrazione trasparente"
3.6.3. La deliberazione ANAC 22 maggio 2013, n. 26 ed il comunicato ANAC 13 giugno 2013
3.6.4. La pubblicità prevista dall'art. 29 del Codice
3.6.5. L'avviso e la pubblicazione dell'ammissione/esclusione di cui all'art. 29, comma 1
3.7. Tabella riepilogativa dei limiti di soglia delle procedure d'appalto
3.8. Le procedure di gara alternative
3.8.1. Il Dialogo competitivo
3.8.2. Il Partenariato per l'innovazione
3.8.3. Infungibilità delle prestazioni relative a beni o servizi: le linee guida ANAC n. 8/2017
3.9. Tecniche e strumenti per gli appalti elettronici ed aggregati
3.9.1. Gli accordi quadro
3.9.2. I sistemi dinamici di acquisizione
3.9.3. Aste elettroniche
3.9.4. Cataloghi elettronici
3.9.5. Procedure svolte attraverso piattaforme telematiche di negoziazione
4. Il Documento unico di valutazione dei rischi da interferenza (DUVRI). Esame di vari modelli di documento in funzione della tipologia di gara da espletare
5. La determinazione a contrarre. I principali contenuti del bando e della lettera d'invito. Il capitolato speciale ed il Foglio patti e condizioni
5.1. La determinazione a contrarre
5.2. Il bando e la lettera d'invito
5.2.1. Il bando tipo n. 1 di ANAC
5.3. Il capitolato speciale ed il Foglio patti e condizioni
6. Criteri di scelta del contraente e assegnazione dei punteggi
6.1. Il criterio del minor prezzo ed il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa. Scelta del criterio per l'appalto da espletare
6.1.1. Le pronunce giurisprudenziali riguardanti i criteri di aggiudicazione
6.2. Individuazione dell'impresa aggiudicataria quando venga utilizzato il criterio del prezzo più basso. I criteri verdi. I costi del ciclo di vita
6.3. Le altre disposizioni contenute nell'art. 95 del d.lgs. 50/2016 concernenti il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa
6.4. Il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa nelle linee guida dell'ANAC
–– Utilizzo del criterio del minor prezzo
–– Requisiti di ammissione alla gara e criteri di valutazione dell'offerta
–– Rating di legalità
–– La possibilità di ricorrere al prezzo fisso
–– La ponderazione ed i punteggi. La riparametrazione
6.5. Discordanza tra il prezzo indicato in lettere e quello in cifre
6.6. I criteri ambientali minimi
6.7. Settori merceologici in cui si applicano i c.a.m.
7. L'anomalia dell'offerta
–– Premessa
7.1. I criteri di individuazione delle offerte anormalmente basse
7.2. Quando il criterio di aggiudicazione è quello del minor prezzo
7.3. Quando il criterio di aggiudicazione è quello dell'offerta economicamente più vantaggiosa
–– Sistema di computo di cui all'art. 97, comma 3 del Codice
7.4. Il criterio residuale
7.5. Procedimento d'accertamento dell'anomalia dell'offerta. L'indicazione nell'offerta dei costi di sicurezza aziendali 
7.6. Altri aspetti riguardanti l'anomalia dell'offerta
7.7. Soggetto competente ad effettuare l'accertamento dell'anomalia: le disposizioni contenute nelle linee guida dell'ANAC
7.8. Esclusione automatica dell'offerta presuntivamente anomala
8. Gli operatori economici ammessi a partecipare alle gare ed il controllo e collegamento tra imprese
8.1. I soggetti che possono partecipare alle gare
8.2. Forcella
8.3. Il controllo tra imprese ed il collegamento presunto e sostanziale
8.4. La sentenza della Corte di Giustizia europea del 19 maggio 2009 in materia di collegamento tra imprese
9. I requisiti per partecipare alle gare
9.1. I requisiti di ordine generale
9.2. Cause di esclusione che operano automaticamente
9.3. Cause di esclusione per fenomeni di tipo mafioso
9.4. Soggetti condannati
9.5. Cause di esclusione per omesso pagamento di tasse e contributi previdenziali
9.6. Altre cause di esclusione
9.6.1. La causa di esclusione di cui all'art. 80, comma 5, lettera c) del Codice, come declinato dalle linee guida ANAC n. 6 adottate con delibera n. 1293 del 16 novembre 2016
I – Ambito oggettivo
II – Ambito soggettivo
III – I mezzi di prova adeguati
IV – Rilevanza temporale
V – I criteri di valutazione dei gravi illeciti professionali
VI – Le misure di self-cleaning
9.7. Operatività estesa delle clausole di esclusione
9.8. Casi in cui l'operatore economico può comunque essere ammesso alla procedura selettiva
9.9. Cause di esclusione conseguenti a false dichiarazioni
9.10. Compito di approntare linee guida affidato ad ANAC
9.11. Subappaltatori
9.12. Attestazione e accertamento dei requisiti
9.12.1. Comprova dei requisiti da parte del primo classificato
9.13. Mezzi di prova riguardanti i requisiti di cui all'art. 80
9.14. Il soccorso istruttorio di cui all'art. 83, comma 9, del d.lgs. 50/2016
9.14.1. Premessa introduttiva
9.14.2. La disciplina originaria
9.14.3. La posizione espressa da ANAC
9.14.4. Le disposizioni sul soccorso istruttorio contenute nel nuovo Codice dei contratti
9.14.5. La sospensione della seduta
9.14.6. La tassatività delle cause di esclusione previste dal nuovo Codice
9.15. I requisiti di idoneità professionale
9.16. Capacità economico-finanziaria
9.17. Mezzi di prova riguardanti la capacità economico-finanziaria di cui all’art. 83, comma 1, lett. b)
9.18. Capacità tecnico-professionale
9.19. Mezzi di prova riguardanti la capacità tecnico-professionale di cui all'art. 83, comma 1, lett. c)
9.20. Certificazione di qualità
9.21. Requisiti ed esclusione dalla gara. Rinvio
9.22. Avvalimento dei requisiti. I requisiti che possono formare oggetto d'avvalimento
10. La partecipazione alle gare in forma aggregata
10.1. Problematiche inerenti la partecipazione alle gare da parte dei consorzi e delle consorziate
10.2. Regole sulla presentazione dell'offerta da parte di raggruppamenti temporanei e consorzi ordinari di cui all'art. 48
10.3. Regole sulla costituzione del raggruppamento riguardante raggruppamenti temporanei e consorzi ordinari di cui all'art. 48. Il mandato
10.4. Disciplina in caso di fallimento o altre procedure concorsuali riguardante raggruppamenti temporanei e consorzi ordinari di cui all'art. 48. Recesso delle imprese
10.5. Imprese di rete
11. La Banca dati nazionale dei contratti pubblici, ora "Banca dati degli operatori economici"
11.1. Il sistema AVCPass
12. L'acquisizione del codice C.I.G. ed il pagamento della tassa sulle gare
12.1. Generalità
12.2. Casi particolari
12.3. Le disposizioni introdotte dalla legge 136/2010 sulla tracciabilità dei flussi finanziari
–– Fonti normative
–– Soggetti obbligati
–– La nozione di filiera
–– Esempi di filiera
–– Tracciabilità
–– Ambito di applicazione
–– Adempimenti necessari
–– Aspetti operativi
–– Conto in via esclusiva
–– Pagamenti ammessi
–– Comunicazione definitiva
–– Codice C.I.G. - Codice derivato - più lotti
–– Singoli ambiti di applicazione della normativa sulla tracciabilità
–– Esenzioni
–– Operatori economici (Tracciabilità semplificata)
–– Per le pubbliche amministrazioni (Tracciabilità semplificata)
–– Tracciabilità nella fatturazione elettronica
–– Sanzioni
13. La cauzione provvisoria
13.1. Modalità di presentazione e contenuti
13.2. Rischi coperti dalla garanzia
13.3. Entità della garanzia
13.4. Operatori economici che partecipano alla gara in raggruppamento
13.5. Modalità di presentazione della garanzia
13.6. La possibilità di fruire della riduzione della garanzia
13.7. Le modalità operative per fruire della riduzione della garanzia provvisoria
13.8. Il rating di legalità quale ulteriore requisito per fruire della riduzione della garanzia provvisoria
13.9. L'ulteriore impegno del fideiussore
13.10. Lo svincolo delle garanzie prestate dai concorrenti non aggiudicatari
13.11. Ambiti di non applicazione delle disposizioni contenute nell'art. 93 del d.lgs. 50/2016
13.12. Natura della garanzia provvisoria
Capitolo III Il procedimento di gara e l'aggiudicazione
1. La commissione di gara
1.1. Commissione di gara e criterio di aggiudicazione
1.2. Composizione
1.3. La richiesta esperienza dei commissari di gara
1.4. Criteri di moralità stabiliti da ANAC. Sorteggio
1.5. Procedure d'appalto più semplici
1.6. Cause di incompatibilità
1.7. Condanne e anticorruzione
1.8. La dichiarazione che i commissari devono rendere
1.9. Nomina del presidente
1.10. Il momento della nomina della commissione
1.11. Rinnovo del procedimento
1.12. Spese di funzionamento. Compenso ai commissari. Costi di iscrizione all'albo
1.13. La pubblicazione della composizione della commissione
1.14. L'albo dei componenti delle commissioni giudicatrici
1.15. Le disposizioni contenute nelle linee guida di ANAC
–– Premessa
–– Composizione dell'albo
–– Affidamenti di minore complessità
–– Adempimenti delle stazioni appaltanti e funzionalità delle commissioni giudicatrici
–– Competenze regolamentari assegnate all'Autorità
–– Competenze assegnate alla stazione appaltante
–– Valutazione delle offerte
–– Condizionamenti
–– Impedimento di uno dei candidati
–– Comprovata esperienza e professionalità
–– Modalità di iscrizione e di aggiornamento dell'albo
–– Controlli
–– Aggiornamento dell'albo
–– Periodo transitorio
1.16. Compiti, poteri e responsabilità della commissione. Regole da rispettare nello svolgimento dei lavori. I verbali di gara
1.17. Il principio di pubblicità delle sedute del seggio di gara
1.18. Il principio di continuità delle operazioni di gara
2. L'apertura delle operazioni di gara
2.1. Fasi preliminari. Ammissione dei rappresentanti delle ditte
2.2. Analisi dei plichi e della documentazione amministrativa presentata
3. Esame delle offerte. Accertamento sul possesso dei requisiti, aggiudicazione e stipula del contratto
3.1. Esame delle offerte, proposta di aggiudicazione e aggiudicazione. Comunicazioni ex art. 76, comma 5, del d.lgs. 50/2016
3.2. L'accertamento dei requisiti di ordine generale
3.3. La documentazione antimafia
3.3.1. Casi nei quali non è necessaria la documentazione antimafia
3.3.2. Elementi che costituiscono la documentazione antimafia
3.3.3. Disciplina di cui all'art. 67 del d.lgs. 159/2011
3.3.4. Soggetti interessati
3.3.5. Periodo di validità della documentazione antimafia
3.3.6. Comunicazione antimafia. Competenza al rilascio
3.3.7. Comunicazione antimafia. Termini per il relativo rilascio
3.3.8. Comunicazione antimafia. Casi in cui è ammessa l'autocertificazione
3.3.9. Accertamento di tentativi di infiltrazione mafiosa in esito alla richiesta di comunicazione antimafia
3.3.10. Informazione antimafia. Competenza al relativo rilascio
3.3.11. Informazione antimafia. Generalità
3.3.12. Informazione antimafia. Termini per il relativo rilascio
3.3.13. Conseguenze derivanti dalle informazioni acquisite dal Prefetto
3.3.14. Disposizioni particolari per i contratti pubblici
3.3.15. Banca dati nazionale unica della documentazione antimafia
3.3.16. Enti sciolti in conseguenza di infiltrazioni e di condizionamenti di tipo mafioso
3.3.17. La disciplina antimafia in sintesi
3.3.18. L'istituzione delle white list
3.4. Il Documento unico di regolarità contributiva
–– Premessa
3.4.1. La disciplina del DURC. I soggetti tenuti al possesso del DURC. Casi di esenzione dall'acquisizione del DURC
3.4.2. La nuova disciplina del DURC on line (DOL)
3.4.3. Le principali fonti normative
3.4.4. L'oggetto della verifica mediante il DURC on line (DOL)
3.4.5. Le principali modalità operative in sintesi
3.4.6. Regolarità del soggetto verificato
–– Effetti
3.4.7. Unicità del DURC ed unicità della richiesta
3.4.8. Regolarità assente
–– Effetti sulle interrogazioni successive dell'utenza
–– Se l'operatore economico si regolarizza
–– Se l'operatore economico non si regolarizza
–– Dilatazione del termine fino ad un massimo di 30 giorni
–– Effetti
–– L'insorgenza di problemi tecnici
3.4.9. Casi particolari
–– Il caso dell'operatore iscritto ad un solo fondo
–– Il caso dell'operatore di nuova costituzione
–– Il caso dell'operatore cessato (posizioni cessate)
3.4.10. Azioni da intraprendere in caso di DURC irregolare
3.4.11. L'intervento sostitutivo della stazione appaltante di cui all'art. 30, comma 5 del d.lgs. 50/2016 e alla circolare del Ministero del lavoro n. 3/2012
–– La circolare Inps n. 54 del 2012
–– Il messaggio Inps n. 13154 del 14 agosto 2013 in materia di intervento sostitutivo
3.4.12. La trattenuta dello 0,50% di cui all'art. 30, comma 5-bis del d.lgs. 50/2016
3.4.13. La legge 2/2009
3.4.14. Le modifiche apportate in materia di DURC dal decreto "del fare" (d.l. 69/2013)
–– Validità del DURC
–– DURC irregolare
–– Subappalto
–– Verifiche amministrativo-contabili
–– Preavviso di accertamento negativo
3.4.15. DURC e AVCPass
3.5. La stipula del contratto. Le varie forme contrattuali. L'esecuzione anticipata del contratto
3.5.1. I termini di standstill
3.5.2. Stipula del contratto
3.5.3. Esecuzione del contratto. Esecuzione anticipata d'urgenza del contratto
4. Garanzia definitiva
4.1. Generalità
4.2. Modalità di costituzione della garanzia. Il calcolo della garanzia
4.3. Ambiti coperti dalla garanzia definitiva
4.4. Reintegra della garanzia
4.5. Riduzione della garanzia
4.6. Mancata costituzione della garanzia
4.7. Svincolo della garanzia
4.8. Fideiussioni
4.9. Raggruppamenti
4.10. Rinuncia alla garanzia
4.11. Natura della garanzia definitiva
5. Estensione degli obblighi di condotta previsti dal codice di comportamento dei dipendenti pubblici alle imprese affidatarie degli appalti
Parte Seconda IL CONTENZIOSO
Capitolo IV Il contenzioso nella gara d'appalto
1. Accesso agli atti
1.1. L'accesso agli atti nella legge 241/1990
1.2. Gli indirizzi giurisprudenziali in materia di accesso agli atti di gara
1.3. L'art. 53 del d.lgs. 50/2016
2. Le forme alternative al contenzioso
2.1. L'istituto del precontenzioso presso l'ANAC
–– Il regolamento ANAC di precontenzioso
–– Istanze inammissibili ed improcedibili
–– Presentazione disgiunta di istanze
–– Presentazione congiunta di istanze
–– Istanza di riesame e impugnazione del parere vincolante
–– Comunicazioni e pubblicità
–– Adeguamento al parere
2.2. Transazioni ed accordi bonari
2.3. Possibilità di ricorrere all’arbitrato
3. Il ricorso giurisdizionale contro gli atti di gara
3.1. Il contenzioso
3.2. L'impugnazione del bando ed i ricorsi avverso gli atti di gara
3.3. Impugnazione del provvedimento che dispone in merito all'ammissione ed esclusione dei candidati ex art. 29 del Codice, impugnazione del provvedimento di esclusione dei concorrenti e di aggiudicazione ex art. 76, comma 5 del Codice. Impugnazione della proposta di aggiudicazione
–– L'adempimento di cui all'art. 29, comma 1 del Codice
–– L'adempimento di cui all'art. 29 nelle procedure negoziate sotto soglia
–– Controllo dei requisiti o lettura delle sole autocertificazioni?
–– Pubblicazione e privacy
–– Il divieto di rendere nota la denominazione sociale delle ditte invitate
–– La disciplina recata dall'art. 29 e quella di cui all'art. 76. Differenze
–– L'art. 120 del Codice del processo amministrativo
3.3.2. Il regime delle impugnazioni di cui all'art. 120, comma 2-bis nella giurisprudenza
3.3.3. Impugnazione della proposta di aggiudicazione (inammissibilità)
4. Revoca e annullamento in autotutela dell'aggiudicazione. Le conseguenze relative al contratto in caso di annullamento dell'aggiudicazione illegittima
4.1. Revoca ed annullamento dell'aggiudicazione in autotutela
4.2. Decadenza dall'aggiudicazione
4.3. La sorte del contratto nel caso di annullamento dell'aggiudicazione
4.4. Dichiarazione di inefficacia del contratto in presenza di gravi violazioni. Le eccezioni alla dichiarazione di inefficacia del contratto
4.5. Le sanzioni alternative
4.6. Tutela in forma specifica e per equivalente. Il risarcimento
Parte Terza LA GESTIONE DEL CONTRATTO
Capitolo V La gestione contrattuale dell'appalto
1. La rinegoziazione del contratto
2. Esecuzione del contratto
2.1. Esecuzione e collaudi nel Codice dei contratti
2.2. Il collaudo
2.3. Risultato negativo del collaudo e risoluzione del contratto
2.4. Il direttore dell'esecuzione dei contratti relativi a servizi o forniture
• Profili generali
–– Introduzione
–– Quando il RUP non può coincidere con il direttore dell'esecuzione
–– Rapporti tra direttore dell'esecuzione e RUP
–– Gli strumenti per l'esercizio dell'attività di direzione e controllo
• Le funzioni e i compiti in fase di esecuzione
–– L'attività di controllo
–– Avvio dell'esecuzione del contratto
–– Verifica del rispetto degli obblighi dell'esecutore e del subappaltatore
–– Contestazioni e riserve
–– Modifiche, variazioni e varianti contrattuali
–– Sospensione dell'esecuzione
–– Gestione dei sinistri
–– Funzioni e compiti al termine dell'esecuzione del contratto
–– Il controllo amministrativo-contabile
2.5. Gestione delle varianti
–– Sospensione del rapporto contrattuale
–– Gestione dei sinistri
–– Funzioni e compiti al termine dell'esecuzione del contratto
–– Il controllo amministrativo-contabile
2.6. Contestazioni e penali
3. Responsabilità del committente per gli obblighi dell'appaltatore verso i propri dipendenti
3.1. Responsabilità solidale per debiti retributivi, contributivi e assicurativi
3.2. Disposizioni dettate per le pubbliche amministrazioni concernenti la tutela dei crediti retributivi, previdenziali e assicurativi dei lavoratori
3.3. Responsabilità solidale per debiti fiscali inerenti le ritenute Irpef ed Iva
4. I pagamenti
4.1. La tracciabilità dei flussi finanziari di cui alla legge 136/2010 (Rinvio)
4.2. Il problema afferente i pagamenti superiori ai 5.000 euro
4.3. Responsabilità per ritardato pagamento nelle transazioni commerciali
4.4. Definizioni
4.5. Ambito di applicazione del d.lgs. 231/2002, come modificato dal d.lgs. 192/2012
4.6. Deroghe al termine di pagamento e relativi limiti
4.7. Gli interessi moratori
5. Problematiche inerenti il pagamento delle fatture in conseguenza dei recenti regimi inerenti lo split payment ed il reverse charge
– Premessa
5.1. Lo split payment
5.2. Il decreto attuativo sullo split payment: aspetti di rilevanza
5.3. Split payment: due pronunciamenti dell'Agenzia delle entrate hanno chiarito le modalità operative
5.4. Il reverse charge
5.5. Nuove modalità di attuazione dell'intervento sostitutivo e dei controlli erariali dopo lo split payment ed il reverse charge
6. Recesso e risoluzione del contratto. Fallimento
6.1. Recesso dal contratto. Recesso dalle trattative e responsabilità precontrattuale
6.2. Risoluzione
6.3. Fallimento e conseguenze sul contratto in essere
7. Modifica del contratto durante il periodo di efficacia
7.1. Mutamenti con riferimento al soggetto contraente (cessioni, fusioni, scissioni, ecc.)
7.2. La restante disciplina concernente le modifiche del contratto in corso di esecuzione
7.3. Quando è necessaria una nuova procedura d'appalto
7.4. I limiti di prezzo
7.5. Le comunicazioni all'ANAC delle varianti di cui al comma 1 lett. b) e del comma 2
7.6. Le altre comunicazioni riguardanti le varianti
A) Appalti sotto soglia
B) Appalti sopra soglia
C) Le sanzioni per mancata comunicazione
7.7. La cessione del credito
8. Proroga, rinnovo e ripetizione di servizi analoghi
– La proroga
– Il rinnovo
– La ripetizione di servizi analoghi
9. Estensione del "quinto d'obbligo" nei contratti
10. Il subappalto
10.1. Condizioni e limiti al subappalto
10.2. L'indicazione di una terna di subappaltatori
10.3. Adempimenti ed iter procedimentale per attivare il subappalto
10.4. Ulteriore subappalto
10.5. Responsabilità in merito all'appalto
10.6. Sostituzione dei subappaltatori in caso di sussistenza di motivi di esclusione di cui all'art. 80
10.7. Pagamento diretto del subappaltatore
10.8. Responsabilità per gli obblighi verso il personale
A) Obblighi retributivi, contributivi, assicurativi
B) Tutela riguardante i prezzi corrisposti
C) Altre tutele in materia di sicurezza
D) Contrasto al lavoro sommerso
10.9. Differenze tra subappalto e altre figure quali subcontratti, avvalimento
–– La definizione di subappalto 
–– Subcontratti che non si configurano come subappalti 
–– Casi in cui non si configura il subappalto 
–– Differenze tra subcontratto e subappalto (subfornitura) 
–– Subappalto e avvalimento 
10.10. Subappalto necessario e facoltativo 
MODULISTICA
A) Gestire una procedura negoziata sotto soglia mediante attivazione di una r.d.o. sul MePA (importo uguale o superiore a 40.000 E ed inferiore a 221.000 e)
1. Determina di indizione r.d.o. sul MePA
2. Lettera d'invito acquisti mediante r.d.o. sul MePA
3. Foglio patti e condizioni per forniture e servizi
4. Dichiarazione possesso requisiti di partecipazione
5. Schema di offerta
6. Capitolato tecnico
7. Determina di aggiudicazione acquisti mediante r.d.o. sul MePA
8. Dichiarazione sostitutiva attestante rispetto convenzioni Consip
9. DUVRI utilizzabile per varie tipologie di appalto
10. Avviso per manifestazione di interesse procedura sotto soglia ex art. 36, comma 2, lett. b) del d.lgs. n. 50/2016
11. Manifestazione di interesse procedura sotto soglia ex art. 36, comma 2, lett. b) del d.lgs. n. 50/2016
12. Documento unico di gara europeo (DGUE)
B) Gestire una procedura sotto soglia mediante o.d.a. e trattativa diretta del Mercato elettronico (importo inferiore a 40.000 e)
13. Determina affidamento diretto mediante o.d.a. del Mercato elettronico della pubblica amministrazione, ex art. 36, comma 2, lett. a) del d.lgs. n. 50/2016, di valore inferiore a 40.000 e
14. Determina di affidamento diretto mediante trattativa diretta del Mercato elettronico della pubblica amministrazione, ex art. 36, comma 2, lett. a) del d.lgs. n. 50/2016, di valore inferiore a 40.000 e
C) Gestire una procedura sotto soglia mediante affidamento diretto sotto soglia ex art. 36, comma 2, lett. a) del d.lgs. n. 50/2016 (importo inferiore ai 40.000 e) – Affidamento diretto all'operatore uscente
15. Determina affidamento diretto cartaceo ex art. 36, comma 2, lett. a) del d.lgs. n. 50/2016, di valore pari o superiore a 1.000 e ed inferiore a 40.000 e
16. Determina di affidamento diretto cartaceo ex art. 36, comma 2, lett. a) del d.lgs. n. 50/2016, di valore inferiore a 1.000 e
17. Determina affidamento diretto cartaceo ex art. 36, comma 2, lett. a) del d.lgs. n. 50/2016, a favore dell'operatore economico uscente
D) Gestire una procedura aperta sopra soglia (importo uguale o maggiore a 221.000 E) con il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa
18. Determina di indizione forniture/servizi (procedura aperta)
19. Capitolato servizi per procedura aperta sopra soglia (uguale o superiore a 221.000 E)
20. Capitolato forniture per procedura aperta sopra soglia (uguale o superiore a 221.000 E)
21. Determina di aggiudicazione (procedura aperta) 
22. Determina nomina della commissione incaricata dell'esame delle offerte qualitative e modello di disciplinare d'incarico ai commissari esterni
23. Bando di gara europeo procedura aperta
24. Disciplinare tipo n. 1 (ANAC)
25. Domanda di ammissione
26. Modulo offerta
27. Patto d'integrità
E) Adesione alle convenzioni Consip
28. Determina di adesione alla convenzione Consip
F) Comunicazioni ex art. 76, comma 5 del d.lgs. 50/2016
29. Comunicazione aggiudicazione
30. Comunicazione di esclusione ex art. 76, comma 5, lett. b), del d.lgs. 50/2016
31. Avviso di esclusione/ammissione ex art. 29, comma 1 del d.lgs. n. 50/2016
32. Decisione di non aggiudicare l'appalto
33. Comunicazione di avvenuta stipula del contratto
G) Comunicazioni ex art. 97, comma 5 del Codice in caso di accertamento dell'anomalia dell'offerta
34. Comunicazione ex art. 97, comma 5 (Richiesta di spiegazioni)
H) Determina di esclusione di un concorrente
35. Determina di esclusione da una procedura d'appalto
I) Determina di annullamento
36. Determina di annullamento di una gara
L) Determina di revoca
37. Determina di revoca di una gara
M) Comunicazione alla ditta non in regola con il DURC - lettera sospensione pagamenti
38. Lettera alla ditta sospensione pagamento fatture
N) Lettera istituti previdenziali per intervento sostitutivo
39. Lettera istituti previdenziali per intervento sostitutivo (Modello ufficiale Inail)
O) Comunicazione pagamento
40. Comunicazione avvenuto pagamento a seguito di intervento sostitutivo (Modello non ufficiale)
P) Penali
41. Lettera applicazione penali
Q) Cessione del credito
42. Determina accettazione cessione del credito
43. Dichiarazione di consenso al trattamento dei dati personali
SCHEMI PROCEDURE
A) Schema di procedura ristretta
B) Schema di procedura aperta
C) Schema di procedura negoziata sotto soglia ai sensi dell'art. 36, comma 2, lett. b)
D) Schema di procedura sotto soglia ai sensi dell'art. 36, comma 2, lett. a)


Scrivi la tua recensione

Solo gli utenti registrati possono scrivere recensioni. Accedi oppure Registrati

Prodotti consigliati

Back to top