Storia della vecchiaia nella cultura occidentale

Dalla venerazione all’ageism
Prezzo speciale 23,75 €
SCONTO 5%
5%
Anzichè 25,00 €
Disponibile

Autori Carla Costanzi

Pagine 228
Data pubblicazione Novembre 2022
Data ristampa
ISBN 8891658623
ean 9788891658623
Tipo Cartaceo
Sottotitolo Dalla venerazione all’ageism
Collana Sociale & Sanità
Editore Maggioli Editore
Dimensione 17x24
  • Spedizione in 48h
  • Paga alla consegna senza costi aggiuntivi
  • Spedizione gratuita

Autori Carla Costanzi

Pagine 228
Data pubblicazione Novembre 2022
Data ristampa
ISBN 8891658623
ean 9788891658623
Tipo Cartaceo
Sottotitolo Dalla venerazione all’ageism
Collana Sociale & Sanità
Editore Maggioli Editore
Dimensione 17x24
Il prolungarsi della vita media e il parallelo protrarsi, quantomeno per molti, degli anni oltre l’età adulta vissuti in discrete condizioni complessive contrastano vistosamente con le opinioni e rappresentazioni prevalenti nel comune pensare circa questa tappa dell’esistenza umana, descritta in maniera sostanzialmente negativa.

Accanto a questa visione riduttiva della vecchiaia come fase residuale dell’esistenza e degli anziani come decrepiti invalidi e quindi fardello per la famiglia e la comunità è diffusa la convinzione che in epoche passate si sia attribuita a questa fase della vita ben altra rilevanza e rispetto: il vecchio saggio onorato e ascoltato con devozione dai più giovani è immagine facilmente evocata in molteplici contesti.

Il quesito all’origine di questo testo riguarda allora la ricostruzione del ruolo sociale assegnato agli anziani nella storia del mondo occidentale: davvero andando a ritroso nel tempo troveremo sempre anziani rispettati e tenuti in grande considerazione dagli altri membri della collettività?

Solo l’epoca moderna e la sua esaltazione della giovinezza hanno prodotto il discredito di tutto ciò che riguarda lo status di anziano?

E ancora: il conflitto tra generazioni è fenomeno esclusivamente contemporaneo o ha precedenti in epoche più o meno remote?

A questi interrogativi il libro risponde con documentate testimonianze sia di fonte letteraria, normativa, amministrativa, nonché manufatti artistici ritenuti indicatori delle opinioni e sentimenti prevalenti in determinati gruppi sociali in circoscritti momenti storici.

Per l’epoca contemporanea anche la pubblicità viene considerata interessante riflesso del comune sentire nei confronti di questa tappa dell’esistenza.

Carla Costanzi
Sociologa, ha svolto la sua attività professionale prevalentemente in tre direzioni: la ricerca, la didattica, la pubblica amministrazione. Tema nettamente prevalente all’interno di questi settori operativi è stato l’invecchiamento e le condizioni di vita degli anziani; molte delle sue pubblicazioni (che ammontano a più di settanta)
riguardano appunto la vecchiaia, le sue criticità insieme alle potenzialità da valorizzare, nonché le risposte organizzative praticabili per affrontarla adeguatamente. Presso il Centro Ligure per la Formazione degli Operatori Sociali, oltre all’attività di docenza, era responsabile del Settore Ricerca. Dal 1992 al 2009 è stata dipendente del Comune di Genova, dove, in qualità di dirigente tecnico, è stata responsabile di diverse unità organizzative. Ha preso parte a numerosi progetti europei, sia in qualità di partner, sia come esperto e come advisor. Dal 2008 svolge anche l’attività di valutatore di progetti per la Commissione Europea. Come docente a contratto ha insegnato dapprima presso l’Università degli Studi di Genova e poi per 14 anni presso l’Università Cattolica di Milano.

Il prolungarsi della vita media e il parallelo protrarsi, quantomeno per molti, degli anni oltre l’età adulta vissuti in discrete condizioni complessive contrastano vistosamente con le opinioni e rappresentazioni prevalenti nel comune pensare circa questa tappa dell’esistenza umana, descritta in maniera sostanzialmente negativa.

Accanto a questa visione riduttiva della vecchiaia come fase residuale dell’esistenza e degli anziani come decrepiti invalidi e quindi fardello per la famiglia e la comunità è diffusa la convinzione che in epoche passate si sia attribuita a questa fase della vita ben altra rilevanza e rispetto: il vecchio saggio onorato e ascoltato con devozione dai più giovani è immagine facilmente evocata in molteplici contesti.

Il quesito all’origine di questo testo riguarda allora la ricostruzione del ruolo sociale assegnato agli anziani nella storia del mondo occidentale: davvero andando a ritroso nel tempo troveremo sempre anziani rispettati e tenuti in grande considerazione dagli altri membri della collettività?

Solo l’epoca moderna e la sua esaltazione della giovinezza hanno prodotto il discredito di tutto ciò che riguarda lo status di anziano?

E ancora: il conflitto tra generazioni è fenomeno esclusivamente contemporaneo o ha precedenti in epoche più o meno remote?

A questi interrogativi il libro risponde con documentate testimonianze sia di fonte letteraria, normativa, amministrativa, nonché manufatti artistici ritenuti indicatori delle opinioni e sentimenti prevalenti in determinati gruppi sociali in circoscritti momenti storici.

Per l’epoca contemporanea anche la pubblicità viene considerata interessante riflesso del comune sentire nei confronti di questa tappa dell’esistenza.

Carla Costanzi
Sociologa, ha svolto la sua attività professionale prevalentemente in tre direzioni: la ricerca, la didattica, la pubblica amministrazione. Tema nettamente prevalente all’interno di questi settori operativi è stato l’invecchiamento e le condizioni di vita degli anziani; molte delle sue pubblicazioni (che ammontano a più di settanta)
riguardano appunto la vecchiaia, le sue criticità insieme alle potenzialità da valorizzare, nonché le risposte organizzative praticabili per affrontarla adeguatamente. Presso il Centro Ligure per la Formazione degli Operatori Sociali, oltre all’attività di docenza, era responsabile del Settore Ricerca. Dal 1992 al 2009 è stata dipendente del Comune di Genova, dove, in qualità di dirigente tecnico, è stata responsabile di diverse unità organizzative. Ha preso parte a numerosi progetti europei, sia in qualità di partner, sia come esperto e come advisor. Dal 2008 svolge anche l’attività di valutatore di progetti per la Commissione Europea. Come docente a contratto ha insegnato dapprima presso l’Università degli Studi di Genova e poi per 14 anni presso l’Università Cattolica di Milano.

1. La vecchiaia ieri e oggi

1.1. Di chi stiamo parlando

1.2. Le definizioni contemporanee

1.3. Gli studi sulla storia della vecchiaia

1.4. Le fonti: una risorsa da maneggiare con cura

2. Alle origini dell’ambivalenza

2.1. Il mondo ebraico: la storia di un declino

2.2. Il cristianesimo delle origini

2.3. Il mondo greco ovvero «la triste vecchiaia»

2.4. Il mondo romano: complessità, ambiguità e contraddizioni della vecchiaia

3. Secoli bui, ma non troppo

3.1. Dalla tarda antichità all’alto Medioevo

3.2. La rinascita dopo il Mille e il tardo Medioevo

3.3. La seconda metà del XIV secolo e il XV: gerontocrazia e discredito

4. La lenta evoluzione verso la responsabilità collettiva

4.1. Il Cinquecento: l’orrore che cela la disperazione

4.2. Il Seicento

4.3. Il Settecento: periodo di transizione nella storia della vecchiaia

4.3.1. Francia e Inghilterra a confronto

4.3.2. Le workhouse

4.3.3. La costrizione al lavoro nei reclusori europei

4.3.4. Le almshouse

4.4. L’Ottocento

4.4.1. Gli anziani nei galatei ottocenteschi

5. I giorni nostri: la persistenza dell’ageism

5.1. La cultura contemporanea di fronte all’invecchiamento demografico

5.1.1. Il pensionamento: conquista o drastica esclusione dalla vita sociale?

5.1.2. Welfare e anziani

5.1.3. Il caso della Danimarca a confronto con le politiche pubbliche italiane

5.1.4. La medicina

5.1.5. L’evoluzione del pensiero gerontologico sul processo di invecchiamento

5.1.6. La letteratura femminista e gli age studies

5.1.7. La vexata quaestio del ruolo della famiglia

5.1.8. Le rappresentazioni contemporanee della vecchiaia

6. Considerazioni conclusive

6.1. La terza età tra grande opportunità e persistente ageism

Postfazione

Bibliografia

Scrivi la tua recensione
Stai recensendo:Storia della vecchiaia nella cultura occidentale