Verso i nuovi spazi del museo urbano

 
Special Price 17,10 €
SCONTO 5%
5%
Anzichè 18,00 €
Disponibile

Autori Caterina Di Felice

Pagine 110
Data pubblicazione Gennaio 2024
Data ristampa
ISBN 8891668271
ean 9788891668271
Tipo Cartaceo
Collana Politecnica
Editore Maggioli Editore
Dimensione 17x24
  • Spedizione in 48h
  • Paga alla consegna senza costi aggiuntivi
  • Spedizione gratuita

Autori Caterina Di Felice

Pagine 110
Data pubblicazione Gennaio 2024
Data ristampa
ISBN 8891668271
ean 9788891668271
Tipo Cartaceo
Collana Politecnica
Editore Maggioli Editore
Dimensione 17x24

Il volume prende le mosse da un paradigma mutato degli spazi museali, i quali assumono un’accezione sempre più inclusiva che ha portato alla diminuzione della distanza fra museo e vita civile, così come tra il museo come spazio
architettonico e altri luoghi della vita collettiva, diventando gli spazi del museo quelli che più riflettono le trasformazioni dell’architettura contemporanea ed emblematici del rapporto di reciprocità con il territorio in cui si inseriscono.
La ricerca guarda all’iterazione museo – città a più scale all’interno dei processi di trasformazione urbana secondo questo nuovo ruolo del museo che gli è attribuito. Si circoscrive il campo d’indagine attorno a interventi
museali esemplari, integrati in un sistema che ripensa complessivamente la relazione con il contesto urbano. I tre casi scelti corrispondono a processi che si attuano in maniera differente, per procedura, pianificazione, costruzione di relazioni e l’obiettivo non è un’analisi comparata, ma quello di approfondire le potenzialità del caso, uno rispetto all’altro. Infine, i casi esemplari selezionati risultano paradigmatici di un museo inteso come un manufatto urbano, della
città e per le persone, che fa parte degli spazi pubblici per dare vita a scambi e relazioni diverse. Si tratta della concezione di un progetto museale determinato dall’intimo rapporto con il suo intorno e in armonia con l’ambiente circostante, offrendo punti di contatto con la comunità. In tale direzione, il museo diventa sempre più opera collettiva, capace di trovare dei ponti tra discipline e conoscenze. Diventando soggetto di sviluppo locale, può contribuire nella costruzione di ambienti dove la qualità della vita sia diversa, migliore.

Caterina Di Felice
Architetto, è dottore di ricerca in Beni Architettonici e Paesaggistici e collaboratore alla didattica presso il DAD del Politecnico di Torino. I suoi interessi di ricerca si concentrano sul settore dei beni culturali, con uno sguardo rivolto al rinnovato ruolo del museo contemporaneo e alla sua capacità di coinvolgere processi dinamici di trasformazione sociale, urbana e territoriale. In precedenza ha maturato esperienza come architetto all’interno di istituzioni museali ed è stata coinvolta in progetti relativi alla valorizzazione del patrimonio esistente e allestimento di mostre.

Scrivi la tua recensione
Stai recensendo:Verso i nuovi spazi del museo urbano