Gli ordini effettuati dal 12 al 20 agosto 2017 saranno evasi a partire dal 21 agosto

SERVIZIO CLIENTI 0541.628242 Lunedì - Venerdì / 8.30-17.30

Cerca nel Sito
Guida alla determinazione delle indennità degli amministratori locali

Guida alla determinazione delle indennità degli amministratori locali

Autori Amedeo Scarsella
Editore Maggioli Editore
Formato Ebook
Pagine 30
Pubblicazione Aprile 2017 ( Edizione)
ISBN / EAN 8891623089 / 9788891623089

Con esempi di calcolo per garantire l’invarianza della spesa imposta dalla Legge Delrio nel rispetto della deliberazione della Corte dei conti, Sezione delle Autonomie, n. 35/2016

Prezzo Online:

9,90 €

Disponibilità: Disponibile

Prezzo Online:
9,90 €

Disponibilità: Disponibile

La legge 7 aprile 2014 n. 56 “Disposizioni sulle città metropolitane, sulle province, sulle unioni e fusioni di comuni” (cd. Legge Delrio) ha introdotto significative modifiche per quel che riguarda il numero degli amministratori dei Comuni con popolazione inferiore ai 10mila abitanti e le loro indennità. In particolare, in assoluta controtendenza rispetto alle normative precedenti, volte alla riduzione del numero degli amministratori locali, ha rimodulato in aumento la composizione degli organi per la fascia demografica dei comuni fino a 10mila abitanti (art. 1, comma 135, della l. 56/2014). I Comuni interessati dalla citata disposizione devono provvedere a rideterminare con propri atti gli oneri connessi con le attività in materia di status degli amministratori locali di cui al titolo III, capo IV, della parte prima del testo unico, al fine di assicurare l’invarianza della relativa spesa in rapporto alla legislazione vigente, previa specifica attestazione del collegio dei revisori dei conti (art. 1, comma 136, della l. 56/2014).

All’interno della Guida si fa il punto della situazione, individuando allo stato quello che appare il comportamento più corretto da tenere da parte delle amministrazioni, tenuto conto sia delle prossime elezioni amministrative, sia dell’opportunità che alla luce del nuovo quadro interpretativo gli enti verifichino la correttezza delle scelte precedentemente effettuate. L’invarianza della spesa va garantita mediante adozione di apposita deliberazione del Consiglio comunale, previa specifica attestazione del collegio dei revisori dei conti.

La Guida costituisce anche l’occasione per illustrare le recenti indicazioni della magistratura contabile in tema di rimborso delle spese di viaggio e di quelle legali sostenute dagli amministratori, nonché per l’esame delle decisioni riguardanti la legittimità di porre a carico della finanza pubblica gli oneri delle assicurazioni contro i rischi conseguenti all’espletamento del mandato degli amministratori.

 AGGIORNATO A

Deliberazione della Corte dei conti, Sez. Autonomie, 12 dicembre 2016, n. 35

Deliberazione Corte dei conti - Sez. Autonomie 29 dicembre 2016, n. 38

 

Amedeo Scarsella Segretario comunale, docente in corsi di formazione ed autore di articoli su riviste specializzate in materia di diritto amministrativo e degli enti locali, con particolare riferimento alle tematiche dell’attività e dell’organizzazione amministrativa, del personale e della contabilità pubblica. 

Premessa          

1. La riduzione del numero dei Consiglieri e degli Assessori nei comuni con popolazione inferiore ai 10.000 abitanti prima della legge n. 56/2014  

1.1 La riduzione del numero di Consiglieri           

1.2 La riduzione del numero degli Assessori      

1.3 La legge 56/2014 amplia il numero degli amministratori locali             

2. La Circolare del Ministero dell’Interno n. 6508 del 24 aprile 2014: i criteri per la rideterminazione degli oneri connessi con le attività in materia di status degli amministratori locali              

3. Il calcolo dell’invarianza della spesa va effettuato in relazione alla spesa teorica o a quella storica? 

4. La Sezione Autonomie si pronuncia sul calcolo dell’invarianza della spesa di cui alla Legge Delrio (deliberazione n. 35/SEZAUT/2016/QMIG)

4.1 Normativa da considerare in ordine all’esatta quantificazione degli amministratori alla data di entrata in vigore della legge n. 56/2014             

4.2 Modalità di calcolo dell’invarianza della spesa           

4.3 L’esercizio finanziario in rapporto al quale parametrare la spesa ai fini dell’invarianza           

5. Le indennità degli amministratori non sono oggetto di rideterminazione       

6. Come calcolare oggi le indennità degli amministratori ed il tetto della spesa storica per gli oneri connessi all’espletamento delle attività relative allo status di amministratore locale dopo la legge 56/2014              

7. Il rispetto del principio di invarianza della spesa e le difficoltà operative         

7.1 I gettoni di presenza             

7.2 I rimborsi delle spese di viaggio (Corte dei conti, Sezione delle Autonomie, delibera n. 38/SEZAUT/2016/QMIG)    

7.3 Il rimborso delle spese legali e le assicurazioni contro i rischi conseguenti all’espletamento del mandato degli amministratori  


Scrivi la tua recensione

Solo gli utenti registrati possono scrivere recensioni. Accedi oppure Registrati

Prodotti consigliati

Back to top