Avant Garden - e-Book in pdf

Il Paesaggio dei Community Gardens
Prezzo speciale 13,30 €
SCONTO 5%
5%
Anzichè 14,00 €
Disponibile

Autori Daniela Monaco

Pagine 212
Data pubblicazione Luglio 2022
Data ristampa
ISBN 8891655981
ean 9788891655981
Tipo Ebook
Sottotitolo Il Paesaggio dei Community Gardens
Collana Politecnica
Editore Maggioli Editore

Autori Daniela Monaco

Pagine 212
Data pubblicazione Luglio 2022
Data ristampa
ISBN 8891655981
ean 9788891655981
Tipo Ebook
Sottotitolo Il Paesaggio dei Community Gardens
Collana Politecnica
Editore Maggioli Editore
A New York il fenomeno dei Community Gardens nacque alla fine degli anni ‘70 con la finalità di riappropriarsi proprio della strada, di renderla più sicura e vivibile attraverso la condivisione di luoghi curati collettivamente.

Ciò avvenne soprattutto in aree urbane dismesse, in ambienti urbani degradati dal punto di vista sia urbanistico che sociale.

Quegli anni rappresentarono per la città di New York l’apice di un processo distruttivo del tessuto urbano legato alla forte crisi economica.

La crescente disoccupazione mise in fuga la classe media residente a New York determinando l’abbandono di interi quartieri che vennero in seguito occupati da bande criminali.

Le aree più colpite, Bronx, Harlem, Alphabet City (Lower East side Avenue A-BC-D), avvolte dalle fiamme degli incendi dolosi, sprofondavano sotto le loro macerie.

Era uno scenario post-bellico.

Il mercato immobiliare si arrestò in attesa della ripresa economica: in quegli anni a New York i lotti abbandonati erano circa 25.000.

Fu in questo contesto che si formarono spontaneamente comunità di cittadini intenzionati ad agire in prima persona per recuperare il loro quartiere.
Daniela Monaco (Catania 1972)
Architetto e Dottore di Ricerca in Architettura dei Parchi e dei Giardini e Assetto del Territorio presso l’Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria. Ha svolto attività accademia e di docenza presso l’Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria, il Research Istitute for Experimental Architecture (Riea.ch), il Tecnologico di Monterrey in Messico, affrontando temi inerenti le problematiche del paesaggio urbano. Dal 2012 al 2017 ha collaborato con il Politecnico di Milano, svolgendo attività accademiche e seminari didattici sul tema del paesaggio. Dal 2017 è Project Manager presso la Fondazione Politecnico di Milano. Gestisce progetti di ricerca e sviluppo con una specifica competenza in Architettura e Riqualificazione urbana e sociale.

A New York il fenomeno dei Community Gardens nacque alla fine degli anni ‘70 con la finalità di riappropriarsi proprio della strada, di renderla più sicura e vivibile attraverso la condivisione di luoghi curati collettivamente.

Ciò avvenne soprattutto in aree urbane dismesse, in ambienti urbani degradati dal punto di vista sia urbanistico che sociale.

Quegli anni rappresentarono per la città di New York l’apice di un processo distruttivo del tessuto urbano legato alla forte crisi economica.

La crescente disoccupazione mise in fuga la classe media residente a New York determinando l’abbandono di interi quartieri che vennero in seguito occupati da bande criminali.

Le aree più colpite, Bronx, Harlem, Alphabet City (Lower East side Avenue A-BC-D), avvolte dalle fiamme degli incendi dolosi, sprofondavano sotto le loro macerie.

Era uno scenario post-bellico.

Il mercato immobiliare si arrestò in attesa della ripresa economica: in quegli anni a New York i lotti abbandonati erano circa 25.000.

Fu in questo contesto che si formarono spontaneamente comunità di cittadini intenzionati ad agire in prima persona per recuperare il loro quartiere.
Daniela Monaco (Catania 1972)
Architetto e Dottore di Ricerca in Architettura dei Parchi e dei Giardini e Assetto del Territorio presso l’Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria. Ha svolto attività accademia e di docenza presso l’Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria, il Research Istitute for Experimental Architecture (Riea.ch), il Tecnologico di Monterrey in Messico, affrontando temi inerenti le problematiche del paesaggio urbano. Dal 2012 al 2017 ha collaborato con il Politecnico di Milano, svolgendo attività accademiche e seminari didattici sul tema del paesaggio. Dal 2017 è Project Manager presso la Fondazione Politecnico di Milano. Gestisce progetti di ricerca e sviluppo con una specifica competenza in Architettura e Riqualificazione urbana e sociale.

Prefazione

Liberare il paesaggio urbano di Maria Cristina Treu

Introduzione Costruire comunità

Parte 1. Avant Garden

Alcuni cenni storici

Note Antologiche

Downtown-Lower Manhattan - Schede dei giardini

Midtown Manhattan - Schede dei giardini

Uptown Manhattan - Schede dei giardini

Queens e Brooklyn - Schede dei giardini

Esperienze in Italia

- Scampia, Napoli

- I Giardinieri di Santa Rosalia a Palermo

- Il Giardino degli Aromi a Milano

Parte 2. Oltre i Community Gardens

The Highline

Micheal Sorkin: The Sidewalks of New York

Privately Owned Public Spaces

Reinventare la Città:

- Great Green Wall

- VITAE, Reinventing Cities - C40

- Città, borghi, fiumi, boschi, ponti, mari e laghi

Postfazione

Che meravigliosa sfida! di Pasquale Persico

Appendice

Scrivi la tua recensione
Stai recensendo:Avant Garden - e-Book in pdf