Facebook Pixel

Il progetto nella Città Fragile

 
Prezzo speciale 18,05 €
SCONTO 5%
5%
Anzichè 19,00 €
Disponibile

Autori Henrietta Demma, Stefano Di Zazzo

Pagine 296
Autori Henrietta Demma, Stefano Di Zazzo
Data ristampa
Data pubblicazione Marzo 2021
ISBN 8891646576
ean 9788891646576
Tipo Cartaceo
Collana Politecnica
Editore Maggioli Editore
Dimensione 12x19
  • Spedizione in 48h
  • Paga alla consegna senza costi aggiuntivi

Autori Henrietta Demma, Stefano Di Zazzo

Pagine 296
Autori Henrietta Demma, Stefano Di Zazzo
Data ristampa
Data pubblicazione Marzo 2021
ISBN 8891646576
ean 9788891646576
Tipo Cartaceo
Collana Politecnica
Editore Maggioli Editore
Dimensione 12x19

Città Fragile sono i luoghi abbandonati, gli edifici in rovina, i residui e i frammenti urbani, gli insediamenti informali, i boschi da preservare, le popolazioni vulnerabili, le vecchie e le nuove povertà, gli anziani, i nomadi, gli immigrati.

Città Fragile è periferia, vuoto, margine, rovina, disordine, rifugio per la diversità.

La fragilità è un fattore ormai connaturante e una condizione costitutiva della contemporaneità: il lavoro di ricerca prova a reinterpretarne il senso, leggendola non solo come fattore di criticità, ma come occasione di progetto alternativo, per un modello urbano antifragile, in grado di accogliere precarietà e incertezza, e occasione di ripensamento del ruolo del progettista, urgente nel contesto storico attuale, in cui il progetto come pratica dell’architettura è in crisi.

Luogo emblematico della Città Fragile è l’area di Piazza d’Armi: un potenziale common ground, custode di un’insolita cultura autoprodotta, autocostruita, informale, ma anche paesaggio spontaneamente rinaturalizzato, detentore di una biodiversità rara in un contesto metropolitano; una realtà urbana difficilmente accessibile e sottratta alla comunità, cinta da un sistema di grandi isole monofunzionali, in gran parte in stato di abbandono. Un grande vuoto che non deve più essere considerato residuo da colmare, ma paesaggio stratificato, deposito di segni, tracce, tensioni, voci, indizi.

Henrietta Demma (Varese, 1995)
dopo la maturità scientifica, si iscrive alla facoltà di architettura del Politecnico di Milano.
Stefano Di Zazzo (Cassino, 1995)
dopo la maturità classica, si iscrive alla facoltà di architettura del Politecnico di Milano.
Henrietta e Stefano si conoscono durante il percorso universitario, e nell’autunno del 2019 intraprendono un lavoro di ricerca che li porta a laurearsi con lode nel 2020. Attualmente collaborano alla didattica al Politecnico di Milano e ad attività di ricerca.

Scrivi la tua recensione
Stai recensendo:Il progetto nella Città Fragile