Facebook Pixel

Ognuno per sé, chi per tutti?

 
Prezzo speciale 12,00 €
SCONTO 20%
20%
Anzichè 15,00 €
Disponibile

Autori Lorenzo Biagi, Davide Girardi (a cura di)

Autori Lorenzo Biagi, Davide Girardi (a cura di)
Pagine 176
Data ristampa
Data pubblicazione Gennaio 2021
ISBN 8891647498
ean 9788891647498
Tipo Cartaceo
Collana Sociologia e Politiche del diritto
Editore Maggioli Editore
Dimensione 17x24
  • Spedizione in 48h
  • Paga alla consegna senza costi aggiuntivi

Autori Lorenzo Biagi, Davide Girardi (a cura di)

Autori Lorenzo Biagi, Davide Girardi (a cura di)
Pagine 176
Data ristampa
Data pubblicazione Gennaio 2021
ISBN 8891647498
ean 9788891647498
Tipo Cartaceo
Collana Sociologia e Politiche del diritto
Editore Maggioli Editore
Dimensione 17x24

Negli ultimi anni, le strettoie in cui è stato confinato il dibattito pubblico sul welfare paiono aver cristallizzato la discussione attorno a due assi: l’asserita impossibilità di finanziare adeguatamente le prestazioni sociali e, senza soluzione di continuità, l’inesorabile venire meno del “pubblico“ quale effettivo garante di ultima istanza dei diritti sociali.

Al venir meno delle condizioni storiche che avevano propiziato lo sviluppo dello Stato sociale nel secondo dopoguerra – in ragione della crescente complessità delle istanze cui rispondere – si è assistito al consolidamento di una pluralità di attori che hanno progressivamente occupato il dominio politico-simbolico che fino a quel momento era stato proprio a un solo attore (lo Stato), come ad esempio la cooperazione sociale e il welfare aziendale (ma non solo).

In questo quadro, molta attenzione è stata per ciò dedicata all’evoluzione del cosiddetto “secondo welfare” e all’analisi dei diversi attori che ad esso stanno conferendo forma; di qui, l’articolarsi di proposte di welfare variamente definite.

Di fronte all’esplodere delle disuguaglianze sociali che sta caratterizzando soprattutto le società mature, però, una inavvertita e frammentata moltiplicazione delle risposte da parte di attori non convergenti rischia di potenziare ulteriormente le “linee di faglia”, anziché affrontarle.

I saggi, infatti, si interrogano sui diritti sociali quale categoria fondante radicata nella Costituzione repubblicana, pur non sottovalutando la necessità di ripensare lo Stato sociale alla luce dei mutamenti nel frattempo intervenuti.

Ciò risulta ancora più evidente a seguito dell’esplosione globale della crisi pandemica legata al Covid-19 di cui tiene conto il saggio introduttivo e corale che apre il volume.

Lorenzo Biagi
Insegna antropologia filosofica e culturale ed etica e deontologia professionale presso l’Istituto Universitario Salesiano di Venezia. Tra le sue pubblicazioni più recenti: Biagi L. (2019), Unico e molteplice. Per una fondazione antropologica oltre l’individualismo, Padova, Libreriauniversitaria; Biagi L. (2020), Uomo, Editrice Messaggero, Padova, Libreriauniversitaria.
Davide Girardi
Insegna sociologia generale e dell’educazione e metodologia della ricerca socio-educativa. Tra le sue pubblicazioni: Girardi D. (2012), Gioventù “corte”. Giovani adulti di origine straniera, Milano, FrancoAngeli; Girardi D. (2016), Una quotidianità responsabile? La sfida di un civismo potenziale, Padova, Proget; Girardi D. e Toso M. (2019), Prove di sintonia. Giovani e chiesa in un’esperienza sinodale, Padova, Libreriauniversitaria.

Disuguaglianze, Stato sociale e convivenza civile

Scrivi la tua recensione
Stai recensendo:Ognuno per sé, chi per tutti?