Facebook Pixel

Tracciati storici e città in estensione

Temi di paesaggio
Prezzo speciale 26,60 €
SCONTO 5%
5%
Anzichè 28,00 €
Disponibile

Autori Paolo Ventura, Marco Cillis

Pagine 513
Autori Paolo Ventura, Marco Cillis
Data ristampa
Data pubblicazione Ottobre 2021
ISBN 8891622464
ean 9788891622464
Tipo Cartaceo
Sottotitolo Temi di paesaggio
Collana Politecnica
Editore Maggioli Editore
Dimensione 17x23
  • Paga alla consegna senza costi aggiuntivi

Autori Paolo Ventura, Marco Cillis

Pagine 513
Autori Paolo Ventura, Marco Cillis
Data ristampa
Data pubblicazione Ottobre 2021
ISBN 8891622464
ean 9788891622464
Tipo Cartaceo
Sottotitolo Temi di paesaggio
Collana Politecnica
Editore Maggioli Editore
Dimensione 17x23
Contribuendo a colmare un vuoto metodologico, il volume indaga le relazioni tra la viabilità storica, il paesaggio di cui questa è parte e le dinamiche insediative della crescita urbana che progressivamente assorbono le sistemazioni agrarie e obliterano i tracciati viari e i loro caratteri memoriali.

Il libro offre nella prima parte una ricognizione culturale ad ampio spettro su alcune delle molteplici sfaccettature in cui si declina oggi la questione paesaggistica.

In primo luogo l’aspetto ontologico, secondariamente quello creativo legato al disegno e alla cultura dello spazio aperto infine quello normativo legato agli strumenti di pianificazione paesaggistica applicato al caso italiano.

Nella seconda parte mette a fuoco il tema portante della ricerca, indagando le matrici culturali alla base del binomio infrastruttura-paesaggio, fornendo chiavi interpretative di alcuni casi di studio virtuosi e sperimentando una metodologia di protezione e di messa in valore dei tracciati di matrice storica.

Il testo, come evidenzia Michele Zazzi nella presentazione, attinge ad ambiti disciplinari fluidi che vanno dalla pianificazione all’architettura del paesaggio, con non infrequenti incursioni nell’ambito dell’estetica, della geografia e dell’arte.

Si rivolge a studiosi per alcuni contenuti di approfondimento, così come agli allievi dei corsi di studio universitari in Architettura, Urbanistica, Ingegneria dell’ambiente e del territorio, e campi affini, che si cimentano con i temi della tutela, della pianificazione e della progettazione del paesaggio.

Marco Cillis (1970)
Architetto, scuola di specializzazione in Paesaggistica e PhD in Progettazione Paesistica all’Università di Firenze, svolge attività di ricerca sul rapporto tra architettura e disegno del paesaggio, sulla semiologia dei luoghi e la misura dell’incongruo, sul paesaggio agrario di matrice storica. Insegna Architettura del Paesaggio nelle Università di Parma e Venezia IUAV. Svolge attività professionale sui temi della progettazione degli spazi aperti e del recupero del patrimonio storico.
Paolo Ventura (1948)
Professore ordinario a r., ha presieduto il Master Europeo in Rigenerazione Urbana e il corso magistrale di Architettura all’Università di Parma, dove tutt’ora insegna ed è membro del Consiglio di Dottorato della Scuola di Ingegneria e Architettura. Iniziata la carriera accademica nell’ateneo fiorentino, ha operato in varie università e coordinato ricerche a livello nazionale e internazionale (COST C27). È autore di piani e progetti urbanistici e territoriali, pubblicazioni scientifiche con case editrici di rilievo e consulenze tecniche in materia urbanistica e di tutela del paesaggio.

Contribuendo a colmare un vuoto metodologico, il volume indaga le relazioni tra la viabilità storica, il paesaggio di cui questa è parte e le dinamiche insediative della crescita urbana che progressivamente assorbono le sistemazioni agrarie e obliterano i tracciati viari e i loro caratteri memoriali.

Il libro offre nella prima parte una ricognizione culturale ad ampio spettro su alcune delle molteplici sfaccettature in cui si declina oggi la questione paesaggistica.

In primo luogo l’aspetto ontologico, secondariamente quello creativo legato al disegno e alla cultura dello spazio aperto infine quello normativo legato agli strumenti di pianificazione paesaggistica applicato al caso italiano.

Nella seconda parte mette a fuoco il tema portante della ricerca, indagando le matrici culturali alla base del binomio infrastruttura-paesaggio, fornendo chiavi interpretative di alcuni casi di studio virtuosi e sperimentando una metodologia di protezione e di messa in valore dei tracciati di matrice storica.

Il testo, come evidenzia Michele Zazzi nella presentazione, attinge ad ambiti disciplinari fluidi che vanno dalla pianificazione all’architettura del paesaggio, con non infrequenti incursioni nell’ambito dell’estetica, della geografia e dell’arte.

Si rivolge a studiosi per alcuni contenuti di approfondimento, così come agli allievi dei corsi di studio universitari in Architettura, Urbanistica, Ingegneria dell’ambiente e del territorio, e campi affini, che si cimentano con i temi della tutela, della pianificazione e della progettazione del paesaggio.

Marco Cillis (1970)
Architetto, scuola di specializzazione in Paesaggistica e PhD in Progettazione Paesistica all’Università di Firenze, svolge attività di ricerca sul rapporto tra architettura e disegno del paesaggio, sulla semiologia dei luoghi e la misura dell’incongruo, sul paesaggio agrario di matrice storica. Insegna Architettura del Paesaggio nelle Università di Parma e Venezia IUAV. Svolge attività professionale sui temi della progettazione degli spazi aperti e del recupero del patrimonio storico.
Paolo Ventura (1948)
Professore ordinario a r., ha presieduto il Master Europeo in Rigenerazione Urbana e il corso magistrale di Architettura all’Università di Parma, dove tutt’ora insegna ed è membro del Consiglio di Dottorato della Scuola di Ingegneria e Architettura. Iniziata la carriera accademica nell’ateneo fiorentino, ha operato in varie università e coordinato ricerche a livello nazionale e internazionale (COST C27). È autore di piani e progetti urbanistici e territoriali, pubblicazioni scientifiche con case editrici di rilievo e consulenze tecniche in materia urbanistica e di tutela del paesaggio.

Prefazione
Introduzione
1.Una nozione duttile e plurale

La percezione sensibile e l’intendimento del luogo

La manifestazione dell’ecumene

La classificazione delle forme del territorio

Le relazioni eco-sistemiche

2.La pianificazione e il progetto del paesaggio

Paesaggi quali configurazioni implicite

Giardini, parchi e città

Le grandi tipologie di giardino
Impianti con geometrie elementari
Impianti complessi con canali prospettici
L’idealizzazione del paesaggio naturale
Il paesaggio composito e l’età d’oro del parco pubblico

Parchi pubblici
Sistema di parchi
Parchi monumentali
Giardini privati
La città parco tra Ottocento e Novecento

Garden Suburbs
Garden Cities
La diffusione del modello anglosassone
Progettazione del paesaggio e architettura moderna

Un campo disciplinare alleato all’architettura moderna
L’attualità

Declinazioni del giardino naturalistico
Astrattismo e geometrie decostruite
La ricerca dei tracciati insediativi
Storicismi
Ibridazioni e sperimentalismi
3. Il paesaggio nella pianificazione territoriale in Italia

L’articolazione delle competenze nella tutela ambientale e culturale

Il Codice dei beni culturali e del paesaggio

La pianificazione territoriale paesistica regionale e provinciale

I piani paesaggistici in applicazione del Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio

Sardegna (2006)
Toscana (2009-2015)
Puglia (2007-2015)
Friuli Venezia Giulia (2011-2018)

Piemonte (2009-2018)

Lazio (1987-2019)

Piani territoriali di coordinamento con valenza paesaggistica

Trentino (1967–2015) – Alto Adige (1970–2018)

Valle d’Aosta (1993-1998)

Emilia Romagna (1993-2015)

Veneto (1992-2020) 204 Abruzzo (1990-2004)

Piani paesaggistici sotto forma di linee guida o altre fattispecie

Umbria (1989–2012)

Liguria (1986–2019)

Marche (1989–2010)

Basilicata (1985–2010)

Sicilia (1992–1999)

Calabria (2009-2016)

Campania (2016-2019)

Molise (1997-1999)

I parchi nazionali e le aree protette

4. Matrici culturali. La viabilità storica tra testimonianza e funzione

Il Cammino delle idee. Intorno al concetto di roadscape

L’approccio per componenti

Il concerto delle parti: l’idea della integrated road

Il percorso permeabile: contesto, paesaggio, progetto

L’approccio gestaltico

Verso la definizione di grammatiche sequenziali

L’approccio ecologico

La road ecology come disciplina: il contributo di Richard T.T. Forman

Archetipi e prospettive nella tradizione della road ecology australiana

Tra spazi indecisi e paesaggi minimi

La viabilità storica luogo dell’esperienza identitaria ed estetica

Della topografia: la strada come polarizzatore lineare

Della distanza: la strada luogo dello sguardo

Del tempo: riti, stratificazioni, evoluzioni

Della reminescenza

Le vie storiche come documento culturale: ricerche, inventari, esperienze di catalogazione

L’Inventario della Viabilità Storica Svizzera (IVS)

L’esperienza statunitense del National Park Service

L’indagine e la ricerca del Comitato Internazionale per gli Itinerari Culturali (CIIC) per l’individuazione di tracciati patrimonio dell’Umanità

Elementi per una carta del paesaggio stradale. La narrazione dei luoghi attraverso a cartografia storica

Struttura dei luoghi e tracciati viari: strade e geomorfologia

Elogio del margine

La città in estensione vista dalla strada: appunti per una definizione di “periurbano”

Incursioni culturali lungo la Via Emilia: strada e crescita urbana attraverso la letteratura, il cinema e la fotografia (e un caso progettuale)

Viaggio tra Trude e Despina: il margine urbano come risorsa e tema di paesaggio

5. Storie di strade. Dai conflitti alle risposte

L’espressione della memoria: tre possibili dimensioni

Dimensione puntuale

Dimensione lineare

Dimensione areale

Viabilità storica e crescita urbana: incongruità e conflitti

Smagliatura delle trame

Frammentazione paesistica

Cacofonia percettiva

Banalizzazione semantica

Sovrappeso dei flussi

Il progetto di paesaggio legato ai tracciati di matrice storica: possibili declinazioni

I contenuti

Gli strumenti

Elementi del progetto implicito

Possibili moti, possibili tempi
Punti di osservazione
Viabilità storica e progetto urbanistico

Casi Studio: schede di sintesi
6. Esplorazioni e scenari

Il territorio della Franciacorta come caso applicativo per la definizione di una metodologia progettuale

Appunti per la definizione di un quadro ambientale

Sguardi sul paesaggio ottocentesco: vedutismo pittorico e pagine letterarie

Strade e itinerari in Franciacorta: il contributo dell’iconografia storica

Dallo studio delle fonti alla sintesi delle trasformazioni in atto

Classificazione e analisi dei tratti significativi

Lo Stradone postale

La viabilità comunale e interpoderale

Infrastrutture lineari d’acqua: la Roggia Fúsia

La viabilità ferroviaria: la ferrovia storica Brescia-Iseo-Edolo

Dalla costruzione di un lessico paesistico alla stesura di un Atlante

L’altra memoria dei tracciati: la definizione di nuovi attributi, strategie progettuali e contenuti del progetto di paesaggio

Equilibrare qualificando

Marginare integrando

Esplicitare narrando

Dimensioni narrative della strada: linee guida d’intervento

Scena

Sequenza

Racconto

Abaco degli strumenti progettuali

Sguardi in prospettiva

Riferimenti

Indice analitico

Scrivi la tua recensione
Stai recensendo:Tracciati storici e città in estensione