Facebook Pixel

TARIP: il nuovo sistema della tariffa rifiuti

 
15,00 €
Disponibile

Autori Marco Fosco, Emiliano Limiti

Pagine 88
Data pubblicazione Ottobre 2020
Data ristampa
Autori Marco Fosco, Emiliano Limiti
ISBN 8891644619
ean 9788891644619
Tipo Cartaceo
Collana I fuori collana
Editore Maggioli Editore
Dimensione 15x21
  • Spedizione in 48h
  • Paga alla consegna senza costi aggiuntivi

Autori Marco Fosco, Emiliano Limiti

Pagine 88
Data pubblicazione Ottobre 2020
Data ristampa
Autori Marco Fosco, Emiliano Limiti
ISBN 8891644619
ean 9788891644619
Tipo Cartaceo
Collana I fuori collana
Editore Maggioli Editore
Dimensione 15x21

Il tema della tariffazione puntuale dei rifiuti è sempre più al centro dei dibattiti delle Amministrazioni locali, riduzione del fatto sia il miglior strumento per diversi obiettivi: incremento della frazione differenziata, miglioramento del servizio in termini di efficacia, efficienza e gradimento degli utenti.

Tutti questi elementi concorrono a ridurre la quantità di rifiuti prodotti pro-capite, i rispettivi costi del servizio ea migliorare le scelte di consumo; presupposti indispensabili per migliorare l'ambiente in cui viviamo.

Negli ultimi 18 mesi si sono registrati notevoli passi in avanti in questa direzione su tutto il territorio nazionale, sono in costante aumento le realtà che si strutturando per gestire il nuovo metodo di calcolo della tassa rifiuti, sostituendo definitivamente l'ormai superato modello di calcolo presuntivo basato su metri quadrati, componenti e destinazione d'uso dei locali.

Il testo si propone di ripercorrere tutte le tappe fondamentali che hanno portato all'introduzione e allo sviluppo in Italia della tariffazione puntuale disciplinata da una nuova definizione della parte variabile della tariffa. Un processo non del tutto semplice e scontato che presenta diverse criticità ed insidie, a cui ogni realtà locale è chiamata a porre rimedio.

Le linee guida da seguire sono uguali per tutti, ma il metodo attuativo cambia da regione a regione, da comune a comune, permettendo di realizzare un vero e proprio abito su misura per la propria cittadinanza.

La determinazione della tariffa sulla base degli effettivi rifiuti prodotti sino a qualche anno fa rappresentava un miraggio, oggi è un'ambizione concreta verso cui si deve muovere anche per rispondere ai principi comunitari del pay as you get.

Incentivazione economica e impatto ambientale sono componenti fondamentali del motore che muove il tutto e che ne determina l'affermazione su scala nazionale.

Il primato del Comune di Capannori e gli esempi dei Comuni di Parma e Trento, dettagliati nel testo, testimoniano che il modello da seguire è valido e attuabile, con effetti migliorativi contestualizzati all'adozione del nuovo metodo di tariffazione puntuale.

Con approfondimenti su:
> La tariffazione puntuale nella Regione Lazio: delibere e linee guida
> ARERA: il metodo di applicazione e disposizioni
> COVID-19: gli effetti sulla TARI

Capitolo 1 – Quadro di riferimento
1.1 La gestione ed il trattamento dei rifiuti in Italia e in Europa
1.2 Il ruolo di ARERA
1.2.1 Il DCO n. 351/2019, aspetti fondamentali
1.2.2 Il DCO n. 352/2019, aspetti fondamentali
1.3 Il principio Pay As You Throw come obiettivo comunitario
1.4 La tariffa puntuale nella normativa italiana
Capitolo 2 – I criteri per la realizzazione di un sistema di misurazione puntuale della quantità di rifiuti
2.1 Il quadro di riferimento
2.2 L’assegnazione di un codice univoco (art. 3 D.M. 20 aprile 2017)
2.3 La misurazione della quantità del rifiuto e requisiti minimi (artt. 4-5-6 D.M. 20 aprile 2017)
2.4 I conferimenti per le utenze aggregate (artt. 7-8 D.M. 20 aprile 2017)
2.5 I criteri correttivi (art. 9 D.M. 20 aprile 2017)
2.6 Incentivi per gli utenti
Capitolo 3 – Analogie e differenze TARI-TARIP
3.1 Tributo o corrispettivo?
3.2 Presupposto e copertura dei costi, un obiettivo comune
3.3 Tariffa presuntiva e tariffa puntuale: una nuova definizione della parte variabile
3.4 La situazione in Italia oggi
Capitolo 4 – Effetti della tariffa puntuale
4.1 I punti di forza della TARIP: incentivazione economica e impatto sull’ambiente
4.2 Miglioramento gestionale del servizio di igiene urbana
4.3 Le criticità della TARIP: attività di controllo ed investimenti sul territorio
4.4 Il primato del Comune di Capannori
4.5 Parma e Trento, due modelli da seguire
4.6 Le criticità della TARIP da superare
Approfondimenti
1. La tariffazione puntuale nella Regione Lazio: delibere e linee guida
2. ARERA: il metodo di applicazione e disposizioni
3. COVID-19: gli effetti sulla TARI

Scrivi la tua recensione
Stai recensendo:TARIP: il nuovo sistema della tariffa rifiuti