La Scuola di Architettura Civile a Bovisa e il disegno della città

 
Prezzo speciale 11,40 €
SCONTO 5%
5%
Anzichè 12,00 €
Disponibile

Autori Enrico Bordogna

Autori Enrico Bordogna
Pagine 92
Data pubblicazione Aprile 2019
ISBN 8891632401
ean 9788891632401
Tipo Cartaceo
Collana Politecnica
Editore Maggioli Editore
Dimensione 12x18
  • Spedizione in 48h
  • Paga alla consegna senza costi aggiuntivi

Autori Enrico Bordogna

Autori Enrico Bordogna
Pagine 92
Data pubblicazione Aprile 2019
ISBN 8891632401
ean 9788891632401
Tipo Cartaceo
Collana Politecnica
Editore Maggioli Editore
Dimensione 12x18

Il volume ripercorre le vicende della fondazione e della chiusura, tra 1997 e 2015, della Scuola di Architettura Civile del Politecnico di Milano a Bovisa, e dello scioglimento del Dipartimento di Progettazione dell’Architettura che ne era stato il principale promotore. L’insediamento del Politecnico a Bovisa è stata una esemplare operazione urbanistica e di politica universitaria, frutto di una battaglia civile e culturale di valore anche propriamente disciplinare rispetto ai problemi di governo della città contemporanea e di recupero delle periferie. Le storie qui narrate sono ormai agli atti, ma le riflessioni e i giudizi che se ne possono trarre sono ancora attuali.

Enrico Bordogna (Como 1949), dal 1995 è ordinario di Composizione architettonica presso il Politecnico di Milano. Sotto la direzione di Guido Canella è stato redattore di «Hinterland» (1977-1982) e caporedattore della nuova serie di «Zodiac» (1989-2000). Tra le pubblicazioni recenti ha curato, con altri, il volume di Guido Canella, Architetti italiani nel Novecento, Christian Marinotti, Milano 2010, e Guido Canella 1931-2009, Franco Angeli, Milano 2014. Nel 2017, per i tipi della Clean di Napoli, ha pubblicato il volume La Torre Velasca dei BBPR a Milano, simbolo e monumento dell’architettura italiana del dopoguerra. Dal 2007 è accademico architetto dell’Accademia Nazionale di San Luca.

Scrivi la tua recensione
Stai recensendo:La Scuola di Architettura Civile a Bovisa e il disegno della città