Facebook Pixel

Lucio Stellario d'Angiolini. Un'altra prassi urbanistica

 
Prezzo speciale 20,00 €
SCONTO 20%
20%
Anzichè 25,00 €
Disponibile

Autori Federico Acuto

Autori Federico Acuto
Pagine 327
Data ristampa
Data pubblicazione Ottobre 2012
ISBN 8838762015
ean 9788838762017
Tipo Cartaceo
Collana Politecnica
Editore Maggioli Editore
Dimensione 17x24
  • Spedizione in 48h
  • Paga alla consegna senza costi aggiuntivi

Autori Federico Acuto

Autori Federico Acuto
Pagine 327
Data ristampa
Data pubblicazione Ottobre 2012
ISBN 8838762015
ean 9788838762017
Tipo Cartaceo
Collana Politecnica
Editore Maggioli Editore
Dimensione 17x24

Federico Acuto
Dal 2006 è ricercatore in urbanistica del Politecnico di Milano. Si occupa di progettazione urbana e di pianificazione urbanistica e del traffico. È consulente di diverse Amministrazioni Comunali in Lombardia. Ha progettato e realizzato diversi spazi pubblici e ha partecipato a numerosi concorsi. Tra gli scritti recenti: Sport città e tempo libero. Un'ipotesi di lavoro, a cura di F. Acuto e F. Bonfante, Santarcangelo di Romagna 2011. Casi Marginali. Un ponte e una pista ciclabile, Santarcangelo di Romagna 2009. Il capolago di Pisogne, Milano 2009. Verso quale territorio lombardo" Norma e progetto urbanistico nella LR 12/2005, a cura di F. Acuto, Milano 2008.


Lucio Stellario d'Angiolini
(Roma 1918 - Albano Laziale 1995), urbanista, è figura atipica e largamente trascurata dalla storiografa ufficiale. Intellettuale militante, negli anni della ricostruzione e del traumatico inurbamento della società italiana, pratica un approccio radicalmente innovativo ai problemi della pianificazione, operando come "urbanista condotto" nei Comuni dell'hinterland milanese.
L'urbanistica - secondo d'Angiolini - deve trovare i suoi argomenti nella "prassi", nel farsi carico delle problematiche della società attraverso una condivisa "politica degli interventi". Si tratta di un punto di vista - un'altra urbanistica, appunto - in aperta polemica con l'ancora perdurante visione del piano come momento a priori, separato dalla sua attuazione. La riflessione epistemologica finalizzata a coniugare prassi e visione macrourbanistica - entro "il galileiano metodo del ricercare sperimentante" - costituisce il momento fondamentale del suo strenuo impegno per affermare l'idea di città policentrica lombarda e del suo appassionato insegnamento nella Facoltà di Architettura di Milano. Qui, egli si fa promotore di un approccio infradisciplinare, teso a dimostrare l'inderogabilità di un "doppio scambio" tra urbanistica e architettura, stabilendo fin dagli anni '60 un fecondo e duraturo dialogo con Guido Canella.

Scritti 1956 - 1995

Scrivi la tua recensione
Stai recensendo:Lucio Stellario d'Angiolini. Un'altra prassi urbanistica