Facebook Pixel

Uso del suolo e riduzione del rischio naturale in ambito urbano

 
Prezzo speciale 19,00 €
SCONTO 5%
5%
Anzichè 20,00 €
Disponibile

Autori Veronica Gazzola

Autori Veronica Gazzola
Pagine 180
Data ristampa
Data pubblicazione Luglio 2019
ISBN 8891632418
ean 9788891632418
Tipo Cartaceo
Collana Politecnica
Editore Maggioli Editore
Dimensione 16 x 22
  • Spedizione in 48h
  • Paga alla consegna senza costi aggiuntivi

Autori Veronica Gazzola

Autori Veronica Gazzola
Pagine 180
Data ristampa
Data pubblicazione Luglio 2019
ISBN 8891632418
ean 9788891632418
Tipo Cartaceo
Collana Politecnica
Editore Maggioli Editore
Dimensione 16 x 22

Il presente volume è l’esito del percorso di ricerca sviluppato durante la Scuola di Dottorato in Ingegneria Civile e Architettura - presso l’Università degli Studi di Pavia - sul tema della prevenzione del territorio urbano dai possibili danni dovuti da eventi calamitosi di origine naturale.
La crescente consapevolezza che eventi naturali disastrosi non sono né inevitabili né incontrollabili ma che è l’interazione con il contesto sociale, politico ed economico in cui si verificano a rendere calamitoso un fenomeno naturale quale un terremoto, un’inondazione o una tempesta, rende fondamentale la definizione di opportune politiche, strategie e azioni di gestione, finalizzate a ridurre potenziali condizioni di rischio e a incrementare il livello generale di sicurezza dell’habitat umano. In tal senso, la pianificazione urbanistica viene attualmente riconosciuta, nell’ambito di politiche di riduzione del rischio naturale (Disaster Risk Reduction, DRR), come efficace soluzione preventiva a lungo termine. A fronte della crescente esposizione a rischio della popolazione urbana (Esposizione urbana), è possibile pensare a una strategia pianificatoria di Ridefinizione Funzionale preventiva che, in accordo con i principi che caratterizzano la città flessibile, propone di ridurre l’Esposizione urbana mediante cambi di destinazione d’uso tra funzioni urbane che si caratterizzano per un differente valore di esposizione. L’attuazione di tale strategia richiede l’esistenza di un livello di conoscenza delle condizioni di rischio e di tutte le sue componenti, in particolare della localizzazione e distribuzione della popolazione in un contesto territoriale caratterizzato da determinati livelli di pericolosità. Un numero crescente di dataset spaziali, ottenuti mediante utilizzo integrato di sorgenti di dati di popolazione (indagini statistiche, immagini satellitari, Big Data e iniziative di Crowdsourcing), possono fornire svariate informazioni utilizzabili per valutare il livello di esposizione e rischio di un dato contesto urbano. Diventa allora fondamentale comprendere se e come gli attuali strumenti presenti in letteratura possano essere efficacemente utilizzati per valutare opportune scelte localizzative e di uso del suolo capaci di ridurre il livello di rischio urbano, limitando potenziali perdite in conseguenza di eventi naturali estremi.

Veronica Gazzola (Pavia, 1989) Ingegnere e dottore di ricerca in Ingegneria Civile e Architettura presso l’Università degli Studi di Pavia. Ha partecipato a diversi progetti di ricerca scientifica e attualmente è assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Architettura e Studi Urbani del Politecnico di Milano nell’ambito del programma denominato “Elementi conoscitivi e applicativi per un piano di emergenza dighe. Analisi e valutazione della vulnerabilità e dell’esposizione del territorio al rischio dighe”. Dal 2014 svolge attività didattica in alcuni corsi accademici della Facoltà di Ingegneria Edile-Architettura dell’Università di Pavia e del Politecnico di Milano. Le principali ricerche riguardano temi ambientali e loro integrazione nella pianificazione territoriale e urbanistica, studi e analisi del territorio urbano con software GIS, metodi e tecniche di valutazione ambientale, strategie di intervento e valorizzazione del patrimonio culturale nel suo contesto. Attraverso le sue ricerche ha partecipato a seminari e convegni di interesse accademico e scientifico; i suoi contributi sono pubblicati in diverse riviste di settore.
A fronte dei crescenti livelli di esposizione della popolazione urbana a fenomeni naturali estremi, è possibile pensare - come efficace strategia di pianificazione preventiva - alla Ridefinizione Funzionale Urbana che propone di ridurre l’esposizione urbana mediante cambi di destinazione d’uso tra funzioni urbane che si caratterizzano per un differente valore di esposizione. Diventa allora fondamentale com- prendere se e come gli attuali strumenti presenti in letteratura possano essere efficacemente utilizzati per valutare opportune scelte localizzative e di uso del suolo capaci di ridurre il livello di rischio urbano, limitando potenziali perdite in conseguenza di eventi naturali pericolosi.

Conoscenza, metodo e strumenti per la ridefinizione funzionale preventiva

Scrivi la tua recensione
Stai recensendo:Uso del suolo e riduzione del rischio naturale in ambito urbano