SERVIZIO CLIENTI 0541.628200  Lunedì - Venerdì / 8.30-17.30

IN EVIDENZA: Concorso 2329 Funzionari Giudiziari  |  Concorso 1052 Mibac  Concorso 1514 Ministero del Lavoro, INL e INAIL

Sconto 15%
Architettura come processo

Architettura come processo

Variabile temporale e progetto dei Grandi Eventi

Autori Andrea Migliarese
Editore Maggioli Editore
Formato Cartaceo
Dimensione 16x22
Pagine 240
Pubblicazione Marzo 2019 (I Edizione)
ISBN / EAN 8891632357 / 9788891632357
Collana Politecnica

Progetti, strategie e ricerche per la città contemporanea

Chiara Toscani Le forme del vuoto. Spazi di transizione dall’architettura al paesaggio 2011

Vitaliano Tosoni Costruire l’urbanità. Il disegno dello spazio urbano 2015 a cura di Pierfranco Galliani Architetture del XX secolo. Temi di identità e recupero 2015

Andrea Oldani Paesaggi instabili. Architettura tra terra e acqua 2016

Cassandra Cozza Paradigmi e progetto. Le trasformazioni della città contemporanea 2017

Prezzo Online:

20,00 €

17,00 €

Ordina ora per avere:
Ricezione entro 48h
Spedizione in 24h
Paga alla consegna senza costi aggiuntivi
Paga alla consegna senza costi aggiuntivi

Le ripetute criticità nella gestione delle eredità dei Grandi Eventi spingono la disciplina del progetto ad interrogarsi sulle ragioni degli insuccessi che spesso segnano questi interventi. A partire dalla considerazione dei Grandi Eventi come contesti intrinsecamente instabili, il testo approfondisce il rapporto tra architettura e tempo interrogandosi sul significato che il progetto può assumere all’interno di contesti ad instabilità programmata. Gli insuccessi dei progetti di numerosi Grandi Eventi rappresentano i limiti di una cultura progettuale incapace di confrontarsi con quei territori in movimento dove alla visione del progetto come prodotto occorre sostituire un’interpretazione del progetto come processo. L’instabilità dei contesti, infatti, richiede al progetto architettonico e urbano di essere pensato in quattro dimensioni, interpretando il progetto non come entità conclusa e immodificabile, ma come palinsesto – al tempo stesso limitante e propulsivo – per le trasformazioni future. Perché l’architettura è un processo, che necessita di essere pensato nello spazio e nel tempo. Il volume è il risultato sintetico dell’attività di ricerca svolta nel triennio 2013-16 all’interno del Dottorato in Progettazione Architettonica e Urbana del Politecnico di Milano.

Andrea Migliarese (Busto Arsizio,1988) Laureato in Architettura, ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Progettazione Architettonica e Urbana nel 2016 presso il Politecnico di Milano dove svolge attività di collaborazione didattica presso la scuola AUIC. Architetto libero professionista, si dedica allo sviluppo di grandi progetti complessi.


Scrivi la tua recensione

Solo gli utenti registrati possono scrivere recensioni. Accedi oppure Registrati

Libri consigliati

Back to top