SERVIZIO CLIENTI 0541.628200  Lunedì - Venerdì / 8.30-17.30

Informiamo i clienti che l’ecommerce Maggioli Editore è operativo,
gli ordini di volumi disponibili in magazzino vengono evasi in 48 ore lavorative



Emergenza Covid-19: si comunica che le spedizioni verso le province di Bergamo, Brescia, Cremona e i comuni di 40059 Medicina (BO), 64030 Montefino (TE), 64031 Arsita (TE), 64033 Bisenti (TE), 64034 Castiglione Messer Raimondo (TE), 64035 Castilenti (TE), 65010 Elice (PE), 83031 Ariano Irpino (AV), 84030 Caggiano (SA), 84030 Atena Lucana (SA), 84031 Auletta (SA), 84035 Polla (SA), 84036 Sala Consilina (SA), 85047 Moliterno (PZ), 86016 Riccia (CB), 87038 San Lucido (CS), 87054 Rogliano (CS), 87056 Santo Stefano di Rogliano (CS), 89064 Montebello Jonico (RC), 04022 Fondi (LT), 02043 Contigliano (RI), sono temporaneamente sospese. 

Sconto 5%
Il progetto come connessione

Il progetto come connessione

Autori Christian Gasparini
Editore Maggioli Editore
Formato Cartaceo
Dimensione 16x22
Pagine 90
Pubblicazione Ottobre 2018 (I Edizione)
ISBN / EAN 8891630520 / 9788891630520
Collana Politecnica
Architettura Città Paesaggio

Prezzo Online:

12,00 €

11,40 €

Ordina ora per avere:
Ricezione entro 48h
Spedizione in 48h
Paga alla consegna senza costi aggiuntivi
Paga alla consegna senza costi aggiuntivi
Spedizione Gratuita

È possibile ricercare modalità di approccio al progetto interrelate e valide ad ogni scala? Potremmo provare a pensare agli spazi urbani e naturali come a un territorio strutturato in rete che ospita visitatori e cittadini? Nel quale l’architettura contemporanea costruisca realmente spazi relazionali e dinamici? Attraverso il concetto di  connessione come modalità di pensiero e progetto, emerge la possibilità di costruire una strategia globale che renda lo spazio convertibile a diverse scale, a diverse dimensioni e in modo interconnesso. Ne consegue che l’architettura, la città e il paesaggio non sono più parti separate di differenti progetti, ma sono concepite come un unico materiale da progettare attraverso l’azione primaria e fisica costituita dal movimento, quest’ultimo inteso come strumento di conoscenza pratica, orientamento dinamico e identificazione fisica e percettiva.

Christian Gasparini (1969), architetto e professore presso il Politecnico di Milano, esperto in progettazione bioclimatica all’Università degli Studi di Bologna, nel 2000 lavora in Cile in seguito alla Nomina di Valparaiso a patrimonio dell’Umanità Unesco. Nel 2001 fonda lo studio di architettura NAT OFFICE, che si rivolge al campo della progettazione urbana e architettonica, intrecciandola ad una attività di ricerca nel campo delle strutture modulari e di allestimento e delle relazioni fra architettura, città e paesaggio. Ricerca, teoria e pratica si sostanziano nell’idea che l’Architettura sia un medium fra Natura e Tecnologia, capace di costruire un senso della presenza dell’uomo nella natura. Nel 2018 fonda Terzo Luogo, una collana di Architettura e Paesaggio, che cerca di indagare i nuovi luoghi e spazi di mediazione, aggregazione ed elaborazione culturale dell’era digitale.


Scrivi la tua recensione

Solo gli utenti registrati possono scrivere recensioni. Accedi oppure Registrati

Libri consigliati

Back to top