SERVIZIO CLIENTI 0541.628242 Lunedì - Venerdì / 8.30-17.30

Sconto 15%
Osservare l’abitare informale

Osservare l’abitare informale

Autori Magni Camillo
Editore Maggioli Editore
Formato Cartaceo
Dimensione 21x21
Pagine 158
Pubblicazione Marzo 2016 (837 Edizione)
ISBN / EAN 8891615077 / 9788891615077

con prefazione di Alberto Ferlenga

Prezzo Online:

15,00 €

12,75 €

Ci vorrebbe forse un nuovo Bernard Rudofsky per dar conto della ricchezza di forme che na- sce dalla nuova geografia delle  migrazioni, della precarietà stabilizzata, dell’emergenza senza fine. L’odierno vernacolo ritorna al livello zero della risposta ai bisogni primari e sviluppa il suo nuovo racconto in aree del mondo sem- pre più estese: negli sterminati bordi delle città, nei territori dilatati delle migrazioni e delle so- ste senza speranza, negli interstizi di metropoli dense. Eppure questo mondo, che un tempo     si riteneva vergognoso e temporaneo, rap- presenta non più la vergogna ma, più sempli- cemente, la realtà della città contemporanea. Guardare con equilibrio a tutto ciò non è faci- le, e trovare i modi per farlo, scoprire costan-   ti, trarne strumenti è un esercizio che solo oggi inizia a dare qualche frutto tanto più rilevante quanto più nato, come questo libro, dall’incon- tro di ricerca ed esperienza progettuale sul cam- po. Forse non è un caso che i primi contributi  di questa nuova pratica analitica proveniente dal campo dell’architettura nascano proprio nel nostro paese. Che una tradizione che sembra- va essersi persa, si riproponga, proprio qui, in una nuova versione, sia per quanto riguarda l’oggetto e sia per quel che riguarda la volontà di comprenderne la genesi e l’insegnamento. Il punto di osservazione è importante, in questo campo, e osservare da una cultura italiana che della lettura scientifica e “operante” di    territori e città ha fatto, a suo tempo, un suo punto di forza, può attribuire una forza particolare allo sguardo. Purché si sappia portarlo in profondità, oltre la linea del folklore e dei luoghi comuni.
Alberto Ferlenga

 

Camillo Magni (1973) studia Architettura a Mi- lano e Madrid. Insieme a Lucia Paci fonda nel 2007 Operastudio con il quale ottiene ricono- scimenti nazionali ed internazionali in numerosi concorsi d’architetura. Esposto alla Triennale di Lisbona, Milano e alla Biennale di Venezia, tie- ne molteplici lectures in distinte università euro- pee. Lo studio collabora tra gli altri con Kengo Kuma & Associates e con El Eqipo de Mazzanti. Oltre all’attività professionale svolge didattica e ricerca insegnando progettazione architettonica al Politecnico di Milano e occasionalmente in distinte università del Sudamerica. Dottore di Ri- cerca dal 2005 partecipa al programma interna- zionale iberoamericano CYTED. Autore di saggi e monografie, la sua ricerca si focalizza verso la residenza contemporanea e il tema dell’habitat urbano nelle aree marginali del Global South. Dal 2007 è presidente dell’associazione Archi- tetti Senza Frontiere Italia con la quale opera nell’ambito della cooperazione  internazionale in distinti contesti geografici e sociali. Nel 2015 viene insignito con la menzione d’onore alla Medaglia d’oro dell’Architettura italiana per il progetto di una scuola secondaria in Cambogia.


Scrivi la tua recensione

Solo gli utenti registrati possono scrivere recensioni. Accedi oppure Registrati

Prodotti consigliati

Back to top