Città centrifughe

Presentazione del Cardinale Gualtiero Bassetti
Prezzo speciale 61,75 €
SCONTO 5%
5%
Anzichè 65,00 €
Disponibile

Autori A cura di Fabio Bianconi, Marco Filippucci, Simona Ceccaroni

Pagine 442
Data pubblicazione Giugno 2022
Data ristampa
ISBN 8891655752
ean 9788891655752
Tipo Cartaceo
Sottotitolo Presentazione del Cardinale Gualtiero Bassetti
Collana Politecnica
Editore Maggioli Editore
Dimensione 23x23
  • Paga alla consegna senza costi aggiuntivi
  • Spedizione gratuita

Autori A cura di Fabio Bianconi, Marco Filippucci, Simona Ceccaroni

Pagine 442
Data pubblicazione Giugno 2022
Data ristampa
ISBN 8891655752
ean 9788891655752
Tipo Cartaceo
Sottotitolo Presentazione del Cardinale Gualtiero Bassetti
Collana Politecnica
Editore Maggioli Editore
Dimensione 23x23
"L’individualismo e l’utilitarismo, che caratterizzano così profondamente la mentalità collettiva del mondo contemporaneo, possono trovare un argine in una comunità di uomini e di donne che riscopre il valore della relazione interpersonale. …Da questo angolo prospettico, le città del mondo contemporaneo – come fonte di relazioni, di identità collettiva e di costruzione sociale dell’òikos – svolgono un ruolo decisivo. E questo tema, a me sembra, una delle possibili chiavi di letture di questo libro e una delle sfide più importanti per le città centrifughe del futuro."
S.Em. Card. Gualtiero Bassetti

Il volume raccoglie ricerche, studi e analisi che riguardano il fenomeno delle “città centrifughe”, poste in contrapposizione alla realtà urbana centripeta, frutto delle logiche espansive di urbanizzazione che impongono un predominio dell’antropizzazione sulla campagna e sulla natura.

È possibile interpretare la continua crescita del fenomeno urbano come un insieme di forze, frutto dell’interazione di un soggetto, l’uomo, sull’ambiente: tali vettori possono essere associati in senso topologico alla relazione fra la città e l’esterno, individuando così azioni centripete e centrifughe, in relazione a interazioni endogene ed esogene.

Il percorso nasce dalle riflessioni sul valore dello spazio urbano a seguito della pandemia, che ha fatto emergere il valore e il bisogno di naturalità e di socialità.

La città centripeta, espressione del funzionalismo e dell’efficientismo che hanno indirizzato l’espansione antropica e gli attuali modelli di consumo di suolo, è posta in crisi dall’esigenza di ridare centralità alla persona, che si è riscoperta fragile, con un profondo desiderio di abitare i luoghi.

La collana Realtà/Rappresentazione/Innovazione intende raccogliere le ricerche e le esperienze maturate ponendo al centro il modello e la rappresentazione con l’intento di condividere percorsi di analisi e innovazione che aprano nuove prospettive per lo studio del territorio, dell’ambiente e del paesaggio. In tale senso, la collana intende contribuire all’interpretazione di fenomeni come la crescita incessante delle città, il rapporto fra città e campagna, il disegno del limite, le relazioni fra permanenze e cambiamenti, lo studio delle mutazioni e dell’evoluzione dei luoghi che in epoca contemporanea si sono arricchiti di una tale complessità tanto da rendere spesso inutili i modelli interpretativi definiti in epoca moderna. L’ideogramma della collana è un disegno in prospettiva nel quale le diagonali permettono di misurare lo spazio figurato attraverso una semplice riduzione delle grandezze apparenti. Infatti la linea diagonale nel tagliare trasversalmente il disegno introduce un importante indizio percettivo indispensabile per apprezzare la profondità e introdurre nella rappresentazione la giusta misura. Tale ideogramma dalla rappresentazione può essere trasposto nell’interpretazione della realtà, dove molto spesso una cultura trasversale aiuta a guardare da punti di vista inconsueti per trovare la giusta misura, generare nuovi ambiti di ricerca, aprire fonti instabili per trovare soluzioni inattese.

Scrivi la tua recensione
Stai recensendo:Città centrifughe