SERVIZIO CLIENTI 0541.628242 Lunedì - Venerdì / 8.30-17.30

Sconto 15%
Gratta e perdi

Gratta e perdi

Autori Mauro Croce - Fabrizio Arrigoni
Editore Maggioli Editore
Formato Cartaceo
Dimensione 17x24
Pagine 128
Pubblicazione Marzo 2017 (I Edizione)
ISBN / EAN 8891621566 / 9788891621566
Collana Sociale & Sanità

Anziani, fragilità e gioco d’azzardo  

Con contributi di Maurizio Avanzi, Marina D’Agati, Marco Fumagalli

Prefazione di Leopoldo Grosso

Prezzo Online:

16,00 €

13,60 €

La fotografia classica della solitudine dell’anziano lo mostra a guardare tristemente la strada dalla finestra di casa; oppure seduto su una panchina ai giardini. La foto più gentile lo vede a spasso col cane. Ora si aggiunge un nuovo scatto: su uno sgabello, ipnotizzato da una slot-machine, nella semioscurità in fondo a un bar. 

Pensionamento, vedovanza, mancanza o lontananza dei figli provocano spesso l’isolamento, da cui origina un sentimento di solitudine, che a sua volta funge da incubatore a uno stato di depressione. Se il lungo tempo libero non viene in qualche modo impegnato e valorizzato, rischia di essere solo un “tem- po vuoto”. Riuscire a passare il tempo, a trascorrere bene la giornata, può voler dire cercare soddisfazioni momentanee, rifornirsi di piccoli piaceri, producendo sensazioni che almeno per qualche istante consentano di aprire un varco nel muro della noia.

L’illusione e l’emozione di una improbabile vincita al gioco costituiscono uno di questi momenti. Il gioco d’azzardo, infatti, “cattura l’attimo”, con un’eccitazione che inizia con l’idea di sfidare la sorte, prosegue nella trepidazione dell’atte- sa del risultato, e si conclude con la delusione della perdita a cui si reagisce covando mentalmente la rivincita.

L’“industria” del gioco d’azzardo si regge interamente su questa particolare domanda di consumo: un consumo di illusioni, emozioni, eccitazioni e tensione. Gli over 65 hanno acquisito un rilievo sempre maggiore, soprattutto sotto il profilo economico. Le loro illusioni da alimentare, il loro bagaglio emotivo da risvegliare e la loro eccitazione da sostenere, co- stituiscono un’area di mercato (e di prelievo) appetibile e non trascurabile.

Gli autori sono puntuali e precisi nella loro analisi. Hanno il coraggio di una denuncia e allo stesso tempo compiono lo sforzo di delineare prospettive di prevenzione. Ma non solo: hanno arato la problematica, messo in evidenza i molteplici aspetti che intrecciano l’azzardo con la terza e quarta età, sgombrato il campo da numerosi equivoci e cliché fuorvianti.

Soprattutto, hanno riportato l’attenzione su una “congiunzione”, persone anziane e gioco d’azzardo problematico, che rischia di porsi come una questione critica per  il prossimo futuro.

Mauro Croce, psicologo, psicoterapeuta e criminologo, lavora alla ASL VCO. Insegna alla SUPSI (Scuola Universitaria della Svizzera Italiana) ed è professore a contratto di “Psicologia delle Dipendenze” presso l’Università della Val d’Aosta.
Fabrizio Arrigoni è psicologo, pedagogista, counselor filosofico, insegna Pedagogia e Antropologia e dei laboratori di Geriatria della Facoltà di Medicina e Chirurgia di Brescia, e Antropologia presso l’Università Pontificia Salesiana di Torino, coordinatore di nucleo presso l’Istituto Vismara de Petri.

1. Il gioco nella nostra società
1.1. Dalla schedina al Gratta e vinci
1.2. Il gioco d’azzardo nella storia
1.3. L’Italia nell’azzardo
1.4. Il cambiamento dello scenario
1.5. Quando il gioco non è più un gioco
1.6. Le trappole del pensiero magico

2. Anziani, fragilità, azzardo
2.1. Lo stato dell’arte della condizione degli anziani oggi
2.2. La presa in carico della Fragilità tra esclusione, inclusione e integrazione
2.3. Chi l’ha visto? L’invisibilità degli anziani
2.4. Il gioco quale fattore di solitudine, di chiusura, di perdita
2.5. La Fragilità che apre al rischio
2.6. Quando la cura diventa il problema: malattia di Parkinson e dipendenza da gioco d’azzardo
Maurizio Avanzi
2.7. Anziani e gioco d’azzardo. Un tema cenerentola in Italia
Marina D’Agati
2.8. Che si dice a livello internazionale?
Marina D’Agati
2.9. Non solo gioco. Anziani, televisione e rischio di teledipendenza?
Marco Fumagalli
2.10.Mia nonna gioca: cosa posso fare?

3. Riscoprire il gioco? Il gioco quale elemento di prevenzione
3.1. La funzione sociale del gioco dal bambino al nonno: perché si gioca
3.2. Il Lavoro di rete nella comunità come prevenzione
3.3. L’invecchiamento attivo ed il successful aging
3.4. Lo slow game quale antidoto al gioco patologico?.
3.5. Una proposta... la peer education per chi ha i capelli grigi


Scrivi la tua recensione

Solo gli utenti registrati possono scrivere recensioni. Accedi oppure Registrati

Prodotti consigliati

Back to top