Facebook Pixel

I Ricorsi al garante della privacy

I diritti, i doveri e le sanzioni
Prezzo speciale 19,20 €
SCONTO 20%
20%
Anzichè 24,00 €
Disponibile

Autori IASELLI MICHELE

Pagine 112
Autori IASELLI MICHELE
Data ristampa
Data pubblicazione Agosto 2019
ISBN 8891630766
ean 9788891630766
Tipo Cartaceo
Sottotitolo I diritti, i doveri e le sanzioni
Collana Privacy
Editore Maggioli Editore
Dimensione 21x29,7
  • Spedizione in 48h
  • Paga alla consegna senza costi aggiuntivi

Autori IASELLI MICHELE

Pagine 112
Autori IASELLI MICHELE
Data ristampa
Data pubblicazione Agosto 2019
ISBN 8891630766
ean 9788891630766
Tipo Cartaceo
Sottotitolo I diritti, i doveri e le sanzioni
Collana Privacy
Editore Maggioli Editore
Dimensione 21x29,7

Il volume affronta la disciplina relativa alla tutela dei diritti del titolare dei dati personali, alla luce del regolamento n.1/2019, emanato dal Garante della privacy, nonché delle esigenze che nel tempo sono maturate e continuano a maturare, specialmente in ragione dell’utilizzo sempre maggiore della rete.
L’opera si completa con una parte di formulario, disponibile online, contenente gli schemi degli atti da redigere per approntare la tutela dei diritti dinanzi all’Autorità competente.
Un approfondimento è dedicato alle sanzioni del Garante, che stanno trovando in queste settimane le prime applicazioni, a seguito dell’entrata in vigore della nuova normativa.

MICHELE IASELLI
Avvocato, funzionario del Ministero della Difesa, docente a contratto di informatica giuridica all’Università di Cassi- no e collaboratore della cattedra di informatica giuridica alla LUISS ed alla Federico II, nonché Presidente dell’Associazione Nazionale per la Difesa della Privacy (ANDIP). Relatore di numerosi convegni, ha pubblicato diverse monografie e contribuito ad opere collettanee in materia di privacy, informatica giuridica e diritto dell’informatica con le principali case editrici.

Aggiornato al Regolamento del Garante n. 1/2019

Con Formulario Online

Scrivi la tua recensione
Stai recensendo:I Ricorsi al garante della privacy